martedì, Maggio 28, 2024
Calcio & CalcioNews

CALCIO & CALCIO PIU’ ESTATE / TEDESCHI SBANCA AL TOTO-PRESIDENTE DEL PARMA PROMOSSO DA ANGELLA, MA MAJO CHIOSA: “GHIRARDI SI E’ DIMESSO SOLO A PAROLE…”

(Evaristo Cipriani) – GAETANO FOR PRESIDENT? – Avrebbe potuto dire no, escludere categoricamente l’ipotesi, invece Gaetano Tedeschi, numero 1 di Energy TI Group, ieri sera, alla domanda di  Michele Angella nella parte iniziale di Calcio & Calcio Più Estate  (“Sarebbe disponibile, se confermate le dimissioni di Ghirardi, a ricoprire il ruolo di presidente del Parma, visto che è già stato alla guida di una società di calcio?”), non si è tirato indietro e non ha bocciato lo scenario: “Noi abbiamo fatto una strategia comune con l’azionista di maggioranza che prevede che la parte sportiva è di sua competenza. Sarà lui a decidere la struttura gestionale in termini sportivi. Non sta a me proporre una cosa del genere, ritengo anzi che la soluzione più corretta sia interpretare questo momento come un periodo di riflessione, e come tale va rispettato Ghirardi, perché davvero lo merita, credetemi. L’ho trovata davvero una persona sincera che ha fatto il bene del Parma, è giusto rispettare le sue decisioni”. DSC03586Sollecitato, poi, da Gabriele Majo in merito alla possibilità di acquisire altre quote del Parma, anche in questo caso Tedeschi non ha risposto con un no secco, lasciando aperte le porte all’ipotesi di un ulteriore impegno da parte della compagnia energetica nel progetto Parma Calcio, non solo dal punto di vista del marketing. Insomma, comunque la pensiate, la telefonate di ieri sera del presidente di Energy TI, è stata molto significativa e la sensazione è che Tedeschi, se si dovesse presentare l’occasione, sarebbe pronto ad occupare la poltrona lasciata eventualmente vuota da Tommaso Ghirardi, dando vita anche ad una possibile scalata societaria. Certo, è strano, che l’ingegner Tedeschi per il Parma FC quasi non esista, così come sembra non esistere per la sempre vicinissima alla società crociata Gazzetta di Parma.

imageELEZIONI PRESIDENZIALI – Il nome di Gaetano Tedeschi non è però il solo in lizza per la carica di prossimo presidente del Parma F.C. qualora Ghirardi confermi la propria intenzione di lasciare il calcio dal cui mondo si è detto più volte schifato dopo la vicenda della Licenza Uefa. Angella ha premesso: “Io, la scorsa settimana, avevo auspicato che Ghirardi restasse al imagecomando del Parma e non gettasse al vento l’occasione di partecipare alla ricostruzione del calcio italiano dopo le dimissioni di Abete: tuttavia, se non ha alcuna voglia di tornare come ha più volte ribadito, bisogna fare presto e dare al Parma un nuovo assetto sgombrando il campo da qualsiasi incertezza”. Anche se ci sono 120 giorni di tempo per dare vita al nuovo cda, secondo il giornalista dell’emittente di via Barilli, bisogna muoversi subito e così in grafica, oltre al nome di Ghirardi, imagequalora ritornasse sui suoi passi, ha indicato le seguenti soluzioni: Leonardi (che diverrebbe anche ufficialmente autentico Plenipotenziario), Schinelli (il tecnico, l’uomo dei conti della famiglia Ghirardi-Pasotti), Tedeschi, Melli, Minotti (queste ultime due rappresenterebbero candidature simboliche, di bandiera e dalla grande valenza sentimentale). Secondo il nostro direttore Gabriele Majo, tuttavia, occorre fare attenzione ad un aspetto decisivo, che aveva già rimarcato ieri in un editoriale su StadioTardini.it: “Ghirardi si è dimesso solo a parole, quello del 30 maggio è stato uno sfogo verbale imagea cui non è seguito alcun atto ufficiale, non sono così sicuro che le dimissioni di Ghirardi arriveranno”. Lo stesso Majo, anziché Melli e Minotti (quest’ultimo rischierebbe di “essere incompatibile con Leonardi, visto ha già fatto il direttore sportivo”) ha proposto come presidente simbolico il nome di Hernan Crespo. Boni ha votato senza alcun dubbio Tedeschi: “E’ la figura più adatta e sono d’accordo che ci si debba muovere subito per dare un messaggio forte ad una piazza disorientata dalla situazione societaria e dalle tante voci che girano”.

DSC03590LA FACCIA DI DONADONI – Passando ad analizzare le strategie di mercato a pochi giorni dal raduno di Collecchio, fissato per giovedì prossimo, 10 luglio, provocatorio un sms letto in diretta dal conduttore. Un telespettatore ha puntato infatti il dito contro mister Donadoni scrivendo: “Con quale faccia si presenterà a Collecchio dopo aver mendicato da Lotito?”. Al di là del termine colorito usato dal tifoso, è lecito chiedersi con quale spirito il tecnico bergamasco si approccerà alla nuova stagione in gialloblu dopo essere stato sedotto e abbandonato dal DSC03587Milan e soprattutto dopo essere stato vicinissimo alla Lazio, con la quale c’era stato un incontro, mai smentito. Majo ha colto l’occasione per ribadire che a suo avviso bisognava voltare pagina e affidare il nuovo progetto tecnico ad un altro allenatore. A proposito di Donadoni, l’esperto di mercato Daniele Longo di calcionews24.com e parmalive.com, ha rivelato che Donadoni già lo scorso anno avesse bocciato il nome di un centrocampista molto valido come Emmanuel Cascione che il Parma pochi giorni fa ha lasciato riscattare al Cesena: “Nel centrocampo della prossima stagione sarebbe potuto tornare molto utile” ha commentato Longo.

imageIL MERCATO E CERRI – Per quanto riguarda proprio il centrocampo, in grafica sono state proposte alcune soluzioni sia per la sostituzione di Marco Parolo (da Alvaro Gonzalez della Lazio a Sciaudone del Bari, da Obi e Khrin dell‘Inter a Crimi del Latina) sia per il ruolo di centrale difensivo (da Andreolli dell’Inter a Ceppitelli del Bari, da Britos del Napoli a Spolli del Catania, per aggiungere Manfredini del Sassuolo, vicinissimo alla maglia gialloblu due anni fa). Sul fronte imageattacco si è parlato di Alberto Cerri che Radiomercato vedrebbe vicino al prestito in B al Crotone o all’atro satellite ducale Latina. Angella però ha auspicato che il golden boy crociato resti a Parma: “Il ragazzo deve rimanere e giocarsi il posto con Belfodil, se il Parma pensa di avere in mano un fenomeno non lo deve dare in prestito, si prenda esempio dall’Udinese che ha avuto il coraggio di lanciare Scuffet, loro mica lo hanno girato in prestito, che ne so, al Cittadella per fagli fare le ossa!” Una tesi che ha trovato il consenso anche degli ospiti in studio: “Certi prestiti, poi, finiscono per essere controproducenti…”, ha chiosato Majo.

DSC03606LA BONI BOMBA DELLA SETTIMANA – Su Cerri il Saltimbanco Enrico Boni ha ribadito l’interesse dei vice-campioni di Francia del Monaco, sganciando nell’occasione un’altra delle sue Boni-Bombe (o forse sarebbe meglio dire Boni-Bufale…): “Ho letto che il Monaco sarebbe interessato a Mirante, posso dire che non è vero niente, il nome che piace ai monegaschi è invece quello di Antonio Cassano e per lui questa sarebbe una soluzione molto gradita, vicina alla sua Genova e di grande prestigio!”. “Due mesi fa vi avevo riferito di contatti tra Parma e Monaco, adesso una prima prova è data dall’amichevole tra le due squadre fissata per il 2 luglio al Tardini!”.

imageCAFE’ DE COLOMBIA – La puntata di Calcio & Calcio Più Estate (clicca qui per vedere la web registrazione, a cura di Alex Bocelli) si era aperta con Boni che ha mostrato alle telecamere una tazzina di caffè. Un modo per fare riferimento alla Colombia che sta facendo faville al Mondiale brasiliano: “Quando guardo il Mondiale mi viene il mal di stomaco se penso alla Colombia, una CAM00872squadra straordinaria con grandissimi talenti. Peccato che il Parma, tra tutto questo ben di Dio, sia andato a prendere due anni fa l’unica pippa in circolazione, ossia Dorlan Pabon! Incredibile!”. Angella ha tentato di ricordare al popolare opinionista che proprio lui era stato un sostenitore dell’attaccante Cafetero e che allora il ragazzo si era presentato con ottime credenziali, ma il Saltimbanco non ci ha voluto sentire continuando a lamentarsi con Pabon e soprattutto con chi lo aveva portato in Italia. Evaristo Cipriani

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA DI CALCIO & CALCIO PIU’ ESTATE CON LA TELEFONATA DI GAETANO TEDESCHI (web registrazione a cura di Alex Bocelli)

image

CLICCA QUI PER LEGGERE LA TRASCRIZIONE DELL’INTERVENTO DI GAETANO TEDESCHI A CALCIO & CALCIO, A CURA DI VITO AULENTI DI PARMALIVE.COM

image

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY AMATORIALE DAL BACKSTAGE

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CALCIO & CALCIO / TEDESCHI: “HO LAVORATO NEL CALCIO E CON ZEMAN, MA LE DECISIONI SPORTIVE SPETTANO IN TOTALE AUTONOMIA ALL’ATTUALE MANAGEMENT”

PARMA F.C. / C’E’ ATTESA PER IL NUOVO PRESIDENTE: SARA’ SCHINELLI A RAPPRESENTARE LA FAMIGLIA GHIRARDI? MENO PROBABILE L’IPOTESI TEDESCHI (ENERGY T.I.)

TEDESCHI SVELA A PARMALIVE TUTTI I SEGRETI DELLA PARTNERSHIP TRA ENERGY T.I. GROUP E IL PARMA FC

SPETTABILE SETTORE CROCIATO, MA CHI MAI HA DEFINITO IL PRESIDENTE DI ENERGY T.I. GROUP GAETANO TEDESCHI UN FANTASMA, UN UOMO MISTERIOSO O CHE HA QUALCOSA DA NASCONDERE?

TEDESCHI A SPORTAL: “GHIRARDI RESTA IL N.1 ASSOLUTO IN SOCIETA’”

QUELL’APERITIVO BENEAUGURANTE CON GAETANO TEDESCHI ALL’AQUILA LONGHI PER LA PRESENTAZIONE DI “ON THE ROAD CON L’EURO PARMA” DEL NOSTRO LUCA SAVARESE. I video dell’evento e la fotogallery amatoriale

QUELL’APERITIVO BENEAUGURANTE CON GAETANO TEDESCHI ALL’AQUILA LONGHI PER LA PRESENTAZIONE DI “ON THE ROAD CON L’EURO PARMA” DEL NOSTRO LUCA SAVARESE, CHE CI RACCONTA LA SUA GIORNATA SPECIALE

LEONARDI SVELA: “LE TRATTATIVE PER LE COMPARTECIPAZIONI SONO STATE FATTE NELLA SEDE MILANESE DI ENERGY T.I. GROUP, DOVE MI HANNO ANCHE CONCESSO DI FUMARE…”

ENERGY TI GROUP NON VIENE MENO AL SUO IMPEGNO CON PARMA

CALCIO & CALCIO PIU’ / MAJO SPIEGA IL PROGETTO ENERGY-ABBONAMENTI

QUEL PATTO VERBALE COI PARMIGIANI CHE IL LEO HA FIRMATO COL RUFFO, IL RUOLO DI ENERGY T.I. GROUP E LA CAMPAGNA ABBONAMENTI, editoriale di Gabriele Majo

PERCHE’ FONDO LE MIE SPERANZE IN ENERGY T.I. GROUP E NEL SUO PRESIDENTE – Editoriale di Gabriele Majo

ANGELLA DAL TG DI TELEDUCATO: “ENERGY TI GROUP RISULTA CONTROLLATA AL 100% DALLA SOCIETA’ ANONIMA LUSSEMBURGHESE INIZIATIVE IMMOBILIARI SA”

CALCIO & CALCIO PIU’ / MAJO: “E’ LEONARDI IL REGISTA DELL’OPERAZIONE ENERGY T.I.”.

CALCIO & CALCIO PIU’ / ANGELLA: "IL PRESIDENTE DELLA ENERGY TI GROUP E’ STATO A CAPO DELL’AVELLINO E FU DIRETTORE GENERALE DELLA PARMIGIANA BONATTI"

SECONDO LA GAZZETTA DI PARMA IL PRIMO EFFETTO DELL’ARRIVO DI ENERGY T.I. NELLA SOCIETA’ CROCIATA E’ IL RINNOVO DEL CONTRATTO DI PIETRO LEONARDI FINO AL 2019

I VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DI “ENERGY T.I.”, IL NUOVO SPONSOR E SOCIO DEL PARMA FC E IL COMUNICATO UFFICIALE

GIULI A STADIOTARDINI.IT: “ENERGY T.I. APRIRA’ ENTRO GIUGNO UNA SEDE A PARMA E OFFRIRA’ AI TIFOSI CONVENIENTI SERVIZI DEDICATI PER ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE”

CONFERMATA L’ANTICIPAZIONE DI STADIOTARDINI.IT: ENERGY T.I. E’ IL NUOVO MEGA-SOCIO DI GHIRARDI, CHE ENTRA DIRETTAMENTE NEL CAPITALE DEL PARMA F.C. VERSANDO 25 MILIONI IN 10 ANNI

LA CONFERENZA DI TOM GHIRARDI? POTREBBE ESSERE PER LA PRESENTAZIONE DI UNA NUOVA SINERGIA CON “ENERGY T.I. GROUP” (GIA’ SPONSOR DEL NOVA GORICA)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

5 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ ESTATE / TEDESCHI SBANCA AL TOTO-PRESIDENTE DEL PARMA PROMOSSO DA ANGELLA, MA MAJO CHIOSA: “GHIRARDI SI E’ DIMESSO SOLO A PAROLE…”

  • Su Donadoni non mi scandalizza che – con il consenso della società – abbia parlato con Lotito (la differenza con molti altri è solo che è stato beccato), ma credo occorra rinnovare il contratto: un allenatore che parte con un pluriennale e va verso la scadenza diventa debole, sono tanti gli esempi.
    Sui giocatori ipotizzati sarà pure l’amara realtà ma sui centrocampisti mi è venuto male.
    Intanto pare che i tedeschi abbiano precisato che per Acquah si tratta di un ulteriore prestito, nessun riscatto

    • siamo contrari ai prestiti

  • si sara’ dimesso a parole (ed e’ anche vero) pero’ certe parole pesano piu’ di un macigno,poi un plenipotenziario a chi le presenta le dimissioni a se stesso ?

  • Alessandro D.

    “certi prestiti a volte sono controproducenti”…mai tale affermazione fu più azzeccata,quoto al 100% Gabriele Majo. Sull’odierna Gazzetta dello Sport è lo stesso Stramaccioni- che di esperienza come allenatore nelle giovanili ne ha abbastanza, vedi Roma e Inter- a riportare a galla l’argomento. A suo avviso uno dei mali italiani è proprio questo, i giovani più bravi ed emergenti nei campionati primavera vengono poi dirottati in serie B o Lega PRO, con prestiti che il più delle volte contribuiscono alla regressione dei ragazzi. Negli altri paesi, vedi Olanda, il giovane talento che emerge nella pimavera l’anno successivo viene lanciato nella squadra cosiddetta A. In Italia purtroppo si predilige il prestito in serie cadetta,che alle volte funziona pure bene- vedasi ad esempio Florenzi- ma molto spesso contribuisce ad accompagnare nell’oblio i nostri numerosi talenti. Vedremo se e come si saprà invertire il trend, nel frattempo sarebbe auspicabile che fosse il Parma ad agire-peraltro in coerenza con i j’accuse del suo presidente dimissionario- nella direzione di una maggiore valorizzazione del proprio patrimonio di talenti. La cessione in prestito di Cerri rappresenterebbe un pessimo- a mio modesto avviso-esempio di quella mancanza di coerenza e di coraggio che il nostro calcio si trova a pagare a caro prezzo. Il calcio non lo si cambia con le chiacchiere e con le sparate a zero, il vero cambiamento va impostato a cominciare dalle piccole cose. E il lancio di Cerri, sempre che lo si ritenga realmente un talento, è un primo passo con cui contribuire a riformare quel pianeta calcio-che a anche a detta del roseo Schianchi- ha disperato bisogno di nuova linfa, pena la definitiva discesa nell’oblio del calcio mondiale.

  • Credo anch’io che si debba partire da Mauri (per Marchionni) e Cerri (per Amauri), poi se nel corso della stagione le indicazioni cambiano,di “mestieranti” in giro se ne trovano a iosa, perchè sotto utilizzati nelle grandi squadre , svincolati, o in scadenza di contratto, Un anno aggregati alla prima squadra il campionato scorso sarebbe vanificato dal prestito a società di altra categoria con un differente impatto territoriale, obiettivi sportivi differenti,gerarchie di spogliatoio consolidate. Immagino che Leonardi conosca meglio di chiunque questi aspetti e quindi spero si muova in questa direzione. Lodi e Manfredini con magari un paio di terzini fluidificanti ed un attaccante di grande affidabilità e rendimento potrebbero essere una buona base di partenza, sapendo che abitualmente il Parma è un cantiere aperto per tutta la stagione e la prossima ancor di più.

I commenti sono chiusi.