CALCIO & CALCIO / IL SALTIMBANCO INCAPPUCCIATO: «DONADONI E I GIOCATORI DOVREBBERO COPRIRSI IL VOLTO PER LA VERGOGNA!». E MAJO ANTICIPA LE NOVITA’ IN SOCIETA’

image(Lorenzo Fava) – BONI INCAPPUCCIATO – La sconfitta di Cagliari ha fatto crescere il rammarico tra i tifosi telespettatori e gli opinionisti del parterre di Calcio & Calcio (talk show in onda per la 35^ volta in stagione su Teleducato), che si sono espressi sulle reali possibilità che rimangono al Parma, allo stato attuale delle cose, per centrare il 6° posto, valido per l’Europa League. In studio era presente, come di consueto, il direttore di StadioTardini.it Gabriele Majo affiancato DSCF4357dalla giovane firma di calcionews24.com Daniele Longo; immancabili il TulloSauro Baroni e la sua pipa, mentre gli studi di via Barilli (e i telespettatori da casa) hanno potuto godere della presenza della première dame Francesca Goni, che iersera, però, piuttosto castigata, non ha concesso nulla agli sguardi viziosi dei suoi fans: l’unica parte scoperta – come a microfoni spenti ha maliziosamente chiosato Majo a sipario calato – era il suo uccello… (tatuato sul piede). Non mancava di certo il Saltimbanco  Enrico Boni, che ha esordito con un imagesacco bianco calato sul volto tenuto nascosto per tutto il corso del dibattito in segno di protesta: «Angella, io mi presento così per la vergogna e perché dovrebbero seguire il mio esempio ii calciatori e l’allenatore. A Cagliari è stata una partita vergognosa! I giocatori e l’allenatore si coprano il capo e stiano in silenzio. Si vergognino!!».

DSC07900POLLAIO CROCIATO – Il conduttore Michele Angella ha sottolineato che il calendario degli ultimi impegni è (ed era,se si considera pure il match in Sardegna di domenica gettato alle ortiche) tutto in discesa per i Crociati che, se non dovessero essere bravi a sfruttarlo, «dovrebbero darsi delle martellate sui piedi. E intanto un colpo ce lo siamo già sferrati. Se poi non facciamo risultato nemmeno contro la Sampdoria, allora siamo dei polli». Il cammino in discesa, però, non illude Majo, il quale, ha snocciolato i limiti stagionali dei donadoniani, apparsi evidenti in imageSardegna: «Il calendario può essere anche favorevole, ma il Parma ha dimostrato di non saper sfruttare proprio queste occasioni… Certi peccati, poi, durano dall’inizio della stagione ed erano presenti anche nel periodo positivo della squadra, quando si conseguirono quei famosi 17 risultati utili consecutivi, solo che erano latenti, celati proprio da quei risultati positivi. Ad esempio io non ricordo partite giocate dal Parma con intensità dall’inizio alla fine». Per il Saltimbanco la colpa è sempre di uno solo. Donadoni. «Inutile assolvere il Parma di Cagliari per la reazione nel 2° tempo. Ma si poteva giocare peggio del primo?? Se io fossi stato Ghirardi avrei esonerato Donadoni nell’intervallo, andando personalmente in panchina!!! Se Donadoni non c’entra l’Europa, si deve dimettere! DSC07893Ma non lo farà mai». Daniele Longo, ha posto l’accento su un limite strutturale della squadra crociata, l’attacco: «La differenza con le concorrenti la fanno i terminali offensivi. Immobile e Toni hanno fatto 20 gol a testa nel Torino e nel Verona, che erano squadre partite con ben altre ambizioni di classifica». Per la penna di calcionews24.com, tuttavia, i portoni dell’Europa non sono ancora chiusi: «Lazio e Parma hanno il calendario più agevole. Se la Lazio fa risultato pieno col Torino, la squadra di Reja ha la strada in discesa. Il Parma domenica ha un solo risultato, ma alcune cose DSC07894all’interno dello spogliatoio devono essere riviste». Lapidario e, quasi, apatico Tullo Baroni, che, controtendenza, ha esaltato i meriti del Cagliari: «In campo ci vanno anche gli avversari però… Tutti aspettano alla morte il Parma, anche le squadre di 5^ categoria!». Majo, però, è intervenuto in tackle su di lui, zittendolo così: «Tullosauro, non scherziamo: il Cagliari o le squadre di 5^ categoria aspetteranno alla morte la Juve o il Milan, o l’Inter e non certo il Parma. E’ il Parma che l’ha buttata via! Poche balle…».

DSC07908DONADONI E LA PRESUNTA MANCANZA DI ABITUDINE A LOTTARE PER OBIETTIVI IMPORTANTI DEL PARMA – L’anchor man Angella ha quindi sottoposto al parterre, con l’ausilio della grafica, le dichiarazioni di Donadoni al termine del match contro i sardi, che lo hanno fatto sobbalzare dalla sedia non appena udite: «Quando non c’è l’abitudine a lottare per obiettivi importanti, un po’ di timore eccessivo subentra. Questo è un salto di qualità al quale dobbiamo lavorare tutti insieme». La mente del programma, perciò, si è chiesto chi, tra i imagegiocatori in rosa, non avrebbe l’esperienza per centrare certi traguardi: Cassano? Marchionni? Gargano? Amauri? Molinaro? Paletta?  «Non accetto che si dica che questa squadra non ha l’esperienza giusta per arrivare a certi obiettivi». Gabriele Majo ha provato a tradurre il verbo del mister: «Forse alludeva alla squadra nel suo insieme e non ai singoli che la compongono, ma per la carta d’identità questa è la squadra più esperta della Serie A!». La vecchia volpe Baroni ha sentenziato che si è trattato comunque di una «frase infelice. Dovrebbe essere proprio l’allenatore a inculcare quel qualcosa in più». Così il Saltimbanco Boni: «Se questa è una squadra non abituata a certi livelli, DSCF4322allora il signor Cerri gioca al compimento del 30° anno! Per raggiungere certi traguardi ci vuole chi la butta dentro: voglio Amauri!!! Non è possibile che Donadoni si prenda a male con i suoi calciatori: quest’anno c’è l’italo-brasiliano, l’anno scorso il capitano Morrone solo perché ai tempi di Livorno gli aveva offerto un cacciucco che era stato indigesto! Palladino, invece, lo fa giocare perché con lui aveva mangiato una buona frittura…».

DSCF4293SUPERMULTA A FELIPE – Il fallo del rigore, poi trasformato dagli isolani, causato da Lucarelli e l’espulsione per lo scatto di nervi di Felipe: questi i due episodi che sono costati carissimo al Parma e che sono finiti sotto processo nel tribunale di Calcio & Calcio. Così Daniele Longo, che ha sottolineato come il mercato di gennaio abbia depauperato la retroguardia: «L’espulsione di Felipe è scriteriata, soprattutto per un giocatore della sua esperienza. Dopo una stagione fantastica Lucarelli ha bisogno di rifiatare, ma a gennaio non sono arrivate riserve all’altezza in difesa, dopo le partenze di Benalouane, Rosi e Mendes». Boni ha sparato a zero sull’ex DSCF4347Udinese e Fiorentina, arrivato in estate dopo un anno passato al Siena: «Felipe deve prendere 55 mila euro di multa. 50 mila alla società e 5.000, cioè il 10%, a me! Non si può presentare un Felipe in queste condizioni e lasciare un giocatore acquistato a gennaio come Rossini – che i miei informatori dicono essere anche un discreto calciatore – senza fargli fare nemmeno un minuto! Se non altro con la partita del Sant’Elia siamo sicuri che è finita l’esperienza nel Ducato di Felipe».

LA CONFERENZA BALLERINA Nell’ultima parte di trasmissione il parterre ha parlato della conferenza stampa indetta da Ghirardi per oggi pomeriggio a Collecchio. Ma per quale motivo Ghirardi ha chiamato a raduno i giornalisti? Cosa dovrà mai comunicar loro? Il “cane da tartufo” Majo, dopo aver raccolto preziose indiscrezioni, pubblicate su imageStadioTardini.it poco prima della trasmissione, le ha esposte anche negli studi di Teleducato nel corso della diretta: «Folletto mi ha escluso categoricamente la possibilità di entrare in società, mentre ha confermato l’impegno di sponsorizzazione della maglia già sottoscritto, per le gare di Campionato e Coppa Italia della prossima stagione;per l’eventuale Europa League, invece, vantano un diritto di prelazione. Inizialmente io pensavo che questa conferenza potesse riguardare la presentazione della riqualificazione dello stadio, per la quale, da tempo c’è uno stretto feeling con l’amministrazione comunale e qualche imprenditore locale, però, dopo ulteriori riscontri, mi risulta che sia stata indetta per la presentazione di un ‘nuovo’ sponsor molto imageimportante, quasi ai livelli di Folletto, Energy I.T., che già gravitava nella galassia Parma quale sponsor di maglia del satellite Nova Gorica. Intanto si tratterebbe di una sponsorizzazione piuttosto forte, ma non escluderei qualche ulteriore possibilità di business in più,». Francesca Goni ha gettato il sasso e tirato indietro la mano, facendo intendere di avere qualche informazione all’oscuro degli altri opinionisti: «Secondo me, potrebbe riguardare lo stadio DSCF4346e la sua ristrutturazione, magari l’impianto fotovoltaico». Significativo il lapsus di Tullo Baroni: «La mia sensazione è che domani entrerà un nuovo socio di Leonardi, pardon di Ghirardi». Infine, la boutade del Saltimbanco, con tanto di citazione contestata da Angella: «Come disse Obama, I have a dream: spero che domani Ghirardi e Donadoni si presentino per spiegare che interrompono il loro rapporto». Lorenzo Fava

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LA CONFERENZA DI TOM GHIRARDI? POTREBBE ESSERE PER LA PRESENTAZIONE DI UNA NUOVA SINERGIA CON “ENERGY T.I. GROUP” (GIA’ SPONSOR DEL NOVA GORICA)

QUELLA CONFERENZA STAMPA BALLERINA DI GHIRARDI…

CALCIO & CALCIO – Il video integrale della puntata di ieri sera e la fotogallery amatoriale dal backstage con Francesca Goni

image

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA DI IERI SERA DI CALCIO & CALCIO (web registrazione a cura di Alex Bocelli)

CLICCA QUI PER GUARDARE LA FOTOGALLERY AMATORIALE DAL BACKSTAGE (CON FRANCESCA GONI)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / IL SALTIMBANCO INCAPPUCCIATO: «DONADONI E I GIOCATORI DOVREBBERO COPRIRSI IL VOLTO PER LA VERGOGNA!». E MAJO ANTICIPA LE NOVITA’ IN SOCIETA’

  • 29 Aprile 2014 in 13:16
    Permalink

    Caro Majo, possiamo definirla un vero “topolone da tartufo”, se mi è concessa l’espressione…

    • 29 Aprile 2014 in 13:38
      Permalink

      Va benissimo, Gustavo… E grazie ancora per lo sprone…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI