IL COLUMNIST / SU ‘IL GIORNALE’ ASSIST DI VAN BASTEN A DONADONI PER LA PANCHINA DEL MILAN. MA IL MIO SOGNO E’ CHE PROPRIO ‘IL CIGNO DI UTRECHT’ SI SIEDA SU QUELLA DEL PARMA

Luca Russo (www.ilcolumnist.net) I risultati gli darebbero anche un bel po’ di ragione. Non alcune scelte operate al di fuori del rettangolo di gioco; e nemmeno la gestione dello spogliatoio, considerata non soddisfacente da parte dei vertici societari e dirigenziali. Il futuro di Clarence Seedorf, chiamato al capezzale del Milan dopo che Allegri era riuscito nella non semplicissima “impresa” di farne una squadra in crisi di identità, di gioco e, soprattutto, di risultati, sembra che stia lì lì per tingersi di colori diversi da quelli che ha difeso prima in campo e poi in panchina. Il che, guardando soltanto le prestazioni dei rossoneri dopo l’avvicendamento alla barra di comando, non mi stupisce: sotto Allegri la squadra, solo in rare circostanze, ha proposto uno spettacolo all’altezza delle esigenze presidenziali; con Seedorf, pur adottando un sistema di gioco decisamente più propositivo di quello precedente, la musica è rimasta pressoché la stessa. Il Milan continua a stentare sul piano della manovra. Non è ancora l’undici in grado di vincere divertendo. Né gli riesce di divertire e basta. Ma intanto mette fieno in cascina, vince partite su partite, fa tanti punti e si avvicina sensibilmente alle posizioni che valgono l’accesso all’Europa League. Ed è per questo che resterei a bocca aperta nel caso in cui l’uomo nato pronto dovesse essere allontanato da Milanello. Diamo un’occhiata ai risultati conseguiti dal povero Diavolo dal giorno in cui il signore di Paramaribo ne ha assunto il controllo: 32 punti in 17 giornate, con la possibilità che diventino 38 nell’intero girone di ritorno. Una media da scudetto o giù di lì. In altre parole, se Seedorf fosse stato al timone del Milan fin dall’inizio della stagione corrente, adesso i rossoneri molto probabilmente sarebbero terzi, in luogo del Napoli, e dietro solo a Juventus e Roma, in grado di inanellare un record dopo l’altro e tenere un ritmo di fatto infernale. Eppure ancora c’è chi foto 1nutre più di qualche dubbio sulle capacità del tecnico fortemente voluto e adesso altrettanto osteggiato da Silvio Berlusconi. E’ il caso di Marco van Basten, 6 anni (ufficialmente 8) e 90 reti in rossonero. Il cigno di Utrecht, in un’intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport e rilanciata stamani dalle pagine sportive de Il Giornale, dapprima ha bocciato Seedorf: “La differenza tra fare il calciatore e l’allenatore, è grande. Il tecnico deve guidare la squadra, parlare, comandare e dal punto di vista della disciplina è un’altra cosa, il calciatore deve solo giocare. Se avessi dovuto decidere io, in una situazione come quella del Milan, avrei scelto un allenatore con più esperienza”. E poi ha individuato in Roberto Donadoni, suo ex compagno di squadra , l’allenatore ideale per i rossoneri in vista della prossima imagestagione: “Inzaghi o Donadoni? Per guidare il Milan serve esperienza e Roberto ne ha molta di più e può guidare una squadra complicata come quella rossonera. Io farei questa scelta, anche se magari Inzaghi ha tanto talento, però per capirlo bisogna dargli la possibilità e il tempo”. Dunque, van Basten vota Donadoni. Una preferenza che regge. E per più di un motivo. Con Spalletti che resta dietro le quinte e sembra intenzionato a rilanciarsi in club economicamente più dotato di quello che un tempo aveva sede in via Turati; e Inzaghi che, dopo aver trionfato al Viareggio, si è fatto eliminare negli spareggi per l’accesso alle Final Eight del campionato Primavera, quella dell’attuale allenatore del Parma è una delle poche candidature in linea con le esigenze, tecniche e di bilancio, del Milan. Dubitiamo che Ghirardi e Leonardi siano entusiasti di quest’ultima affermazione e delle dichiarazioni del Marco più famoso d’Olanda. Dubitiamo pure che siano felici di fronte alla prospettiva di doversi privare dell’uomo che ha riportato il loro e il nostro Parma quasi ai vertici del calcio italiano. Ma quando il Milan chiama, è difficile dire di no o addirittura non rispondere affatto. Detto questo, se Donadoni dovesse realmente dirci addio, una delle svariate soluzioni per rimpiazzarlo potrebbe essere quella di puntare su colui che poche ore fa l’ha suggerito ai rossoneri. Mi piacerebbe vedere van Basten, che attualmente allena l’Heerenveen, sulla panchina dei Crociati: idee chiare, calcio a suo modo divertente e spiccata propensione all’utilizzo di giovani di belle speranze. Oltretutto ci è già capitato di riaccendere le carriere di tecnici finiti nella semioscurità o a dirigere formazioni di secondo piano. E’ accaduto con Claudio Ranieri, per esempio. E ci è anche già successo di preparare gli allenatori per il Milan. L’altro ieri Sacchi, ieri Ancelotti (sebbene sia passato prima dalla Juventus) e oggi Donadoni, se i rossoneri manifestassero l’intenzione di strapparcelo. Domani van Basten? E’ una mia fantasia, un mio desiderio, vi sia ben chiaro. E proprio in quanto tale temo che si tratti di un’ipotesi troppo suggestiva e molto poco praticabile. Luca Russo (www.ilcolumnist.net)

4 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / SU ‘IL GIORNALE’ ASSIST DI VAN BASTEN A DONADONI PER LA PANCHINA DEL MILAN. MA IL MIO SOGNO E’ CHE PROPRIO ‘IL CIGNO DI UTRECHT’ SI SIEDA SU QUELLA DEL PARMA

  • 8 Maggio 2014 in 13:38
    Permalink

    pedigrèè da calciatore troppo importante e di blasone quello di van Basten per sedersi sulla panchina del parma…anche donadoni ha fatto una grande carriera ma non a vinto i palloni d oro di van basten che è diventato a ragione un mito del calcio mondiale che rimarrà in eterno come i platini ,i cruyff ecc…troppa gloria del passato e anche personalità che andrebbe a “cozzare” con quelle di Leonardi e ghirardi………..insomma avrebbe troppa visibiltà e farebbe ombra al ghileo……ma anche a me il desiderio di luca russo m incurioscisce,soprattutto per la conclamata capacità di lanciare i giovani…..sarebbe ora di cominciare da noi ..mauri e cerri devono cominciare a giocare dall anno prossimo insomma!!!

    • 8 Maggio 2014 in 14:19
      Permalink

      Beh, però adesso van Basten allena l’Heerenveen, che non mi pare abbia più blasone e storia del nostro Parma…peraltro affrontammo l’Heerenveen nel corso dell’ultima edizione di Europa League/Coppa Uefa cui abbiamo preso parte, quella del 2006/2007…e mi ricordo di quella loro maglia costellata di petali di ninfea rossa che all’epoca a me sembravano cuoricini…:D…

  • 8 Maggio 2014 in 14:58
    Permalink

    no non ritengo che non possa venire per il blasone….anzi parma potrebbe essere un ideale piazza per rilanciarsi a livello europeo per van basten ….credo solo che sia difficilmente compatibile con due personalità forti e umorali come ghirardi e soprattutto leonardi…..solo per questo

    • 8 Maggio 2014 in 16:22
      Permalink

      Ammesso che il Parma ottenga il pass per la prossima edizione di Europa League, in caso di partenza di Roberto Donadoni, Ghirardi e Leonardi farebbero bene a dotarsi di un allenatore di respiro internazionale per cercare di atffrontare con profitto e al meglio la meno nobile delle coppe del Vecchio Continente. E quando ci si indirizza su certi tecnici, si deve mettere in preventivo che abbiano una personalità abbastanza forte…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI