venerdì, Giugno 21, 2024
In EvidenzaNews

PALETTA HA ANCORA IL SUO APPEALE SUL MERCATO, E SE PAROLO ANDRA’ VIA NON SARA’ SOSTITUITO DA MARIGA

(Federico Ranauro) – Nonostante gli otto risultati utili consecutivi tra Campionato e Coppa Italia e l’imminente sfida con la Lazio del ritrovato Reja proprio in Tim Cup, a tenere banco in casa Parma è il mercato, un mercato che per tutti è di riparazione, ma non per i crociati. Bisogna far quadrare i conti, quello sì, ma in virtù del buon momento della squadra e del 7° posto l’ambiente sta ricominciando a coltivare sogni europei e immaginiamo che Ghirardi non voglia spegnere queste ambizioni, che lui ha per primo, ma è chiaro che la stabilità della società viene prima di tutto e per avere una gestione virtuosa bisogna puntare sul mercato dove mettere in vendita i pezzi migliori, dopo che si è stati bravi a valorizzarli. Ed ecco che Marco Parolo e Gabriel Paletta, in orbita Nazionale, possono essere esposti sul bancone, ma non certo a prezzo di saldo. Tanti sarebbero i club ad avere interesse per i due top player: Roma, Napoli, Inter e Milan. Sul centrocampista ex Cesena autore di 6 reti e con il miglior rendimento di tutta la serie A al momento ci sono Napoli e nuovamente l’Inter di Mazzarri. Per gli azzurri Parolo non è la prima scelta anche se interessa e al momento c’è stato solo uno scambio di pareri e una bozza di richiesta economica: almeno 10 milioni. Il Napoli ha deciso di prender tempo, sa che il giocatore è sul mercato così come Paletta che al momento sta giocando poco per via dell’infortunio, ma è pur sempre una nota dolente per tutti gli attaccanti e potrebbe far comodo a molte difese come quelle di Benitez e Mazzarri che non posso vantarsi di sicurezza e stabilità. Il Milan c’è, ma con l’arrivo di Seedorf il mercato va riprogrammato. E poi c’è l’Inter che, dopo una prima esclusione nella corsa a Parolo, sembra stia tornando sui suoi passi viste anche le difficoltà per arrivare ad altri giocatori. Paletta ai nerazzurri è sempre piaciuto e magari potrebbe essere lui a sostituire Ranocchia in casa di addio all’Inter. Con il buon rendimento di Mendes, il difensore italo-argentino può partire e far respirare le casse crociate. Intanto, sempre sull’asse Parma-Inter, nel mercato di gennaio non ci sarà il ritorno di Mariga in maglia crociata. Il giocatore è stato avvistato in città nei giorni scorsi con tutta la famiglia ma il suo procuratore, Federico Pastorello, rimanda tutto a giugno: “Mac non è ancora pronto e quindi finirà la stagione all’Inter. Poi vedremo le possibili opzioni, tra cui il Parma”. Non sarà lui, quindi, che andrà a sostituire Parolo in caso di cessione anche se con Acquah in gran forma e il recupero di Galloppa, il Parma non sembra preoccupato di lasciare un buco a centrocampo. Federico Ranauro

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".