L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-GENOA 1-1: “NON SEMPRE SI PUO’ VINCERE: ALLA FINE QUESTO PUNTO E’ PESANTISSIMO VISTI GLI ALTRI RISULTATI. CICLO TERRIBILE? SONO OTTIMISTA”

DSC04756(gmajo) – Mentre ieri lasciavo il Tardini, dopo Parma-Genoa 1-1, l’allegra combriccola di ragazzotti del Parma Club Traversetolo mi domandava se, considerato il pari, il bicchiere era da considerarsi mezzo pieno o mezzo vuoto. Lì per lì me la sono cavata dicendo che l’importante era aver pur sempre il bicchiere in mano: ma la consapevolezza dell’importanza di aver comunque mosso la classifica l’avrei avuta alla sera, tirando le somme della intera 29^ giornata di campionato che alla fin fine ci vede salire una posizione giacché ora siamo quinti DSC04654appaiati all’Inter. Certo, sono più i demeriti loropurgati a domicilio dall’Atalanta, desiderosa di lasciare in questo finale di campionato tracce positive di sé: ha già scavalcato il ridimensionato Toro e affiancato il Verona umiliato dalla Sampdoria – che continuano a giocare a Ciapanò, del resto come Milan e Lazio che si sono annullate reciprocamente in un pareggio inutile o utile solo per non perdere ulteriore terreno dai crociati, che rimangono tra i più autorevoli candidati al passaggio in Europa minimo minimo come sesti. E mi piace affermarlo, in modo piuttosto perentorio, anche alla vigilia del cosiddetto ciclo terribile che tanto sta preoccupando gli uomini di poca fede di fede crociata. Non vorrei tirar troppo la corda, giacché Eupalla mi ha assistito nei miei pronostici impossibili fino a questo punto azzeccati (la vittoria di Napoli da cui è partito tutto, il tris di vittorie consecutive dopo il successo sul Torino, la sconfitta a domicilio del Milan), ma rimango dell’idea che al momento attuale il Parma possa misurarsi con tutte e con tutte fare bottino. Sì, certo, anche con la terribile Juventus di Conte, il quale, iersera cacciato dall’arbitro Damato al Cibali, assieme al collega catanese Maran, considerati altri suoi precedenti, difficilmente potrà sedere in panchina contro i Ducali, in quanto è lecito attendersi una squalifica, e la sua assenza (anche se per via di Scommessopoli aveva a suo tempo saltato un cospicuo numero di gare, senza che ci imagefossero particolari ripercussioni sulla marcia dei suoi) potrebbe rivelarsi pesante, essendo indubbiamente uno dei migliori motivatori anche dalla panchina. E per i bianconeri – che continuano a mietere risultati striminziti nel punteggio, con prestazioni non proprio esaltanti – doversi misurare proprio adesso con i secondi nella graduatoria del 2014, che non stanno evidenziando palesi segnali di cedimento, potrebbe rivelarsi deleterio. Quel piangina del Capellone, ieri sera, al microfono di Giuseppe Bisantis di Radio Rai, ha persino avuto da recriminare sui contingenti problemi di organico, perché non avrebbe alternative. Ma se si lamenta lui, con quel che ha speso, malgrado la spending review, la sua società, cosa dovrebbero dire gli altri che si arrabattano con rose decisamente meno attrezzate? Insomma: credo che a questo punto – loro, tra l’altro, sono al centro di un tour de force su più fronti – chi abbia più da rimetterci siano proprio i bianconeri, i quali potrebbero tranquillamente permettersi di accontentarsi di chiuderla pari e patta. Intendimento questo, però, sui quali non dovranno fare i conti i nostri portacolori, giacché la specialità della real casa sarebbe quella di mettercelo in quel posto, scusate il francesismo, dopo averci atto illudere di tornare a casa con il punticino che sarebbe comunque più che onorevole al cospetto di chi sta per vincere il terzo tricolore in stecca (roba che a loro non riesce dai lontanissimi Anni 30). Proprio in vista di una logica amministrazione delle forze – non solo per l’impegno infrasettimanale con i Campioni d’Italia, ma anche degli altri turni ravvicinati – ieri Donadoni ha risparmiato Biabiany (messo dentro solo nel finale di partita in luogo del nuovo Sansone Schelotto, anche ieri in rete) non accontentandosi del turn over forzato imposto dalla squalifica di Marchionni (e, stando al nostro Mister, quello di stadiotardini.it, la sua assenza è stata rilevante, poiché, senza nulla togliere a chi lo ha sostituito, è mancata la gestione dei ritmi e dei palloni scottanti) e dall’infortunio di Gargano. Acquah ha recuperato a tempo di record e Munari, per la prima volta titolare, non hanno… fatto rimpiangere Morrone… Peccato per quella conclusione di Gianni, il quale ha avuto gli attributi di non cercare comode scuse come il vento, per giustificare la sua conclusione a porta vuota davvero da dimenticare. In effetti se alla fine mancano due punti questi possono esser ricercati in questo clamoroso errore sotto porta: evidentemente Eupalla, offesasi perché ci sono dei tifosi o dei tifosi che si improvvisano giornalisti che le negano dei meriti, ha pensato bene di non metterci lo zampino, e di non collaborare con Amauri, pure autore di una molteplice serie di conclusioni, nessuna delle quali realizzatasi, a dimostrazione che il gesto tecnico, per riuscire in gol, non ha bisogno solo della bravura come vorrebbero gli scienziati del pallone. E il calcio non è certo una scienza esatta… Come spiegavo iersera a Federico, nello spazio commenti di stadiotardini.it è evidente che non si possano vincere tutte le partite: in “Bisogna saper perdere” i Rokes, già nel lontano 1967, ammonivano, appunto, “non sempre si può vincere”. Anche se è chiaro che, dopo averci fatto su la bocca battendo il Milan a domicilio, c’era la voglia di mandare al tappetto anche quegli antipaticoni del Genoa, anche per vendicarsi dello sgarro dell’andata. Diciamo che ci sono formazioni che riescono piuttosto di difficile digestione alle altre: ad esempio il Parma al Milan, così come il Genoa al Parma, c’è poco da fare. Essere riusciti a limitare i danni (gli ospiti erano passati per primi in vantaggio, anche se i ducali sono stati bravi a rimediare dopo una decina di minuti) alla fine ha portato in dote la promozione in classifica, in virtù, come ricordavo all’inizio, del capitombolo interno dell’Inter. La Fiorentina, nel contempo, ne ha approfittato per ristabilire un po’ di distanze dalla neo-coppia delle inseguitrici, consolidando il quarto posto, regolando il Napoli un po’ in caduta. Segnali confortanti per i crociati: avere a che fare con squadre che stanno perdendo le proprie certezze (Lazio e Napoli), o comunque non al top (io ci infilo, scusate, anche la Juve) non può che esser confortante, così come il recupero con i giallorossi non è detto che ci debba già vedere vittime sacrificali. Io ho sempre trovato un che di innaturale in questa cavalcata da imbattibili dei nostri eroi, però, appunto, la  si può razionalmente spiegare, oltre che con la propria bravura, anche con la modestia degli altri competitor. I nostri eroi, tra l’altro, hanno come propria caratteristica distintiva quella di esaltarsi con avversari di categoria superiore, ci perdonerà Donadoni – il quale predica sempre che gli avversari di medio e basso lignaggio dovrebbero essere considerati dai suoi allievi alla stessa stregua di quelli di alto, concetto espresso anche alla vigilia di Parma-Genoa ma noi speriamo che continuino a disobbedirgli per le prossime quattro gare. Poi, quando gli avversarti torneranno normali, promettiamo di dargli manforte, nel sostenere che Juventus e Catania sono la stessa cosa benché al momento separate da appena 58 punti in classifica. 58 punti di distanza che, peraltro, iersera non mi sono parsi così evidenti. Un altro aspetto che mi fa essere ottimista, per l’imminente tour de forceè il fatto che ultimamente il Parma si esprime meglio in trasferta (come dimostrato dal perfezionamento del record di vittorie consecutive) che tra le mura amiche. Don Donadoni, ieri nella Omelia post gara, ne ha approfittato per recitare un altro dei suoi celebri salmi, quello per cui tutti i terreni di gioco sono grandi uguali, e quello che succede sugli spalti non riguarda gli atleti in campo che debbono essere concentrati solo su quello… Sarà: ma ieri mi è parso che ad un certo punto Amauri avesse alzato le braccia per chiedere un maggiore sostegno del pubblico in uno dei momenti topici del match. Insomma, anche il pubblico fa la sua parte. E proprio per questo nei giorni scorsi mi ero permesso di criticare in modo propositivo l’ultimo coro della Curva Nord quello che sostanzialmente dice “Chi se ne frega dell’Europa League”: a parte la spiacevole sensazione di piaggeria verso la società che emana, io penso che l’ambizione dei tifosi non dovrebbe essere seconda al campanilismo. Quel coro andava bene al Mapei Stadium, decisamente meno a San Siro. Fornire alibi prima ancora della conclusione del torneo non mi pare propriamente geniale. Posto che i giudizi finali si trarranno alla fine e non adesso, non mi trovo d’accordo con chi asserisce che il mancato raggiungimento dell’Europa non debba essere considerato motivo di biasimo. Appunto vedremo come andranno le cose, ma con quelli che sono stati gli investimenti fatti, al lume della serie positiva fin qui condotta, e considerata la palese inconsistenza degli altri avversari, ove ci fosse una involuzione tale da buttare la qualificazione alle ortiche, sarebbe motivo di biasimo, eccome! Cerchiamo di avere un po’ di mentalità vincente e non facciamo i falsi modesti. Se iniziamo a pensare a feste di squalificazione o a fare cori da perdenti che stimolo ulteriore possiamo offrire alla squadra? Cori del genere non rendono nemmeno onore al presidente Ghirardi che generosamente (e io da grillo parlante sottolineo: anche troppo generosamente) non ha badato a spese per allestire lo squadrone. Capisco, infine, la costernazione di quei tifosi delusi dal pareggino di ieri (tra i quali anche il buon Savarese, il quale, peraltro, non ha tutti i torti con la sua riedizione del trapattoniano non dire gatto fin che non è nel sacco) in prospettiva del ciclo terribile alle porte, ma io, per le varie ragioni sopra esposte, mi sento ottimista: senza essere eccessivamente spavaldi bisogna saper essere consapevoli dei propri mezzi e delle proprie possibilità: per me il Parma mercoledì sera può andare a battere la Juve…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 pensieri riguardo “L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-GENOA 1-1: “NON SEMPRE SI PUO’ VINCERE: ALLA FINE QUESTO PUNTO E’ PESANTISSIMO VISTI GLI ALTRI RISULTATI. CICLO TERRIBILE? SONO OTTIMISTA”

  • 24 Marzo 2014 in 13:16
    Permalink

    Sono preoccupato per la mia salute mentale. Dopo aver inviato il mio articolonzo compare quello di Majo che dice praticamente gli stessi concetti. Mi aspetto ora di essere oggetto di un TSO. Che sta per Trattamento Sanitario Obbligatorio

  • 24 Marzo 2014 in 15:36
    Permalink

    Sono sostanzialmente d’accordo su tutto.
    Più che differenze tra casa e trasferta e grandi – piccole credo che il Parma abbia dimostrato di soffrire un po di più contro gli avversari che si chiudono per poi tentare di ripartire. Me lo fa pensare soprattutto il filone di pareggi interni chievo – bolgna – cagliari e genoa.
    Con la lazio sarà molto importante.

    • 24 Marzo 2014 in 15:43
      Permalink

      Appunto: quel filone da te ricordato, a maggior ragione, consolida le mie sensazioni sul fatto che il Parma non sia una vittima sacrificale predestinata nelle prossime quattro gare.

      Cordialmente

      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI