QUALCOSA DA DIRCI, di Luca Savarese: “MATTIA CASSANI, IL BEL CURSORE CHE NON T’ASPETTI”

(Luca Savarese) – Nell’anno del centenario certo Cassano è stata presentata come la ciliegina sulla torta, il fulmen in cauda, il pezzo da urlo del mercato ducale, quella follia da fare per poter legittimare le feste e far tagliare i salami, operazione dal prosit facile. Si è poi discettato a lungo sulla benevolenza della mossa di tener Gabriel Paletta, ed anche ieri sera si è vista tutta la positività di tale scelta, così come il signor Parolo è pure lui alfiere scelto dello scacchiere centenario, perle in vetrina per spegnere con un certo appeal tecnico ed un campionato entusiasmante, le cento candeline. Nel gran gala, tra smoking bianchi crociati, tra livree tanto pubblicizzate, non ci siamo accorti subito, ma ce ne accorgiamo ora, di un moschettiere d’altri tempi, un cane da caccia più che da mostra, da sudore più che da salotto. Ecco che nell’anno del Parma formato maison Cassano, in silenzio, senza dichiarazioni vagamente adultere ad altre contrade… si è fatto strada, Cassani, dalla barba lunga e dal passo ancor più lanciato, un po’ profeta, un po’ frate, che dopo un avvio disastroso in terra friulana alla seconda giornata (1 settembre 2013, una suo errato disimpegno favorì la segnatura dell’udinese Badu) si è rimesso in discussione ed ora è una nota lieta di questo Parma spigliato e convincente, perchè corre, sgobba, canta e porta la croce e che sta facendo un campionato coi fiocchi, di quelli che profumano ancora di scatti e di pantaloncini sporchi di fango per i tanti interventi sul prato, uno che spazza via ed uno che la mette anche in mezzo. Dal suo piede destro sono infatti nati il gol di Biabiany, il primo subito dalla magica Roma formato Rudi Garcia e l’autogol dell’ex Benalouane in quel di Bergamo, che mise le cose sul due a zero per i bianco crociati, solo per citare solo due tra le sue numerose proiezioni in fase offensiva. Un motorino, su e giù, in basso ed in alto, ma che non si monta la testa e che non impenna mai. Un lavoratore innamorato del suo pezzo di campo e che cerca di difendere e di attaccare come può. Un Cassani che ci ricorda le sgroppate di Zaccardo e le discese ardite e le risalite di sua maestà e sua fedeltà Antonio Benarrivo.  Questo Cassani, caspita se ha qualcosa da dirci. Luca Savarese

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

4 pensieri riguardo “QUALCOSA DA DIRCI, di Luca Savarese: “MATTIA CASSANI, IL BEL CURSORE CHE NON T’ASPETTI”

  • 25 Febbraio 2014 in 23:41
    Permalink

    D’accordo, Luca. Cassani per me era strepitoso nella Fiorentina, già, e nel Palermo. Da titolare in nazionale

  • 26 Febbraio 2014 in 02:00
    Permalink

    Io parlavo ieri con dei ticosi Fiorentini, di quelli che ci han portatoil chianti e mi dicevano che quando era con loro Cassani era na pippa poi viene a Parma e ti fa quel popo di campionato. Maremma maiala. Una delle più mmeglio cose che ci ha fatto il Leo è di aver resuscitato tanti giocatori in forte difficoltà. Vedi Marchino , Ama , Cassa e ora il Molinaro del mulino bianco , quello della famiglia felice

  • 26 Febbraio 2014 in 08:04
    Permalink

    Cassani è un esterno molto valido, il problema è che Donadoni non l’ha cominciato a schierare sulla fascia dall’inizio del campionato. Per la nazionale ha pochi rivali (perché nel suo ruolo c’è proprio poca gente)

  • 26 Febbraio 2014 in 19:25
    Permalink

    UNA CHANCE IN CHIAVE NAZIIONALE SE FOSSI PRANDELLI……GLIE LA DAREI…..

I commenti sono chiusi.