FAIR PLAY FINANZIARIO / L’INCIDENZA DEL COSTO DEL PERSONALE SUL FATTURATO, AL NETTO DELLE PLUSVALENZE, SUPERA LA SOGLIA MASSIMA DEL 70%: IL PARMA RISCHIA UN “WARNING” DELLA UEFA

(gmajo) – Giovedì 20 marzo 2014 il quotidiano economico “Il Sole 24 Ore” ha pubblicato una intervista al presidente del Parma F.C. Tommaso Ghirardi. Le sue parole che più mi avevano colpito erano relative alle due strade che aveva indicato per invertire la tendenza dopo le ultime perdite di bilancio: Abbassare i costi e fare una buona politica di marketing, che ci consenta di alzare i ricavi cosiddetti certi. In questi anni, per contenere i costi e tenere i bilanci sotto controllo siamo riusciti fortunatamente, grazie anche alle capacità dei nostri osservatori, a fare parecchie plusvalenze. Ma è chiaro che non si può procedere soltanto in questa direzione. Perché può capitare anche un anno o due di non avere giocatori da vendere”. Su suggerimento del nostro consulente di fiducia in materia di bilanci, il dottore commercialista Luca Marotta, esperto lettore delle note contabili delle società di calcio, per avere un autorevole e qualificato parere sui possibili risvolti dell’approdo in imageEuropa League del Parma Calcio (la cosiddetta Licenza Uefa non vaglia solo le infrastrutture che ospitano le gare, ma anche i conti economici delle società richiedenti) ci siamo rivolti a Paolo Ciabattini, che è tra i massimi esperti in Italia sul Fair Play Finanziario, normativa introdotta dalla Uefa, il cui cardine è il requisito del pareggio di bilancio: i costi non possono più superare i ricavi o quasi. Ciabattini è autore di “Vincere con il Fair Play Finanziario”, il primo libro che approfondisce gli impatti che derivano dalla normativa Uefa esposta in forma semplice e chiara. Utilizzando i dati di oltre 300 bilanci dei club di calcio più importanti, si è soffermato su quelli a maggior rischio di esclusione dalle competizioni europee. A lui abbiamo domandato qual è la situazione del Parma in ottica Fair Play Finanziario.

 

paolo ciabattini(Paolo Ciabattini) – Se il Parma, come mi auguro, dovesse qualificarsi per partecipare alla prossima Europa League, le verifiche sui suoi bilanci da parte della Uefa in relazione al primo periodo di monitoraggio (Stagioni 2012 e 2013), verrebbero svolte nel corso dell’autunno del 2014 a competizione già iniziata. Il bilancio 2013 evidenzia una perdita prima delle tasse pari a 1,8 milioni di euro. La normativa UEFA prevede che nel calcolo del risultato di bilancio, ai fini del Fair play Finanziario in caso di operazioni con parti correlate, l’eventuale parte eccedente il valore di mercato, venga esclusa.

imageIl bilancio 2013 del Parma è caratterizzato dalla presenza di 21,7 milioni di plusvalenza relativi alla cessione del marchio alla società correlata Parma FC Brand S.r.l per 31 milioni di euro e altri 8 milioni di plusvalenza derivanti dalla cessione del contratto di concessione pubblicitaria.  Per quanto riguarda la cessione del contratto di concessione pubblicitaria non ci sono problemi in quanto un contratto del valore complessivo di 10 milioni è stato ceduto a 8.  Riguardo il marchio, è molto difficile stabilire quello che potrebbe essere il valore di mercato, ma per essere prudenti, potremmo anche presumere che possa essere più basso del valore realizzato. In questo caso potremmo ipotizzare un peggioramento del risultato di bilancio pari a una quindicina di milioni di euro ai quali andrebbero anche aggiunti i 3 milioni di euro relativi ai diritti di immagine di alcuni calciatori non contabilizzati nell’esercizio di competenza.

La perdita aggregata prima delle tasse del primo periodo di monitoraggio potrebbe essere intorno ai 20 milioni di euro, ampiamente all’interno della massima deviazione al pareggio di bilancio consentita dalla normativa UEFA che è pari a 45 milioni di euro. E’ quindi evidente che il valore che potrebbe essere attribuito al marchio, sia del tutto ininfluente in fase di valutazione del primo periodo di monitoraggio.

Nel bilancio 2014 mancheranno i 31 milioni compresi nel bilancio 2013 derivanti dalle plusvalenze relative alla cessione di marchio e del contratto di concessione pubblicitaria. Le plusvalenze derivanti dalla cessione dei calciatori, nonostante i 15 milioni circa relativi a Belfodil, oltre a quelli provenienti dalle cessioni di Pabon e Pellè non raggiungeranno presumibilmente i 53 milioni di euro fatti registrare nel 2012, ma più probabilmente si attesteranno su un importo più vicino ai 23 milioni del 2013.

La mancanza dell’impatto positivo derivante da operazioni straordinarie, verrebbe soltanto in parte compensata dall’aumento dei ricavi sia del botteghino in conseguenza degli ottimi risultati sportivi della stagione in corso, dalla crescita dei diritti TV allineati al piazzamento in campionato nonché da una possibile diminuzione del monte ingaggi.

Il gap tra i ricavi ordinari ed i costi è assolutamente troppo alto. Il fatturato netto, senza plusvalenze, si assesta intorno ai 45/50 milioni, i costi si avvicinano ai 100 milioni di euro. L’equilibrio del conto economico del Parma si fonda sulla capacità ogni anno di registrare cospicue plusvalenze con la cessione dei pezzi pregiati. Nel 2012, per ottenere un quasi pareggio, è stato necessario realizzare oltre 50 milioni di plusvalenze, un dato che è quasi impossibile confermare tutte le stagioni. E’ evidente che sia necessario lavorare sia sui ricavi che sul contenimento dei costi.

L’incidenza del costo del personale sul fatturato al netto delle plusvalenze, è alta e supera di molto la soglia massima del 70% indicata dalla normativa del FPF. Questo varrà di sicuro un warning dalla UEFA oltre all’impegno di ricondurla velocemente all’interno dei limiti previsti.

Il Parma si è dimostrato la piazza ideale per rigenerare calciatori affermati che arrivano da stagioni difficili e questo è sicuramente un grande merito. Questi giocatori però, se da un lato permettono il raggiungimento di risultati sportivi straordinari come l’attuale quinto posto, dall’altro, pur contenendo le loro pretese economiche, rappresentano spesso un costo significativo per il bilancio dei ducali ed inoltre tolgono spazio a giocatori più giovani da valorizzare.

L’età media è alta. Attualmente ci sono 10 giocatori oltre i 30 anni e altri 4 che ne hanno 29. E’ difficile realizzare plusvalenze con giocatori sopra i trenta. Gli stessi Paletta e Parolo che rappresentano insieme a Biabiany le plusvalenze indispensabili al bilancio 2015, hanno già rispettivamente 28 e 29 anni.

Concordo con il Presidente Ghirardi quando sostiene che il fatturato cosiddetto certo, quello che non dipende dal calciomercato, vada incrementato. Lo sviluppo del marketing rappresenta una buona opportunità. I ricavi da sponsor presumibilmente cresceranno dopo l’ottimo piazzamento di quest’anno. Ma non sarà sufficiente.

Credo che il modello di business del Parma vada rivisto. E’ necessario abbassare l’età media e quindi il monte ingaggi e di conseguenza il costo della rosa. Più spazio ai giovani. E’ necessario implementare un’attività di scouting capillare non solo in Italia sul modello Udinese che appare molto distante.

Bisogna investire il più possibile su giovani non solo italiani under 18, con grandi prospettive ma con prezzi ancora accessibili.

Giovani talenti da valorizzare possono significare in prospettiva maggiori plusvalenze e fin da subito un monte ingaggi più basso. La riduzione della rosa porterebbe ulteriori risparmi, ma forse la stagione con l’impegno di Europa League non sarebbe quella più giusta.

image

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL COMMERCIALISTA MAROTTA E I DEBITI DEL PARMA SECONDO IL SECOLO XIX: “IL QUOTIDIANO LIGURE AVREBBE DOVUTO EVIDENZIARE ANCHE I 289.147.633 DEL GENOA AL 31.12.2013…”

IL COMMERCIALISTA MAROTTA: “SAREBBE STATO OPPORTUNO CHE IL SECOLO XIX, OLTRE AI DEBITI DEL PARMA, AVESSE EVIDENZIATO ANCHE I CREDITI”

IL SECOLO XIX: “PARMALAND, 2 SATELLITI E 200 CALCIATORI, MA I LUSTRINI NASCONDONO UNA SITUAZIONE DEBITORIA IMBARAZZANTE: 175 MILIONI”

TOMMASI (AIC) SUL CORSERA STRONCA IL MODELLO NOVA GORICA: “I SATELLITI? SERVONO SOLO PER SPOSTARE GIOCATORI O PER SISTEMARE UN BILANCIO”

A SPORTUNO, OSPITE DELLA BERTINI, ZAGNOLI STORCE IL NASO SULLA “PESCA A STRASCICO” DI LEONARDI & C. E INSERISCE TRA I SATELLITI DEL PARMA ANCHE LATINA E CROTONE

IL BILANCIO DEL PARMA FC / PER OGNUNO DEI 49 PUNTI DELLA STAGIONE 2012-13 SPESI 2.06 MILIONI DI EURO. IL COMMERCIALISTA MAROTTA RILEGGE PER NOI L’INCHIESTA DELLA GAZZETTA DELLO SPORT

IL BILANCIO DEL PARMA FC / IL SOLE 24 ORE: “LA CESSIONE DEL MARCHIO SALVA IL BILANCIO 2013 DEL PARMA (PESANO I 49 CALCIATORI IN ROSA)

IL BILANCIO DEL PARMA FC / LA GAZZETTA DELLO SPORT CONFERMA L’ANALISI DEL NOSTRO MAROTTA: “DEFICIT RIDOTTO CON LA CESSIONE DEL BRAND”

IL BILANCIO DEL PARMA FC 2012/13 ANALIZZATO DAL COMMERCIALISTA LUCA MAROTTA: “LA CESSIONE DEL MARCHIO ATTENUA LA PERDITA D’ESERCIZIO. IL RISULTATO DEL PLAYER TRADING E’ NEGATIVO”

IL COMMERCIALISTA MAROTTA E L’EVOLUZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE DEL PARMA FC DAL 2005 AD OGGI: “I DEBITI HANNO SEGUITO IL PERCORSO DELL’ATTIVO, SENZA MAI SUPERARLO”

FOOTBALL MANAGER ‘ANTICIPA’ IL FUTURO: NEL VIDEO GIOCO MANAGERIALE IL DS CROCIATO E’ IMBORGIA. NEL DATABASE FIGURANO BEN 161 CALCIATORI DEL PARMA IN GIRO PER L’EUROPA

IL PIANETA PARMA E I SUOI SATELLITI / E A CARPI LEONARDI E’ ANDATO A OSSERVARE IL “SUO” LATINA (1-1: ANCORA IN GOL L’ETERNO MORRONE)

IL PIANETA PARMA E I SUOI SATELLITI / SECONDO MALTA FOOTBALL.COM E’ ENTRATO IN ORBITA ANCHE IL MOSTA: “CALCIATORI E AIUTI FINANZIARI DAL PARMA E DAL BRESCIA”

IL PIANETA PARMA E I SUOI SATELLITI / NOVA GORICA: I GIOCATORI CROCIATI NELLA ‘LAS VEGAS D’EUROPA’. BENVENUTI IN PARADISO…

IL “SUPERMARKET PARMA” BENEDETTO DA REPUBBLICA: “CHI PIU’ COMPRA MENO SPENDE: UN SISTEMA SCIENTIFICO PER ANDARE AVANTI SENZA SOLDI, PUNTANDO TUTTO SUGLI SVINCOLATI”

IL RECORD DEL PARMA: E’ LA SQUADRA CHE STA MOVIMENTANDO PIU’ CALCIATORI AL MERCATO. MA ALLA FINE QUANTI NE AVRA’ A LIBRO PAGA?

LO STRANO CASO DEL CARNEADE FIGLIOMENI: LA JUVE STABIA SCRIVE DI AVERLO CEDUTO A TITOLO DEFINITIVO AL PARMA, MA E’ IL LATINA AD UFFICIALIZZARNE L’ACQUISTO DALLE VESPE…

LO STRANO CASO DEL CARNEADE FIGLIOMENI PARTE SECONDA. LA JUVE STABIA CI SCRIVE: “CONFERMIAMO DI AVERLO CEDUTO AL PARMA”, MA IL DS DEL LATINA INSISTE: “PRESO DALLE VESPE”

VALENTINI (STS) E’ IL NUOVO AD DEL PADOVA: “AMICI SI’, MA NON SATELLITI DEL PARMA. LA RISTRUTTURAZIONE DEL TARDINI E’ POSSIBILE ANCHE SENZA LA LEGGE SUGLI STADI”

TARDINI COPERTO O RIFATTO PER IL CENTENARIO? NON E’ UNA MISSION IMPOSSIBLE…

IL COMMERCIALISTA MAROTTA E LE STRANE PLUSVALENZE NEL CALCIO: “PRASSI DIFFUSA, MA SENZA DOLO SPECIFICO NON C’E’ FALSO IN BILANCIO”

IL COMMERCIALISTA MAROTTA: “LA CESSIONE DI BELFODIL ALL’INTER, CHE SEGUE QUELLA DI GIOVINCO ALLA JUVE, DIMOSTRA CHE LEONARDI SA IL FATTO SUO. CASSANO? UN RISCHIO CALCOLATO”

NUOVO TERREMOTO NEL CALCIO / IL COMMERCIALISTA MAROTTA A STADIOTARDINI.IT: “LA PROCURA HA L’AMBIZIONE DI INDAGARE TUTTO LO SCIBILE SUI TRASFERIMENTI DI CALCIATORI”

DENTRO IL BILANCIO / IL COMMERCIALISTA MAROTTA RISPONDE A LEONARDI: “NELL’INTERVISTA A STADIOTARDINI.IT AVEVO RIMARCATO IL RISULTATO POSITIVO DEL PARMA PRIMA DELLE IMPOSTE”

TUTTA LA CONFERENZA DI PIETRO LEONARDI, MINUTO PER MINUTO

DENTRO IL BILANCIO / PARMA FC, I NUMERI DI UNA SQUADRA CHE PUO’ RAPPRESENTARE IL PARADIGMA DELLA ‘MEDIA’ SERIE A

DENTRO IL BILANCIO / MAROTTA: “SENZA LE PLUSVALENZE E’ INSOSTENIBILE IL COSTO DEL PERSONALE DEL PARMA A FRONTE DEL FATTURATO”

DENTRO IL BILANCIO / LA GAZZETTA DELLO SPORT: “GLI STIPENDI SONO IL 90% DEL FATTURATO DEL PARMA”

DENTRO IL BILANCIO / ANCHE NEI DIRITTI DI IMMAGINE IL PARMA NON SPENDE MENO DEL CATANIA. IL COMMERCIALISTA MAROTTA RISPONDE AI DUBBI DI SCHIANCHI A CALCIO & CALCIO

DENTRO IL BILANCIO / OGNUNO DEI 56 PUNTI DEL PARMA 2011-12 E’ COSTATO 767.951,8 EURO

DENTRO IL BILANCIO / IL PERSONALE DEL PARMA COSTA BEN DI PIU’ DI QUELLO DEL CATANIA…

UDINESE, GENOA E PARMA SONO LE SQUADRE ITALIANE SPECIALIZZATE NEL “PLAYER TRADING”

IL COMMERCIALISTA LUCA MAROTTA ANALIZZA PER STADIOTARDINI.IT IL BILANCIO DEL PARMA: “DEL DOMAN NON V’E’ CERTEZZA”. LE TENSIONI DI LIQUIDITA’ DIPENDONO DAL DISALLINEAMENTO TRA RICAVI ED ENTRATE

VULPIS: “BILANCI IN UTILE, MA CON I RICAVI DA STADIO, NON CON LE PLUSVALENZE…”

IL BILANCIO DEL PARMA VISTO DA SCHIROLI: “L’OPERAZIONE GIOVINCO E’ DA MANUALE, ANCHE SE LA PLUSVALENZA NON HA PORTATO DENARO FRESCO PER EVITARE LE TENSIONI DI LIQUIDITA’”

NONOSTANTE LA PLUSVALENZA RECORD PER GIOVINCO L’ULTIMO BILANCIO DEL PARMA E’ IN PERDITA E PERSISTONO LE TENSIONI DI LIQUIDITA’. MA ALMENO FINO A FINE 2013 E’ GARANTITA LA CONTINUITA’ AZIENDALE

LA ROSEA CERTIFICA L’UTILE DI BILANCIO DEL PARMA

GHIRARDI E I CONTI DEL PARMA SECONDO LA ROSEA

IL FALSO STORICO DI GHIRARDI SUL DISASTROSO BILANCIO EREDITATO – ECCO LE CARTE CHE DOCUMENTANO COME I DEBITI VERSO LE BANCHE FOSSERO 0 (ZERO) E I LIQUIDI DISPONIBILI OLTRE 11 MILIONI…

LA GAZZETTA E QUELLA IMPRECISA PRECISAZIONE SUI CONTI DEL PARMA

GHIRARDI A SCIENZE MOTORIE (2), IL FALSO STORICO: “LA PRECEDENTE GESTIONE MI HA LASCIATO UN’EREDITA’ PESANTE: IL BILANCIO ERA CATASTROFICO”

GHIRARDI A SCIENZE MOTORIE (1): “E’ UNA FOLLIA CHE IL SISTEMA BANCARIO NON CONSIDERI LE PLUSVALENZE COME RICAVI”

NON E’ DETTO CHE LE PLUSVALENZE SIANO UN INDICATORE DI BONTA’ DI GESTIONE…

LA DILAGANTE MODA DELLE PLUSVALENZE: “I CLUB NON POSSONO ESSERE TRASFORMATI IN CENTRALI DI ACQUISTO. I PRESIDENTI DOVREBBERO PENSARE A MIGLIORARE LO SPETTACOLO SPORTIVO”

GHIRARDI: “A PARMA NON SI RACCOLGONO 3 MILIONI DI SPONSORIZZAZIONI”

GHIRARDI INSISTE: “A PARMA GLI SPONSOR LATITANO”

IL PARMA SCEGLIERA’ DS E ALLENATORE DEL GUBBIO, CHE DIVENTERA’ LA “CANTERA” GIALLOBLU’

SATELLITE GUBBIO: NEL TG DI TELEDUCATO ANGELLA FA I NOMI DEI POSSIBILI DS E ALLENATORE SCELTI DAL PARMA (guarda il video)

SATELLITE GUBBIO / GLI UMBRI HANNO FRETTA, MA IL PARMA NICCHIA…

SATELLITE GUBBIO / LA GAZZETTA DELLO SPORT ANNUNCIA: RAGGIUNTA L’INTESA PER UN RAPPORTO BIENNALE COL PARMA. MA IL GIORNALE DELL’UMBRIA FRENA: “I TEMPI SI ALLUNGANO”

CALCIO & CALCIO / LEONARDI, RISPONDE A MAJO SUL GUBBIO

LEONARDI SPIEGA A STADIOTARDINI.IT I PROGETTI GUBBIO E NOVA GORICA: “SE TUTTO ANDRA’ IN PORTO GLI SLOVENI SI ALLENERANNO A COLLECCHIO DAL 15 GIUGNO AGLI ORDINI DI APOLLONI” – video

PARMA E GUBBIO: L’AMORE APPENA NATO E’ GIA’ FINITO? AGLI UMBRI NON E’ PIACIUTO CHE IL GIA’ PROMESSO LUCARELLI ANDASSE AL PERUGIA, E NON SONO CONTENTI DEL ‘RIMEDIO’ DI CHIARA…

IL PIANETA PARMA E I SUOI SATELLITI / CRISTIAN BUCCHI, NUOVO ALLENATORE DEL GUBBIO, HA FIRMATO IERI SERA A COLLECCHIO

CELEBRATO IL FIDANZAMENTO GUBBIO/PARMA. LEONARDI: “VORREMMO ARRIVARE A SPOSARCI E A MANTENERE l’UNIONE”. SU CHIBSAH: “IL SASSUOLO INSISTE, MA NOI NON MOLLIAMO…”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “FAIR PLAY FINANZIARIO / L’INCIDENZA DEL COSTO DEL PERSONALE SUL FATTURATO, AL NETTO DELLE PLUSVALENZE, SUPERA LA SOGLIA MASSIMA DEL 70%: IL PARMA RISCHIA UN “WARNING” DELLA UEFA

  • 26 Marzo 2014 in 15:31
    Permalink

    A proposito di ricavi extra-calciomercato sai qualcosa in merito ai proventi dei diritti televisivi in digitale terrestre? Il Parma è tra le società rimaste “fregate” dal crack dahlia, per il prossimo campionato potrà negoziare nuovi accordi o la situazione è ancora bloccata? grazie come sempre

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI