C’E’ TANTA, TANTA VOGLIA DI REGGIO… (2) / IL PROMO DELLA TRASFERTA DEI BOYS E’ VIRALE SU YOUTUBE: L’OBIETTIVO E’ INVADERE I 4.000 POSTI IN CURVA OSPITI DEL MAPEI STADIUM

image(gmajo) – Non ci sono scuse: 20 minuti di macchina da Parma: proviamo a invadere i 4.000 posti in Curva Ospiti. L’obiettivo di tale esodo di massa è reclamizzato in un promo postato ieri, lunedì 17 febbraio 2014, su Youtube dall’utente Boys Parma Tifo (profilo che finora, incluso questo, ha postato 7 video) e che mentre imagecompongo è già stato visualizzato 305 volte. Insomma, il video – un montaggio di filmati girati in diverse occasioni in Curva Nord, ma che presenta anche un fermo immagine con una evidente provocazione ai reggiani definiti “maiali” (peraltro non dovrebbe essere un’offesa, giacché il suino, nella bassa parmigiana, è definito anche imagel’animale per eccellenza, poiché non si butta via niente) – è già virale e testimonia come stia salendo la febbre per il surrogato del derby con la Reggiana, alias quello con il Sassuolo, che si disputerà domenica 2 marzo 2014 al Mapei Stadium, ex Giglio o Città del Tricolore, in quel di Reggio nell’Emilia. Già sabato avevamo documentato come ci sia “tanta, tanta voglia di Reggio…”, copia incollando tutta una serie di foto apparse sul profilo Facebook dei Gladiators Fidenza (di cui c’è traccia anche in questo video). Ma anche dall’altra parte dell’Enza risulta che ci sia una certa attesa di rivedere da vicino i cugini: nello spazio commenti del video di YouTube, tale 11andrema ha significativamente scritto: “Vi aspettiamo MERDE. COSA CREDETE ANCHE NOI STIAM FACENDO IL COUNTDOWN”. Gli hanno già risposto tale Mattia Schiaretti (“Lo sappiamo….e abbiamo paura…anzi e una vita che abbiamo paura di voi….meno chiacchiere e più fatti…MAIALI”) e Bruno Fornasari (“In quanti maiali siete?dai che sto giro oltre che per maiali e merde passate anche per conigli”). Il clima, insomma, si sta già facendo caliente: ma noi di stadiotardini.it prendiamo le distanze e stigmatizziamo ogni forma di violenza, anche solo verbale, con l’auspicio che il 2 marzo si rimanga solo ai classici sfottò da campanile. Simpatica, a questo proposito, l’apertura della home page di www.boysparma1977.it, che ha documentato la difficoltà di nascita per chi ha spigoli in testa…

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

C’E’ TANTA, TANTA VOGLIA DI… REGGIO

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

38 pensieri riguardo “C’E’ TANTA, TANTA VOGLIA DI REGGIO… (2) / IL PROMO DELLA TRASFERTA DEI BOYS E’ VIRALE SU YOUTUBE: L’OBIETTIVO E’ INVADERE I 4.000 POSTI IN CURVA OSPITI DEL MAPEI STADIUM

  • 18 Febbraio 2014 in 17:18
    Permalink

    Come mai non l’hanno pubblicato sul loro sito? Forse perchè non è loro? Però sul TITOLO c’è scritto VIDEO DEI BOYS… ma lasciali stare a quei ragazzi che poi ti aggrediscono.

    • 18 Febbraio 2014 in 17:35
      Permalink

      Simpatica la sua minaccia velata… Io, comunque, ho titolato “promo della trasferta dei Boys”, non promo dei Boys, né ho scritto che il video è di loro produzione (come lei asserisce), citando la fonte da cui l’ho tratto, video che comunque reclamizza la trasferta a Reggio dei Boys (e non del CCPC o del Petitot).

      Perché non l’hanno pubblicato sul loro sito? Forse perché prima aspettavano che uscisse su Settore Crociato o da me…

      Comunque sia, come ho già avuto modo di riferire più volte agli stessi interessati, io tratto dei Boys, come tratto di Ghirardi, di Leonardi, del Parma, del Sindaco, etc. etc. Non accetto avvisi o intimidazioni di sorta. I Boys rientrano pienamente nella materia di cui tratto e continuerò a farlo. Senza pretendere che mi ringrazino per la pubblicità gratuita che gli faccio.

      Saluti

      Gmajo

    • 18 Febbraio 2014 in 17:46
      Permalink

      Non scrivere di loro che POI TI AGGREDISCONO. Che bravi ragazzi…
      Forse il sito Luce ha l’esclusiva.

  • 18 Febbraio 2014 in 17:30
    Permalink

    E poi scusa non sarebbe meglio che anche http://WWW.STADIOTARDINI.COM incitasse la gente ad andare a reggio? Non puoi scrivere dove vendono i biglietti? Quanto costano? Quando iniziano a venderli? Dai fa quel…

  • 18 Febbraio 2014 in 17:50
    Permalink

    Attenzione : se e’ cosi’ tanta la foga di arrivare a Reggio Emilia , che a Calerno sulla via Emilia , ci sono ben 3 Autovelox che non perdonano…..per cui se non vogliamo incrementare le casse di quel Comune……Tolasudolsa !.
    Direi che e’ piu’ verosimile , Arco di S.Lazzaro – parcheggio “Citta’ del Tricolore” 35/40 minuti.
    Ossequi,
    Enzo Dallai

  • 18 Febbraio 2014 in 17:56
    Permalink

    Io credo che andrò a vedere la partita ma non c’è da stare molto tranquilli ne scherzarci troppo su, da ambo le parti ci sarà gente che non sarà attratta dal match, non trascuriamolo neppure per un minuto

  • 18 Febbraio 2014 in 23:05
    Permalink

    Ahahah….. ma dai è evidente che il video non è dei boys. Su internet chiunque si può firmare in qualunque modo: BoysParma, Marcello, Guitelmo, Luca ecc….
    Relax.

    • 18 Febbraio 2014 in 23:28
      Permalink

      Ripeto. Io non ho parlato di video dei Boys. Io ho parlato di promo della trasferta dei Boys. Alle volte saper leggere eviterebbe molti incidenti diplomatici. Specie se non si fosse dannatamente prevenuti, come per l’ennesima volta qualcuno sta dimostrando di essere.

      E comunque che sia o non sia dei Boys non capisco perché non dovrei parlarne o perché non avrei dovuto embeddare il prodotto anche se apocrifo.

      Sul fatto poi che su internet chiunque, incluso lei, si possa firmare in un qualunque modo non è una cosa che mi tocca. Io mi chiamo Gabriele Majo nella vita reale e in quella virtuale. E ci metto sempre faccia, nome e cognome veri.

      Relax a lei

      Gmajo

  • 19 Febbraio 2014 in 06:55
    Permalink

    Ma infatti non ho fatto riferimenti a Lei. No?

    • 19 Febbraio 2014 in 08:06
      Permalink

      Dal momento che ha scritto a me, pensavo si rivolgesse a me. E a chi, se no?

  • 19 Febbraio 2014 in 08:39
    Permalink

    Troppo poca la benzina sul fuoco,si applichi di piu’,puo’ far di meglio!

  • 19 Febbraio 2014 in 09:00
    Permalink

    Non l’ho citata a dire il vero. Era un commento generico…si sarà sentito più tirato in ballo BoysParmaTifo.
    Colgo l’occasione per dire che il titolo lascia spazio a una doppia interpretazione.

  • 19 Febbraio 2014 in 10:05
    Permalink

    Mi si perdoni, ma il video ha titolo:
    TRASFERTA A REGGIO CON I BOYS – PROMO – DOMENICA 2 MARZO – INVADIAMO REGGIO !!!!
    ed è stato pubblicato da un utente con nome: BoysParmaTifo
    che riprende abitualmente i Boys, standovi in mezzo, e che realizza e pubblica video che riguardano esclusivamente i Boys.
    Personalmente il video mi era già stato mostrato da un collega, iscritto al più noto dei social network, pubblicato da un amico dei Boys.
    Che i Boys siano estranei a questo video non mi pare, ma soprattutto non capisco perché dovrebbero prenderne le distanze, quando esprime concetti del tutto condivisibili. Lo si pubblichi pure sul sito ufficiale, dove tra l’altro c’è un’immagine che reclamizza lo stesso evento.
    Non capisco perché ci si debba stupire che Majo scriva (è un giornalista) di una cosa che tra l’altro è già di dominio pubblico, e perché ci si debba infastidire che egli contribuisca (indirettamente) a promuovere la trasferta in oggetto, quando è proprio lo scopo del video e anche dei Boys.
    Relax, and think to square heads not to Majo, please.

  • 19 Febbraio 2014 in 11:27
    Permalink

    Ma infatti Studio Tecnico ho solo detto che chiunque tifoso della Nord può iscriversi col nick BoysParmaVideoUfficiali e pubblicare qualsiasi cosa. Non che ci sia qualcosa di male in questo video.

  • 19 Febbraio 2014 in 11:29
    Permalink

    Poi se vogliamo essere pignoli a me sembra chiaro che non sia ufficiale ma di un simpatizzante, ma non ne farò certo una questione. Il Relax era per quello.

    • 19 Febbraio 2014 in 11:33
      Permalink

      Sì, ma io non lo avevo contrabbandato per video ufficiale, come qualcuno ha insinuato. E il mio titolo si presterà a interpretazioni, ma è evidente quello che ho scritto e cioé il promo della trasferta dei Boys, cosa che mi pare evidente guardando il video stesso.

      Però il fatto che sia venuto fuori questo tormentone è perché a qualcuno – cioè al direttivo dei Boys – dà fastidio che io pari dei Boys in un qualsiasi modo, e altrettanto danno fastidio le libere iniziative tipo quella del creatore del video in questione. E questo testimonia ancora una volta dell’alto senso di democrazia di certuni. Vedesi alcuni commenti pervenuti…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Febbraio 2014 in 12:05
    Permalink

    Dunque Pino Occhio è il Direttivo dei Boys?
    E luca, voce fuori dal coro, sarà un seguace obiettore della tessera, possessore della pan bagnato?
    E Marina Dallavia pericolosa intimidatrice?
    Io con questo messaggio divento il capo degli ultrà, Studio tecnico si capisce ma……….chi el Marcello?!?
    Ahahah si scopre un mondo.

    • 19 Febbraio 2014 in 12:31
      Permalink

      Caro Sedicente Michele,

      voi siete molto bravi a capire “pero per pomo” e soprattutto, in base alle vostre fallaci convinzioni, generare un clima di odio nei miei confronti che poi sfocia in episodi deprecabili come l’aggressione che ho subito all’area di servizio Tevere Ovest, sulla quale lei è pregato di non fare dello spirito, così come lo stesso “Soragna”, che ringrazio per esser stato, in quella occasione, quello che mi aveva tolto dalle grinfie degli altri due del direttivo, ma che poi su facebook si è divertito con una sua amica scrivendole che era evidente che stava subendo un’aggressione da parte sua e che si augurava che non volesse fare un articolo, varie interviste, scrivere post nei forum, creare un sito, rinnegare tutto. A parte che non capisco cosa avrei rinnegato? La mia linea di condotta è bella chiara ed univoca fin da quando, dopo gli episodi di Levico 2010, mi sono esposto pubblicamente per condannarli, ahimé non imitato da nessuno, con la società che mi ha detto di farmi i cavoli miei e il presidente Ghirardi di non disturbarlo più…

      Detto questo:

      io non ho detto che Pino Occhio è del direttivo dei Boys. Lo sono però gli autori della piacevole e ironica chiacchierata, che io ho scambiato per un’aggressione, occorsa nel viaggio di andata della trasferta a Roma. In cui mi è stato ribadito, dal più ragionevole dei tre, che non è tollerato il pensiero dei singoli, ma solo quello comunitario.

      Il commento di Pino Occhio era, però, un avvertimento: come dire: lascia lì di parlare dei Boys. E la mia risposta è col cavolo. Io dei Boys ne parlo fin che ne ho voglia. E sempre con la pulizia e l’onestà che mi hanno sempre contraddistinto, ma che evidentemente non è riconosciuta da chi ha il culetto sporco.

      Poi mi posso anche sbagliare: ma in tal caso, anziché aggredirmi, mettendomi le mani addosso (ma non picchiato) farebbero meglio a chiedermi una rettifica o spiegarmi meglio le cose, chissà che non le capisca. Certo entrando nel merito, e non, come al solito, vomitando accuse a vanvera.

      Luca voce fuori dal coro? Ma da che coro? Non capisco. Qui non c’è alcun coro. E sa ha la TdT original o pan bagnato sono fatti suoi. Non mi interessa.

      A Marina Dallavia, che aveva scritto “Troppo poca la benzina sul fuoco,si applichi di piu’,puo’ far di meglio!”, non avevo manco risposto. Perché, dunque, dire che l’ho fatta passare per una pericolosa intimidatrice? Mica posso dirlo. Ma che lei, lei Michele, è un mistificatore sì: quello lo posso dire. E mistificando in questo modo fomenta quel clima di odio di cui parlavo prima. Chiaro, anche Marina, con il suo commento, non è che avesse gettato acqua sul fuoco… E poi a Marina, potrei chiedere quale sarebbe la poca benzina che ho buttato sul fuoco? Quella di aver embeddato un video virale che reclamizza la trasferta dei Boys? Cosa sarebbe una provocazione? Cosa? Dailà, Dio Madonna, ci vorrà poi molto a capire che un giornalista dà notizie e quella è una notizia? Imparate a rispettare il prossimo e chi è diverso da voi e che è sempre stato onesto con voi, al punto di battersi per scagionare Rocco Marroni dalle ingiuste accuse che lo avevano fatto finire in gaglioffa a Roma…

      E Marcello, infine, è una persona in carne ed ossa, che si chiama così e che frequenta la Nord, che si è rotto le palle di certi soprusi, che farebbero bene a terminare. E ci dovrebbe pensare su bene anche Tom Ghirardi, che vorrebbe 20.000 persone al Tardini con la Fiorentina. Fin che in Curva c’è chi fa il bullo vedrai che di famiglie allo stadio non ce ne porta, caro Presidente. Apra gli occhi. Io glielo sto dicendo fin da quando il buon Squarcia si prese qualche ceffone perché distribuiva bandiere crociate allo stadio, davanti a dei bambini. E dava fastidio perchè doveva esserci il pensiero unico. Certo, poi nel nome del centenario aggredito e aggressore sono diventati culo e pataja. Ma questo è un altro discorso.

      Saluti

      Gmajo

    • 19 Febbraio 2014 in 15:38
      Permalink

      Ciao Miki, dopo aver rinnegato la lotta alla tessera (e triturato le palle al Parma x farvene fare una solo per voi), rinnegate anke i video che dicono di venire con in trasferta cn voi????
      Intanto che andate ad attaccare gli striscioni ODIO REGGIO ke magari rinnegherete domani, potreste intanto staccare i vecchi del Centenador e coprire le scritte DIGOS BOIA – ULTRA LIBERI, magari rinnegando ke siete contro le forze dell’ordine.
      Majo non è stato INTIMIDITO………….. no no, è normale andare addosso in TRE ad una persona con fare MINACCIOSO e poi sul sito rinnegare tutto. Andate a fare così con i vostri colleghi ROMANI, ma li forse vi INTIMIDISCONO loro e???

  • 19 Febbraio 2014 in 12:47
    Permalink

    Mi ha deluso. Pensavo di diventare il capo, almeno il portavoce, non il sedicente. Però già che ha risposto ai boys e non a me (o mi stava del voi)….un po’ ci ho azzeccato…..son passato di livello…..
    Non ha capito l’ironia, pessimo senso dell’humor……….

    • 19 Febbraio 2014 in 12:51
      Permalink

      Forse voi (lei e loro) avete un concetto di ironia differente dal mio. Con il vostro humor fomentate odio. Ma ci rendiamo conto che per aver messo fuori un video che reclamizza la trasferta dei Boys a Sassuolo ho dato fastidio?

  • 19 Febbraio 2014 in 13:40
    Permalink

    L’ho già detto al Majo, e adesso lo dico ai Boys ed affini. Fate venire il latte ai gomiti, gli sgrisori con queste del tutto inutili polemiche. Chi viene su questo sito, come su Face od altri blog, vuole trattare argomenti calcistici e non poco che più infantili ripicche o cagatine personali. Perciò auspico che si evitino sia le provocazioni sia le risposte alle stesse, ne va dell’interesse che chi ama il calcio continuerà ad avere per i succitati luoghi di informazione e anche di dibattito. Dibattito che se però non è costruttivo ci sta come gli arrampicatori di balaustre a Sanremo.

    • 19 Febbraio 2014 in 13:55
      Permalink

      Caro Maurizio,

      io ho postato un video (che tra l’altro dopo il mio aiutino è passato dalle 305 visualizzazioni alle 16 di ieri alle attuali 1.164) che reclamizzava una trasferta a Reggio Emilia con i Boys e penso di aver svolto il mio dovere-diritto di cronaca di giornalista. Quello che non ci sta è il continuo invito (invito si fa per dire) a farmi i c. miei da parte di qualcuno. E questa situazione non è certo normale. E anche chi, come te, dice di amare il calcio, dovrebbe capirlo, anziché rompersi le palle se il dibattito non è su altre cose. Ci sono cose anche più importanti come il sacrosanto diritto di poter esprimere concetti senza subire minacce o aggressioni. E non parlo solo del sottoscritto, ma anche dei tanti che, in questi anni, li hanno subiti in Curva Nord poiché non allineati col pensiero unico.

      Poi che la polemica possa esser stucchevole per i contenuti di infima qualità di certi provocatori è un altro discorso: ma il problema è che a troppo lungo ci si è fregati di certe cose pensando che a Parma non ci sono problemi. Sono più piccoli che altrove, ma ci sono: e col cavolo che Ghirardi porta 20.000 spettatori al Tardini se in Curva continuerà ad esserci chi non si comporta da persone civili.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Febbraio 2014 in 15:32
    Permalink

    Faccia capire come funziona, lei va a vedere i profili facebook dei Boys o dei suoi adepti? Ma non ha altro da fare durante il giorno, oppure monitorare quello che si dicono fa parte del suo lavoro. Adesso capisco perchè gli va a fare anche articoli sui matrimoni tanto per rimanere in tema. Quindi non possono scherzare sui social network? E poi lei dapprima parla di tre aggressori, poi un aggressore diventa salvatore? Non le sembra che qualcosa non quadri? Su fb non ci sono commenti nella sua pagina ma sul sito è pieno, tanti nomi stessa mano? Su parmafans eri stato beccato? Mah

    • 19 Febbraio 2014 in 15:58
      Permalink

      Io non sono mai stato beccato da Parmafans a fare alcunché perché io non ho mai scritto una riga su Parmafans, né mai lo farò. E a furia di calunniare, caro Pino Occhio (io ci metto il nome, tu no), prima o poi ti becchi una denuncia, perché mi sono stufato di fare il bersaglio immobile delle accuse più disparate. E poi così vediamo anche chi è che c’è dietro i commenti arrivati non solo qui ma anche da altre parti, vergati direttamente da uno degli aggressori, direttamente dal proprio posto di lavoro.

      A proposito: l’articolo sul matrimonio di Soragna ci stava tutto perché era una notizia. A parte che la notizia era che si sposava la sorella di Ghirardi e non Soragna. Ma il fatto che i sempre presenti fossero assenti era una notizia da dare. E quando si fa i capi ultrà non si è persone private. Hai un concetto particolare di privacy…

      A proposito della bravata all’area di servizio non sei un attento lettore, perché io ho sempre scritto, fin da principio, senza mai cambiare versione, che uno dei tre aveva avuto il buon senso di portarmi via dagli altri due passati alle vie di fatto.

      Io guardo i profili facebook di chi ne ho voglia, specie se c’è chi li utilizza per infangare il mio nome e la mia professionalità fomentando odio nei miei confronti che poi sfocia in episodi come quello che ho denunciato.

      Infine: su stadiotardini.it non c’è uno, che sia uno, commenti inventati, al contrario di certe lettere che storicamente appaiono sul sito dei Boys: quindi stop alle calunnie infamanti egregio Pinocchio contaballe.

      E sul fatto che su FB di stadiotardini.it non ci sono commenti è perché il medesimo non è attivo, ma ospita solo i richiami al sito, per mia scelta unico luogo dove tengo il dialogo con i lettori. Scelta dovuta al fatto che non mi piace disperdere in troppi rivoli, e quindi FB è al servizio del sito e non viceversa. Tanto è vero che non sono neanche iscritto a FB a titolo personale, non essendo interessato a detto social network.

      Gabriele Majo.

    • 19 Febbraio 2014 in 16:24
      Permalink

      Occhio,
      siete su FB e su yutube, avete un sito internet, andate in tv, parlate ai giornalisti, rilasciate interviste, mandate comunicati, piazzate striscioni in pubblico, fate scritte a bomboletta in giro per la città… e poi se un giornalista scrive di voi vi lamentate ke volete la PRIVACY????? No voi volete che la gente VI DIA SEMPRE ragione, specie in pubblico. Altro che Pinocchio… Il bello è che in questo articolo NON C’E’ UN CAZZO DI CRITICA. Ma siete troppo chiusi x capirlo.
      Majo è l’unico che ha uno spazio commenti dove TUTTI possono scrivere e lui non CENSURA nessuno, da spazio a tutti, anche a chi lo critica, anche a chi MINIMIZZA l’AGGRESSIONE di cui è stato vittima.

    • 19 Febbraio 2014 in 16:36
      Permalink

      Errata Corrige: nella precedente risposta a Pino, avvocato di Cristian, avevo scritto che l’articolo da lui ricordato era dedicato al matrimonio della sorella di Ghirardi, in realtà ricordavo male, perché, in effetti, era dedicato allo sposalizio di Soragna. http://www.stadiotardini.it/2012/08/parma-varese-senza-i-boys-nessun-giallo-si-e-sposato-un-capo-ultra.html
      Ciò non toglie che la notizia ci fosse tutta, per le ragioni in precedenza ricordate: e cioè la spiegazione dell’assenza dei Boys (o limitata presenza) all’amichevole col Varese. Ché in tanti si erano chiesti perché non ci fossero o fossero così pochi.
      Gmajo

  • 20 Febbraio 2014 in 12:06
    Permalink

    Vietata la trasferta a Reggio Emilia? L’ho appena letto su fb…da fonti non ufficiali…ho provato a cercare riscontri in rete, ma niente…

    • 20 Febbraio 2014 in 12:09
      Permalink

      Vietata a chi? Anche ai possessori di TdT e Away? Magari verifica tu che io oggi sono fuori redazione tutto il giorno… Grazie. Ma senza divulgare notizie terroristiche o infondate… Internet è una brutta bestia…

      Ciao

      Gm

      • 20 Febbraio 2014 in 12:25
        Permalink

        Lo so che è una brutta bestia. Chi l’ha riportata su fb è una persona di nostra conoscenza…io mi sono solo limitato a rilanciarla. Comuque ho già cercato qualcosa, ma senza riscontri…

    • 20 Febbraio 2014 in 13:22
      Permalink

      AGGIORNAMENTO
      Alle 13.15 interpellato da stadiotardini.it, il delegato alla sicurezza del parma fc stefano perrone ha riferito che non gli risulta che la partita col sassuolo sia vietata e ritiene al momento la notizia di scarso fondamento.

  • 20 Febbraio 2014 in 12:27
    Permalink

    E comunque non si è capito a chi sia stata vietata…

    • 20 Febbraio 2014 in 14:57
      Permalink

      AGGIORNAMENTO

      Pericolo divieto al momento e’ scongiurato, come immaginavo, infatti, si trattava di una bufala. O meglio dello scherzo di un buontempone sacripante (edo) al manno per rovinargli le vacanze a vienna

  • 21 Febbraio 2014 in 08:12
    Permalink

    Vediamo di non farla saltare per la troppa pubblicitta’,grazie.
    Vincera’ lo sport ,vincera’ il fair play…..
    Un solo appunto,ma invece di fare nomi , soprannomi, raccontare fatti piu’ o meno decrepabili,fare giornalismo senza commenti ma riportare SOLO la notizia?E aggiungerei, lo spy che ha fatto lei o chi per lei,su FB,e’ davvero triste e vergognoso…..

    • 21 Febbraio 2014 in 10:20
      Permalink

      Gentile Marina,

      di deprecabile, triste e soprattutto vergognoso, non ci sono le presunte “spy story” che possono essere partorite solo da menti malate (da quando in qua visitare pubblici profili facebook è spionaggio?), bensì certe aggressioni alle quali, forse, ha pure lei assistito.

      Condivido, invece, con lei l’auspicio che, il 2 marzo a Reggio, possa vincere lo sport e il fair play. Perché accada, tuttavia, è necessario che non ci sia la voglia di andar là a fare i furbini. E ovviamente lo stesso dicasi dalla parte opposta.

      Certo, quando si è educati al tifo contro, anziché a quello pro, non è proprio facile che possa accadere.

      Solo notizie e niente commenti? No, Marina, mi dispiace: la mia professione prevede non solo che possa, ma che debba commentare le notizie, oltre a darle. E nel dare le notizie si inseriscono nomi e cognomi e soprannomi. Non solo: tratto distintivo di stadiotardini.it è proprio quello di spendere opinioni. Prerogativa alla quale non intendo venir meno. Neppure se così consigliato non tanto da una dolce pulzella come lei, quanto da energumeni poco propensi al dialogo.

      Infine: non ritengo verosimile che una trasferta possa esser vietata per troppa pubblicità: semmai per rischi di ordine pubblico. E ove accadesse sarebbe una bella sconfitta per la supposta civiltà del tifo di Parma, premiato per il proprio fair play come quello del Chievo. Ma, come dicevamo, l’auspicio di tutti è che possa essere una bella festa di sport.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 21 Febbraio 2014 in 08:13
    Permalink

    * deprecabili

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI