UN UOMO IN DUE MAGLIE / ANDREA GASBARRONI TRA PARMA E TORINO

(Luca Savarese) – Le cavalcate in zona gol alla Gigi Meroni, le giocate fulminee sotto porta alla Gigi Lentini, lui però di nome non fa Gigi, ma Andrea e di cognome Gasbarroni. Nasce a Torino,il 6 agosto del 1981, e Madama gli mette subito gli occhi addosso facendogli fare, con il bianconero, tutto il settore giovanile, ma quando si parla di dargli qualche chances di massima serie, nemmeno l’ombra. E’ un tipetto che vede molto bene come mandare in gol i compagni e qualche volta vede anche come mandare in rete se stesso. A Genova con Novellino si esalta, ed esalta i doriani. Poi, va a Palermo ed è fra gli autori della magic promozione con l’auriga scelto Francesco Guidolin. Ritorna così a vestire il blucerchiato, anticamera prima del suo arrivo a Parma nell’operazione che portava in rosanero Fabio Simplicio: imagedue anni, tante belle giocate, alcuni virtuosismi, varie giornate di evanescenza, ma l’uomo provava sempre a scartarlo. Protagonista nella marcia trionfale del 2007 con mister Ranieri conclusa con un Parma-Empoli dove andò anche a segno con un sinistro a giro per il tre a uno finale; e coinvolto anch’egli nell’ecatombe, culminata con la Catabasi in cadetteria, nella stagione seguente: 2007-2008. Un suo gol su punizione al Meazza contro l’Inter, fu purtroppo vanificato da una vittoria poco limpida dei nerazzurri per l’ormai famigerato presunto fallo di mano di Couto. Non seguì la squadra anche in B ma cambiò aria, scegliendo ancora Genova, ma con altri colori, il rosso ed il blu del Grifone. Una parentesi incolore prima di tornare nella sua Torino, ma anche questa volta con altri colori, non quelli della sua casa madre juventina, ma con il granata del Toro. Con i granata saranno squilli e strilli, sempre lì, tra color che son sospesi, a metà tra un’inattesa esplosione ed una prevedibile implosione. Ma forse il bello sta proprio qui, in questo suo non finito di tecnica e di tattica, indolente per natura, dolente però per molte difese, una pennellata decisa, ma non chiedetegli di diventare una tela vera e propria. La seconda giovinezza Gasba la vive a 32 anni, l’1 di settembre del 2012, quando il Monza (con l’intercessione di Antonino Asta, già tecnico della primavera del Torino, e successivamente tecnico dei brianzoli) lo regala ai suoi tifosi per festeggiare il Centenario in grande stile. Una sorta di mossa-regalo come poi farà un anno più tardi il Parma regalandosi le prestazioni e anche gli umori di Cassano… Nella cittadina lombarda Gasbarroni si riscatta e torna a fare una cosa che aveva per vari motivi: infortuni, poca continuità, incomprensioni tattiche, smesso di vivere: divertirsi con il pallone, trascinare la sua squadra con le sue giocate. In un intervista fattagli da Matteo Delbue apparsa su milanolombardia. gazzetta.it nel marzo del 2013, dove si sottolinea come al Brianteo sia diventato Gasba-Dona, il giocatore fa capire benissimo questo suo nuovo spirito,che non disdegna anche di segnare spesso: “Ogni rete che realizzo è il segno che mi sto divertendo e che ho ancora una gran voglia di giocare". A volte per salire di rendimento e per ritrovare il benessere, bisogna scendere. Dal diario di Andrea Gasbarroni, uno che in campo ha sempre provato a salire, a saltare l’uomo, ad incedere palla al piede. Parma-Torino è un po’ anche i suoi numeri sorniorni. Certo non Gigi Meroni e nemmeno Gigi Lentini, semplicemente, Andrea Gasbarroni. Luca Savarese

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “UN UOMO IN DUE MAGLIE”, STAGIONE 2013-14

1. ALBERTO PALOSCHI TRA PARMA E CHIEVO (24.08.2013)

2. NESTOR SENSINI TRA UDINESE E PARMA (31.08.2013)

3. DIEGO FUSER E ABEL BALBO TRA PARMA E ROMA (15.09.2013)

4. JOHAN WALEM TRA CATANIA E PARMA (21.09.2013)

5. DAMIANO ZENONI TRA PARMA E ATALANTA (25.09.2013)

6. SEBASTIEN FREY TRA FIORENTINA E PARMA (29.09.2013)

7. TANTE STELLE IN DUE MAGLIE, GIALLOBLU’ E CROCIATA (12.10.2013)

8. ADRIAN MUTU TRA VERONA E PARMA (18.10.2013)

9. ROBERTO MUSSI TRA PARMA E MILAN (25.10.2013)

10. GIANLUCA SIGNORINI TRA GENOA E PARMA (30.10.2013)

11. LILIAN THURAM TRA PARMA E JUVENTUS (02.11.2013)

12. JUAN SEBASTIAN VERON TRA PARMA E LAZIO (08.11.2013)

13. FABIO CANNAVARO TRA NAPOLI E PARMA (23.11.2013)

14. ADAILTON TRA PARMA E BOLOGNA (29.11.2013)

15. NICOLA BERTI TRA INTER E PARMA (07.12.2013)

16. PATRICK MBOMA TRA PARMA E CAGLIARI (14.12.2013)

17. ENRICO CHIESA TRA SAMPDORIA E PARMA (20.12.2013)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

13 pensieri riguardo “UN UOMO IN DUE MAGLIE / ANDREA GASBARRONI TRA PARMA E TORINO

  • 4 Gennaio 2014 in 11:38
    Permalink

    Buongiorno,

    mi permetto di criticare, ovviamente in senso costruttivo, la scelta di Andrea Gasbarroni quale prescelto per la rubrica ” un uomo in due maglie” in occasione di Parma Torino. A mio avviso, per quanto espresso a livello calcistico ed umano con entrambe le maglie era decisamente più opportuno costruire la rubrica su Luca Bucci, non pensate?

    • 4 Gennaio 2014 in 13:09
      Permalink

      Buongiorno Alessandro D. e buon anno. Certamente nella scelta di “un uomo in due maglie”,nella preparazione della rubrica, ci sarebbero infiniti candidati da poter insignire di queste due righe, dal sapore vagamente storico-ritrattistico. Quando la penso e la vivo prima di tutto dentro, sono molti i nomi che mi sussurrano “scrivi di me” piuttosto che “tratteggia me”. La scelta finale però non segue mai una logica troppo stringente, ma cerca di essere particolare,alternativa,non scontata. Luca-saracinesca Bucci caro Alessandro D. io me lo vedo solo e sempre in maglia gialloblù e non riesco ad immaginarmelo in altra veste vestito e poi con il Parma ha vinto e dominato mentre del Toro ha solo difeso i pali. Sarebbe dunque stato” un uomo soprattutto in una maglia”. Buone cose. Con simpatia
      Luca Savarese

      • 4 Gennaio 2014 in 13:48
        Permalink

        Stesso discorso per Rosina?

      • 4 Gennaio 2014 in 18:13
        Permalink

        scelta libera che non discuto, la sua, interessante anche perché non scontata. Però, nel commento, la frase “del Toro ha solo difeso i pali” è riduttiva: Bucci partecipa da anni alla commemorazione di Superga (alcuni anni fa chiese anche un permesso al Parma per essere dispensato dall’allenamento e parteciparvi, permesso che gli fu concesso) e ha una storia significativa nei derby con la Juve. Senza contare che è la squadra nella quale ha giocato per più anni consecutivi. Insomma, per lui il Toro non è una società qualunque. Saluti

        • 4 Gennaio 2014 in 19:23
          Permalink

          Buonasera Ermete. Non volevo sminuire il Bucci torinista ed il suo attaccamento al toro, ma per me Luca è un volto dal certo sapore parmigiano ed oggi è anche preparatore dei portieri parmensi. Mi riferivo al fatto che con il Parma ha vinto la coppa Uefa del 95′ contro la Juve, tra andata e ritorno, di gran lunga tra i più decisivi, con i suoi voli al Tardini ed al Meazza. Non volevo trascurare il Bucci torinista ma esaltarne soprattutto le sue performances parmensi, dato che siamo su un sito che certo parla di “un uomo in due maglie” ma che ama o cerca di amarne una, quella gialloblù. Buon anno anche a lei e un caro saluto.
          Con simpatia
          Luca Savarese

  • 4 Gennaio 2014 in 11:51
    Permalink

    gigi meroni si starà rivoltando nella tomba per essere paragonato a gasbarroni il pistapoci. ma scheziamo?

    • 4 Gennaio 2014 in 13:20
      Permalink

      Caro “berends”anzitutto Gigi Meroni nello spirito e nella cultura pallonara non è mai morto, quindi per lui niente tomba,come avviene per i comuni calciatori. Se però legge bene non ho asserito Gasbarroni=Meroni, ma come incipit e come excipit ho giocato sul nome Gigi Merono,Gigi Lentini e ho mischiato i loro nomi e le loro militanze nel toro come corsia preferenziale per poter parlare di Gasbarroni. Poi per me Gigi Meroni che era simpatico e generoso, al massimo si sarà fatto una risata. Solo chi è morto non da eroe e senza amore si rivolta nella tomba. Auguri di buon anno. Con simpatia
      Luca Savarese

  • 4 Gennaio 2014 in 12:25
    Permalink

    un uomo in due pocce casomai ,dice bene berends

    • 4 Gennaio 2014 in 13:27
      Permalink

      Caro “Assioma” come scritto a “berends” Gigi Meroni era solo un assist onomatopeico e torinista per parlare,con un pizzico di fantasia,di Gasbarroni. A Parma Gasba comunque ha sempre fatto meglio di tanta gente,come Dante Bertoneri, anch’egli tra Parma e Torino,del quale si ricordano,in casacca crociata, solo 8 presenze. Buon anno anche a lei. Con simpatia
      Luca Savarese

  • 4 Gennaio 2014 in 14:16
    Permalink

    Io di Gasbarroni ricordo solo la ” basa ” presa al Barino in un gelido pomeriggio di Novembre insieme al compagno di merende Contini (N’etor bon !!!)
    Tutti e due appoggiati ad un cancello di via Solferino… era novembre, ma già avevo capito dove ci avrebbero portato…. Infatti….

  • 4 Gennaio 2014 in 17:04
    Permalink

    Dante Bertoneri fece quella famosa fuga sulla fascia destra con cross per Barbuti parma-monza 1-0,poi prosegui’ la fuga approfittando del cancelletto aperto in curva sud passando per la cisa e si fermo’ a massa carrara da li non torno’ piu’.
    e nonostante cio’ lo ricordo piu’ volentieri di gasparroni (come diceva tullo baroni)

  • 5 Gennaio 2014 in 09:08
    Permalink

    Caro Luca, molto bravo, ti seguo da tempo in questa rubrica. Sono i personaggi che io cerco di intervistare e che raramente trovano spazio dove collaboro. Splendido lo svolgimento tuo e la scelta del direttore, ciao

    • 5 Gennaio 2014 in 09:32
      Permalink

      I meriti sono tutti di luca. Io piu’ di avvallare l’idea e lasciargli carta bianca non ho fatto…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI