IL PARMA UFFICIALIZZA: “CRESPO ALLENATORE DELLA PRIMAVERA”. POTREBBE ESSERE IL TRAMPOLINO DI LANCIO PER SUCCEDERE TRA UN ANNO A ROBERTO DONADONI

image(gmajo) – Come Lucarelli. Anzi meglio: se a Cristianone, due anni fa, erano stati affidati gli Allievi Nazionali del Parma F.C., quale prima squadra della nuova vita da allenatore, ad Hernan Crespo, invece, sono toccati i Primavera, ultimo step del Settore Giovanile, prima del salto tra i professionisti. La notizia, che era nell’aria da settimane, è stata ufficializzata stamani dal sito ufficiale del club crociato: “Hernan Crespo è il nuovo allenatore della Primavera! La sua presentazione ufficiale sarà fatta dal Responsabile del Settore Giovanile Francesco Palmieri mercoledì 16 luglio alle 11 presso la sala stampa del centro direzionale di Collecchio. Il Valdanito protagonista di tanti indimenticabili successi del Parma e “Giocatore del Secolo” per i tifosi crociati che lo hanno eletto a calciatore simbolo dei primi cent’anni del club in occasione dei festeggiamenti del Centenario, siederà quindi sulla panchina occupata nelle ultime tre stagioni da Fausto Pizzi che rimarrà nei quadri tecnici del nostro vivaio per continuare l’ottimo lavoro svolto. Fausto sarà infatti il nuovo allenatore degli Allievi Nazionali”. Se Crespo confermerà il suo valore, non penso sia fantascienza ipotizzare che possa, magari già la prossima stagione, succedere a Roberto Donadoni sulla panchina della prima squadra. L’attuale allenatore, infatti, è in scadenza di contratto e difficilmente sarà confermato, non tanto per demeriti sportivi (anzi…), quanto perché legittimamente potrebbe ambire a una big: in tal caso il Parma potrebbe emulare il Milan – che quest’anno ha puntato su SuperPippo Inzaghi – trovando in casa il successore. Crespo, che è stato premiato come Crociato del Secolo, ha sempre avuto un feeling particolare con la tifoseria che sicuramente apprezzerebbe se venisse aperto un ciclo con l’argentino in panchina. Non corriamo troppo, però: prima di tutto Crespo dovrà dimostrare di saperci fare (perché un conto è giocare, un altro insegnare) con i ragazzini, e successivamente con gli adulti (altro passaggio che non è matematico, proprio come ci insegna l’esperienza di Lucarelli Senior). Intanto un plauso va anche a Fausto Pizzi, che dopo un triennio “retrocede” agli Allievi.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

21 pensieri riguardo “IL PARMA UFFICIALIZZA: “CRESPO ALLENATORE DELLA PRIMAVERA”. POTREBBE ESSERE IL TRAMPOLINO DI LANCIO PER SUCCEDERE TRA UN ANNO A ROBERTO DONADONI

  • 13 Luglio 2014 in 12:39
    Permalink

    oh la quest’ anno mi abbono alla primavera

  • 13 Luglio 2014 in 13:31
    Permalink

    Sarebbe stato il colmo se gli fosse stato riservato lo stesso trattamento di Lucarelli, uno che ha firmato un contratto miliardario, si è presentato qua che era un quintale e in b siamo risorti quando è stato messo in panchina.
    Grande hernan, l occasione se l è strameritata

    • 13 Luglio 2014 in 17:09
      Permalink

      Un anno con la primavera e poi il volo in prima squadra! E sarà un grande volo crociato!!

  • 13 Luglio 2014 in 18:33
    Permalink

    presumo prima di natale

    • 13 Luglio 2014 in 20:35
      Permalink

      Non per essere pessimista, ma stavolta son molto d’accordo con te…

  • 14 Luglio 2014 in 11:32
    Permalink

    Sono certo che Hernan sara’ il prossimo allenatore low cost per la prima squadra. Un anno al Settore Giicanile lo aiutera’ tantissimo a imparare il mestiere e secondo me a tutte le doti per intraprendere una buona carriera

    • 14 Luglio 2014 in 11:58
      Permalink

      Perché ha tutte le doti per intraprendere una buona carriera da allenatore? Non penso basti il pedigree da calciatore: sono due mestieri diversi…

      Ma adesso che allena Hernan smetterà di fare l’imprenditore? Smetterà di fare l’uomo immagine (compito che gli era stato assegnato da Ghirardi quando appese le scarpette al chiodo, anche se non mi ricordo di iniziative in cui Hernan si sia distinto come ambasciatore crociato…).

      Cordialmente

      gmajo

  • 14 Luglio 2014 in 11:33
    Permalink

    Vi diro’ di piu’; non mi sarebbe spiaciuto vedere bel settore giovanile anche un altro grande ex: Cannavaro

    • 14 Luglio 2014 in 11:36
      Permalink

      Mi risulta che il budget del settore giovanile non sia particolarmente ricco (vedesi i tagli ai mezzi di locomozione…). Già Crespo è un lusso…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 15 Luglio 2014 in 09:48
        Permalink

        Ok il budget non sara’ alto ma non penso che un allenatore novello possa pretendere la luna abche se si chiama Cannavaro.
        Nell’ottica dell’autogestione non sarebbe male allevarsi i tecnici in casa. Il risparmio e’ a medio/lungo termine ma penso meglio acquistare 2-3 ragazzi stranieri in meno, vendere una decina di “pescati” e prendersi un giovane tecnico.
        E gia’ che ci siamo un posto anche per Pavarini. Penso che come allenatore dei giovani portieri possa dire la sua

  • 14 Luglio 2014 in 11:33
    Permalink

    Oltre ai calciatori sarebbe bello poter costruirsi in casa gki allenatori

    • 14 Luglio 2014 in 11:35
      Permalink

      Crespo, appunto, potrebbe essere il “prototipo” di allenatore costruito in casa. Ma prima di lui meriterebbe una chance Apolloni, ad esempio, che la sua gavetta l’ha già fatta…

      • 14 Luglio 2014 in 13:30
        Permalink

        No, secondo me no. Per me il prototipo di allenatore fatto in casa è quello che dopo QUALCHE ANNO (non 1 solo) passato come collaboratore della prima squadra e/o allenatore di una squadra giovanile e/o di una squadra collegata (esempio Nova Gorica o Gubbio) arriva sulla panchina della prima squadra.
        Secondo me il prototipo lo potrebbe diventare Pizzi

        • 14 Luglio 2014 in 14:00
          Permalink

          Lasa ster Pizzi. Con tutta la simpatia per l’exgiocatore non potra’ mai fare l’allenatore di squadre professionistiche.
          Spiace ma A volte la verita’ e’ cruda

          • 14 Luglio 2014 in 14:04
            Permalink

            Io credo che anche a livello di settore giovanile Pizzi abbia dimostrato di non essere un allenatore eccelso, ma anzi con qualche limite. A dimostrazione che non basta essere stati calciatori sopraffini per insegnare…

            Cordialmente

            Gmajo

          • 14 Luglio 2014 in 14:22
            Permalink

            Io non dico che Pizzi deve essere il dopo Donadoni o che deve allenare in A, dico solo che uno che ha fatto il suo stesso percorso professionale è indicato per essere il fantomatico “allenatore costruito in casa”

  • 14 Luglio 2014 in 16:16
    Permalink

    Vedi Filippo,
    Succede anche al Milan con il tuo omonimo.
    Ci sono personaggi
    Che hanno un carisma tale che sono dei predestinati.
    Hernan lo e’

    • 14 Luglio 2014 in 19:58
      Permalink

      La penso esattamente come Alfredo! Hernan è un predestinato,in più con il cuore Crociato!!

I commenti sono chiusi.