giovedì, Luglio 25, 2024
News

I MONDIALI SONO INIZIATI: NELLA PRIMA TANTO NEYMAR, MA POCO BRASILE CONTRO UNA BUONA CROAZIA (3-1). NUOVO INFORTUNIO A CASA ITALIA: SI E’ FERMATO DE SCIGLIO

Brazil-vs-Croatia(Luca Savarese) – Il mondiale è cominciato. Brasile batte Croazia 3 a 1. A San Paolo, dopo una coloratissima cerimonia inaugurale, culminata dalla presenza del tris di star canore del calibro di Pitbull e delle fanciulle Jennifer Lopez e Claudia Leitte, è stata la volta del calcio, che dopo essere andato in archivio quattro anni fa, con la vittoria spagnola sull’Olanda, ha riiniziato a scrivere nuove storie mondiali. Avvio da panico per il tanto atteso e padrone di casa Brasile, trafitto da un autogol del fresco campione d’Europa Marcelo. Ma, i numeri 10 sono destinati ad impreziosire le vicende di qualsiasi mondiale a qualsiasi latitudine, specie se questi fuoriclasse vestono la maglia verdeoro. Ed allora ecco Neymar Jr, che lascia per un momento i panni del calciatore e con il piede prende una stecca da biliardo, trova la buca e Pletikosa è trafitto. La tecnica brasiliana non riesce a prevalere perché la tattica croata è dura a morire. Nico Kovac sarà pur il più giovane esordiente cittì mondiale assieme al “nostro”Sabri Lamouchi, che guida la Costa D’Avorio, ma dimostra di saperci fare. Una partita così in bilico poteva sbloccarla o un colpo di poesia calcistica o un abbaglio di brutta prosa arbitrale: prevale quest’ultima soluzione quando il signor Nishimura, made in Japan, pesca dal cilindro un rigore inesistente per presunta trattenuta di Lovren ai danni di Fred che si lascia cadere. Neymar trova le noccioline che aspettava, è tutto più facile per i pentacampeao, che trovano poi il fulmen in cauda di Oscar e per Pletikosa, è subito sera. Un nota di merito per il sempreverde Ivica Olic, che ha propiziato il vantaggio croato e pur essendo un classe 79’, corre molto, aveva iniziato a correre nel mondiale asiatico del 2002 quando ci segnò un gol e da li, non si è più fermato. I Brasiliani dentro un oceano todo carioca, non potevano esordire con un colpo basso. Bassissimo è parso invece il livello arbitrale per una prima mondiale. Le decisioni del fischietto giapponese, sono state quasi tutte pro Brasile, come quando ha solo estratto un giallo e non un rosso, nel primo tempo, per una gomitata di Neymar ai danni di Modric. Il Brasile ha vinto, ma non ha convinto, però ha messo i tre punti in cascina e si è tolto un grosso peso, vincere il primo set contro la grandissima pressione che lo circonda e ne accompagna ogni gesto nella sua terra. Grossa tegola anche da casa azzurri perché Mattia De Sciglio, che figurava tra i titolari nella gara di sabato contro gli inglesi, si è fermato per un infortunio femorale al bicipite della gamba sinistra rimeditato in allenamento, rimarrà però in Brasile e sarà probabilmente in panchina per la seconda gara, la sfida al cospetto del Costa Rica, in programma venerdì 20 giugno. A questo punto Prandelli dovrebbe optare per schierare al suo posto, l’altro difensore rossonero, il terzino Ignazio Abate, che agirebbe sulla corsia di sinistra mentre a destra dovrebbe quasi sicuramente giostrare il torinista Darmian. Luca Savarese

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

11 pensieri riguardo “I MONDIALI SONO INIZIATI: NELLA PRIMA TANTO NEYMAR, MA POCO BRASILE CONTRO UNA BUONA CROAZIA (3-1). NUOVO INFORTUNIO A CASA ITALIA: SI E’ FERMATO DE SCIGLIO

  • Approfondimento mondiale molto gradito.
    Gli arbitri di certe federazioni non sono abituati a dirigere gare ad alto livello, non è bello da dire ma credo sia la realtà.
    Neymar ha fatto vedere quello che sa fare ma secondo me ha trovato un portiere poco reattivo.
    Per sostituire de sciglio la gds indica Paletta, speriamo si faccia valere, gli inglesi sono molto veloci davanti

  • dai questo brasile non è granche e quindi devono aiutarlo,ieri ( espulsione non data,rigore inesistente gol annullato)…peggio di cosi non si poteva iniziare…

    • Poi dicono che è marcio il calcio italiano… c’è perfino chi lo abbandona…

      • 🙂

  • ma perché molinaro è andato via?

    • Pur non essendo un suo grande fan sono rimasto sorpreso anche io e ho cercato di saperne di più. Le varie fonti non sono chiarissime ma la situazione dovrebbe essere la seguente: a gennaio è arrivato a titolo definitivo e ha firmato fino a giugno 14 con opzione per un ulteriore stagione. Il parma non ha esercitato l’opzione ed ora è quindi libero di andare dove vuole (pare a un passo dal torino). Naturalmente le motivazioni del mancato rinnovo possono essere le più disparate

  • Secondo me è inutile stare a guardare questi mondiali, tanto si è già capito come andrà a finire….

    • Allora: la serie A si sa già come va a finire, il Mondiale si sa già come va a finire… Ma la smetteremo mai con le dietrologie. Certo, il rigore di ieri è uno scandalo, ma allora quando vince l’Italia (o il Parma) è tutto regolare, mentre quando sono altre squadre no? Cerchiamo di essere un po’ obiettivi, meno partigiani e soprattutto meno complottisti…

      • E’ assolutamente vero, è meglio cambiare sport se tutte le volte si fanno questi discorsi, ma nessuno mi toglie dalla testa che a parti invertite l’attaccante croato sarebbe stato ammonito per simulazione. E ad arbitrare il Brasile non ci hanno certo messo, caso strano, un europeo…
        Il fatto è che il Brasile , che non ha una squadra imbattibile, questo mondiale deve vincerlo, non può certo ripetersi un altro ’50…
        Comunque sono il primo a sperare che i fatti mi diano torto.

  • Andrea Casoli

    nella prima direi arbitro scandaloso

I commenti sono chiusi.