LEONARDI: “CARO BARGIGGIA, NON SIAMO AL MERCATO DELLA FRUTTA E DELLA VERDURA: GHIRARDI NON TELEFONA A NESSUNO PER OFFRIRE PAROLO…” (video seconda parte conferenza)

image(gmajo) – Terminato il mio quarto d’ora di gloria, ho ceduto la linea a Michele Angella, giornalista di Teleducato, nonché conduttore di Calcio & Calcio (a proposito: stasera, alle 21, andrà in onda, come ogni mercoledì, il supplemento di approfondimento “Calcio & Calcio Più”), il programma in cui era intervenuto telefonicamente Pietro Leonardi, il quale si era imagelamentato perché deve sempre chiamare lui, perché Teleducato non lo chiama. Spenti i riflettori c’è stato un tentativo di chiarimento tra le parti, anche se pur sempre davanti ad altri giornalisti. Vedremo se potrà esserci un po’ di sana e costruttiva distensione. Il che, però, non significa che ognuno debba continuare a svolgere con coscienza il proprio mestiere.

Delle risposte alle domande di Michele Angella ho scelto, per la trascrizione, quella relativa al proliferare di voci incontrollate sulla presunta crisi economica del Parma, con annessa necessità di operare sul mercato: l’ultimo esempio riconduce al principe dei mercatologi, Paolo Bargiggia di Mediaset Sport, secondo cui il presidente Ghirardi continua ad offrire Parolo al Milan…

“Tanto per fare chiarezza: Ghirardi non è che offre non Parolo, Ghirardi non parla di mercato con nessuno. Perciò non so le fonti di Bargiggia quali siano… O ha individuato un sosia di Ghirardi… Perché Ghirardi decide da presidente, ma si confronta con me, che faccio questo mestiere, sul fare o non fare una determinata operazione… Ci mancherebbe che Ghirardi chiamasse per offrire dei giocatori, se no qui saremmo veramente al mercato della frutta e della verdura e ci mettiamo a dire quanto valgono le pere e quanto valgono le mele… Io rispetto l’opinione di tutti, ma… Siccome Bargiggia ha un bellissimo rapporto con me, magari se mi chiamava gli evitavo di fare ’sta brutta figura di rispondergli. Io non so quale sia la fonte di Bargiggia, ma poi, ogni volta, che succede? E ribadisco: che il Parma ha bisogno di vendere, bene; però non si capisce, come ho detto in altri contesti, perché saremmo in fallimento e tra poco vengono qua e ci tolgono tutto; mentre gli altri vendono giocatori fondamentali, ma sono in splendida forma. Gli altri vendono dei giocatori, che sono dei punti di forza, ho letto nomi e cognomi un po’ di tutte le società, però sono tutti quanti in splendida forma. Che volete che vi dica? Io dico che noi siamo a posto, come ho detto prima, da un punto di vista aziendale, della continuità aziendale, con l’augurio di arrivare il più in alto possibile perché è fondamentale il risultato per quanto riguarda il prossimo triennio la spartizione dei diritti televisivi, perciò non so che altro dirvi, che altro aggiungere…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “LEONARDI: “CARO BARGIGGIA, NON SIAMO AL MERCATO DELLA FRUTTA E DELLA VERDURA: GHIRARDI NON TELEFONA A NESSUNO PER OFFRIRE PAROLO…” (video seconda parte conferenza)

  • 22 Gennaio 2014 in 19:01
    Permalink

    Majo ha letto le dichiarazioni del buon sansone? “ho chiesto io di essere ceduto perche’ giocavo poco”….be’ questo spiega molte cose. mi piacerebbe se facesse un bell articolo.

    • 22 Gennaio 2014 in 19:26
      Permalink

      Come ha visto, Gio, ci stavo già lavorando attorno.

      Detto tra noi: Sansone, con quelle dichiarazioni, mi ha deluso parecchio.

      Cordialmente

      Gmajo

I commenti sono chiusi.