martedì, Maggio 21, 2024
NewsUn uomo in due maglie

UN UOMO IN DUE MAGLIE / GIOVANNI GALLI TRA MILAN E PARMA

(Luca Savarese) – Nato nella città di Galilei, sostenne il piano inclinato di alcune squadre, in quella terra di nessuno che è l’area piccola, il piccolo grande regno, silenzioso e urlante, dei portieri. Signore e signori, il protagonista dell’odierno “Un uomo in due maglie” è Giovanni Galli, pisano, nato nel 1958, il 29 aprile, giorno di Santa Caterina da Siena, conflitto d’interessi con i senesi? No,semplicemente grandi interessi a fare il bene dei pali delle proprie formazioni. Una vita a Firenze, dal 1977 al 1986, quando vi arriva l‘Italia è semplicemente una nazionale, quando lascia la viola, l’Italia nel frattempo è diventata campione del mondo e nella competizione iridata del 1986 nelle alture messicane, la riga di porta è difesa dalla sua altezza, di braccia e di gambe, ma soprattutto interiore, di un uomo se qualche volta fuori dai pali, mai fuori dalle righe. Il Milan di Sacchi venuto al mondo a miracol calcistico mostrare, ha in lui il suo primo tassello di un mosaico perfetto, l’alfa di un progetto la cui omega offensiva risponde al nome di Marco Van Basten; da Giovanni a Marco, gli evangelisti di Messia-Arrigo non solo svolgono bene le loro mansioni, ma sono veri e propri missionari di una vocazione nuova, quella che ai rigidi reparti sostituisce le fasi, quella che all’attesa preferisce il pressing. Giovanni Galli è il primo alano di quegli strepitosi cani da caccia. Il numero uno di una grande corazzata, alla fine con i rossoneri le statistiche, quei palloni ben parati dalla memoria, diranno di 98 presenze e 63 gol incassati. Ritmi, da numeri uno. Da Milano, Giovanni va a Napoli, dove non trova la Maginot milanista e le reti che va a raccogliere in fondo al sacco, saranno più numerose, 122, in altrettante, 98, presenze. Per una difesa partenopea, non solo oggi ballerina. E’ il momento giusto perché il suo percorso incontri l’itinerario del Parma: Giovanni arriva nel Ducato sul viale del tramonto, a 37 anni, anche se per un portiere forse il tramonto coincide spesso con nuove albe, a fare il secondo di lusso di un primo monstre come Luca Bucci. Non è un caso che l’estremo difensore bolognese viva una delle sue migliori annate guidato dagli occhi e sotto le ali protettive di Giovanni Galli, che 10 partite le fa e che lancia e consiglia Bucci nella doppia finale di Uefa contro la Juve, dove Bucci-Davide ferma i vari Golia della Juve. Il sipario della carriera di Galli si chiude a Lucca, nello stadio Porta Elisa. Una porta ben più grande di quelle regolamentari Giovanni, però, la difenderà nel primo anno degli anni Duemila, quando il figlio Niccolò, promessa delle giovanili del Bologna, finisce la sua vita terrena in un incidente stradale su un motorino. Giovanni para il tiro più beffardo, quello del dolore, che non subisce, ma accoglie e prova a coccolare come una palla presa con i guantoni della speranza. Da questa sua esperienza, che gli permette di non subire passivamente la punizione senza barriera della morte, nasce un percorso, che poi diventa anche un libro, La vita ai tempi supplementari, edito da Rizzoli nel 2010 in cui si sente e si tocca tutta la serenità di un uomo educato a volare alto, perché dall’Alto ha ricevuto la linfa per parare i tiri di Maradona ed i colpi bassi della vita. “Un grande uomo in due maglie”. Luca Savarese

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “UN UOMO IN DUE MAGLIE”, STAGIONE 2013-14

1. ALBERTO PALOSCHI TRA PARMA E CHIEVO (24.08.2013)

2. NESTOR SENSINI TRA UDINESE E PARMA (31.08.2013)

3. DIEGO FUSER E ABEL BALBO TRA PARMA E ROMA (15.09.2013)

4. JOHAN WALEM TRA CATANIA E PARMA (21.09.2013)

5. DAMIANO ZENONI TRA PARMA E ATALANTA (25.09.2013)

6. SEBASTIEN FREY TRA FIORENTINA E PARMA (29.09.2013)

7. TANTE STELLE IN DUE MAGLIE, GIALLOBLU’ E CROCIATA (12.10.2013)

8. ADRIAN MUTU TRA VERONA E PARMA (18.10.2013)

9. ROBERTO MUSSI TRA PARMA E MILAN (25.10.2013)

10. GIANLUCA SIGNORINI TRA GENOA E PARMA (30.10.2013)

11. LILIAN THURAM TRA PARMA E JUVENTUS (02.11.2013)

12. JUAN SEBASTIAN VERON TRA PARMA E LAZIO (08.11.2013)

13. FABIO CANNAVARO TRA NAPOLI E PARMA (23.11.2013)

14. ADAILTON TRA PARMA E BOLOGNA (29.11.2013)

15. NICOLA BERTI TRA INTER E PARMA (07.12.2013)

16. PATRICK MBOMA TRA PARMA E CAGLIARI (14.12.2013)

17. ENRICO CHIESA TRA SAMPDORIA E PARMA (20.12.2013)

18. ANDREA GASBARRONI TRA PARMA E TORINO (04.01.2014)

19. EMANUELE FILIPPINI TRA LIVORNO E PARMA (10.01.2014)

20. BERNARDO CORRADI TRA CHIEVO E PARMA (17.01.2014)

21. DAMIANO FERRONETTI TRA PARMA E UDINESE (24.01.2014)

22. HIDETOSHI NAKATA TRA ROMA E PARMA (01.02.2014)

23. ALESSANDRO POTENZA TRA PARMA E CATANIA (07.02.2014)

24. MAURIZIO GANZ TRA ATALANTA E PARMA (14.02.2014)

25. PAOLO VANOLI TRA PARMA E FIORENTINA (22.02.2014)

26. SANSONE, ROSI, MENDES, ROSSINI E SCHELOTTO TRA SASSUOLO E PARMA (28.02,2014)

27. UN UOMO IN DUE MAGLIE / FILIPPO MANIERO TRA PARMA E VERONA (07.03.2014)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".