UNA CODA AL TAS? L’AVVOCATO GRASSANI HA DUBBI SULLA AMMISSIBILITA’ DELL’EVENTUALE RICORSO DOPO I TRE NO ITALIANI – Intervista esclusiva di Daniele Longo (da calcionews24.com)

Daniele Longo (da calcionews24.com)E’ arrivato ieri il responso dell’Alta Corte del Coni che ha respinto il ricorso del Parma presentato nei giorni scorsi dopo la mancata concessione della licenza da parte della FIGC. Una decisione che ha gettato nello sconforto la piazza emiliana e soprattutto il Presidente Tommaso Ghirardi che ha indetto una conferenza stampa per oggi alle 15,30. Diverso l’umore del Torino che adesso potrà partecipare alla prossima Europa League nonostante sia finito dietro in classifica rispetto ai ducali. E’ possibile un ulteriore scenario anche se è tutto da verificare: il Parma potrebbe rivolgersi al Tas di Losanna anche se i precedenti non sono incoraggianti.

grassaniPer fare maggiore chiarezza la redazione di Calcionews24.com ha intervistato il noto avvocato Mattia Grassani che da numerosi anni lavora nell’ambito sportivo e che si è occupato di vicende calcistiche importanti come il caso Catania e le fideiussioni false (2003), il doping amministrativo e il calcio scommesse (2004), l’illecito sportivo della gara Genoa-Venezia (2005) ed il secondo filone del calcio scommesse (2006) ma anche il caso Mutu con Livorno e Juventus parti interessate.

Il Parma si è visto respinto il ricorso da parte dell’Alta Corte del Coni dopo che si si era già visto negare la licenza Uefa da parte delle Commissioni di 1° e 2° grado della Figc, a causa del ritardato pagamento Irpef per alcuni tesserati. Crede che sia una decisone idonea o magari era più equa una sanzione pecuanaria?
"Da semplice operatore del settore, senza conoscere nel dettaglio tutti i passaggi, e ce ne sono stati, della complicata vicenda, ma solo leggendo le articolate motivazioni dell’Alta Corte mi sembra che la decisione sia logica e coerente, tra l’altro il relatore è il Presidente della Corte, Franco Frattini, giudice amministrativo del Consiglio di Stato di grande livello".

La società ducale ritiene che l’elargizione di somme ai dieci calciatori nei mesi di ottobre e novembre 2013 non avrebbe carattere di anticipo retributivo ma di mera anticipazione finanziaria (prestito per necessità). Su tali somme, quindi, non avrebbe dovuto essere versata la ritenuta IRPEF di circa 300 mila euro, e dunque i criteri del punto F04 del Manuale Licenze UEFA non sarebbero stati violati, contrariamente a quanto le Commissioni di 1° e 2° grado hanno ritenuto per motivare il diniego della Licenza. Il Coni ha risposto che la Uefa costituisce norma “ad hoc” inderogabile e non annullabile né modificabile né integrabile in alcuna parte, se non ad opera della stessa UEFA che ne ha la titolarità e responsabilità. Quindi non si tratta di una sanzione ma ha un effetto automatico, ci può spiegare perché?
"La sensazione è che ci sia stata una diversa interpretazione, il Parma faceva leva sulla buona fede anche se il Coni ha ribadito che la cifra abbastanza bassa non può fare testo o differenza.Sugli aspetti di merito, tecnico-contabili, come già detto, non entro, non avendo a disposizione la documentazione e le difese delle parti. Posso, però, dire che, in presenza di termini perentori e di procedure “a numero chiuso”, la buona fede non può essere riconosciuta, altrimenti verrebbe meno la regolarità della competizione che non si gioca solo sul campo ma anche nel rispetto delle scadenze e degli adempimenti economico-finanziari, oltre ad essere pregiudicati i diritti dei terzi controinteressati".

Secondo lei conviene al Parma ricorrere al Tas di Losanna?
"Nutro seri dubbi che un eventuale ricorso avanti al Tas possa essere ritenuto ammissibile, in quanto il procedimento ha già visto la celebrazione tre gradi di giudizio innanzi agli organi interni alla FIGC ed all’Alta Corte del CONI. Inoltre non esiste clausola compromissoria tra le parti che preveda la devoluzione al TAS delle controversie in materia di licenze UEFA. Del resto, sul punto, in una fattispecie dal punto di vista procedimentale molto simile a quella che riguarda il Parma, il Tas di Losanna si è già pronunciato nel luglio del 2013, dichiarando la propria carenza di giurisdizione in ordine al ricorso del Rayo Vallecano che, dopo i due gradi interni alla Federazione spagnola, si era visto negare la Licenza UEFA, radicando l’arbitrato a Losanna. Il Panel, in quella occasione, dichiarò di non avere il potere di decidere la controversia".

Molti tifosi si domandano perché casi eclatanti come quello del Psg, multato per il famoso fair-play finanziario, sia di diverso lettura rispetto a quello del Parma. In effetti si parla di Irpef, di tasse, magari può chiarire il punto?
"Sono situazioni molto diverse, così come diverse sono le fonti normative e anche gli organi competenti a decidere sono del tutto differenti tra loro. Il fair play è una norma di recente applicazione, ancora non a regime, in cui sussiste maggiore elasticità interpretativa, da parte dell’Uefa, la regolarità fiscale e contributiva connessa al rilascio delle Licenze europee demandata dalla Uefa alla FIGC è in vigore da anni e prevede scadenze, termini e adempimenti molto rigorosi".

Si ringrazia l’Avvocato Mattia Grassani per la cortesia e disponibilità. Daniele Longo (da calcionews24.com)

Stadio Tardini

Stadio Tardini

10 pensieri riguardo “UNA CODA AL TAS? L’AVVOCATO GRASSANI HA DUBBI SULLA AMMISSIBILITA’ DELL’EVENTUALE RICORSO DOPO I TRE NO ITALIANI – Intervista esclusiva di Daniele Longo (da calcionews24.com)

  • 30 Maggio 2014 in 00:34
    Permalink

    M’ha messo muto subito.. Non sapevo il discorso dei tre gradi già celebrati.
    Bisogna anche dare atto a tutti gli esperti di cui abbiamo letto i pareri qui, grassani compreso, che pur non disponendo di atti e documenti finora si sono dimostrati ferrati nelle rispettive materie

    • 30 Maggio 2014 in 00:39
      Permalink

      Io non sono un luminare come lui, eppure a naso (che non mi manca) la soluzione Tas non so perché ma la ritengo percorribile. E la lettura positiva che ho fatto della sentenza dell’Alta Corte va in questa direzione.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 30 Maggio 2014 in 08:30
    Permalink

    Majo buongiorno,
    (NON TANTO) credo che oggi sia arrivato il momento di dire basta a questa telenovela, non abbiamo ottenuto la licenza dopo tre gradi di giudizio, (a tutte le altre squadre è stata concessa). Non credo come spiega l’avvocato nel commento che a Losanna vengano impietositi e ci diano la licenza. Oggi sento la stessa tristezza che avevo dopo la retrocessione, il vuoto. Il Parma è destinato a vivere queste emozioni, quando si pensa di essere tornati o diventati grandi, subito dopo ci arriva la mazzata. E’ capitato spesso nell’era tanzi, dove abbiamo cullato il sogno scudetto e non siamo riusciti ad ottenerlo un po’ per demerito e un po’ per i poteri forti, e capitato a san siro contro l’inter dove eravamo in vantaggio per 2-1 e siamo riusciti a perdere la partita per 3-2 dopo essere rimasti in 9 (partita che ci ha definitivamente mandati verso la serie B) ed è successo ieri dopo la sentenza dell’alta corte, credo che però oggi il presidente debba prima di tutto chiedere scusa ai tifosi perchè lui forse come ha dichiarato un giorno non ci sarà più ma noi ci saremo sempre. Saremo fieri di sventolare i nostri colori in Italia e nel mondo, consapevoli che i sogni le nostre reltà possono viverli ma anche che presto da questi ci si sveglia e spesso ci si fa male. Credo sia troppo facile adesso mollare tutto, anche perchè l’errore è stato fatto e quindi bisognerebbe solo prendersela con se stessi. E’ bello e comodo farsi belli nei momenti di gloria, diventa invece più difficile tirare fuori le palle quando tutto sembra precipitare. Alla fine credo che questa licenza uefa cambi di poco il nostro futuro, avremmo potuto onorarla, forse anche divertirci ma come sempre alla fine avremmo dovuto fare i conti con i poteri forti quindi….. Il destino ha voluto questo questo triste finale, ma potrebbe anche essere positivo in luce futura…………….FORZA PARMA!!!

  • 30 Maggio 2014 in 09:14
    Permalink

    Majo scusi, ma la gazzetta dello sport riporta che il ricorso al TAS per il Parma sia precluso…… sa qulcosa in piu’????

    • 30 Maggio 2014 in 09:25
      Permalink

      La stessa tesi l’ha sostenuta l’avvocato Mattia Grassani nell’intervista di Daniele Longo, e qualche giorno fa me lo aveva spiegato anche l’avvocato Paolo Malvisi. In effetti sono tutti piuttosto qualificati e ne sanno più di me, ma, non so perché, io continuo a pensare che lì ci sia uno spiraglio.
      Non solo: io penso che la FIGC abbia operato come “concessionaria” o fiduciaria della “UEFA”, la mia speranza è che, visto questo polverone, l’organismo internazionale voglia vederci chiaro – anche perché ne va del suo buon nome – e in un qualche modo (sinceramente non saprei come, ma era lì che pensavo al TAS) decida direttamente. Non so se sia possibile, ma il messaggio chiaro mandato dall’Alta Corte (che non ci poteva fare niente…) è che il Manuale Uefa presenta delle “ingiustizie e delle incongruenze” e a queste bisogna porre rimedio onde evitare che si paghi troppo a caro prezzo una colpa propria. Perché, come secondo me ha ben spiegato il lettore pramzan, con la sentenza alla mano, è palese che è stato commesso un tragico errore. Senza il quale, il Parma, sarebbe al suo posto. E il Palazzo non c’entra proprio nulla con questo errore che sta alla base. Che poi ci sia stata poca volontà di risolverlo a favore del Parma può anche darsi, ma, onestamente, non è molto corretto invocare la par condicio per cui se si fanno porcate a favore di City e PSG si facciano anche per il Parma… Anche se chiaramente questo presta il fianco al vittimismo, noi piccoli siamo puniti, loro grandi possono fare quel ca*** che vogliono…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 30 Maggio 2014 in 10:10
    Permalink

    Scusi Majo, ma quello che voglio capire, possiamo fare il ricorso o no?? Perchè come le dicevo la gazzetta dello sport dice di no….

    • 30 Maggio 2014 in 10:32
      Permalink

      Non ho una risposta precisa da darti, Marco: aspettiamo oggi la conferenza del Ghiro e vediamo se loro per primi getteranno la spugna. I pareri che abbiamo pubblicato sembrano dire che la strada non sia percorribile, sono espressi da gente che ne sa e quindi bisognerebbe credergli, ma l’istinto mi dice che o il Tas o la Uefa… Boh… Non mi so spiegare…

    • 30 Maggio 2014 in 13:29
      Permalink

      Guarda Marcello,

      avevo visto la composizione da te postata: avrei tante cose da dire al riguardo, ma preferisco glissare così come ho fatto nell’Opinione, anche se mi prudevano le dita…

      C’è chi preferisce tutelare – a costo di essere impopolare – la propria credibilità e cercare di dire sempre le cose come stanno e chi preferisce la propria credibilità buttarla alle ortiche.

      La cosa grave, però, è accusare altri – che per tre volte i fatti hanno dimostrato essere nel giusto – di fare gli avvoltoi, di essere un fiume limaccioso e tante amenità varie che in questi giorni ha strologato fuori per arrampicarsi sugli specchi, in ossequio alla nuova missione.

      Odiosa la dietrologia offerta ai lettori (che poi elementi come IOME fanno propri, inconsapevolmente) ancora oggi per cui la GdS sarebbe stata imbeccata ad arte per danneggiare il Parma prima di una partita!

      Comunque sia, se il Parma non fosse stato in fallo, il Palazzo non avrebbe potuto fare niente! Spero che almeno questo i dietrologi e chi ha gli occhi foderati di prosciutto lo possa capire!

      Poi questo tentativo di assoluzione con il richiamo – CHE BESTEMMIA !!! – alla festa di squalificazione di ieri ! Ma non c’è nessuno che si sveglia? Tutti a dormire sonni profondi?!?!?

      Ciao e grazie

      Gmajo

  • 30 Maggio 2014 in 14:33
    Permalink

    I club (servili) del tifo hanno già detto la loro e seppur con alcune differenze, si finisce sempre con scaricare tutta la responsabilità su chi ha rilevato gli errori e non su chi li ha commessi (il Parma). Un finale che avevo già predetto, visto che qui, dall’arrivo del nuovo presidente, funziona sempre così: se le cose vanno bene il merito è loro, se vanno male è colpa degli altri. Facile.
    Perdere sul campo con il CSKA e molto diverso che non pagare 300.000 euro (il Parma ha ammesso i propri errori) e non essere ammessi. Ma la NUOVA MISSIONE, dopo il tramonto dell’IDEA, è questa. Una nuova missione su cui mi pare convergano tutti, xke alla fine tifo organizzato e giornalisti sono quasi tutti li, a tributare onori a chi ci ha fatto perdere l’EL. C’è qualcosa che non quadra.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI