martedì, Luglio 23, 2024
News

TORO.IT E IL RICORSO DEL PARMA AL TAR: “E’ DIFFICILE PENSARE A UN NUOVO RIBALTONE”

image(gmajo) – Subito dopo la pubblicazione da parte di StadioTardini.it dell’articolo che ipotizza che nel ricorso al TAR Lazio il Parma possa richiedere la sospensiva del provvedimento dell’Alta Corte, con la conseguente domanda di rilascio della Licenza Uefa che, ove venisse accolta, potrebbe restituire alla società crociata il diritto di prender parte ai preliminari di Europa, il collega Valentino Della Casa di Toro.it, a propria volta offriva una interpretazione degli ultimi movimenti legali della società amministrata da Pietro imageLeonardi con il ricorso alla giustizia amministrativa, giungendo alla conclusione che “è difficile pensare a un nuovo ribaltone”. Questa relativa tranquillità gli deriva dalla sentenza numero 49 della Corte Costituzionale del 2011 (clicca sul collegamento ipertestuale per leggerla), secondo cui, a suo dire, “il Tar del Lazio diventa competente solamente per un eventuale risarcimento a fronte di una decisione della Giustizia Sportiva che si ritenga imageillegittima. Il Tar non può cambiare una decisione già presa dalla Giustizia Sportiva, ma può far sì che il Coni risarcisca la parte lesa.Vale a dire, un solo e soltanto un risarcimento danni economico, non sostanziale”. StadioTardini.it ha domandato un parere in merito all’avvocato Paolo Malvisi, membro dell’AIAS, Associazione Italiana Avvocati dello Sport che sarà on line attorno alle ore 20, che potrebbe togliere un po’ di sicurezza sia all’autore dell’articolo del sito che segue i granata che ai suoi lettori, insinuando qualche ragionevole dubbio, non tanto nel merito della vicenda, quanto, appunto sulla fattibilità tecnico-giuridica dell’operazione che starebbe preparando il pool di avvocati del Parma, pur alla luce della richiamata sentenza della CC.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

4 pensieri riguardo “TORO.IT E IL RICORSO DEL PARMA AL TAR: “E’ DIFFICILE PENSARE A UN NUOVO RIBALTONE”

  • ma questi del torino va bene che sono 20 anni che non partecipano ad una coppa europea e probabilmente se lo faranno quest’anno riusciranno a fare la figura della squadra materasso dovrebbero stare al loro posto e non fiatare devono solo aspettare che gli dicano che il Parma (che ha ottenuto la qualificazione sul campo) non ha i requisiti per partecipare e quindi subentrano loro la ruota di scorta

    • Raffaello, evitiamo battibeccucci da tifosi. E interveniamo per arricchire il dibattito. Grazie

  • Io la penso come Raffaello. Spazio anche a chi la pensa diversamente!

  • Raffaello, Alberto, ascoltate il consiglio del dott. Majo…Toro.it secondo voi cosa dovrebbe scrivere?? Se c’è stato un errore, mi sembra di capire che ci debba essere una conseguenza, quella che tutti conosciamo….prendersela con tifosi del Toro e con la società medesima mi sembra forzato…e mi pare anche che non debbano aspettare che gli dicano che il Parma non ha i requisiti, ma che glielo abbiano già detto tre volte…
    Saluti

I commenti sono chiusi.