CALCIO & CALCIO PIU’ / MAJO: “E’ LEONARDI IL REGISTA DELL’OPERAZIONE ENERGY T.I.”. BONI: “ASSURDO IL RICORSO PER FELIPE: 3 GIORNATE SONO POCHE”

(Evaristo Cipriani) – ENERGIA PARMA Non c’è stato solo l’interessante particolare svelato dal conduttore Michele Angella sui trascorsi calcistico/imprenditoriali del presidente della Energy Ti Group, Gaetano Tedeschi, di cui ci siamo sentiti in dovere di avvertire subito i lettori di stadiotardini.it con un “rilancio” della notizia sul nostro portale pressoché immediato: la puntata di ieri sera di Calcio & Calcio Più (clicca qui per vedere la web registrazione integrale, a cura di Alex Bocelli), ha dedicato ampio spazio al nuovo assetto imagesocietario del Parma. Lo stesso Angella ha definito i nuovi soci animati da notevoli ambizioni e intenzionati a far sentire la propria presenza già nel prossimo mercato estivo. Il nostro direttore Gabriele Majo si è spinto oltre, ipotizzando una volontà di ampliare le quote azionarie nel prossimo futuro da parte della stessa società di servizi energetici. Secondo Majo, inoltre, il vero regista dell’operazione sarebbe l’ad gialloblu Pietro Leonardi: “L’Ad di Energy Roberto Giuli ha definito Leonardi un amico, secondo gli indizi che ho raccolto DSC07966sarebbe stato Leonardi a portare a Parma i nuovi soci e chissà che in futuro proprio Leonardi del Parma non possa diventarne il presidente…”. Soddisfatto per gli sviluppi societari l’abbonato di curva nord Geremia Greci, opinionista della trasmissione: “Finalmente ho visto un Ghirardi sereno e contento, ero preoccupato dopo che qualche mese fa, a novembre, aveva gettato ombre sul futuro del Parma, dicendo che ci saremmo dovuti godere questa stagione, senza che vi fossero certezze per la prossima”.

imageMALPENSANTI E ARBITRIUnanime in studio il plauso al presidente Ghirardi per la tirata d’orecchie riservata durante la presentazione dell’accordo con la Energy T.I. Group ai cosiddetti malpensanti, ossia a coloro che ritengono che il Parma in Europa non ci voglia andare e dunque non stia dando il 100%. Angella ha precisato: “In questa trasmissione ci è capitato di leggere messaggi di questo tipo giunti via sms o via facebook , DSC07964ma li abbiamo sempre stigmatizzati e stroncati, lo ripeto se il Parma non fosse ambizioso non avrebbe preso Cassano e altri giocatori importanti… Ma come? Tu prendi la Ferrari e poi la tieni in garage?”. Differenti, invece, i pareri sulle lamentele presidenziali rivolte agli arbitri. Angella: “Se avessero voluto penalizzare il Parma non avrebbero dato il rigore contro l’Inter o avrebbero fischiato rigore al Napoli non appena Zapata si era buttato per quel contatto con Mirante. L’unico vero torto arbitrale il Parma lo ha subito a Torino contro la imageJuve”. Sulla stessa lunghezza d’onda Majo (“malizioso il riferimento del Ghiro al fatto che dopo che aveva raggiunto il quinto posto il Parma abbia buscato due espulsioni e un rigore contro: Paletta e Felipe sono stati cacciati per errori loro e non per severità degli arbitri, così come era netto e non molto dubbio il fallo di Lucarelli. A parti invertite lo stesso Pres si sarebbe lamentato”) e Boni (“in questa stagione non ci si può certo lamentare degli arbitraggi, bisogna anche ricordare gli episodi a favore, non solo quelli contro”), meno convinto il tifoso Greci per il quale gli arbitri sono stati troppo severi contro il Parma nelle ultime due partite.

DSCF4373BONI CACCIA FELIPE – “Non possiamo prendercela con gli arbitri quando hai giocatori che le combinano grosse come Felipe. Mi aspettavo – ha detto il popolare Saltimbancoche il brasiliano dopo Cagliari andasse in società e consegnasse la borsa, chiedesse di andare via, invece no e devo anche leggere che c’è l’intenzione di fare ricorso: è una comica, 3 giornate sono poche, ne meritava come minimo 6 e anche una maxi multa. La società dovrebbe smetterla di concedere degli alibi ai giocatori!”. E Majo ha paventato il paradosso che in sede di appello a Dal Belo possano comminare più delle tre giornate del clemente giudizio in primo grado.

DSCF4376CHIAMATE I FALEGNAMI – Se Amauri sabato dovesse sapere di stare in panchina il giorno dopo contro la Samp, allora a Collecchio si preparino a chiamare falegnami e operai perché questo sfascia tutto!”. La minacciosa previsione è firmata Enrico Boni, il quale ha asserito di sapere con certezza che l’attaccante è di umore nero per le ultime esclusioni: “Io ho un’agenda con tutti i numeri dei giocatori e dei dirigenti del Parma, con cui parlo spesso – ha affermato il noto millantatorenon rivelerò i nomi dei miei informatori nemmeno sotto tortura, ma vi assicuro che se Amauri non gioca esplode!”.

imageVOLEMOSE BENE – Angella, sia in apertura che in chiusura di puntata, ha pubblicizzato le iniziative in programma in Ghiaia domenica prima di Parma-Samp con protagoniste le due tifoserie unite da uno storico gemellaggio. Un clima di festa che però non piace al vulcanico opinionista d’Oltrenza: “Non vorrei che questo clima da du dudu da da da trottolino amoroso, influisse negativamente sulla imagesquadra, non vorrei – ha specificato Boni che pensassimo di andare a fare una passeggiata, qui ci voleva una settimana di tensione con gli occhi iniettati di sangue, altro che tarallucci e vino”. Un telespettatore da casa ha scritto via sms: “Domenica vorrei vincere meritando, al termine di una partita vera, di una battaglia, non mi piacerebbe vincere perché la Samp ci regala la partita”. Evaristo Cipriani

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO CON LA RIVELAZIONE DI MICHELE ANGELLA: IL PRESIDENTE DI ENERGY T.I. GROUP E’ L’EX PRESIDENTE DELL’AVELLINO ED EX DIRIGENTE DELLA BONATTI

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO INTEGRALE DELLA PUNTATA DI IERI SERA DI CALCIO & CALCIO PIU’ – web registrazione a cura di Alex Bocelli

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY AMATORIALE DAL BACKSTAGE

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

SECONDO LA GAZZETTA DI PARMA IL PRIMO EFFETTO DELL’ARRIVO DI ENERGY T.I. NELLA SOCIETA’ CROCIATA E’ IL RINNOVO DEL CONTRATTO DI PIETRO LEONARDI FINO AL 2019

I VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DI “ENERGY T.I.”, IL NUOVO SPONSOR E SOCIO DEL PARMA FC E IL COMUNICATO UFFICIALE

GHIRARDI: “CHI DICE CHE NON VOGLIAMO ANDARE IN EUROPA LEAGUE SI DEVE VERGOGNARE!”. E SUGLI ARBITRAGGI: “DOPO CHE SIAMO ARRIVATI QUINTI IN CLASSIFICA ABBIAMO AVUTO DUE ESPULSI…”

GIULI A STADIOTARDINI.IT: “ENERGY T.I. APRIRA’ ENTRO GIUGNO UNA SEDE A PARMA E OFFRIRA’ AI TIFOSI CONVENIENTI SERVIZI DEDICATI PER ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE”

CONFERMATA L’ANTICIPAZIONE DI STADIOTARDINI.IT: ENERGY T.I. E’ IL NUOVO MEGA-SOCIO DI GHIRARDI, CHE ENTRA DIRETTAMENTE NEL CAPITALE DEL PARMA F.C. VERSANDO 25 MILIONI IN 10 ANNI

LA CONFERENZA DI TOM GHIRARDI? POTREBBE ESSERE PER LA PRESENTAZIONE DI UNA NUOVA SINERGIA CON “ENERGY T.I. GROUP” (GIA’ SPONSOR DEL NOVA GORICA)

QUELLA CONFERENZA STAMPA BALLERINA DI GHIRARDI…

CALCIO & CALCIO – Il video integrale della puntata di ieri sera e la fotogallery amatoriale dal backstage con Francesca Goni

CALCIO & CALCIO / MAJO ANTICIPA LE NOVITA’ IN SOCIETA’

CALCIO & CALCIO PIU’ / ANGELLA: "IL PRESIDENTE DELLA ENERGY TI GROUP E’ STATO A CAPO DELL’AVELLINO E FU DIRETTORE GENERALE DELLA PARMIGIANA BONATTI"

CALCIO & CALCIO PIU’ – Il video integrale della puntata di ieri sera e la fotogallery amatoriale dal backstage

LA FESTA GIALLOBLUCERCHIATA DI DOMENICA 4 MAGGIO IN GHIAIA / IL PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

13 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / MAJO: “E’ LEONARDI IL REGISTA DELL’OPERAZIONE ENERGY T.I.”. BONI: “ASSURDO IL RICORSO PER FELIPE: 3 GIORNATE SONO POCHE”

  • 1 Maggio 2014 in 13:01
    Permalink

    Secondo me il ricorso per Felipe è un errore, una caduta di stile: il gesto è stato grave e la sanzione condivisibile.
    Su Amauri credo che a Cagliari abbia fatto una prestazione orgogliosa, dimostrando forse una miglior condizione rispetto ad altri ma non sono d accordo con chi dice che quest anno è stato messo ingiustamente in disparte, ha iniziato a segnare dopo tante partite da titolare senza reti e i gol segnati si sono rivelati più utili per l almanacco che per la classifica

  • 1 Maggio 2014 in 14:23
    Permalink

    Secondo lei, con l’ingresso dei nuovi soci, quali saranno gli obiettivi futuri? Inoltre questa operazione mi ricorda un pò quella che fece la Parmalat, ossia entrò come sponsor per poi comprare la società!!

    • 1 Maggio 2014 in 23:47
      Permalink

      Caro pasquale, intanto benvenuto su stadiotardini.it. il paragone con quanto accaduto ai tempi del passaggio da ceresini alla parmalat con la regia di sogliano è una suggestione che ci può anche stare come testimonia anche il successivo commento postato da alfredo. Io credo che i nuovi arrivati siano ambiziosi ed abbiano voglia di incidere, però col dieci per cento non è che possano essere cosi decisivi. Comunque può essere di garanzia avere nel pacchetto azionario soci che abbiano come pare ingenti possibilità economiche. Cordialmente gmajo

      • 2 Maggio 2014 in 00:38
        Permalink

        Grazie della risposta! Lei ha ragione riguardo al fatto che con il 10% sia impossibile incidere! Io mi ero ricollegato anche alle sue parole, che poi rispecchiano anche il mio modo di vedere le cose, ossia che questa non sia una partecipazione ” definitiva”,ma che ci sia alla base l’intenzione di arrivare a molto di più del 10%!! Quando una holding con delle potenzialità si espone per 10 anni ed ha interessi sul territorio, non credo sia per non avere voce in capitolo in futuro! Ho letto dal sito della Energy varie notizie sul loro conto,sulla loro attività e sulle loro potenzialità, e la vedo difficile che si vogliano accontentare di sedersi nel cda solo per metterci dei soldi,senza nessun potere di controllo! Io mi fido del suo pensiero e di quello delle sue talpe, dato che il mio modo di vedere le cose è questo! In ultimo le faccio i complimenti per la sua professionalità, in quanto riesce a darci sempre notizie nei dettagli ed anticipazioni! Continui così, e ci faccia sapere ogni singola notizia che riesce ad avere sui nuovi soci e sulle loro intenzioni! Un saluto dalla provincia di Caserta!

        • 2 Maggio 2014 in 09:44
          Permalink

          Ringrazio di cuore pasquale per i complimenti che sono una soddisfazione motale enorme per chi si prodiga con dedizionr, passione e onestà alla missione di servizio di informazione su quanto ruota attorno al parma. Venendo neo dettagli delle sue osservazioni: siamo tutti daccordo nel ritenere razionalmente logico che i nuovi soci, in prospettiva, possano avere l’interesse ad implementare la propria partecipazione nel parma, tuttavia, pur razionali fin chr si vuole, queste, al momento, sono solo ipotesi, dunque dobbiamo ragionare sulle certezze che al momento sono rappresentate dal loro ingresso con il 10% nella compagine societaria e con quello non è che possano accampare chissà quali pretese. Ma una holding di spessore internazionale, sia pure di un ramo un po’ particolare come quello della fornitura energetica, non credo abbia interesse solo a fare una trasfusione di denri a Ghirardi, al quale, comunque, va riconosciuta una grande abilità di attrarre capitali, specie fuori dal territorio, in cambio dell’alienazione di quote di minoranza, qualcuno dei quali poi capita che si stufi e lascia la compagnia, tipo marco ferrari dimessosi dal cda a fine dicembre per ragioni che non sono mai state spiegate sulle quali ognuno di noi, in mancanza di certezze, può solo fare congetture. Nel caso di energy ti group mi sono fatto la convinzione che, a dispetto dei casi passati, sia stato pietro leonardi ad accalappiare i capitali per cui lo scenario che mi prefiguro è quello che tra qualche anno possa succedere lui a Ghirardi alla presidenza, nel momento in vui dovesse disinvestire totalmente dal pParma, ipotesi che non mi pare campata per aria e che prima o poi si materializzera’ e quello di questi giorni potrebbe esser stato il primo passo. Lo dtesso ghiro ha tracciato la linea per l’immediato futuro e cioè, senza fare follie, ripetere stagioni tipo questa, che avrebbe dovuto essere eccezionale, insomma, anziché un ridimensionamento, ci sarà ancora la costruzione di rose competitive per farsi che anche nei prossimi anni ci si possa trovare a tre gjornate dalla fine con la possibilità di raggiungere un traguardo prestigioso. Queste sono le intenzioni, per lo meno, poi la palla è rotonda e in più andrà verificato sul campo se è tutto oro quel che luccica. È evidente che sul sito aziendale di energy ti group lei, pasquale, possa aver trovato informazioni confortanti, ma mi sarei stupito del cobtrario giacché frutto dei propri comunicatori interni; ma sul web, come pistato da qualche nostro lettore, si trovano pure news meno confortanti. Comunque restiamo fiduciosi… grazie perché ci segue fin da caserta, tangibile segno che la squadra crociata ha proseliti anche fuori del ducato. Cordialmente gmajo

  • 1 Maggio 2014 in 18:12
    Permalink

    infatti se le riducono a due puo’ tornarci utile per l’inutile partita col livorno……povret

  • 1 Maggio 2014 in 18:36
    Permalink

    Anche a me ricorda l’operazione Parmalat anche quella orchestrata dal DG: il mago Sogliano. (Un antesignano del Magnifico). Certo la Parmalat era una corazzata, magari con qlc falla, ma pur sempre una corazzata

  • 2 Maggio 2014 in 12:30
    Permalink

    Se viene accolto il ricorso allora finalmente potrà riposare capitan Lucarelli che è stato eroico ma delle volte stoico, dopo Torino la storia sarà già scritta per il Livorno e anche per il Parma, in un modo o nell’altro. In particolar modo se il Parma non fosse in lotta per il posto in Uefa e il Livorno potesse ancora salvarsi, spazio a Felipe per Lucarelli, perchè il Capitano, pur essendo un grande professionista, al minimo sbaglio potrebbe essere accusato (ingiustamente) di amor di patria, mentre Felipe se anche facesse un errorino lo si metterebbe nell’elenco.

    • 2 Maggio 2014 in 16:47
      Permalink

      Caro China65,

      io lascerei perdere le dietrologie, e, anche a Livorno, metterei in campo Ale Lucarelli, in luogo di Felipe, ove fosse riabilitato. Oppure punterei su Rossini, così almeno colleziona una presenza, o sul giovane Sall…

      Comunque se anche il Parma dovesse battere Samp e Torino non è detto che sia superfluo il risultato col Livorno, per come ci siamo andati ad ingarbugliare le cose a Cagliari.

      Al di là dei modi in cui le ha espresse, quindi, concordo con le motivazioni addotte dal Saltimbanco Boni circa questo ricorso: per la fattispecie in esame, anzi, 3 giornate sono anche poche. Era già andata bene così. Ed è diseducativo di fatto che la società giustifichi la deplorevole condotta del proprio tesserato.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 2 Maggio 2014 in 22:28
    Permalink

    Voi ce l’avete troppo col giocatore. Se andate avanti così chiederà di cambiare squadra. In fondo voleva solo spiegare qualcosa ma non lo han lasciato esprimere.

    • 2 Maggio 2014 in 22:33
      Permalink

      Tu, Gallo, non fare chicchiricchì, che il Plenipotenziario già ti guarda male, visto che sei tu l’inventore del gol merluzzo abbinato a Dal Belo…

  • 2 Maggio 2014 in 23:03
    Permalink

    Il Leo sa ora ma sapeva prima che ci ho di ragione ma deve fare il suo lavoro. Non è di certo per le mie poco velate ironie sul Valdes che giocava sulla fascia elastica (ad intendere la sua flessibilità tattica) o per le mie nemmeno troppo sottili osservazioni sui dormiveglia del Santa che ha fatto le sue scelte. Felipe è un buon giocatore sul quale fare affidamento per il futuro, lo pensa anche il DS del Crotone.

    • 2 Maggio 2014 in 23:17
      Permalink

      Io ho sentito dire che ha numerosi estimatori in svizzera 🙂

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI