LEONARDI ANNUNCIA: “PER SOBRIETA’ NIENTE PRE RITIRO AL MARE”. A BAR SPORT TUTTI I DISTINGUO DEL PLENIPOTENZIARIO SU TAS, TAR, DONADONI E CASSANO

BAR SPORT TV PARMA SLIDE(gmajo) – Il servizio di Alberto Rugolotto che ha preceduto la telefonata di Pietro Leonardi a Bar Sport, ha causato qualche problema digestivo al Plenipotenziario, che non ha digerito i frequenti insert dell’autore con il suo slogan “Il Parma non si svende, semmai si vende”, tormentone estratto dalla conferenza luca ferraristampa della scorsa settimana del Sommo Dirigente. Non solo, come leggerete nella trascrizione integrale che qui sotto vi proponiamo, l’uomo solo al comando del Parma ha contestato l’affermazione contenuta nel medesimo servizio per cui Antonio Mirante sarebbe in scadenza di contratto tra un anno: Leonardi ha sostenuto di non ricordarsi bene la scadenza precisa, cioè se tra tre o quattro anni, ma se ai mercatologi è sfuggita la notizia di un rinnovo effettuato, probabilmente sarà perché la cosa non è stata paolo emilio pacciani e carlo chiesacomunicata. Sul discorso del rinnovo di Donadoni il Plenipotenziario c’è rimasto male perché viene dato più credito a un piccolo sito che manco si sa chi sia che è a lui: beh, come direbbe Marzullo, si faccia una domanda e si dia una risposta. Soprattutto ricordando che aveva sostenuto sulle pagine del quotidiano locale che quello della Licenza Uefa era un falso problema. E infatti si è visto… Comunque sia rimane singolare che dopo il suo annuncio della conferma di Donadoni esca un virgolettato, peraltro non smentito, del vincenzo pincolinimister, che lascia ancora di fatto aperte le porte alla Lazio. Sul discorso Tas e Tar il Leo sostiene che il pool di legali ha predisposto tutto quanto, con importante specifica: anche per la giustizia ordinaria sarà direttamente il club a muoversi e non il presidente dimissionario. Ormai, comunque, tutto è pronto. E se Leonardi si prodiga ad affermare che la squadra non si smantella (perfino Cassano potrebbe rimanere, altro che stipendio spalmato: pare che chiami Leonardi tutti i marco balestrazzigiorni dal Brasile per spronarlo…), intanto salta, per sobrietà, il pre-ritiro al mare (nei giorni scorsi tanto strombazzato da un sito, nella nuova missione, ritenuto molto vicino alla società), una consuetudine dell’era Donadoni: per cui dall’inizio alla fine la preparazione sarà a Collecchio. Volendo fare i dietrologi lo si potrebbe leggere come un segnale che le strade tra Parma e Donadoni potrebbero dividersi: ma noi non siamo dietrologi…

LA TRASCRIZIONE INTEGRALE DELLA TELEFONATA DI PIETRO LEONARDI A BAR SPORT

“Ho sentito al telefono, mentre ero in attesa, avete mandato più di qualche volta che ‘non si svende, semmai si vende’: sembrava una macchietta quella situazione. Cioè avete preso da una conferenza di trenta minuti e avete soltanto fatto sentire il pezzo in cui dico ‘il Parma non si svende, ma si vende…’ Sì, vabbè… Sì, ero in una riunione, ma non era riferita al Tas e al Tar…”

Marco Balestrazzi – Ma la situazione sta andando avanti? Siete pronti, comunque, per quest’ultima tappa?

“Sì, stiamo andando avanti anche se sento più di qualcuno che ci vuole ricordare che ci sono dei termini da rispettare, ma per queste cose c’è qualcuno anche un po’ più esperto di me che sa quando ci sono i termini e quello che si deve fare il Parma andrà avanti con i ricorsi che deve fare”

Marco Balestrazzi – Che termini, a livello temporale, ci sono? Anche perché tanti tifosi aspettano queste date per capire appunto quali saranno le prossime mosse. Quali sono le prossime tappe di questo procedimento?

“Penso ormai breve: domani scioglieremo gli ultimi dubbi, ma non ci sono più dubbi, andremo sicuramente al Tar; stiamo valutando per bene il discorso Tas, però penso che andremo avanti su tutti e due i fronti”.

Paolo Emilio Pacciani (Gazzetta di Parma) – Pietro, accennavi al Tar: quindi sarà un ricorso da parte di Tommaso Ghirardi?

“No, qui stiamo parlando del Parma…”

Paolo Emilio Pacciani (Gazzetta di Parma) – Come Parma società, quindi?

“Il Parma. Il Parma farà i ricorsi che dovrà fare e comunque non voglio andare oltre, su questo tema, perché l’ho detto, le altre volte abbiamo parlato troppo e questa volta faremo parlare i fatti e perciò comunicheremo, con ufficialità, quando saranno inoltrati tutti e due i ricorsi, e poi aspetteremo il giudizio”.

Carlo Chiesa – Pietro, però, una domanda te la debbo fare: quanto credete in questo ricorso? Tu hai detto, in un’altra conferenza stampa, lo facciamo per non lasciare nulla di intentato e va benissimo. Però, che probabilità vi date di vedere stravolto il giudizio dell’Alta Corte di Giustizia del Coni?

“Noi abbiamo l’obbligo, nel rispetto nostro, per i sacrifici che abbiamo fatto, di tentare tutto il possibile e l’impossibile. Le probabilità, purtroppo, per quanto mi riguarda, sono complesse. Perché se poi ci ritroviamo davanti a un fatto che ci dicono che è un’ingiustizia sportiva e che non c’era nemmeno l’elemento per giudicarla, e se facevano una valutazione così all’Alta Corte, ti saresti mai aspettato che ti davano ragione e poi ti davano torto dopo nella sentenza? Perciò, partendo da questo presupposto, io ho l’obbligo, da quando l’ho dichiarato pubblicamente, di andare a perseguire tutte le strade, e questo lo faremo con grande qualità, con un pool di esperti, di legali importanti e poi vedremo. Magari non ci spera nessuno, ma il non sperarci è figlio soltanto delle grandi delusioni nelle sentenze precedenti”.

Marco Balestrazzi – Leonardi, però , il ricorso al Tar era stato citato come mossa da parte di Ghirardi per i danni; invece qui mi sembra di capire che sia da parte della società e anche nella sostanza della sentenza, non solo per gli eventuali danni?

“Ma difatti è quello che vi ho detto: è il Parma che sta facendo questo e non voglio aggiungere altro, perché siccome quegli altri, poi, sono sempre molto ben informati, okey ?, io non ho bisogno di dire altro. Il Parma sta facendo tutte le mosse che deve fare per il rispetto di tutta la comunità, del presidente e di tutti i calciatori. Perciò poi ci sarà tempo per spiegare nel dettaglio tutto quello che sarà”.

Marco Balestrazzi – Con Donadoni? Tutto a posto? Lo ha già detto sabato: è confermato… Quindi state programmando il mercato assieme?

“Ma con Donadoni oggi pure ho sentito di qualche situazione… Adesso fa più fede un sito che non si sa nemmeno come si chiama, a differenza di quello che io dico in forma ufficiale. Ma comunque siccome è la fiera delle tante stupidaggini che si dicono sul Parma… Donadoni ha un contratto: è giusto, lui come a tutti, dopo l’avvicendamento del nostro presidente, aver comunicato questo, e dopo il problema che era venuto fuori dell’Europa, perché, a differenza di quello che si dice – sembra che questa società si stia sgretolando, che questo gruppo… ho sentito addirittura prima che dicevate che Mirante ha un contratto in scadenza, perciò ne sento di tutti i colori… Mirante ha il contratto in scadenza? Ma se ne ha altri tre o quattro… Adesso non vorrei neanche sbagliarmi, ma penso pure quattro… Ma a parte nell’ultima squadra è stata messo che rimango io e qualche tifosoa giocare… Cioè il problema è che bisogna interpretare per bene è che è molto semplice: io ho messo nelle condizioni – tutti i calciatori, così come l’allenatore – di fare, giustamente, una riflessione si quello che era successo, perché l’anno prossimo ci sarà bisogno ancor di più di verve agonistica e di attaccamento a questa maglia. E con mettersi a disposizione anche nel dire che se qualcuno non se la sente, lo ringraziamo e lo ringrazieremo per quello che ha fatto e non porteremo nessun tipo di rancore. Il risultato è che non vuole andar via nessuno. E qui si sente parlare sempre che vanno via tutti, ma non vuol andar via nessuno da questa realtà. Allora è questo il messaggio: Donadoni ha un contratto con il Parma, gli avevamo detto che era giusto che facesse una riflessione, così come gli altri, e non più tardi di sabato, quando ci siamo sentiti in mattinata, lui ci ha riflettuto e mi ha detto: resto molto volentieri nel Parma. Poi, tutto il resto che si scrive, ma io non posso star mica a controllare tutti i siti e sitini e tutta una serie di cose. Davanti a un fatto come questo, penso che ci sia poco da aggiungere. La realtà è che tutti non solo mi hanno detto che vogliono giocare nel Parma, ma che vogliono riconquistare sul campo quello che ci è stato tolto. Questo è quello che mi ha risposto il 90% della squadra…”

Andrea Schianchi (Gazzetta dello Sport) – Io volevo chiedere a Pietro semplicemente quello che ha già detto, perché mi risulta che ci sia una gran parte della squadra che vuole rimanere, a cominciare da Cassano, che non hanno assolutamente in mente di andare via… Quindi tutto questo disfattismo, francamente… E’ andato via il presidente, il presidente si è dimesso, avrà fatto le sue scelte, va bene, le rispettiamo, d’accordo, dopo di che si può giocare una stagione – non me ne voglia – ma anche senza il presidente Ghirardi… Il Parma ne ha fatte tante, no?

“Noi abbiamo l’obbligo, Andrea, abbiamo l’obbligo morale di far ritornare l’entusiasmo a un uomo che fa vivere di calcio e non vive di calcio come noi. Perciò questo è il nostro motto, è il nostro obiettivo prioritario: poi non è semplice, perché se cediamo un giocatore sembra che stiamo smontando, cioè c’è una squadra, ho fatto un esempio, che è andata in Europa League, non meritandolo sul campo, e un’ora dopo già aveva venduto il migliore giocatore, che è Immobile… E allora non mi sembra che senta ‘ste storie: allora, il ragionamento è molto semplice, poi si parla di cose assolutamente inesatte: quando sento dire che a Cassano gli è stato chiesto di spalmare il contratto e lui non accetta… Ma non buttiamo la croce, ve lo chiedo per favore, su ragazzi che ogni giorno… Cassano, a me, dal Brasile, mi dice, forza, caricaci, ripigliamo tutto quello che ci hanno tolto… Ma di che cosa devo parlare io di spalmare di che cosa? Ma noi i contratti siamo abituati a rispettarli. Da cinque anni il Parma ha rispettato sempre impegni e contratti: perciò mi sembra assolutamente negativo quello che si legge e che si riporta, per dire che Cassano non accetta di spalmare, ma chi glielo ha mai chiesto? Cassano ha il suo contratto e ha voglia di rimanere nel Parma. Punto”

Carlo Chiesa – Ecco, Pietro, proprio su Cassano, considerata la situazione del Parma e l’esborso importante per trattenerlo, non potrebbe rappresentare un lusso? Una risposta negativa a questa domanda potrebbe già essere un’iniezione di fiducia importante. Cioè: Cassano non sarà un lusso nella prossima stagione?

“La valutazione che è stata fatta un anno fa, con la logica di tre anni su Cassano, era una valutazione fatta con un principio ben preciso, il rispetto di quello che è l’equilibrio di una società di calcio. Se Cassano è al Parma significa che il Parma si può permettere Cassano, come Donadoni, come tutti gli altri, non è che una vicenda così brutta può cambiare una strategia, una continuità aziendale. Perciò, tutto questo tipo di discorso che sembra che noi stiamo facendo chissà che cosa, noi stiamo soltanto facendo un ridisegnare di quelle che sono le logiche di una società come il Parma, che sono quelle di tenere a posto il pensiero della stessa continuità, attraverso delle cessioni che sono inevitabili, indipendentemente dall’Europa League e non Europa League, e ho portato il caso del Torino per far capire; ma lo abbiamo fatto da cinque anni a questa parte: cioè noi abbiamo ceduto quei calciatori, abbiamo riiniziato i vari percorsi e anno dopo anno, guarda caso, siamo andati a migliorarci. perciò io ritengo che così come tutti sospettano, altre società hanno venduto un’ora dopo la fine del campionato; il Parma, tutti mi dicono che è stato venduto Parolo, che è stato venduto Paletta, che è stato venduto Biabiany: ma come mai non sono venduti questi calciatori? Significa che il Parma, nonostante le richieste, non si abbassa e non svende. E soprattutto non svende. Ma voi pensate che non ci siano state richieste per questi calciatori? E perché si sta aspettando, allora? Si aspetta perché se quello che è il contenuto economico ci soddisfa lo diamo, se non ci soddisfa faremo quello che abbiamo fatto anche negli anni precedenti”.

Paolo Emilio Pacciani (Gazzetta di Parma) – Pietro, mi confermi che questo sesto posto, che comunque nessuno ci può tirar via, rappresenta per voi una importante iniezione di liquidità in termini di premi in Lega e anche in diritti televisivi?

“Assolutamente sì, ed è quello che ho detto per un anno intero: il ragionamento, riferito al sesto posto, significa avere una azione assolutamente consistente, in riferimento alla distribuzione sulla materia meritocratica. E perciò noi abbiamo fatto una media: siamo appena sotto l’ottava posizione nell’ultimo quinquennio e perciò siamo una società che ha assolutamente acquisito sul campo quelli che sono anche i contenuti di natura economica”.

Marco Balestrazzi – Infine, per chiudere, due domande sul futuro prossimo. Campagna abbonamenti (molti tifosi lo stanno chiedendo sui tablet) e un’altra cosa: con il ritiro avete definito? Farete mare più Collecchio?

“Allora: per quanto riguarda la campagna abbonamenti ho lanciato un messaggio che secondo me è molto importante, per ridare forza e fiducia a quello che si sta facendo e soprattutto dovrebbe essere una risposta civile alla ingiustizia ricevuta, questo è il motivo… Siamo pronti, a brevissimo comunicheremo, ci saranno delle novità sugli abbonamenti e di conseguenza con l’augurio di poter riempire il più possibile e per mandare quel messaggio che ho detto prima al presidente e a chi di dovere per capire che il Parma non va sotto le sedi di decisione per fare caos, ma va dentro lo stadio, civilmente, per rispondere con una presenza più importante. Per quanto riguarda il ritiro: se noi fossimo andati con certezza in Europa League, avremmo perseguito sicuramente l’anticipo andando al mare dal primo di luglio, per fare il lavoro di una settimana, ma non avendo questo tipo di certezza, nell’indecisione, la squadra con molta serenità e con molta sobrietà di spirito e penso che sia giusta, perché noi dovremo quest’anno fare pochi proclami, ma molti fatti, partirà a Collecchio e rimarrà a Collecchio, anche se aspettiamo qualche situazione che magari potrebbe modificare. Anzi, noi ci speriamo, ma aspettiamo un attimo…”

Pietro Leonardi, telefonata a Bar Sport Estate di Tv Parma del 09.06.2014 – trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.it

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

21 pensieri riguardo “LEONARDI ANNUNCIA: “PER SOBRIETA’ NIENTE PRE RITIRO AL MARE”. A BAR SPORT TUTTI I DISTINGUO DEL PLENIPOTENZIARIO SU TAS, TAR, DONADONI E CASSANO

  • 9 Giugno 2014 in 23:04
    Permalink

    Aspetto di sentirla perché mi pare che siamo di fronte a un eruzione..
    In ogni caso va bene, si è dovuto esporre.
    Non può mica meravigliarsi e arrabbiarsi se dopo un mese di balle e stupidate la gente si fa delle domande e legge cosa scrivono i giornali

  • 9 Giugno 2014 in 23:15
    Permalink

    in effetti io non capisco il perchè di questo bisogno di sobrietà è forse morto qualcuno? Forse si…..

  • 10 Giugno 2014 in 06:04
    Permalink

    Caro Gabriele, ti ringrazio per l’invito a recensire la puntata, ma ero troppo stanco. Invece mi concentro sul colore, ovvero su Giorgia Tarasconi. Capelli sempre più lunghi, affascinante. Mi fa molto piacere la conduzione di Balestrazzi, professionista che stimo molto per il garbo e i toni bassi. Vincenzo PIncolini è un caro amico, di computer, e l’apertura con i suoi ricordi è stata molto bella. E’ una bella squadra, di Barsport. Mi piace anche lo sdoppiamento. Teleducato il mercoledì, Tvparma il lunedì. C’è una bella sinergia fra tv e quotidiano, con Chiesa e Pacciani. Bello l’aneddoto di Schianchi su Ancelotti e Pincolini che 20 anni fa in Italia-Nigeria smisero di fare lo scouting alla partita. Andrea con i capelli corti l’ho visto bene, ma saltavo sul basket, spesso. In bocca al lupo ai colleghi di entrambe le tv.

  • 10 Giugno 2014 in 06:05
    Permalink

    Ma lo avete osservato e sentito Schianchi nella sua funzione di giornalista opinionista? Una pena. Accondiscendentie e sorridentee più di qualunque altro personaggio presente in studio nei confronti di Leonardi. E’ un bene che se ne sia andato da Teleducato, ma vi ricordate quando nello studio di “Calcio e Calcio” si atteggiava a uomo di sinistra discutendo con Pallini? Ieri sera a Leonardi, come suo solito, non ha fatto una solo domanda che potesse metterlo in difficoltà, eppure ce ne sarebbero state a iosa. Mah!
    cordialmente Enzo

  • 10 Giugno 2014 in 07:47
    Permalink

    Piuttosto ai detrattori di Collecchio… Visto che si puo’ fare un gran campionato anche senza la montagna? Contano gli uomini come sempre, non le chiacchiere sui prati e sui mobti

  • 10 Giugno 2014 in 08:54
    Permalink

    Non vi va mai bene niente….. Cosa avrebbe dovuto dire che partiva Cassano paletta e parolo??

  • 10 Giugno 2014 in 09:40
    Permalink

    cmq majo anche io ieri le ho fatto notare che la frase attribuita a donadoni da quel sito laziale valeva poco o nulla,infatti oltre quel sito non l ha riportata nessuno! quindi non vedo perchè donadoni doveva smentire un qualcosa quando in questi giorni non sta parlando minimamente..diamo il peso alle cose. ieri leonardi ha parer mio è stato sincero dicendo che quasi tutti vogliono rimanere e cmq bisognerà lavorare sulle uscite..piu chiaro di cosi? via paletta e biabiany..dentro soldi! …poi ieri sarebbe stato interessante fargli qualche domande sulle comproprietà che tra 10 gg scadono..da belfodil a sansone, da saponara a mendes..

    • 10 Giugno 2014 in 10:07
      Permalink

      Ciao Gio,

      non sono affatto d’accordo nel ritenere quella frase di Donadoni virgolettata da uno dei siti di riferimento della comunità laziale come di scarso valore come pensi tu. E neanche mi risulta che sia stata smentita. Ha ragione Leonardi quando dice che non può inseguire tutte le voci per smentirle, tuttavia in questo caso una frase virgolettata del suo allenatore che in pratica smentisce quanto proclamato ufficialmente (e non ufficiosamente, come aveva detto Rugolotto nel suo servizio al TG Parma) il giorno prima dallo stesso Plenipotenziario, avrebbe potuto/dovuto essere trattata con una certa attenzione, proprio al fine di dare adito a dubbi. Leonardi non si deve offendere se qualcuno mette in dubbio la sua parola: diventa inevitabile nel minuto in cui lui, per cose di mercato, e a fin di bene, per carità, ha spesso sostenuto il contrario della realtà… E allora una frase di Donadoni, che pur interlocutoria che sia, dice il contrario di quello che ha appena finito di dire Leonardi diventa giornalisticamente rilevante, ancor di più se a riportarla è un sito che fa riferimento alla squadra che potrebbe (o avrebbe potuto) ingaggiarlo.
      A parte che non è vero il fatto che non l’abbia ripresa nessuno (tant’è che a noi era stata segnalata da un lettore che l’aveva letta da un altro sito e non da quello originario), la validità o la veridicità di una notizia non la si misura col fatto che si sia più o meno moltiplicata. Anche perché di solito, per i nefasti effetti dei copia-incolla, si moltiplicano le corbellerie a una velocità supersonica…
      Sul fatto che tutti vogliano rimanere preferisco non esprimermi, per non essere tacciato di essere un irresponsabile che non capisce il particolare momento che stiamo vivendo…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 10 Giugno 2014 in 10:07
    Permalink

    Se proprio vogliamo parlare di “rispetto per la comunità” si sarebbe dovuto adempiere a tutto ciò ke serve per ottenere la licenza UEFA. I ricorsi, poi, credo andrebbero presentati SOLO se si è “sicuri” di poterli vincere, in base a ciò ke dicono REGOLAMENTI. Anke perkè collezzionare verdetti NEGATIVI serve solo a confermare ke si sono commessi degli errori.
    Si fa intendere di voler ricorrere anke al TAR come Parma.
    ATTENZIONE ad eventuali violazioni della clausola compromissoria, che poi potrebbero costarci delle penalizzazioni. O anke in tal caso si dikiareranno vittime di un GOMBLODDO?

  • 10 Giugno 2014 in 11:57
    Permalink

    Parma, Leonardi ri-conferma Donadoni: “Resta”, ma il tecnico trasloca
    parma today
    io non ci capisco più niente e voi?

    • 10 Giugno 2014 in 12:37
      Permalink

      L’unico che ci capisce qualcosa è il sommo sacerdote alfredo zappavigna, con la sua incrollabile fede…
      A parte che Parma Today non è il vangelo, eh…

      • 10 Giugno 2014 in 12:56
        Permalink

        ho letto ora il pezzo..donadoni va in vacanza in puglia..e adesso la facciamo passare come trasloco ufficiale da parma? ma basta,aprite gli occhi

        • 10 Giugno 2014 in 14:59
          Permalink

          Secondo l’autore dell’articolo, che cita fonti molto informate sui fatti, non si tratterebbe di trasloco provvisorio per le vacanze. (Relata refero).

          • 10 Giugno 2014 in 15:38
            Permalink

            quindi leonardi ieri avrebbe ribadito che donadoni sabato mattina l ha chiamato per dirgli che rimane giusto per far star tranquilli i tifosi? penso che siano due persone serie.leoanrdi avrà avuto sicuramente l’ok dal mister per poter dire quelle parole.

  • 10 Giugno 2014 in 12:23
    Permalink

    Perchè mai mettere in dubbio la parola su Donadoni di Leonardi??
    Sarà più a conoscenza lui di tutte queste cose che un qualunquissimo sitarello web del lazio::::
    per quanto riguarda il servizio di Rugolotto 8 o come si chiama) beh…ungiornalista deve fare informazione non disinformazione. Allora il ragazzo deve sapere che a Mirante il contratto scade nel 2019 non l’anno prossimo; che su Cassani il diritto di riscatto ce l’ha il Parma così come per Acquah e Gargano. Li la società farà le sue scelte (giuste o sbagliate che siano)

    • 10 Giugno 2014 in 12:36
      Permalink

      Lasciando perdere le altre valutazioni, su cui non mi va di dibattere – anche se il sito Cittaceleste.it se ha sentito Donadoni e ha riportato correttamente quello che il tecnico ha detto (e non ho letto smentite) ha tutto il diritto di pubblicare le sue news ed altri di riprenderlo – quando viene prolungato il contratto di Mirante sarebbe cosa buona e giusta se la società lo comunicasse… Che il contratto a Mirante scade nel 2019 non mi pare di averlo mai letto su fonti ufficiali.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 10 Giugno 2014 in 12:37
    Permalink

    ma il ricorso al tas è stato presentato? non leggo nulla ariguardo e se non ho capito male il termine dei 10 giorni scadeva l’8 giugno

    • 10 Giugno 2014 in 13:18
      Permalink

      Salve Giuseppe. Sui risvolti di natura legale abbiamo pubblicato un completo articolo che è on line dalle 13. E lì potrà leggere quanto sia più importante il ricorso al TAR…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 10 Giugno 2014 in 15:49
    Permalink

    insomma dailà !!!
    leonardi dice certe cose perchè non può…..non può ammettere che la barca sta affondando con tutti i topi……..è cmq uno “stipendiato”di ghirardi….volete che vi dica ” che devo ffà!!??..ghirardi se rotto de parma e della sua ggggente….e io nun ce possao ffà niente me spiace n zacco!!”…….glissa..prende tempo no!?…non è difficile da capire

  • 10 Giugno 2014 in 19:18
    Permalink

    Gabriele, noto che nelle ultime settimane il blog è cresciuto in maniera esponenziale negli interventi. Mi chiedevo com’è il mestiere di dialogo, unico, quasi, fra i colleghi che conosco, al tuo livello di intensità. Dev’essere impegnativo ma gratificante. A me piace filosofeggiare, lo sai, ciao

    • 10 Giugno 2014 in 19:30
      Permalink

      E’ gratificante quando il livello del dialogo consente una reciproca crescita. Quando viene qui qualcuno a cercare il muro contro muro e a offendere gli altri è decisamente meno gradito. Così come chi alimenta il mito della mia avversione alla attuale gestione del Parma poiché mi avrebbe cacciato. E lì mi girano gli zebedei perché, questa delegittimazione, purtroppo, agli occhi degli ignoranti, che sono parecchi, purtroppo attecchisce. E così c’è chi se ne serve da paravento.
      Saluti
      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI