martedì, Maggio 21, 2024
News

PAROLO A RAI SPORT: “UN ONORE PER ME AVER GIOCATO CONTRO IL MIO IDOLO GERRARD. IN OGNI ISTANTE CHE AVRO’ A DISPOSIZIONE DARO’ IL MIO CONTRIBUTO”

(gmajo) – Tra i 23, probabilmente, ci era arrivato – oltre che per indubbi meriti personali, dopo una stagione perfetta in maglia crociata – grazie all’infortunio di Riccardo Montolivo, ma Marco Parolo, direi un po’ a sorpresa, ha potuto subito disputare la sua prima al Mondiale, decisamente bene, portando, come osservava il nostro entusiastico Luca Savarese, prezioso ossigeno all’Italia, corroborandola nella fase finale dell’impresa, dopo esser subentrato ad Antonio Candreva. Al centrocampista crociato (Leonardi ha poi smentito Sky che ieri aveva diffuso la voce che fosse già stato stipulato l’accordo per il suo trasferimento alla Lazio) il CT Prandelli ha concesso di misurarsi con il suo idolo di sempre Steven Gerrard. "Poter giocare contro il mio idolo, Gerrard, è stato un onore per me. Ero più emozionato alla vigilia, poi, in campo – ha detto a Rai Sport dopo il match –ho pensato solo alla partita, con grande concentrazione nel tentativo di rendere al massimo. Sono felice per questo esordio e per aver dato un contributo alla squadra. Ci sono campioni, ma servono pure i portatori d’acqua: c’è bisogno di tutti con questo clima. Questa squadra ha valori importanti. Per quanto mi riguarda, in ogni istante che avrò a disposizione darò il mio contributo, cercherò di dar tutto e penso di poter offrire. Nel secondo tempo siamo stati bravi a ripartire bene e Sirigu ha sempre saputo chiudere la saracinesca. Gli inglesi alla lunga sono calati: bisogna essere preparati bene anche fisicamente e noi lo siamo e lo dimostreremo. Il risultato è meritato, poteva anzi finire 3-1. Negli spogliatoi eravamo tutti soddisfatti, molto carichi. Battere il Costarica il prossimo turno sarà fondamentale, dobbiamo concentrarci e prepararci al meglio perché con altri 3 punti potremmo passare il turno con anticipo. Dobbiamo crederci…”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

10 pensieri riguardo “PAROLO A RAI SPORT: “UN ONORE PER ME AVER GIOCATO CONTRO IL MIO IDOLO GERRARD. IN OGNI ISTANTE CHE AVRO’ A DISPOSIZIONE DARO’ IL MIO CONTRIBUTO”

    • Pedullà sostiene che Parolo valga più di 5 ml: se a fine mondiale – dopo il confortante spezzone di ieri – dovesse sempre andare alla Lazio, sempre per 5 ml (più bonus) cosa diremo?
      Cordialmente
      Gmajo

  • Diremo che dovevano aspettare a cederlo…
    ma non voglio credere che chi fa il mercato del Parma sia così fesso… almeno lo spero…..

  • Alessandro D.

    Ritorniamo sempre al solito discorso: Pedullá potrà anche avere ragione nel dire che Parolo possa valere più di 5 mln, ma se non salta fuori qualcuno disposto a spenderne di più,beh, ecco che Parolo vale 5 mln. Sono tutti discorsi inutili, i calciatori non sono automobili prodotte in serie con listino quattroruote…il valore lo fanno le offerte di mercato, le stesse che ora dicono che Parolo é quotato 5 mln.

  • Personalmente credo che Parolo possa accasarsi all’ombra del Vesuvio insieme a Paletta. La trattativa con la Lazio non è che l’accensione della miccia. Il Napoli avrebbe anche le contropartite adatte al Parma. Anche Cassano lo vedrei bene dietro Higuain. Tutto potrebbe essere vincolato alla cessione di un loro pezzo da novanta del centrocampo. Con una trattativa di questo genere anche le valutazioni di Parolo e Paletta diventerebbero più adeguate.

    • Mah: ho la sensazione che il discorso di Parolo sia in effetti già chiuso come da fuga di notizie dei giorni scorsi.

      Inoltre credo che conti di più l’aspetto economico delle eventuali contropartite tecniche.

      Cordialmente

      Gmajo

      • La sua sensazione potrebbe rivelarsi corretta. Ritengo che per avere la soluzione, bisognerebbe conoscere se le priorità del Parma sono di carattere economico oppure finanziario, infatti, le 2 priorità non sempre viaggiano parallele.

  • Alessandro D.

    Ho letto da qualche parte un intervento di un giornalista SKY, non ricordo se Di Marzio, Marchetti o chi, il quale afferma che è intenzione del Parma risolvere tutte le comproprietà in essere senza rinnovarne alcuna. Pensi che possa in un qualche modo essere un atto dovuto vistala cancellazione dell’istituto oppure faccia parte di una strategia con obbiettivi “finanziari” nel breve termine?

  • Interrogato sul presunto scambio con l inter leonardi una set fa circa ha detto chiaramente che in certe trattative il Parma non tratta contropartite ma solo cash.
    Anche per quel motivo chi dice parolo x Gargano e uno tra britos e maggio mi vien da pensare che abbia visto un bel film.
    Salvo occasioni irripetibili è giusto puntare a monetizzare, poi, se si può, si possono in parte rispendere

I commenti sono chiusi.