DONADONI: “IO MI AUGURO DI DARE ALLA NAZIONALE TRE O QUATTRO GIOCATORI”. MA L’EX CT NON CONFERMA LA NOSTRA INDISCREZIONE DI UN INCONTRO RAVVICINATO PRANDELLI-PALETTA

image(gmajo) – La seconda parte della conferenza stampa odierna di Roberto Donadoni, di cui sopra trovare il video amatoriale, è stata caratterizzata dalle domande di stadiotardini.it. Abbiamo iniziato con il sottolineare come a noi siano piaciute le parole di Nicola Pozzi che si è messo a disposizione per esser risolutivo, ma senza pretendere il posto da titolare: splendido esempio di cosa significa capire che il calcio è uno sport di squadra, e gli atleti, questo, spesso se lo scordano. Ad esempio un certo Sansone. Dopo di che siamo passati al tourbillon degli scontenti accontentati durante la sessione invernale del mercato, però surrogati da altri candidati scontenti: non sarebbe meglio, invece, una continuità? Rispondendoci Donadoni ha allargato il discorso, arrivando fino all’obiettivo che abbiamo evidenziato nel titolo, e cioè che gli piacerebbe riuscire a portare tre o quattro calciatori imagein Nazionale. Paletta potrebbe esser tra questi? Ricorderete che in settimana stadiotardini.it ha rivelato di un incontro-segreto tra Cesare Prandelli e l’italo argentino che sarebbe avvenuto all’Hotel San Marco attorno alle 11 di lunedì scorso 3 febbraio. Donadoni non ha voluto confermare o smentire la nostra indiscrezione, anche perché se si fosse voluto che la notizia fosse pubblica l’incontro non sarebbe stato segreto. Già: ma perché fare un incontro segreto? Mistero dei cittì… Comunque speriamo che Gabriel possa essere tra quei tre o quattro nazionali che il fornitore ufficiale Donadoni vorrebbe consegnare pronti per l’uso al suo successore Prandelli…

CLICCA QUI PER VEDERE LA PRIMA PARTE DELLA CONFERENZA STAMPA ODIERNA DI DONADONI

image

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

PALETTA, SI AVVICINA LA CHIAMATA IN NAZIONALE? STAMANI ALLE 11 AVVISTATO ALL’HOTEL SAN MARCO CON IL CT AZZURRO PRANDELLI

DONADONI: “SETTIMANA NON NORMALE: C’ERA UN CLIMA DA PRECAMPIONATO. LA SERENITA’ NON DEVE ESSERE UN PUNTO DEBOLE, MA DI FORZA” – Il video della prima parte della conferenza stampa

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.