“ANDIAMOCELA A RIPRENDERE”: LO SLOGAN LEONARDIANO E’ ORA UNA T SHIRT DEL CCPC IN VENDITA ALLA FESTA GIALLOBLU’ A SALA BAGANZA – La fotogallery amatoriale della prima serata

DSC04094(gmajo) – C’è qualcuno dei miei estimatori che favoleggia che il fortunato slogan “Andiamocela a riprendere” non sia stato ideato da Pietro Leonardi, ma che sia frutto di una mia libera rielaborazione di un concetto caro al Plenipotenziario: io sono convinto, al contrario, che quelle parole – papali papali – siano state proprio pronunziate dal Sommo Dirigente (se la memoria non mi tradisce in un collegamento telefonico con Bar Sport, anche se quel pensiero, più o meno in quel modo, sostanzialmente lo ha espresso in molteplici altre occasioni pubbliche), tuttavia non disdegno il merito di aver contribuito a renderlo ancor più popolare, cosa che corrisponde a realtà, avendo più volte rilanciato il concetto (pur non condividendolo, dal DSC04397momento che, razionalmente, mi viene da pensare che non sia semplice replicare il miracolo sportivo della passata stagione, con gli stessi interpreti – già piuttosto stagionati – invecchiati di un anno, e con alcuni degli elementi sulla carta più forti che non fanno parte dell’attuale rosa: Parolo, Cassani, Molinaro, Gargano). Il claim “Andiamocela a riprendere” è piaciuto parecchio anche ad Angelo Manfredini, presidente del Centro Coordinamento Parma Clubs, che – col benestare dell’intero consiglio direttivo – ha pensato di riproporlo sulla annuale t DSC04408shirt che viene messa in vendita, assieme ad altri gadget griffati CCPC, nella estiva Festa Gialloblù, giunta, nel caso specifico, alla sesta edizione e in corso di svolgimento (stasera l’ultima serata, con il gruppo The Snakes, specializzato in musica revival anni 60-70) nell’area feste di Sala Baganza, dietro il campo sportivo dedicato allo scomparso giornalista della  Gazzetta di Parma Marco Federici. Il lato A della magliettina (costo 10 euro) presenta, al centro, su fondo azzurro, l’effige stilizzata in giallo della Europa League, che il sodalizio crociato avrebbe raggiunto il diritto poter disputare sul campo, ma che difficilmente potrà giocare per via della mancata concessione della Licenza Uefa per inadempienze di imagecarattere amministrativo; in alto a destra, il logo del CCPC. Sul lato B – e quel Saltimbanco di Boni direbbe che non è casuale – appunto la dicitura “ANDIAMOCELA A RIPRENDERE”. Prima ancora di vederla esposta sulle bancarelle (c’era, tra l’altro, uno stand – caratterizzato da una maglia di Paletta – del locale club pedemontano dedicato a Tommaso Ghirardi, con il “Lupo” che cercava di raccogliere proseliti) la t shirt “Andiamocela a riprendere” l’avevo vista in anteprima qualche ora DSC04250prima sulla tribuna del centro sportivo di Collecchio, durante la sgambata in famiglia, indossata da Marcello dei Danè e (ancor meglio) da alcune avvenenti figliuole aderenti al medesimo club affiliato al Coordinamento i quali erano impegnati a distribuire volantini reclamizzanti l’appuntamento serale nella vicina Sala Baganza. Purtroppo – sia per le finalità della serata (parte dell’incasso in beneficenza), sia per la qualità delle portate (io e Alessandro Dondi abbiamo DSC04402tastato il menù di carne, ma abbiamo annotato riscontri positivi anche per quello di pesce) – non si è registrato il pubblico delle grandi occasioni, ma, come ha acutamente osservato il vice presidente Bruno Bia, è stato peggio per chi non c’era. In effetti la fresca brezza delle nostre colline – senza lo spiacevole effetto collaterale dei sensos – pensavo potesse smuovere un numero maggiore di persone: speriamo che stasera possa esserci un’adeguata risposta del pubblico e non solo parte dello zoccolo duro degli aficionados delle feste del Coordinamento, ma con una proficua contaminazione di altre persone non tifose. In DSC04367rappresentanza del Parma F.C. sono arrivati Sandro Melli, il team maneger, e il neo responsabile per i rapporti con la tifoseria del club Giuseppe Squarcia, fresco del successo di esser riuscito a far spostare – come da istanza dei Boys – l’orario di inizio della prossima amichevole, quella di giovedì prossimo, 24 luglio, con il Renate, alle ore 18. Purtroppo, anche a causa del rompete le righe (la preparazione riprenderà lunedì prossimo), non sono arrivati calciatori (come alla vigilia aveva auspicato Manfredini ai nostri microfoni) e neppure Pietro Leonardi, evidentemente impegnato fuori Parma, non avendo assistito neppure alla prima sgambatura. A differenza del giorno del raduno non si è visto nemmeno il presidente Tommaso Ghirardi.

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

E DOPO LA SGAMBATA IN FAMIGLIA TUTTI A SALA BAGANZA ALLA VI FESTA GIALLOBLU’ DEL CCPC – Video intervista a Manfredini e fotogallery dei preparativi

AMAURI DECIDE LA SGAMBATURA IN FAMIGLIA CON TIME OUT ALLA BRASILIANA: BLU-BIANCHI 1-0 – Fotogallery amatoriale con i tifosi sugli spalti

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

7 pensieri riguardo ““ANDIAMOCELA A RIPRENDERE”: LO SLOGAN LEONARDIANO E’ ORA UNA T SHIRT DEL CCPC IN VENDITA ALLA FESTA GIALLOBLU’ A SALA BAGANZA – La fotogallery amatoriale della prima serata

  • 19 Luglio 2014 in 07:50
    Permalink

    Majo, una domanda: cosa ne pensi delle cene dei club? In generale, non nel merito di quella di ieri sera……

    • 19 Luglio 2014 in 12:08
      Permalink

      Al contrario di Paolo, forse perché ne sono un diretto fruitore, io non credo che le cene dei club siano un male, né credo siano superate, ed anzi credo che possano far bene agli stessi calciatori per un doveroso contatto ravvicinato con i propri beniamini. Ma io sono più anziano, vecchio e antico del giovane e moderno Paolo che vorrebbe rottamare, oltre a queste cose, anche i salotti televisivi o le pagine dei giornali che ritiene superati.

      Paolo, poi, è un grande estimatore di Squarcia, a sostegno del quale non ha fatto mancare scritti in questo spazio virtuale: ebbene Paolo dovrebbe sapere quanto il neo responsabile dei rapporti con la tifoseria tenesse alla Mostra del Centenario (peraltro surrogato di quella che era la sua idea perseguita da anni di un Museo del Parma permanente, rimasta fino ad oggi incompiuta), peccato, però, che qualcuno dei calciatori – e non parliamo di ragazzini senza coscienza – si fosse rotto le scatole, scappando via dalla Ghiaia, dopo essersi chiesto cosa stava facendo lì. Questo per dire che si tratterebbe di lavorare sulla sensibilità dei giocatori, i quali sono profumatamente pagati non solo per quello che fanno sul campo, ma anche per i rapporti fuori. A parte che credo che si rompano meno le palle a mangiare in compagnia piuttosto che a visitare una mostra. E comunque io che di cene non me ne faccio mancare una (se mi invitano, dove non sono gradito non vado) posso dire che di calciatori che si rompono alle cene ne ho visti ben pochi. E tra i mille problemi che il Parma può avere non credo che sia così fondamentale quello delle cene dei Parma Clubs.
      Poi che si tratti di rinnovare, migliorarsi, trovare nuovi stimoli per una maggiore partecipazione del Tardini siamo d’accordo, ma non credo che le cose migliorino abolendo le cene dei club.
      Tra l’altro, come rimarcato da quel porchetto di Marcello che è sempre molto attento a questo aspetto, ieri sera c’erano pure delle avvenenti figliuole e non solo i soliti 76enni che vede lui…
      Piuttosto: ho visto che c’era molto feeling tra te e il Baffo Manfredini: ti stai facendo scritturare dal CCPC per contribuire al ricambio generazionale?

      Ciao

      Gmajo

  • 19 Luglio 2014 in 09:08
    Permalink

    ripeto ,bruttissimo slogan,ce la siamo gia’ presa na volta (e di questa ho il copyright)

    • 19 Luglio 2014 in 10:57
      Permalink

      Prendiamo atto ke alla festa c’era una qualke bella figa. Bene. Grazie Majo x il servizio foto ke si gode sempre.
      Secondo me le cene dei club sono una bella cosa, xchè favoriscono la conoscenza-amicizia tra i tifosi. Ke ci siano o non ci siano i giocatori a me non interessa.
      Poi be lo dico così da esterno xchè io a queste feste non vado quasi mai xchè nn sono il mio genere.

      ANDIAMOCELA A RIPRENDERE (anke senza sputo)

  • 19 Luglio 2014 in 12:05
    Permalink

    Direttore,
    come va interpretata, se va interpretata, la foto con in primo piano la maglietta “Andiamocela a riprendere” e dito indice puntato verso il fondoschiena (o verso il centro della terra, mi dica lei)?

  • 19 Luglio 2014 in 16:17
    Permalink

    Diciamo pure che molti giocatori del Parma degli ultimi anni dovrebbero darsi meno merda e scendere dal pero.
    Sulla maglietta vedo che hanno lasciato lo spazio per completarla con la parte di boni

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI