PARMA-CATANIA 0-0, il tabellino e la cronaca di Orazio Vasta: “Chi ha fischiato non vuole il bene del Parma”

image(Orazio Vasta) – Una squadra che lotta per l’Europa e una per non retrocedere. Una che sta a ridosso delle grandi, ai piani alti della classifica, una invece che sta lì, in fondo, a chiudere la graduatoria della Serie A.

Parma e Catania legate da un filo sottilissimo. La prima troppo in forma per fermare la propria corsa fatta di imbattibilità e punti, l’altra tra alti e bassi che cerca di lottare domenica dopo domenica, avversario dopo avversario per sopravvivere nel massimo campionato.

Alla luce di quanto detto la sfida tra i crociati e gli etnei poteva avere un risultato già scritto, un vincitore. Lo dimostrano i fischi piovuti sul Parma al termine della gara, appunto perché i tifosi si aspettavano la vittoria, i tre punti contro l’ultima della classe, la squadra ormai spacciata.

In un quadro teorico del calcio può starci, ma a mio avviso, quei fischi piovuti sulla formazione crociata sono parecchio ingenerosi.

Non serve andare tanto lontano nel tempo, a campionati fa, ma spostare i ricordi alla prima tornata di questo campionato. Il Parma non aveva la mentalità che ha acquisito adesso, non giocava con tranquillità e spesso e volentieri alla prima difficoltà si faceva superare dall’avversario, qualunque esso fosse.

Oggi poteva essere una sfida del genere, con una squadra, quella emiliana, che avrebbe potuto cedere centimetri e punti ad un avversario più motivato.

Reputo quei fischi ingenerosi, perché il Parma fin qui ha fatto un ottimo campionato, ha trovato la giusta strada e anche dopo una partita pareggiata 0-0 con l’ultima in classifica, ci può essere qualcosa di buono.

Il Parma non ha perso. E’ questo è già un dato importante. Non ha preso gol, e tutto sommato, considerando la pressione messa in campo dall’avversario, Mirante non ha corso grandi pericoli e non si è dovuto esaltare con interventi prodigiosi.

I padroni di casa hanno risposto bene alla grinta degli etnei. Hanno giocato una vera partita di calcio, contro un avversario che non è venuto nel Ducato per barricarsi e difendere lo 0-0 iniziale.

Il Catania ha subito mostrato gli artigli, cercando di colpire gli avversari, provando a portare a casa l’intera posta in palio.

Senza Paletta in difesa questa partita avrebbe potuto prendere un’altra piega. Il difensore argentino è stato monumentale questo pomeriggio, e di fatto ha evitato alla propria squadra di capitolare sotto i colpi degli avanti rossazzurri. Il centrale del Parma non ha concesso un centimetro negli ultimi sedici metri, le sue entrate sono sempre state precisi e puntuali. Questo fa capire quanto è mancato nella prima parte di campionato a questo Parma. Accanto a lui Lucarelli è tornato un giocatore normale, e non è più costretto agli straordinari.

Il centrocampo ha fatto meglio in fase d’attacco che di difesa. Parolo e Marchionni due stantuffi, che hanno creato, e provato a dare qualche grattacapo alla formazione avversaria.

L’attacco così così. Cassano non è riuscito a brillare. Le sue giocate non da campione lo hanno relegato a comprimario, e tra uno scatto e l’altro si è visto qualcosa di buono da Biabiany e l’ennesima grande prova di Amauri che si è battuto da solo in mezzo ai difensori etnei. L’attaccante del Parma ha provato a scuotere il match, ma un po’ per sfortuna, un po’ per imprecisione dei lanci a lui indirizzati non è riuscito a confermarsi cannibale da area di rigore.

E’ vero, il Parma ha rischiato di andare sotto, di prenderle da una squadra con l’acqua alla gola, ma le motivazioni degli ospiti erano decisamente superiori a quelle dei crociati.

Questo Parma avrebbe anche potuto vincerla la partita, bastava il guizzo, la giocata giusta, quel tocco sotto porta non c’è stato, ma che non può essere contestato alla squadra.

Torno a quei fischi. Ingiusti, immeritati, forse troppo esagerati.

Le partite si vincono in campo e non prima di averle giocate. Ci può stare mezzo passo falso. Ci può stare il non aver vinto contro l’ultima in classifica. Ci può stare il manifestare il proprio dissenso, ma prima di fasciarsi la testa bisogna aspettare che sia rotta. La partita di oggi ai punti l’avrebbero vinta gli avversari, ma la sfida col Catania, sofferta, dominata per lunghi tratti dagli ospiti ha dimostrato che il Parma è vivo e c’è. Ha dimostrato che i dieci, oggi undici, turni di imbattibilità non sono un caso. Ha dimostrato che la squadra è cresciuta ed è quadrata, rispetto a qualche mese fa. Ha dimostrato che Parma e la sua squadra di calcio può togliersi delle soddisfazioni a partire proprio da questa stagione.

Se l’obiettivo è tornare ai fasti di un tempo, bisogna remare tutti nella stessa direzione, conseguire un unico obiettivo.

Se i fischi erano solo d’amore, allora accettiamoli, ma se qualcuno ha pensato bene di non gradire prestazione e punto, il cammino fatto dal Parma, l’imbattibilità che continua, allora qualcosa non torna, o forse quelli che hanno fischiato non vogliono il bene del Parma.

La strada in campionato è ancora lunga, aspettiamo Maggio prima di tirare somme o giungere ad inutili conclusioni, con annessi malumori o contestazioni.

La quinta vittoria è mancata, ma non per questo bisogna farne un dramma. Adesso bisogna riprendere il lavoro e pensare alla prossima sfida in casa dell’Atalanta, per continuare la striscia positiva e il sogno chiamato Europa. Non bisogna mollare proprio adesso. Orazio Vasta

PARMA-CATANIA 0-0, il tabellino

Parma (4-3-3) – Mirante; Cassani, Paletta, Lucarelli, Gobbi (42′ st Molinaro); Marchionni, Gargano (16′ st Acquah), Parolo; Biabiany, Amauri, Cassano (29′ st Palladino)
A disp.: Bajza, Rossini, Felipe, Coric, Galloppa, Munari, Mauri, Schelotto, Pozzi
All.: Donadoni

Catania (4-3-3) – Andujar; Peruzzi, Bellusci, Rolin (31′ st Alvarez), Spolli; Izco, Lodi, Rinaudo; Barrientos (44′ st Plasil), Bergessio, Castro (44′ st Fedato)
A disp.: Ficara, Gyomber, Legrottaglie, Biraghi, Capuano, Monzon, Keko, Boateng
All.: Maran

Arbitro: Sig. Giacomelli

Ammoniti: Marchionni, Paletta, Bellusci, Peruzzi, Lodi

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

14 pensieri riguardo “PARMA-CATANIA 0-0, il tabellino e la cronaca di Orazio Vasta: “Chi ha fischiato non vuole il bene del Parma”

  • 9 Febbraio 2014 in 18:41
    Permalink

    oh l’unica cosa che condivido e’ la fine ..orazio basta dir di stupidedi

      • 9 Febbraio 2014 in 18:46
        Permalink

        si e’ firmato orazio basta 🙂

        • 9 Febbraio 2014 in 18:52
          Permalink

          Ops… Avevo sbagliato io aggiungendo la firma. Lui manda solo il pezzo, poi aggiungo io le firme… Si vede che il mio inconscio voleva stopparlo 🙂

          Cmq ora ho corretto. Grazie per la segnalazione. E scusa ad Orazio Vasta… Del resto di E basta ce n’è abbastanza di Rinaldo…

          Cordialmente

          Gmajo

  • 9 Febbraio 2014 in 18:45
    Permalink

    si fa presto a parlare quando di partite del parma ne vedi una o due e ti pagano anche,lasciamo perdere i miei 145 euro ma se penso che c’e’ della gente che ne spende 2 o tremila…..e si permette persino di fischiare ,incivili !

  • 9 Febbraio 2014 in 18:52
    Permalink

    di la verita’ maio e’ stato un lapsus freudiano il tuo…per scrivere orazio basta

  • 9 Febbraio 2014 in 19:22
    Permalink

    Tralasciando la posizione in classifica degli avversari,oggi la prestazione è stata assolutamente mediocre.
    Pochissimo movimento senza palla,tanta imprecisione nei passaggi,almeno 2 calci d’angolo(vado a memoria) battuti senza senso.
    Il tutto si è tradotto in zero tiri in porta.
    Io non so se sia giusto fischiare,so solo che io mi incavolo quando la squadra non sputa tutto il furore e la rabbia agonistica.
    Oggi a me è parso così…

  • 9 Febbraio 2014 in 19:30
    Permalink

    oh poi ci sta che chi pensa di poter arrivare in E.L. all’improvviso si debba risvegliare fischiando il ponte sul fiume kwai,come ci sta di sentirsi dire prima della partita che c’e’ un ambiente da precampionato e poi si lamenta che ci sia anche sugli spalti,troviamo un senso a questo campionato da qui in avanti altrimenti il clima diventera’ da ritiro esivo

  • 9 Febbraio 2014 in 20:11
    Permalink

    Credo, da abbonato della curva, che FISCHIARE sia il contrario di APPLAUDIRE. Quindi più che legittimo quando si vede una partita così e soprattutto un atteggiamento così!! Qualcuno in curva diceva “speriamo che il Catania abbia comprato la partita, sarebbe la spiegazione che più farebbe pensare bene per il futuro del Parma!

    • 9 Febbraio 2014 in 20:19
      Permalink

      Gli illeciti sportivi non sono mai augurabili.

  • 9 Febbraio 2014 in 21:02
    Permalink

    “Se i fischi erano solo d’amore, allora accettiamoli, ma se qualcuno ha pensato bene di non gradire prestazione e punto, il cammino fatto dal Parma, l’imbattibilità che continua, allora qualcosa non torna, o forse quelli che hanno fischiato non vogliono il bene del Parma”. Credo che la gente debba leggere bene prima di commentare.
    Nel calcio molte volte si dimentica un concetto importante, il rispetto verso l’avversario.
    Prima della partita il Catania era già un avversario battuto, la quinta vittoria in campionato… in campo ha dimostrato ben altro e avrebbe meritato ben altro.
    I fischi andrebbero rivolti a chi ha pensato che la partita fosse facile, che il Parma doveva vincerla a tutti i costi.
    Dal mio punto di vista, da uno che non guarda due o tre partite del Parma (ed evito di entrare in altre discussioni…) questo può essere un punto da mettere in classifica senza troppe recriminazioni. Lo considero mezzo passo falso, senza volerci vedere dentro un “disegno machiavellico”.
    Se poi c’è dell’altro in mezzo, lo si vedrà solo col tempo, e il tempo darà ragione ai tifosi. Ma mi spiace, questa volta io sto con Donadoni, ho espresso il mio pensiero prima ancora di sentire le dichiarazioni del mister.

  • 9 Febbraio 2014 in 21:32
    Permalink

    secondo me non hai ascoltato nenache quelle di ieri ma fa lo stesso,di machiavellico nel parma non c’e’ nulla al limite di kafkiano

  • 10 Febbraio 2014 in 14:51
    Permalink

    il record …il punto …e va bè!! vedere il bicchiere di vino mezzo pieno va bene …..ma magari considerare che se il bicchiere è mezzo pieno poteva starcene dell altro di vino quello sì……ecco non bisogna essere troppo negativi.. ma ieri era lecito pretendere di più…..tutto qui! …i fischi vanno anche interpretati dagli addetti ai lavori senza essere permalosi come sempre capita al tardini…….ma forse l altra metà del bicchiere di vino l ha bevuta donadoni prima di andare in conferenza….si vede che non lo regge

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI