CALCIO & CALCIO PIU’ / ANGELLA: "IL PRESIDENTE DELLA ENERGY TI GROUP E’ STATO A CAPO DELL’AVELLINO E FU DIRETTORE GENERALE DELLA PARMIGIANA BONATTI"

image(Evaristo Cipriani) – Si conosce ancora poco della Energy TI Group, la società di servizi energetici appena entrata a far parte del capitale azionario del Parma FC rilevando il 10% delle quote. Qualcosa in più è però iniziato ad emergere questa sera grazie al giornalista di Teleducato Michele Angella nella prima parte della 31esima puntata di Calcio & Calcio Più, la trasmissione del mercoledì sera di Teleducato, in onda in diretta stasera.
michele angella teleducato Ecco infatti le parole del conduttore: "Avevamo contattato l’ufficio stampa della Società di servizi energetici invitando, anche solo per un collegamento telefonico, un proprio rappresentante nella puntata di stasera. Sarebbe stata l’occasione per rivolgere un saluto alla città e al tempo stesso per offrire qualche dettaglio in più sul loro identikit. Peccato che, sia l’ad Roberto Giuli che i suoi stretti collaboratori, fossero tutti impegnati e non avessero nemmeno 3 minuti di tempo nuovi soci per ghirardiper collegarsi con la nostra diretta al telefono. A proposito dei nuovi soci crociati – ha poi proseguito Angellaabbiamo ricevuto diverse richieste da parte di nostri telespettatori per sapere chi siano gli azionisti di questa società. Al momento non siamo in grado di fornirvi informazioni approfondite, c’è però una curiosità di cui intendiamo farvi partecipi. Nel sito web della Energy Ti  Group (www.energytigroup.it, clicca su profilo della compagnia e poi su Corporate Governance, nda) ha spiegato Angellaviene indicato come presidente del CdA il nome di Gaetano Tedeschi, come risulta confermato anche da apposita visura camerale. Si tratta dello stesso Gaetano Tedeschi, ingegnere romano, classe 1953, numerose esperienze proprio nel campo dell’energia, il quale dal 1991 al 1994 e poi anche nella stagione 2003/2004 fu presidente dell’Avellino Calcio. Ed è lo stesso Gaetano Tedeschi che alcuni anni fa, alla guida di una cordata imprenditoriale, tentò di acquistare prima la Cremonese e poi il imageVicenza. C’è poi un altro particolare che lega l’ingegner Tedeschi a Parma: dal 1988 al 1997 fu, infatti, direttore generale della impresa di costruzioni parmigiana Bonatti Spa, allora in orbita Parmalat. Siamo dunque di fronte – ha concluso Angellaad un manager che ha già esperienza nel mondo del calcio e che è molto ambizioso, come testimoniano anche i tentativi di scalata a Cremonese e Vicenza".

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

SECONDO LA GAZZETTA DI PARMA IL PRIMO EFFETTO DELL’ARRIVO DI ENERGY T.I. NELLA SOCIETA’ CROCIATA E’ IL RINNOVO DEL CONTRATTO DI PIETRO LEONARDI FINO AL 2019

I VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DI “ENERGY T.I.”, IL NUOVO SPONSOR E SOCIO DEL PARMA FC E IL COMUNICATO UFFICIALE

GHIRARDI: “CHI DICE CHE NON VOGLIAMO ANDARE IN EUROPA LEAGUE SI DEVE VERGOGNARE!”. E SUGLI ARBITRAGGI: “DOPO CHE SIAMO ARRIVATI QUINTI IN CLASSIFICA ABBIAMO AVUTO DUE ESPULSI…”

GIULI A STADIOTARDINI.IT: “ENERGY T.I. APRIRA’ ENTRO GIUGNO UNA SEDE A PARMA E OFFRIRA’ AI TIFOSI CONVENIENTI SERVIZI DEDICATI PER ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE”

CONFERMATA L’ANTICIPAZIONE DI STADIOTARDINI.IT: ENERGY T.I. E’ IL NUOVO MEGA-SOCIO DI GHIRARDI, CHE ENTRA DIRETTAMENTE NEL CAPITALE DEL PARMA F.C. VERSANDO 25 MILIONI IN 10 ANNI

LA CONFERENZA DI TOM GHIRARDI? POTREBBE ESSERE PER LA PRESENTAZIONE DI UNA NUOVA SINERGIA CON “ENERGY T.I. GROUP” (GIA’ SPONSOR DEL NOVA GORICA)

QUELLA CONFERENZA STAMPA BALLERINA DI GHIRARDI…

CALCIO & CALCIO – Il video integrale della puntata di ieri sera e la fotogallery amatoriale dal backstage con Francesca Goni

CALCIO & CALCIO / MAJO ANTICIPA LE NOVITA’ IN SOCIETA’

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

19 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / ANGELLA: "IL PRESIDENTE DELLA ENERGY TI GROUP E’ STATO A CAPO DELL’AVELLINO E FU DIRETTORE GENERALE DELLA PARMIGIANA BONATTI"

  • 30 Aprile 2014 in 22:48
    Permalink

    Speriamo che i risultati siano diversi…L’Avellino retrocesse.Altre situazioni,altri tempi.

    • 30 Aprile 2014 in 23:09
      Permalink

      Si, appunto, altre situazioni. E’ curioso, però, come ho detto a Calcio & Calcio Più, che se il presidente del gruppo Energy T.I. vanta precedenti nel mondo del calcio (tra presidenza dell’Avellino in due spezzoni e tentati acquisti di Vicenza e Cremonese) non fosse seduto al fianco di Ghirardi. Né mi pare di averlo intravvisto in platea (pur non essendo, ahimé, molto fisionomista). Ancor di più con l’altro interessante particolare di questo suo rapporto di lunga data con la Bonatti, al punto che qualcuno ad Avellino, temporibus illis, lo definiva il parmigiano… E poi ci lamentiamo che non ci sono parmigiani in società… Chissà se sarà lui a sedere assieme all’Ad Roberto Giuli nel CdA del Parma F.C.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 30 Aprile 2014 in 23:36
    Permalink

    Azz ….. Berta in finale di Champions e il Ghiro che non c’è la fa più e cede un pezzo del suo giocattolo… Strana la vita

    • 30 Aprile 2014 in 23:44
      Permalink

      Non capisco la correlazione… E poi non è che Ghirardi ha ceduto un pezzo del suo giocattolo: sta cercando di renderlo più competitivo con forze nuove. Comunque complimenti a berta

    • 1 Maggio 2014 in 11:20
      Permalink

      Secondo quanto precisato dalla gds qualche tempo fa berta (finora) ha acquistato o, comunque, ha contribuito all acquisto di un (1) giocatore a parametro zero.
      Lo dico per bloccare il processo di beatificazione iniziato dopo quella frase del pres

      • 1 Maggio 2014 in 11:38
        Permalink

        Non esiste alcun processo di beatificazione di Berta, caro Gabriele, anche se questi lo meriterebbe essendo da anni inviso a molti parmigiani solo perché questi non avevano avuto il coraggio, illo tempore, di sparare al bersaglio grosso (Ghirardi), facendogli fare da parafulmine. Per par condicio o per contrappasso dopo averlo reso diavolo, appunto dovrebbero renderlo santo. Ma, al di là di questo, va detto che Berta, nella sua esperienza parmigiana, ha avuto pregi e difetti, del resto come tutti. Né la Gazzetta dello Sport è il Vangelo. Per cui vorrei sapere in base a quali indizi sono in grado di sancire che Berta ha preso solo un giocatore dell’Atletico a parametro zero. E chi lo ha scritto.
        Cordialmente
        Gmajo

        • 1 Maggio 2014 in 12:22
          Permalink

          Mi è impossibile per ovvi motivi recuperare l articolo da mezza pagina che aveva per oggetto il percorso professionale di berta e che precisava quanto sopra oltre, ad es, a riferire di un tentativo del Milan di assicurarsi le sue prestazioni professionali.
          Non ho nulla contro berta e nessun motivo per inventarmi quanto sopra. Qua può essere stato anche sottovalutato ma con i successi attuali dell atm c entra poco anche se va a bordo campo

  • 1 Maggio 2014 in 03:03
    Permalink

    Infatti non esiste nessuna correlazione e nessuna cessione affannosa da parte di Ghirardi, come giustamente e correttamente sottolinea Majo. Esiste invece il solito tentativo di Vladimiro di trovare a tutti i costi problemi quando non ce ne sono. Vladimiro Rosiconi.

  • 1 Maggio 2014 in 09:08
    Permalink

    Vlady se pensi che Berta sia il gran regista dell’Atletico beh e ‘ come pensare che il mago Otelma sia un santo

  • 1 Maggio 2014 in 09:38
    Permalink

    Cucù

  • 1 Maggio 2014 in 09:56
    Permalink

    Ma uno che è molto ambizioso non punta ad acquisire le quote di Vicenza o Cremonese, con rispetto parlando…semmai quelle di una Fiorentina, di una Lazio, di una Sampdoria o, appunto, di un Parma.

    • 1 Maggio 2014 in 11:44
      Permalink

      Caro Luca,

      mi pare evidente che per acquistare Fiorentina, Lazio e Sampdoria si debba essere più ambiziosi rispetto all’acquistare il Parma. Come del resto, appunto, è cosa diversa acquistare il Parma rispetto a Vicenza e Cremonese, che comunque hanno lo stesso una storia importante e tradizioni ben consolidare nel calcio, essendo arrivate alla serie A ben prima del Parma.
      Detto questo va specificato che la società di cui Tedeschi è presidente ha acquistato (al momento) il 10% del Parma (e non tutto). E quanto Tedeschi sia “pesante” all’interno di Energy T.I. Group non mi è dato a sapere, però uno non credo sia presidente di qualche società per caso. Anche se non capisco perché non sia stato presentato, potendo vantare precedenti specifici nel calcio comunque ragguardevoli (anche l’Avellino è una gloriosa società) oltre che in una azienda parmigiana (la Bonatti).
      Cordialmente
      Gmajo

  • 1 Maggio 2014 in 11:24
    Permalink

    Io sono molto ambizioso ma non ho i soldi per acquistare e poi mantenere neppure l audace

    • 1 Maggio 2014 in 11:34
      Permalink

      Va precisato che Tedeschi è il presidente del cda di Energy T.I. Group, ma non saprei dire se ne sia anche il proprietario (anche perché di Energy T.I. il presidente è un altro, quindi si tratterebbe anche di capire quale sia la capofila dell’insieme di società che fanno capo alla holding di cui è a.d. Roberto Giuli, che è la persona che sedeva al fianco di Ghirardi durante la presentazione): i due precedenti tentativi di acquisto di società di calcio (Cremonese e Vicenza) non erano stati fatti da Tedeschi attraverso Energy T.I. Group, così come non sono riconducibili al nuovo socio del Parma le sue precedenti esperienze ad Avellino (in due diversi periodi temporali, separati da un decennio).
      Mi incuriosisce, tuttavia, come ho già scritto prima, e come ho detto ieri sera a Calcio & Calcio che, essendo il presidente del gruppo se non proprio un uomo di calcio, almeno uno che nel calcio vanta una discreta esperienza, che non “sia stato” speso durante la conferenza stampa dai nuovi partner di Ghirardi. Chissà perché. Anche perché è stato dirigente di punta della parmigiana Bonatti. Insomma: anche se la cosa mi sembra sia un po’ snobbata dai colleghi dormienti di questa piazza, spunti giornalistici di rilievo mi pare ci siano nello “scoop” di Angella…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 2 Maggio 2014 in 11:03
        Permalink

        C’é da precisare un particolare di non poco conto e cioè che la Energy è una società nata nel 2008, anni dopo il tentativo di acquisto di questa o quella società! In sostanza ,ora Tedeschi ha una potenza economica alle spalle che prima non aveva! Detto questo alle spalle di Tedeschi ci potrebbe essere qualcun altro,da lui rappresentato!

  • 1 Maggio 2014 in 12:14
    Permalink

    L ottimo lavoro di Angella come sempre è fuori discussione e non so spiegare neppure io come mai un personaggio del genere sia stato (finora) tenuto “nascosto”.
    Dicevo solamente, proprio come evidenziavi tu, che probabilmente in passato non aveva le risorse per completare i precedenti operazioni rimaste dunque semplici tentativi

  • 1 Maggio 2014 in 14:40
    Permalink

    Purtroppo e sottolineo purtroppo al tifoso medio delle questioni societarie non gliene frega niente, che in società arrivi il miglior imprenditore del mondo oppure l’ultimo dei coglioni o peggio ancora un farabutto è la stessa cosa. Io però appartengo alla minoranza attenta anche a queste cose per cui ringrazio Teleducato e Stadiotardini per le informazioni.
    È interessante sapere che tra i nuovi soci c’è una figura che è già stata nel calcio ed era anche parecchio desideroso di rientrarvi.
    A questo punto bisognerebbe chiedersi che presidente dell’Avellino è stato Tedeschi. Ha gestito bene la società? Ha combinato guai? Che risultati ha ottenuto non solo dal punto di vista sportivo?

    Invece credo che sia solo una coincidenza (molto curiosa certo) il fatto che Tedeschi fosse un uomo vicino a Calisto. Pensare che Il cavaliere voglia rimetter piede nel Parma è fantascienza.

    Chiudo con un’ultima considerazione: la notizia di Angella però non chiarisce chi siano gli investitori di Energy Group, da dove arrivano i soldi?

    • 1 Maggio 2014 in 17:41
      Permalink

      Caro diavolo, grazie per i complimenti a teleducato e stadiotardini.it per il tipo do giornalismo che angella ed io continuiamo a proporre nonostante ci sia costato una querela a testa, proprio per questa abitudine di fare la radiografia a chi si presenta sulla scena. Quella volta fu quando paolo arcivieri, fraterno amico di leonardi, venne chiamato da quest’ultimo a fondare la web radio della aocieta’, progetto peraltro abortito dopo pochi mesi. Sono contento comunque che ci siano tifosi coscienziosi come lei, che qualche domanda se la pongono e a cui nom basta vincere (o meglio partecipare perche’ non si e’ vinto proprio nulla) a qualsiasi costo. Detto questo cercheremo nei prossimi giorni di continuare ad offrire nostri approfondimenti sulle ultime novita’. Anche se non siamo finanzieri per sapere da dove arrivano i soldi. Ma il ragionamento si puo’ allargare a tutta la finanza e a gran parte della imprendotoria, perche’ non siamo piu’ nell’ottocento. Nessuno ha scritto che potrebbe esserci dietro calisto, ma l’ipotesi non mi parrebbe poi cosi fantascientifica giacche’ dietro i prevedenti tentativi di valenza o sanz si era intravvista la sua lunga mano. Comunque archiviamola pure come fantascienza, mentre i trascorsi all’avellino e i bonatti di tedeschi saranno una pura coincidenza. Cordialmente gmajo

  • 1 Maggio 2014 in 18:15
    Permalink

    cosa cambiera’ per il parma calcio ? nulla

    cosa cambiera’ per i parmigiani ? dei rompicoglioni che tutti i giorni
    cercheranno di farti cambiare gestore energetico

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI