LUCARELLI: “L’EUROPA NON ERA UN NOSTRO OBIETTIVO INIZIALE, MA ORA PROVIAMOCI…” (video)

 

(Ufficio stampa Parma FC, da fcparma.com) – Parma 13 febbraio 2014 – All’Oratorio San Benedetto, a  margine della presentazione della tappa parmigiana della Junior Tim Cup, Alessandro Lucarelli ha parlato con i media della gara di domenica scorsa contro il Catania e di quella di domenica prossima a Bergamo contro l’Atalanta. Passando…dall’Europa League: "Non è esattamente l’obiettivo di inizio stagione – risponde il capitano crociato – ma arrivati a questo punto,  siamo convinti di potercela giocare. L’obiettivo,  guardando la classifica, è alla portata. Siamo lì e proveremo a centrare il traguardo". Al Tardini contro il Catania fanalino di coda il Parma però non è riuscito a cogliere i tre punti: "E’ una partita che non ci ha visto in campo con il piglio giusto. Abbiamo trovato un avversario aggressivo bravo anche a chiudersi e siamo andati in difficoltà fin dall’inizio. Dovremo abituarci a questo tipo di partite perchè più andremo avanti e più ne troveremo di simili da giocare, visto che tutti avranno obiettivi per cui lottare, per cui dovremo farci trovare pronti soprattutto dal punto di vista mentale. Con il Catania lo abbiamo capito, sappiamo che è un passo che dobbiamo fare e lavoreremo per migliorare". Anche perchè Bergamo non è sicuramente un campo facile.."L’Atalanta in casa difficilmente sbaglia, siamo consapevoli che ci aspetta una gara molto difficile. Dobbiamo partire bene e ribattere colpo su colpo". Ultimamente mister Donadoni ha cambiato modulo da una partita all’altra. Cosa ne pensa il numero 6 crociato? "Se è per questo, in più occasioni abbiamo cambiato modulo anche a gara in corso – risponde Lucarelli – . E’ un’arma in più che il nostro mister sa di poter utilizzare". Per il capitano questa è una stagione davvero ad altissimi livelli e con il Parma c’è un contratto per un altro anno ancora. Come vede il suo futuro?  "Ho sempre detto che voglio smettere qui a Parma – sorride – per cui vado avanti e se mai un giorno non ce la farò più… parlerò con il direttore…"

Trascrizione a cura di Ufficio Stampa Parma FC (da fcparma.com)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.