LODEVOLE PROPOSTA DEI BOYS: APPLAUDIRE I CALCIATORI CROCIATI ALL’INGRESSO IN CAMPO CON LA FIORENTINA

image(gmajo) – Lodevole proposta dei Boys in occasione della partita con la Fiorentina di lunedì sera 24 febbraio 2014 (ore 19, stadio Tardini): “Vorremmo invitare tutti gli spettatore di fede crociata – hanno scritto ieri sul proprio portale – ad APPLAUDIRE I GIOCATORI AL LORO INGRESSO IN CAMPO. Un gesto simbolico, che non significa montarsi la testa, ma rendere onore al merito della squadra e dell’allenatore”. L’iniziativa fa seguito anche alle critiche che diversi tifosi avevano mosso dopo il deludente ultimo match casalingo: “Dopo lo 0 a 0 interno col Catania, tutti con il mal di pancia, tutti allenatori presidenti e procuratori in un sol uomo. Qui non si punta il dito contro nessuno, non si distrugge ma si COSTRUISCE”. E dunque, in quest’ottica, spiegano il perché della iniziativa che raccoglie il plauso anche di stadiotardini.it. Sempre in occasione di una gara vespertina con la Fiorentina del marzo del 2012 i Boys, invece, accolsero la terna arbitrale dando fiato ai fischietti; un modo per protestare per la mancata concessione, nel match precedente con il Napoli, di un calcio di rigore netto per un mani di Dossena in area, e assegnato, viceversa, uno quanto meno dubbio, su Cavani.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “LODEVOLE PROPOSTA DEI BOYS: APPLAUDIRE I CALCIATORI CROCIATI ALL’INGRESSO IN CAMPO CON LA FIORENTINA

  • 21 Febbraio 2014 in 20:42
    Permalink

    Non credo ci sarebbe voluto il consiglio dei Boys per applaudire una squadra ke a vinto 4-0 in trasferta. Tanto + ke all’ingresso la squadra è sempre stata applaudita. Rompe vedere come si colga l’occasione per CRITICARE i tifosi che contro il Catania, dopo una partita di MERDA (più merda ke PARTITA) hanno voluto fischiare. Evidentemente gli ultrà non accettano ke il tifoso normale possa avere una PROPRIA OPINIONE, specie se diversa dalla loro. Va be loro costruiscono, quando non intimidiscono. Tutti gli altri sono nemici del Parma o braccio armato. Il patentino di BRAVO TIFOSO lo danno loro, decidono loro chi è dentro e chi è fuori. Così come decidono loro quando fischiare, quando i dirigenti sono MOSTRI MARINI e quando si trasformano magicawaymente in sirenetti. e per opinioni diverse passare in sede.

  • 21 Febbraio 2014 in 21:14
    Permalink

    Bella iniziativa! Dopo dodici risultati utili consecutivI è il minimo che si possa fare per celebrare l’ottimo lavoro svolto dalla squadra e da Roberto Donadoni. Io, però, rilancio la proposta aggiungendole la cosiddeta iva: applaudiamo la squadra anche se dovesse perdere e, dunque, interrompere la sua striscia di imbattibilità.

    A tal proposito mi ritorna in mente il giorno in cui mi innamorai del Parma: era il 21 marzo del 1993 e il Milan, reduce da 58 risultati utili consecutivi (striscia che ebbe inizio proprio contro il Parma, due anni prima), dovette piegarsi ad una delizia su punizione del mitico Tino Asprilla. Al termine di quella partita il pubblico rossonero, invece che intristirsi per la prima sconfitta dopo una tale serie di vittorie e pareggi, premiò i suoi beniamini con un lungo e meritatissimo applauso. Lo stesso che dovremmo far noi anche nel caso in cui la Fiorentina uscisse vittoriosa dal confronto di lunedì prossimo.

    Insomma, applausi ad inizio partita…e applausi a fine partita. Comunque vadano le cose.

    FORZA PARMA!

  • 22 Febbraio 2014 in 18:56
    Permalink

    All inizio gli applausi non sono mai mancati

  • 23 Febbraio 2014 in 11:08
    Permalink

    marcello, stai sempre a criticare i boys per ogni cosa che fanno e meglio che ti fai una vita…

    • 23 Febbraio 2014 in 14:04
      Permalink

      Ok Monica, andrò ad intimidire alle persone allo stadio o negli autogrill. o a chiedere una tessera diversa solo per me, perkè quella degli altri non mi va bene. o farò dei comunciati per criticare gli altri tifosi che fischiano una prestazione di merda a fine partita, perkè vorrei ke i tifosi facessero solo quello che dico io. o potrei andare ad assaltare una macchina della polizia al bar gianni. o andare in giro per la città a scrivere DIGOS BOIA e ACAB. Tu la chiami vita? 🙂

I commenti sono chiusi.