IL COLUMNIST / I 5 MALI DEL MILAN SECONDO LA ROSEA E I 5 BENI DEL PARMA SECONDO ME

Luca Russo (www.ilcolumnist.net) – Secondo i milanologi (e non) della Gazzetta dello Sport, sono cinque le ragioni alla base della lunghissima e ormai quasi irreversibile crisi del (povero) Diavolo. Cinque motivi che ieri sono stati sparati, urlati sulla prima pagina del ben noto quotidiano milanese. Il primo capo d’accusa è per il presidente Silvio Berlusconi: “Per ragioni di bilancio ha deciso di vendere i grandi senza programmare il futuro”. Il secondo ha come destinatario la misteriosa, ma risoluta Lady Barbara: “Con il suo strappo ha portato il caos in società, ma dopo la pace è stata alla finestra…”. Il terzo è diretto all’amministratore delegato Galliani e alle sue mosse in sede di mercato: “Non ci sono più i soldi di un tempo e le sue scelte di mercato sono state un flop. E ora Alex?”. Il quarto coinvolge Clarence Seedorf: “Ha perso 6 volte nelle prime 11 partite: e se fosse piuttosto un gran dirigente?”. Il quinto e ultimo non poteva essere dedicato che alla presunta o potenziale star dei rossoneri, Mario Balotelli: “Nello spogliatoio c’è chi non lo sopporta e anche i tifosi si stanno stufando”. Questi ragionamenti filano, hanno una loro logica e non fanno una grinza. La crisi dei rossoneri è molto più complessa ed articolata di quanto ci dica il terreno di gioco. Allegri ha pagato per tutti e dovuto rispondere perfino di responsabilità che non gli appartenevano. Il suo esonero avrebbe dovuto mettere a nuovo, o quantomeno rigenerare, il motore del Milan, intossicato dalle scorie di un avvio di stagione col freno a mano tirato. Non è andata così. Con Seedorf, di là dei belli ed eleganti teoremi sulla filosofia del sorriso e al netto delle intenzioni di calcio propositivo, i rossoneri non sono (ancora) riusciti ad innestare marce più alte di quelle ingranate col tecnico livornese al volante. Qualcosa vorrà pur dire. Se hai una Fiat Panda, con rispetto parlando, non puoi chiederle prestazioni tipiche di una Ferrari. E se hai una Ferrari non puoi pensare di limitarla ai 100/120 all’ora come faresti se fossi alla guida di una Panda. Se Seedorf ha osato e sta osando un po’ troppo (considerando il materiale umano e tecnico a sua disposizione), Allegri di coraggio ne ha avuto addirittura troppo poco. Il velleitario 4-2-4 fantasia dell’olandese fa a cazzotti col timido 4-3-2-1 e speriamo in Balotelli del coach livornese. Nel calcio, e specialmente nel calcio moderno, tolto Guardiola che riesce ad imporsi solo se ha il controllo assoluto dell’attrezzo e dell’avversario, vincono gli equilibristi, mica gli integralisti del gioco con le bollicine. Guardate Roberto Donadoni: da quando ha smesso di prestarsi ad esperimenti tattici perlomeno azzardati; da quando ha accantonato l’idea del calcio propositivo ad ogni costo; insomma, da quando ha capito che si può attaccare senza scoprirsi eccessivamente e che ci si può difendere anche senza rinunciare alla possibilità di andare a stanare il nemico nella sua metà campo, il motore dei Crociati gira che è una meraviglia. In medio stat virtus, dicevano i latini. E non lo dicevano a caso. Comunque, se sono cinque le ragioni per cui il Milan è in panne, sono altrettanti i motivi per cui il Parma infila un giro veloce dopo l’altro. E altrettanti i personaggi, che lavorano per conto del club o che gravitano nella sua orbita, a cui va riconosciuto il merito di aver saputo creare il clima giusto attorno alla squadra, mettendola finalmente in condizione di potersi accomodare sulle poltroncine con vista sull’Eurozona. Il parallelo coi rossoneri è interessante. Il primo applauso va rivolto a Tommaso Ghirardi: se Berlusconi ha chiuso i rubinetti e il portafogli nel tentativo di rimettere in sesto ed in piedi il bilancio del club, senza preoccuparsi troppo (almeno in apparenza) delle conseguenze che una tale politica poteva sortire sul terreno di gioco, il bresciano ha investito, e nemmeno poco, col chiaro intento di coniugare risultati economici e sportivi. Fin qui il compito gli è riuscito alla grande. Il secondo bravo (che in realtà è un brava!) dobbiamo recapitarlo a Carolina Marcialis: mentre le sparate di Lady B hanno scompaginato gli equilibri societari del club rossonero, i non sempre teneri cinguettii di Lady C hanno evitato che Cassano restasse impallinato dal fuoco dei suoi supposti detrattori. Il terzo pollice all’insù lo dobbiamo allo Zar Leonardi, una sorta di massaia prestata al mondo del pallone: fare le nozze con le risorse, non solo materiali, ma anche di immagine, che può movimentare Galliani, è un conto; farle coi fichi secchi di cui dispone il Plenipotenziario Crociato, è tutta un’altra storia. Quest’anno Leonardi non ha sbagliato un colpo che sia uno. E nel mercato di gennaio, durante il quale di norma non si fanno grossissimi affari, è riuscito ad accaparrarsi, tra gli altri, Molinaro e Schelotto, ossia gente che ha impiegato pochissime giornate per lasciare un segno tangibile nella nostra classifica. Il tutto senza spendere un solo euro. Al contrario, riuscendo addirittura a guadagnarne. Una casalinga non avrebbe saputo far meglio e ricavare così tanto, spendendo così poco. Un ‘mi piace’ se lo merita anche Donadoni: Clarence Seedorf è giunto al Milan senza curriculum né lettera di presentazione; l’allenatore di Cisano Bergamasco è approdato in Emilia solo dopo averne sopportate di cotte e di crude tra Lecco, Livorno, Genoa, Nazionale, Napoli e Cagliari. Clarence Seedorf ha perso 6 delle sue prime 11 partite; Donadoni ha vinto o pareggiato le sue ultime 15. Serve altro? L’ultimo elogio lo indirizziamo ad Antonio Cassano: questa doveva essere la stagione della definitiva esplosione di Mario Balotelli, e invece ha discrete possibilità di trasformarsi nell’annata che rilancia le quotazioni del Discolo di Bari vecchia; dal mondiale di SuperMario rischiamo di passare al mondiale di FantAntonio. Con Pepito Rossi fermo per infortunio e un reparto d’attacco ridotto all’osso, Prandelli come minimo un pensierino ce lo farà. Esclusa quella che ha preceduto la gara contro la Sampdoria (sua vecchia e indimenticata fiamma), di cassanate non ne abbiamo registrate (le balotellate, invece, non sono affatto mancate). Le incomprensioni e le scenate di gelosia di gennaio ce le siamo messe alle spalle. Chissà che non si ripropongano in estate. Non ce lo auguriamo. Intanto, godiamoci questo Parma che si diverte a fare il Milan. Beninteso: il Milan degli anni d’oro, mica quello degli Zapata e dei Constant. Luca Russo (www.ilcolumnist.net)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “IL COLUMNIST / I 5 MALI DEL MILAN SECONDO LA ROSEA E I 5 BENI DEL PARMA SECONDO ME

  • 14 Marzo 2014 in 13:27
    Permalink

    Bravo Luca. Vedo che stai attento a quel che scrivo. Ripetita juvant. Che i gobbi non ci entrano

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI