AMARCORD, di Alessandro Dondi / I TORTI DI CASA NOSTRA: PARMA-BARI 3-0, LA NEBBIA E L’ARBITRO PEZZELLA…

image

image_2(Alessandro Dondi) – I torti di casa nostra, è proprio il caso di dirlo. Ebbene sì, il commento postato stamani di un lettore di StadioTardini.it, Gianfranco, ha fatto riemergere dalla nebbia (e anche questo è proprio il caso di dirlo) dei ricordi – per quanto dai libri e dai racconti di una amico –  un episodio di cronaca che vide il Parma, suo malgrado, vittima di una clamorosa beffa. Siamo nel febbraio del 1985, al Tardini si disputa il match Parma-Bari, arbitro il sig. Arcangelo Pezzella da Frattamaggiore (NA). Il Parma arriva a quella sfida col Bari capolista, da ultimo in classifica, avendo vinto la miseria di una sola gara. Eppure come talvolta accade, la rotondità del pallone quel giorno sconvolge i valori in campo ed al 70’ un goal di Nicola Berti fissa il punteggio sul 3-0 per il Parma (prima erano andati in rete Pin al 38’ e Lombardi al 50’).

image_5Il direttore di gara fischia la fine e manda tutti, come direbbe Caressa, a prendere un thè caldo. Pochi istanti dopo, su sollecitazione dell’allenatore dei galletti Bruno “Maciste” Bolchi, il signor Pezzella decide di richiamare in campo i giocatori delle due squadre: restano da disputare, infatti, i 4 minuti, persi a causa della sospensione della gara per nebbia ad inizio secondo tempo e non recuperati. Incredibile pensare – al giorno d’oggi – che un arbitro possa dimenticarsi del recupero, circondato com’è da tanti valorosi assistenti. Eppure quel giorno è successo. Una volta rientrati in campo i biancorossi si accorgono delle mutate condizioni meteo, la nebbia è scesa prepotente sull’Ennio. Iniziano una serie di image_4pressanti colloqui, al termine dei quali il sig. Pezzella decreta il rinvio della partita e per il regolamento di allora significa l’intera ripetizione del match. Le cronache ci ricordano di un Tardini imbufalito, con bersagli l’arbitro e la famiglia Matarrese. Perché proprietario del Bari è proprio Vincenzo Matarrese, fratello di Antonio, allora – guarda un po’- presidente della Lega Calcio. Il presidente del Bari uscendo dopo due ore di incontro col delegato di Lega image_1e l’arbitro Pezzella rilascia una dichiarazione al veleno: “Spiace per il Parma. Tuttavia qui siamo stati accolti da una piazza portata a tensione da un articolo del quotidiano cittadino, la Gazzetta di Parma. Mi riservo di sporgere querela nei confronti di quel signore che ha scritto certe cose incitando alla violenza”. La serata si conclude perciò in un clima da rodeo, cui il pubblico di Parma non è storicamente abituato.

image_8La partita si rigioca la settimana seguente, in un Tardini blindato con agenti in assetto antisommossa richiamati da tutto il nord Italia. In un clima surreale, sotto la spinta di un tifo incessante, il Parma getta il cuore oltre l’ostacolo e batte nuovamente il Bari, stavolta per 1-0 con rete di Facchini all’82’. Nei sette giorni di attesa prima del recupero tutta la città ha gridato all’ingiustizia: “Il Parma invocava un arbitraggio almeno degno, non persecutorio, e si è trovato ieri al Tardini questo Pezzella peggiore di ogni altro”, per la Gazzetta di Parma si tratta quasi di una balorda legge della compensazione, chissà perché applicata a questo Bari che non può sfuggire al dubbio di essere super protetto per il fatto di avere il fratello del suo presidente al vertice della Lega Calcio”.

Una vicenda per certi versi assai simile a quella dei giorni nostri perché, se da un lato è vero che i quattro minuti ancora da recuperare non avrebbero potuto in alcun modo cambiare il verdetto del match, dall’altro l’arbitro, una volta accortosi del madornale errore commesso, ha cercato di porvi rimedio. La cattiva sorte (lo scendere impietoso della nebbia) e le pressioni dei giocatori baresi hanno fatto il resto. Non so quanto a termini di regolamento Pezzella abbia compiuto una scelta difforme, quel che è certo è l’enorme beffa ai danni di quel povero Parma targato Carmignani. Questa storia ci insegna che ad una beffa del destino, sia essa derivante da un torto o da una corretta ed impietosa applicazione del regolamento, si reagisce trasformando la rabbia in furore agonistico sul campo e in tifo sfrenato sugli spalti. Le imagecronache non riportano di alcuna minaccia di dimissioni da parte di Ernesto Ceresini, peraltro di lì a pochi anni verrà eletto consigliere in FIGC. E’ la lezione di un calcio che era ed oggi forse non è più: passione genuina, attaccamento alla maglia. La nostra convinzione è quella che Tommaso Ghirardi debba in un qualche modo farsi interprete di quei valori, per trasmetterli alla squadra ed alla tifoseria, per partire tutti assieme nella rincorsa di un sogno purtroppo spezzato dall’inevitabile beffa della licenza Uefa. La sua presenza di ieri a Collecchio è un soffio di vento che spazza via parte di quella coltre di nebbia che staziona sull’Ennio da quel 18 maggio di festa. Alessandro Dondi

LE PRECEDENTI PUNTATE DI AMARCORD DI ALESSANDRO DONDI

1. CARLO ANDREA BOCCHIALINI, PARMIGIANO DI NASCITA E PRODOTTO DELLA CANTERA GIALLOBLU’ CROCIATA (04.07.2014)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

15 pensieri riguardo “AMARCORD, di Alessandro Dondi / I TORTI DI CASA NOSTRA: PARMA-BARI 3-0, LA NEBBIA E L’ARBITRO PEZZELLA…

  • 11 Luglio 2014 in 22:01
    Permalink

    Che brutta storia.Ricordo che. L’arbitro richiamo’ in campo i giocatori ma quelli del Bari,erano già sotto la doccia. Successe di tutto negli spogliatoi. Mamma mia quante botte.In ogni caso la felicità di aver vinto la seconda partita fu enorme. Saluti.Fulvio

    • 12 Luglio 2014 in 19:42
      Permalink

      buonasera,
      dalla sua precisa ricostruzione di quanto accadde negli spogliatoi quel giorno e dall’emozione che pervade l’ultima sua frase circa la vittoria nella ripetizione del match, sono abbastanza certo che Lei sia Fulvio Ceresini, figlio dell’indimenticato Ernesto Ceresini.
      La ringrazio di cuore di avere avuto la pazienza di leggere il mio umile articolo e di avere riportato qui un suo contributo. Su altri episodi e sulla grande figura di Ernesto Ceresini vorrei in futuro ripetere altre puntate di questa serie AMARCORD. Per l’occasione mi piacerebbe anche magari scambiare una chiacchierata con lei, certo che possa notevolemente arricchire il mio modesto bagaglio. In un periodo di crisi del calcio italiano, ritengo che portare di nuovo sotto i riflettori la figura di Ernesto Ceresini possa contribuire a far crescere tutto il movimento locale ed i tifosi. Si tratta di un eredità che in questo momento può veramente insegnarci tanto per portare il mondo del calcio fuori da questo limbo.
      un cordiale saluto

      Alessandro Dondi

      • 12 Luglio 2014 in 19:45
        Permalink

        Mi associo alle parole di Alessandro Dondi. E’ un onore – se davvero è lui – poter annoverare tra i lettori di StadioTardini.it il grande Fulvio Ceresini

        Cordialmente

        Gmajo

      • 12 Luglio 2014 in 21:51
        Permalink

        Grazie a Lei per l’Amarcord.Scambiare due chiacchiere con chi ama il Parma,e’ sempre un piacere.Saluti Fulvio Ceresini.

  • 12 Luglio 2014 in 09:03
    Permalink

    da notare gli 8214 paganti per una partita senza senso col parma ultimo in serie b,e poi sento parlare di zoccolo duro di adesso che tristesa !

  • 12 Luglio 2014 in 10:18
    Permalink

    Daccordo con Assioma, non per altro ho sottolineato come questo episodio appartenga ad un calcio che era ed oggi forse non é piu.

    • 12 Luglio 2014 in 13:43
      Permalink

      no, ti sbagli Alessandro D, é ancora cosí, la pressione dei media influenza molto chi deve giudicare in modo imparziale, nel caso specifico c’era la parentela tra presidente del Bari e presidente della FIGC, altre volte é la sudditanza psicologica che tutela di piú le squadre blasonate per il peso mediatico e il parma ne sa molto di queste cose ( vedi scudetto perso per COLPA DELL’ARBITRO COLLINA !! e altre miriadi di situazioni a cui ho assistito da 35 anni da spettatore). Il peso mediatico sono le TV, i GIORNALI, LE RADIO, I GIORNALISTI CHE DEVONO PARLARE BENE PIÚ DELLA JUVENTUS, DEL MILAN E DELL’INTER se a paritá di bravura espressa in campo hanno il Parma come avversario, i falli sono piú considerati a favore di queste squadre blasonate, le piccole oltre ad avere meno forza economica devono proferire TRE volte di piú le energie per affrontare queste ultime di cui parlo…la violenta gomitata di Destro della Roma sul difensore del Cagliari, ricordo che alla Domenica sportiva stava passando come una sciocchezza perché la roma é la roma e Collovati minimizzava (anche lui é cosí, forse perché ha giocato nelle grandi…si impuntó solamente Zazzaroni)…dopo Torino-Parma alla DS Ventura e company parlarono del grande cuore granata, dello stadio pieno di tifosi per quella partita importantissima e della bravura di Cerci e Immobile (partita anonima per loro!) non che ERANO RIUSCITI MIRACOLOSAMNTE A PAREGGIARE UNA PARTITA DOVE NEL SECONDO TEMPO LI ABBIAMO SCHIACCIATI RISCHIANDO DI STRAVINCERE CON BIABIANY (premetto che ho simpatia per il Toro). Ghirardi é schifato da tutto questo ancor prima che dalla mancata concessione della licenza UEFA (si potrá dire che ha colto la palla al balzo ma il pieno lo aveva giá fatto di tante cose…) Massimo.

      • 12 Luglio 2014 in 17:07
        Permalink

        Caro Massimo,
        sono stato evidentemente frainteso nel commento in risposta ad Assioma e me scuso. Tanto per chiarire: quando mi riferisco, sia nell’articolo che nel commento ad “un calcio che era ed oggi forse non è più: passione genuina, attaccamento alla maglia” intendo gli 8000 e passa paganti,il tifo, la reazione di una squadra sul campo al torto subito ed alla signorilità di Ernesto Ceresini. In contrapposizione con gli evidenti, tanto quanto inutili, strali dei giorni nostri.
        Il mio invito a Ghirardi è quello – se vuole realmente rinnovare questo calcio- di iniziare a reimpostare la filosofia di un tempo, combattendo ingiustizie, torti e scherzi del destino con una lezione di tifo e di sportività. Il campo è la migliore medicina.
        cordialità

  • 12 Luglio 2014 in 12:17
    Permalink

    tutto e’ in divenire ,figurarsi 30 anni fa come si viveva la partita domenicale (e sottolineo domenicale) ,adesso e’ un simil wrestling,un altro episodio grottesco che ci penalizzo’ al di la’ del buon senso fu un parma verona (vriz cat vena un camion) dove perdemmo in casa (oddio in casa poi) e poi la beffa dei tre punti di penalizzazione solo perche’ il povero smersy nel sottopassaggio prima della partita disse ad alta voce “dai dai che un pareggio va bene a tutti” ,quel episodio ed il palo di corbellini al 90 al mirabello furono la strada per la terza serie

    • 12 Luglio 2014 in 12:28
      Permalink

      Chissà se Dondi-Dondoni ci regalerà un amarcord ad hoc…

      • 12 Luglio 2014 in 17:11
        Permalink

        Mi solleticate sulla mia passione per gli AMARCORD… a grande richiesta la prossima puntata potrebbe essere dedicata proprio alla vicenda che vide coinvolti Smersy e Giorgio Sereni. In realtà avevo già in animo qualche altro episodio/personaggio, però virerò su questo con grande piacere. Il materiale non manca.

    • 12 Luglio 2014 in 13:15
      Permalink

      Caro Assioma, in questo senso (“dai dai che un pareggio va bene a tutti”) il calcio italiano è rimasto uguale a quello di trenta anni fa…:D…

      • 12 Luglio 2014 in 13:32
        Permalink

        Immagino le sia piaciuta molto la foto col fucile 🙂

        • 13 Luglio 2014 in 16:37
          Permalink

          Non è solo la foto in questione a farmi venire l’orticaria, ma anche e soprattutto il fatto che ci siano giornali di un certo rilievo che pensano sia opportuno darle un bel po’ di visibilità. L’unico modo per permettere a quel figuro di trovare la sua strada (ammesso che ce ne sia una), è quello di parlarne, bene o male, solo per quello che combina in campo. In un paese normale, le sue cazzate non sarebbero date in pasto all’opinione pubblica, ma ad uno psicologo. Di quelli buoni.

      • 12 Luglio 2014 in 20:28
        Permalink

        cerci e rosati permettendo…:-D

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI