domenica, Luglio 21, 2024
In EvidenzaNews

L’INCREDIBILE STORIA DI LAMBERTO BORANGA CONTINUA: A BUDAPEST CONQUISTA IL TITOLO MONDIALE DI SALTO IN ALTO CATEGORIA M 70

image(gmajo) – Uno dei post di stadiotardini.it ciclicamente più cliccati è quello scritto da Riccardo Schiroli a fine agosto dal titolo: “L’incredibile storia di Lamberto Boranga”: ebbene, l’ex portiere crociato, alla veneranda età di 71 anni (compiuti ad ottobre), dopo essersi messo in mostra al Trofeo del Centenario negando a freddo, con un formidabile colpo di reni un gol a Tino Asprilla (il video di Parma Channel è stato imagevisto da oltre mezzo milione di persone), ha ieri compiuto una grande impresa a Budapest, in Ungheria, conquistando il titolo mondiale nella categoria M70 nel salto in alto, chiudendo a pari merito con il romeno Aurel Berbece, superando la misura di un metro e 43 centimetri. Un risultato eccezionale, considerando che il meraviglioso highlander era reduce da un infortunio al ginocchio. 16 gli atleti in gara. Terzo il finlandese Kyosti Poutiainen, con un metro e 40. Boranga, di professione medico (che abbia fatto indigestione di Gerovital?) e tesserato per l’Olimpia Amatori Rimini, aveva conquistato appena venti giorni fa ad Ancona il titolo italiano nel lancio del peso.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

L’INCREDIBILE STORIA DI LAMBERTO BORANGA

IL TROFEO DEL CENTENARIO, LA VIDEO INTERVISTA A BORANGA

IL TROFEO DEL CENTENARIO, la cronaca di Orazio Vasta e la foto-video gallery amatoriale di stadiotardini.it

CARMINA CENTENARIO / TRA TANTE STELLE AL TARDINI, ALLA FINE ESCE IL SOLE (Crociati-Gialloblù 7-5) – Fotogallery amatoriale dalla Curva Nord

TANTE STELLE IN DUE MAGLIE, GIALLOBLU’ E CROCIATA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".