GALATASARAY, SFUMATA L’IPOTESI DELL’AMICHEVOLE AL TARDINI: PER IL 23 AGOSTO, COMUNQUE, IL PARMA E’ ALLA RICERCA DI UN AVVERSARIO IMPORTANTE PER L’ULTIMO TEST

image(gmajo) – L’affascinante idea di ospitare al Tardini il Galatasaray di Cesare Prandelli, per l’ultima amichevole dei crociati, prevista per sabato 23 agosto 2014, purtroppo è già sfumata: sarà infatti il Fenerbache, e non più il Galatasaray, come da prima proposta dell’agente turco ad affrontare la Roma il 19 agosto all’Olimpico (ultimo test per i vice-campioni d’Italia in vista del nuovo campionato). La prevista mini-tournée italiana dei prandelliani, dunque, non avrà luogo né è ipotizzabile che possano arrivare all’Ennio quelli del Fenerbache, poiché il 25 agosto si giocheranno, proprio con gli acerrimi rivali del Galatasaray, la Supercoppa. La Media Sport Event di Gianni Lacché – che cura l’organizzazione di tutti i match estivi dei crociati – starebbe quindi già cercando un avversario di analogo valore dei turchi per i crociati, in quanto, secondo le indicazioni di Roberto Donadoni, l’ultima partita di allenamento dovrà già mostrare a che punto sono i suoi uomini, al termine della preparazione, prima dell’avvio ufficiale della stagione con il debutto in campionato a Cesena del 31 agosto. Ricordiamo che ieri il Parma ha intanto ufficializzato l’amichevole pre-ferragostana con il Varese (rimasto inserie B dopo aver vinto i play out con il Novara), prevista per giovedì 14 agosto 2014 alle ore 18,30 allo stadio Ossola. Per la quadra allenata da Stefano Bettinelli si tratta dell’ultimo test prima dell’esordio ufficiale, in Tim Cup, I crociati il 2 agosto saranno impegnati alle 19 allo stadio Partenio nel triangolare Memorial Taccone con l’Avellino e il Bordeaux, mentre il 4 agosto allo stadio Dirceu di Eboli giocheranno contro la Salernitana alle 20.45. A Birmingham il 9 agosto alle 15 (ora locale) affronteranno l’Aston Villa (con rientro in Italia in serata). Il giorno dopo, il 10 agosto a Collecchio alle 17.30 amichevole con la formazione dell’ ASD Oltrepo Voghera che si appresta al campionato di serie D (ingresso gratuito).

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL 23 AGOSTO IL GALATASARAY DI PRANDELLI AL TARDINI? INTANTO IL PARMA HA UFFICIALIZZATO UN’AMICHEVOLE A VARESE IL 14 AGOSTO

QUANDO PRANDELLI SCAPPO’ DA PARMA…

IL TURCO PRANDELLI HA SCARICATO ROSSI E BALOTELLI MA NON CASSANO: “AVEVA DIMOSTRATO DI AVERE QUALITA’ SUPERIORE IN SERIE A…”

L’ETICA COME CARRO DI TESPI: QUESTA L’OPERAZIONE DI MARKETING DI PRANDELLI, CHE SECONDO ALDO GRASSO PERSONIFICA L’ASTUZIA DI ODISSEO E L’AUTOSTIMA DI TELEMACO

PARMA-MONACO, fotogallery amatoriale

OPINIONISTA PER UN GIORNO / GUIDO SCHITTONE DOPO PARMA-MONACO 0-2: “AI MONEGASCHI LA SFIDA DEL TIFO: CON COMPOSTEZZA HANNO FATTO TUTTO QUELLO CHE E’ VIETATO NEL LORO PAESE”

PARMA-MONACO 0-2, DECIDE MOUTINHO. ASSISTONO AL VERNISSAGE MENO DI 3.000 SPETTATORI. BENE CASSANI, BELFODIL, LUCARELLI E ACQUAH, MA LA MEDIANA E’ UN PO’ LEGGERA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

28 pensieri riguardo “GALATASARAY, SFUMATA L’IPOTESI DELL’AMICHEVOLE AL TARDINI: PER IL 23 AGOSTO, COMUNQUE, IL PARMA E’ ALLA RICERCA DI UN AVVERSARIO IMPORTANTE PER L’ULTIMO TEST

  • 30 Luglio 2014 in 14:36
    Permalink

    domani gioca il toro..quindi il buon tas oggi non potrebbe dare questa benedetta sentenza positiva o negativa che sia? penso sia assurdo che non si è arrivati ancora ad una risposta il giorno prima dell’esordio!!!

  • 30 Luglio 2014 in 14:38
    Permalink

    Forse servirà anche per la presentazione della squadra

    • 30 Luglio 2014 in 15:23
      Permalink

      Purtroppo la “primizia” che avevo raccolto lunedì sera (e che avevo tenuto in freezer fino a stanotte quando, in pratica, di fatto era già scaduta) non si è rivelata tale, per via della sostituzione tra turchi come avversari della Roma e della concomitante sfida tra le due per la Supercoppa…

      Per il resto si tratterà di coniugare diversi fattori: il buon Lacché dovrà trovare un’altra avversaria, al di là di quella che aveva inizialmente in mente, che soddisfi il perfezionista Donadoni, il quale è desideroso di misurare il rendimento dei suoi, a fine preparazione, con un avversario attendibile e tosta. Ma è anche chiaro che si tratterà di sfruttare un’occasione, al fine di non aver bagni di sangue di natura economica per pagamento di ingaggi, magari ricorrendo solo a un concorso del rimborso spese.

      Non credo che al Parma interessi una squadra di rango ai fini di una eventuale presentazione: mi pare che questo inizio del 101° anno sia stato all’insegna della sobrietà e non dello sfarzo. La stessa presentazione delle maglie, un tempo occasione per un happening, si è limitata a una breve conferenza stampa senza troppi defile o sfarzo. Potrebbe darsi, considerata la data e l’organico in quei giorni si spera già definito e consolidato, che ci possa essere, come in altre occasioni, una sorta di entrata all’americana prima della partita, ma non ne sarei così convinto, appunto per quella doverosa sobrietà dovuta, immagino, alle dimissioni del Ghiro.

      In ogni caso, trattandosi di partita a pagamento, non credo sarebbe il massimo per la presentazione che giustamente i tifosi locali (e questo lo sa bene il neo responsabile Giuseppe Squarcia, visto che all’alba di una idea era un suo cavallo di battaglia) vorrebbero gratuita e aperta al pubblico, magari in Piazza Garibaldi come l’ultima volta.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 30 Luglio 2014 in 15:00
    Permalink

    Ma ragazzi pensate ancora al TAS? Ma non avete ancora capito che il Parma sapeva già di non andare in E.L. già il 16/03/2014 quando non ha versato la benedetta somma??? Ma lo sapete che è solo per fare star zitti i tifosi questa situazione dei ricorsi….

    • 30 Luglio 2014 in 15:10
      Permalink

      Io su questo punto non sono d’accordo. Tanto i commoventi tifosi del Parma stanno zitti lo stesso, non c’era bisogno di manfrine legali per ottenere questo scopo. Io credo che l’accanimento del Parma fosse dovuto (o sia dovuto) perché è convinto di avere ragione delle proprie tesi. Io, però, sono sempre orientato a credere che esista una verità reale e una verità processuale, e, l’idea che mi sono fatto è che il Parma fosse scivolato su una buccia di banana; poi, nel tentativo di rimediare ci si è accorti (e l’Alta Corte del Coni fece un assist in questo senso) della incongruenza e sostanziale ingiustizia del famigerato Manuale che ha delle contraddizioni in merito alla possibilità di difendersi. Quindi: per me il Parma ha sbagliato, e parecchio, nella pratica della Licenza che poi infatti gli è stata negata. Ma nel frattempo ci si è accorti di questa falla del Manuale, che in effetti c’è, e che avrebbe potuto comportare anche una clamorosa riammissione. Rimane il fatto che se non si fossero seguite strade alternative alla maestra, con gli impronunciabili domani avremmo giocato noi e non il ripescato Toro, che, avendo fatto le cose per bene, è perfettamente legittimato a disputare il noto preliminare.
      Cordialmente
      Gmajo

    • 30 Luglio 2014 in 15:21
      Permalink

      non è che penso all europa league..è solo che mi piacerebbe avere questo benedetto esito da parte del tas? almeno cosi la finiamo di essere in attesa di giudizi sospesi..

      • 30 Luglio 2014 in 15:24
        Permalink

        Giudizi sospesi ci sono anche con la Corte Costituzionale, la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo prima di passare alle corti interplanetarie…

  • 30 Luglio 2014 in 15:20
    Permalink

    spero escano subito

    • 30 Luglio 2014 in 15:28
      Permalink

      Questo sentimento, secondo me, non è corretto, ed è figlio di quella campagna astiosa contro il Toro del nostro Plenipotenziario. I granata, infatti, che sono perfettamente in regola – al contrario di noi – con i requisiti richiesti per la Licenza che – al contrario di noi – hanno ottenuto, hanno tutto il diritto di poter giocare il Preliminare e non sono certo degli usurpatori.

      Nello stesso tempo, però, ricordo come io – in ossequio ad un pragmatico fair play e al di là delle parole di circostanza di Cairo – fossi stato nel Torino non mi sarei fatto parte attiva nei procedimenti, nella consapevolezza che l’opportunità del ripescaggio sarebbe arrivata lo stesso, senza muovere i propri avvocati. Capisco, però, che avendo la possibilità di farlo si siano voluti tutelare.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 30 Luglio 2014 in 15:44
        Permalink

        majo sono di torino e sono decisamente pochi i tifosi granata onesti che dicono che in effetti il parma se la è meritata e per problemi di irpef ci tocca andare..questi insutano solo parma ed il parma!

        • 30 Luglio 2014 in 15:49
          Permalink

          Gio, io credo che in frangenti come questi le schermaglie tra tifosi siano anche fisiologiche: avrei preferito, proprio per questo, che Leonardi non fomentasse l’avversione verso il Toro, con le sue continue stoccatine, frecciatine e frasi esplicite, tenendo presente che prima o poi (alla IX giornata) ci sarà la partita e l’ultima cosa che deve esserci è uno scontro tra tifoserie (di cui lo riterrei moralmente responsabile, come ebbi modo di dire già tempo fa).

          Appunto invito tutti ad essere razionali e a non fomentare odio e avversione verso i torinisti. I loro provocatori qui non hanno trovato albergo: abbiamo ospitato, invece, coloro che con un atteggiamento civile e responsabile, hanno partecipato al dialogo. E lo stesso hanno fatto i nostri.

          Infine: io sono favorevole al tifo pro e contrario al tifo contro. Del resto tifare contro il Toro non serve a ridarci quella Licenza che non abbiamo certo smarrito per causa loro…

          Cordialmente

          Gmajo

  • 30 Luglio 2014 in 15:33
    Permalink

    Majo e secondo lei dei gli unici consulenti che sono riusciti a scivolare sulla buccia di banana sarebbero i nostri…. ma per favore…. Il parma sapeva benissimo che non sarebbe andato in E.L. già da tempo, questi sono alibi per i problemi che abbiamo dietro ben più gravi………

    • 30 Luglio 2014 in 15:44
      Permalink

      Marco, i problemi non sono certo stati causati dai consulenti, al di là che la cosa veniva comodo sostenerlo ai fini processuali, avendo scelto la strategia (secondo me un po’ suicida) di voler dimostrare la propria buona fede vista anche l’esiguità della somma.

      Nel contempo non sono di quelli che credono che il Parma abbia fatto apposta a non voler andare in E.L. o che lo sapesse benissimo prima che non ci sarebbe andato. In effetti il Parma, come sostenuto da Ghirardi, e credo che sia anche comprovato dai fatti, al fine di essere in regola con i requisiti previsti dal Manuale, aveva provveduto a regolarizzare tutte le pendenze estere (con somme che variano dai 10 ai 13 milioni, a seconda delle volte) cosa che non era (al momento) prevista per iscriversi al Campionato Italiano. Dunque la volontà del Parma di andare in Europa League c’era tutta e avrebbero volentieri fatto a meno di questa figuraccia.

      Quindi, per me, razionalmente, il Parma è semplicemente scivolato su una buccia di banana, magari con l’erronea convinzione che comunque a tutto c’è rimedio, fuorché alla morte…

      Poi che il Parma possa avere anche altri problemi – e di qui la ritirata di Ghirardi – è un altro discorso: ma dal momento che Leonardi sostiene che questa società è sana e che ce la andiamo a riprendere, non possiamo che dargli retta e fiducia. Io, come promesso, smetto di fare il grillo parlante su questo specifico tema: ho già spiegato che non capisco come razionalmente possa esser possibile questa splendida utopia, ma per non offrirgli l’alibi di aver sobillato con i miei ragionamenti i lettori, rovinandogli la piazza, lascio lì. Sperando bene…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 30 Luglio 2014 in 15:35
    Permalink

    A fine agosto, non dovendo neppure scendere in campo in c.italia, un test impegnativo è giusto farlo, anche due.
    Non sono ancora riuscito invece a capire il senso di giocare a fine luglio contro una squadra nettamente piu forte che inizia il campionato a ferragosto ed affrontarla schierando anche i reduci dal mondiale. Non vedevo l’ora di avere la certezza che non si fosse fatto male nessuno.

  • 30 Luglio 2014 in 15:46
    Permalink

    penso sia interessante parlare di paletta e biabiaby!sembra stiano piovendo di nuovo offerte sui 2..soprattutto su biabia da squadre inglesi! io credo che andrà via solo uno dei due..e spero sia biabiany per due motivi: vale piu di 10 mln e soprattutto abbiamo gia il sostituto in casa che può essere bidaoui..anche se con quei soldi arriveranno magari schelotto o obinna!

  • 30 Luglio 2014 in 15:49
    Permalink

    Ma ghirardi non si vede più oggi e mercoledì?

    • 30 Luglio 2014 in 16:30
      Permalink

      cioe’,non e’ che puo’ essere contemporanenamente in tutti i paeselli del mondo,anche i dimissionari vanno in ferie

      • 30 Luglio 2014 in 17:26
        Permalink

        Confermo.

    • 30 Luglio 2014 in 16:53
      Permalink

      A seguito di sommario controllo risulterebbe che il ghiro oggi non è a Collecchio. Ma come osserva assioma siamo a fine luglio e quindi potrebbe essere in vacanza… saluti gmajo

  • 30 Luglio 2014 in 19:11
    Permalink

    Sono curioso di vedere quale sarà l’avversario per l’amichevole del 23 agosto. In quella data tutti i principali campionati europei saranno già iniziati quindi per esclusione si può ipotizzare un avversario proveniente da campionati di seconda fascia non impegnati in quella data.
    Qualche settimana fa girava la voce di una possibile amichevole contro i Rangers di Glasgow ma sarebbe stata programmata dopo la partita di Birmingham del 9 agosto in una tournee d’oltremanica.
    Ho visto che i Glasgow saranno impegnati nel loro campionato scozzese il 23 agosto quindi l’ipotesi è tramontata.

    Christian

    • 30 Luglio 2014 in 19:40
      Permalink

      In effetti si era ipotizzato un match con il Glasgow, ma anche per problemi relativi ai trasferimenti logistici si era lasciato cadere il discorso, preferendo donadoni che la squadra tornasse il prima possibile a Collecchio. Però sarebbe stata appunto una trasferta a Glasgow nell’ambito della tournée. L’ipotesi Glasgow al tardini il 23 non è mai stata presa in considerazione. L’affascinante idea galatasaray sarebbe stato un colpo di genio se si fosse ottimizzata la trasferta di roma poi saltata. Adesso onestamente non so cosa lacchè possa trovare. Cordialmente. Gmajo

  • 30 Luglio 2014 in 21:08
    Permalink

    Ma un’amichevole con la Reggiana? E sì che in quel caso spenderemmo poco di ingaggio e guadagneremmo tanto dai botteghini. Altro che i quasi 3.000 della sfida contro i vicecampioni (?) di Francia…quasi quasi contatto Squarcia e gli inoltro questa richiesta.

    • 30 Luglio 2014 in 22:09
      Permalink

      Arrivi tardi, Russo: il tuo direttore il derby con la Reggiana l’ha proposto nel 2011. E tutti mi davano del pazzo…

      • 31 Luglio 2014 in 06:56
        Permalink

        Lo so che arrivo tardi, ma in quel caso mi pare che l’idea era quella di organizzarla a scopo benefico. In questo caso, invece, le darei un significato esclusivamente tecnico. E comunque, sì che ne incasseremmo di soldini, se si organizzasse un derby del genere. Altro che Monaco, Galatasaray ed altri (fasulli) top club europei che in Europa hanno raccolto meno successi del nostro Parma.

  • 31 Luglio 2014 in 08:02
    Permalink

    Comunque, restando in tema “europeo”, la Gazzetta (dello Sport) che tira la volata al Torino, celebrandone i non gloriosi trascorsi a livello continentale, proprio non si può leggere. Non avrò mai la controprova, ma dubito che si sarebbero comportati alla stessa maniera se al posto del Toro ci fosse stato il nostro Parma, che pure in bacheca ha molte più coppe europee da esibire rispetto ai granata. Del resto, stiamo parlando di un paese, il nostro, nel quale due emittenti televisive a pagamento stanno vendendo i propri pacchetti dando per quasi scontata la qualificazione alla Champions di una squadra impegnata nei preliminari. E questo la dice lunga sia sulla credibilità dei preliminari stessi che sulla serietà di certe emittenti. Mi domando perché ancora mi stupisco.

    • 31 Luglio 2014 in 08:36
      Permalink

      Non sono d’accordo: è evidente che alla vigilia di una sfida europea, come tante volte accaduto nel passato, sarebbe stato celebrato anche il Parma come il Torino. Il piagnisteo, stavolta, è inutile e provinciale, anche se vergato da un Columnist (peraltro “in sonno”).
      Sulla politica commerciale delle tv non mi esprimo, anche se di solito io sono uno che cerca di vendere la pelle dell’orso dopo averlo abbattuto…

  • 31 Luglio 2014 in 11:21
    Permalink

    Piagnistei di altro tipo li tollero poco anche io. Ma un questo caso, farne uno non mi sembra fuori luogo. Ancora oggi, tra le tante cose celebrate dai rosei ( e non solo da loro), ce n’è una di cui in tanti faticano a ricordarsi: la nostra squadra è stata l’ultima italiana a vincere la Coppa UEFA/Europa League. Eppure…parecchi preferiscono ricordare che l’ultima italiana a far bella figura in questa competizione, è stata la Fiorentina di qualche stagione fa…e il Parma? Abbiam dato tanto al nostro calcio, certamente molto di più di quel che gli han dato certe presunte superpotenze che oggi tanto vengono elogiate…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI