I METEORismi di Lorenzo Fava / SICIGNANO: UNA SOLA PARTITA IN CROCIATO (MA BUONA), E UN RECORD DA INFRANGERE

(Lorenzo Fava) – Parma è una piazza che da sempre ha una grande tradizione di portieri, basti pensare ai numeri 1 che si sono succeduti dall’approdo in serie A ad inizio anni ’90 del club emiliano: Ballotta, Taffarel, Bucci, Buffon, Frey e, non ultimo, Mirante. Con certi portieri davanti diventa difficile per il “dodicesimo” di turno trovare spazio in campo alla domenica. Provate a chiedere a Vincenzo Sicignano, che chi ha buona memoria ricorderà che a Parma è stato riserva, seppur per soli sei mesi, di Sebastian Frey e che era arrivato grazie a… una bomba di mercato di Majo. Il nostro direttore, come spesso ci ricorda, non si arrappa con le vicende mercatali: è così adesso, certo, ma anche in passato. E allora una volta che Tuttosport, di cui era corrispondente, gli aveva chiesto le solite 30 righe di mercato (sì, del pesce…, chiosa imagelui…), non sapendo cosa trovar fuori di nuovo, sparò, appunto, che il Parma era su Sicignano. Il nome glielo aveva suggerito Alex Barone, mio compagno di università e figlio di Gianni Barone, fraterno amico di Majo, col quale ha condiviso chilometri e chilometri di viaggi in treno al seguito del Parma, quando insieme lo raccontavano per radio. Alex, allora neppure adolescente, è sempre stato un appassionato di portieri, e così, dopo aver fatto a Majo una capa imagetanta su Sicignano, questi si era letteralmente inventato di questo interesse per lui del Parma, scrivendolo sul giornale torinese. Poi, quando effettivamente venne scritturato dalla società gialloblù, si divertì non poco ripensando alla genesi di quella… operazione… Ma andiamo con ordine e partiamo dall’inizio…

Nella stagione 1993-1994 i siciliani del Palermo, allora militanti in Serie B, si ritrovano in rosa un “novello” portiere cresciuto nel settore giovanile rosanero: il suo nome è appunto Vincenzo Sicignano, viene da Pompei, 20 anni ancora da compiere e un futuro tutto da scrivere. Il portierino, classe 1974, in quella stagione non troverà mai spazio, ma poco a poco diventerà una colonna portante della formazione sicula, tanto da aver dichiarato, in tempi recenti, di sentirsi «un palermitano d’adozione». Sicignano, dal 1994 al 1997, disputa 28 partite in Serie B e decide di non abbandonare la nave quando il Palermo sprofonda in C1. Trascorre, insieme al suo club di appartenenza, quattro anni nell‘inferno del terzo campionato (in ordine di importanza) italiano, in cui aggiunge altre 89 presenze. Nella stagione 2000-2001, il “Sici” durante il match Palermo-Benevento (che terminerà con il risultato di 2-0) si regala la gioia di neutralizzare un calcio di rigore nel giorno della sua presenza numero 100 in maglia rosanero. Il campionato coinciderà con la promozione della società siciliana in Serie B, dove, l’anno seguente, l’estremo campano rimarrà un vero baluardo, in virtù delle 35 apparizioni sul terreno di gioco.

La sua storia rimane legata a Palermo ancora per 12 mesi (nei quali colleziona altri 30 “gettoni” in campionato); poi la prima svolta della sua carriera: nell’estate 2003 arriva la chiamata dalla Serie A. È il Parma di Prandelli a cercarlo: Vincenzo dovrà essere l’affidabile vice di un certo Sebastian Frey, che a Parma è un vero e proprio idolo della tifoserie. Sicignano sa che le occasioni per mettersi in mostra non saranno molte; Frey si conferma su alti livelli e le porte del Tardini hanno il loro guardiano. Al suo “dodicesimo” il francesino (beh, francesone) lascia spazio solo in una circostanza: è un uggioso e grigio pomeriggio di una domenica del novembre 2003 (il giorno 9, per la precisione) e il Parma ospita tra le mura amiche il Milan di Carletto Ancelotti (che al termine della stagione si laureerà campione per la 17^ volta nella sua storia). In porta fa il suo esordio assoluto nella massima serie un tale Sicignano (una carriera tra B e C1), che è chiamato a opporsi a Rui Costa, Kakà, Pirlo, Seedorf e Shevchenko (così, giusto per citarne solo alcuni). «Tante grazie, Frey». Si prevede una disfatta, e invece l’unico vincitore di quella uggiosa e grigia domenica pomeriggio 9 novembre sarà proprio il debuttante “dodicesimo” del Parma. Il match terminerà a reti inviolate, proprio grazie ai miracoli del portiere arrivato dal Palermo, che tutt’oggi detiene un record ancora inviolato nella storia del club gialloblù: infatti, è l’unico portiere ad aver mantenuto inviolata al Tardini la propria porta in un match di campionato da titolare contro i Diavoli rosso-neri.

Sarà, però, anche l’unica apparizione in maglia gialloblù: nel gennaio 2004 si concretizza lo scambio di prestiti con il Lecce di Delio Rossi che porta Sicignano e il centrocampista Bolano nel Salento e il giovane Marco Amelia a fare il percorso inverso per diventare il nuovo “vice Frey”. In giallorosso il “Sici” trova il giusto spazio che merita, gioca 18 partite e chiude la sua prima stagione in A al decimo posto con 41 punti (mentre il Parma, quinto classificato con 58, vola in Coppa Uefa).

L’estate successiva viene definita la sua permanenza a Lecce a titolo definitivo: firma un triennale e inizia ad allenarsi agli ordini di mister Zeman. Torna a Parma da avversario in inverno, nell’ultima partita del girone d’andata: per i crociati – che da qualche settimana avevano sostituito Silvio Baldini con il mitico Gedeone Carmignani e che cercavno punti disperatamente – il match sembra stregato. Sicignano è bravo nel primo tempo a ricordare ai tifosi e a Gilardino soprattutto quanto fosse in grado di poter fare il titolare in Serie A, neutralizzando un calcio di rigore all’ex compagno col numero 11. La partita terminerà, nonostante la prodezza del portiere di Pompei, sul risultato di 2-1, con la rete della vittoria (manco a dirlo) di Gilardino firmata, forse, a recupero scaduto.

Sotto la guida dello spregiudicato Zeman (uno che, si sa, non bada molto alla difesa), Sicignano, nonostante si debba arrendere a raccogliere il pallone in fondo al sacco per ben 71 volte, si mette in luce per alcuni rigori neutralizzati: uno su tutti, il cucchiaio bloccato a Totti, all’Olimpico, in un Roma-Lecce conclusosi sul 2-2. L’ex Parma inizia bene anche il campionato successivo, tant’è che Lippi, allora CT della Nazionale in vista dei Mondiali tedeschi del 2006, gli regala la soddisfazione della prima (e unica) convocazione in maglia azzurra nell’amichevole Italia-Moldavia dell’ottobre 2005, disputata proprio nel “suo” Via del Mare di Lecce. La stagione si conclude con un’amara retrocessione in Serie B, in cui il “Sici” scende in campo appena 18 volte.

Decide di non accompagnare la formazione pugliese nel purgatorio della B: lo aspetta il Chievo, che nell’estate 2006 deve disputare (incredibilmente) i preliminari di Champions. Il debutto in campo europeo per Sicignano è amaro: 2-0 del Levski Sofia e addio sogni di gloria per i clivensi, che vengono subito sbattuti fuori. La stagione finirà anche peggio: dopo 17 apparizioni non troppo convincenti Sicignano perde il posto in favore di Lorenzo Squizzi, ma la squadra veronese non riuscirà ad evitare una inaspettata retrocessione in Serie B. Anche Sicignano dice addio alla Serie A. Definitivamente. A 33 anni, nell‘estate 2007 passa in prestito al Frosinone, che anch’esso milita in Serie B, in cambio di Massimo Zenildo Zappino, che fa il percorso inverso. Rimane con i canarini di Ciociaria dal 2007 al 2011, anno che segna il ritorno in C1 del club laziale e pure del portiere di Pompei. L’esperienza frusinate si chiude dunque dopo 112 presenze e 154 gol al passivo.

imageL’11 luglio 2011 il trentasettenne Sicignano tenta l’ultima esperienza tra i professionisti: il Barletta, club di Lega Pro Prima Divisione, punta sulla sua esperienza tra i pali per raggiungere l’obiettivo play off. Traguardo che non verrà centrato, ma la stagione dei pugliesi e di Sicignano si era aperta ancora peggio di come sarebbe andata a finire: già nel mese di novembre si era registrata un’aggressione dei tifosi biancorossi ad alcuni giocatori (tra cui il nostro “meteorismo” odierno, che si prese due “ceffoni”), accusati di non onorare la maglia… Dal 31 luglio 2012, Sicignano svolge il ruolo di preparatore dei portieri della Primavera del Palermo, il club che lo aveva lanciato nel grande calcio. Lorenzo Fava

LE PRECEDENTI PUNTATE DE “I METEORISMI DI LORENZO FAVA” 2014

1. ARTEAGA (01.06.2014)

2. PERNA (08.06.2014)

5 pensieri riguardo “I METEORismi di Lorenzo Fava / SICIGNANO: UNA SOLA PARTITA IN CROCIATO (MA BUONA), E UN RECORD DA INFRANGERE

  • 15 Giugno 2014 in 00:53
    Permalink

    Sul fatto che sia l’unico portiere gialloblù ad avere mantenuto inviolata la porta in un match casalingo contro il Milan ho qualche dubbio….anche grosso come una casa…vedasi 19 novembre 1995….. Esordio di un tale Buffon…. Oppure ho male interpretato la frase?

  • 15 Giugno 2014 in 02:46
    Permalink

    Giusta l’osservazione, Alessandro D.
    Buffon, come hai detto tu, ha mantenuto inviolata la porta in quella partita, ergendo si come un baluardo insuperabile. Tuttavia, l’anno successivo nella 31^ di ritorno, il 15 maggio 1997, Parma-Milan terminò 1-1. A Chiesa rispose Albertini, che su rigore superò il nostro portiere. Quindi Buffon contro il Milan al Tardini un gol lo subì.
    Con la tua domana mi consenti di spiegare meglio il concetto. Sicignano è stato ed è ancora l’unico portiere del Parma a non aver mai subito in una partita, iniziata da titolare (anche perché altre non ha fatte…), un gol dal Milan al Tardini.
    Saluti.
    Lorenzo Fava

  • 15 Giugno 2014 in 11:47
    Permalink

    ahhh, tu intendi che resta l’unico portiere del Parma a non avere complessivamente subito alcun goal al Tardini dal Milan…
    🙂 mi piace la tua sottolineatura, ironico come record..proprio da meteorismo… 😉

  • 15 Giugno 2014 in 21:00
    Permalink

    Esattamente! Qui d’altronde, Alessandro, abbiamo la crème de la crème (dei meteorismi). Solo roba di qualità

  • 16 Giugno 2014 in 23:40
    Permalink

    quando si dice un onesto mestierante(nn lo dico con disprezzo ,anzi)con delle piccole-grandi soddisfazioni(il record nell’unica col parma)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI