giovedì, Giugno 13, 2024
News

IL PARMA, SQUADRA MIGLIORE DEL 2014, FINISCE SUL CORSERA (E IERI ANCHE SULLA ROSEA…)

image(gmajo) – Tante volte, qui a Parma, abbiamo pianto perché i grandi giornali, o le televisioni, non ci dedicano grandi attenzioni. E dunque annuntio vobis gaudium magnum (scusate, ma sono ancora in clima… papale) che sull’odierna edizione del Corriere della Sera il glorioso nome della squadra centenaria svetta sul titolo della analisi sulla tendenza in serie A del nuovo anno a cura della prestigiosa firma Alberto Costa: “Anno 2014: Parma guida la rivoluzione dei valori”. Solo la Juve (con una partita in più, però…)  ha fatto meglio della squadra di Donadoni, si legge nel catenaccio. Mentre l’occhiello occhieggia: “Le prime cinque giornate hanno sovvertito alcune gerarchie: crescono pure Atalanta e Toro”. Il tema, il giorno prima, era stato DSCF2256affrontato anche dalla Gazzetta dello Sport, che a proposito della sana provincia italiana à la page aveva inserito sempre il nostro Parma, di cui ha parlato il grande ex Hernan Crespo, assieme al Verona (che nel primo mese del 2014 ha sorriso di meno rispetto al 2013, tant’è che i crociati l’avevano raggiunto) e ai granata subalpini. Ma torniamo al pezzo di oggi di Costa sul Corsera: ecco le sue parole dedicate al fenomeno Parma: “Detto che il cammino senza cedimenti della banda Conte non fa notizia, meno scontato è invece il ruolo del Parma, migliore formazione dell’anno nuovo. La squadra di Donadoni è a un solo punto dalla Juve pur avendo giocato 4 gare visto che quella di domenica contro la Roma è stata stoppata causa nubifragio. Dopo la sosta natalizia l’ex c.t. ha sempre vinto (Torino, Livorno, Chievo e Udinese) e lo ha fatto anche rinunciando a Cassano e comunque ritrovando i gol nascosti di Amauri (3)”.

Se la prima squadra sta andando a gonfie vele, trovando, appunto, giusta rilevanza sugli organi di informazione a tiratura nazionale, il main sponsor Folletto (fresco di rinnovo) può ringraziare per la visibilità anche i ragazzi della Primavera che stanno sbancando al Viareggio: oggi sul Corriere dello Sport-Stadio, edizione emiliano-romagnola, infatti il gigante buono Cerri giganteggiava con una gigantografia con bene impresso sul petto della crociata il logo del noto sistema di pulizia per la casa.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".