TORO.IT: “VOCI DI CORRIDOIO PIUTTOSTO FONDATE SOSTENGONO CHE SIA STATO RIGETTATO IL RICORSO DEL PARMA AL CONSIGLIO DI STATO”

image(gmajo) – Secondo il portale Toro.it il Consiglio di Stato avrebbe già preso una decisione, che a loro dire sarebbe ancora una volta negativa per il Parma, e cioè che il ricorso discusso nel pomeriggio di martedì 15 luglio sarebbe stato rigettato. La fonte di riferimento sono delle non meglio identificabili “voci di corridoio piuttosto fondate” (che sarebbe interessante conoscere). Sul sito del tribunale amministrativo, tuttavia, non appare ancora alcun imageprovvedimento, e tutto tace dal fronte Parma, che di solito, per questo tipo di comunicazioni, suole inserire sul proprio sito e diffondere note stilate direttamente dal proprio collegio legale: tuttavia, ancora nella serata di ieri, alla società non risultava affatto che ci fosse stato un qualsiasi tipo di pronunciamento. StadioTardini.it, dunque, per dovere di cronaca, riporta lo spiffero in arrivo dalla città subalpina, ma sottolineando con forza il beneficio d’inventario e ponendosi una domanda: come possono sapere in anticipo la sentenza quelli che mettono in circolo “voci di corridoio piuttosto fondate”, ancor prima che la medesima venga pubblicata? “Per avere la comunicazione ufficialespecifica l’autore dell’articolo Valentino Dellacasa –, ad ogni modo, il Consiglio di Stato dovrà prima scrivere le motivazioni, che potrebbero arrivare anche nei prossimi giorni: in quanto giustizia ordinaria, non viene ritenuto importante il fatto che ieri si siano tenuti i sorteggi. Si dovrà dunque aspettare l’ufficialità, ma la decisione appare già presa”. Interessante, poi, imagequanto Dellacasa sostiene a proposito del TAS di Losanna, secondo cui “il Brommapojkarna (che avendo battuto per 4-0 i Crusaders appaiono gli avversari designati per la sesta formazione italiana in Europa, nda) potrebbe addirittura costituirsi parte in causa se a pochi giorni dal match si vedesse spostata una trasferta che, magari, aveva già programmato”. Secondo Toro.it, infine, “il Tas potrebbe anche proprio non pronunciarsi”, tuttavia “se una decisione verrà effettivamente presa le tempistiche saranno giocoforza brevi”, ma “anche in questo caso, è bene sottolinearlo, la scadenza non è precisa: errato sarebbe dire che il 25 luglio avremo la sentenza”.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO DI TORO.IT

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

54 pensieri riguardo “TORO.IT: “VOCI DI CORRIDOIO PIUTTOSTO FONDATE SOSTENGONO CHE SIA STATO RIGETTATO IL RICORSO DEL PARMA AL CONSIGLIO DI STATO”

  • 19 Luglio 2014 in 11:29
    Permalink

    Il CS ha valenza economica. Il TAS ha valenza sportiva.
    Mi rimane un dubbio: ma oltre alla FIGC chi ha facolta’ per accogliere un reclamo nella nostra Europa? Se nessuno ha valenza comanda solo la FIGC? Desudererei risposta da qlc legale del settore
    Geazie

    • 19 Luglio 2014 in 11:36
      Permalink

      Non sono un legale del settore, come noto, ma il CS, secondo quanto mi hanno riferito legali del settore neutrali, ha valenza anche sportiva-

      Non comanda solo la FIGC, in quanto l’Alta Corte del Coni (terzo grado giustizia sportiva) dipende, appunto, dal Coni.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Luglio 2014 in 11:31
    Permalink

    tutti sappiamo che le possibilità di riammissione del PARMA in Europa sono dello 0,01% per cui senza tirare in ballo i corridoi non credo che ci voglia un genio a scrivere quello che a scritto toro.it
    Se invece hanno veramente delle talpe dentro quel palazzo allora comincio a capire tante altre cose….

    • 19 Luglio 2014 in 11:40
      Permalink

      Raffaello, tutti sappiamo che le possibilità del Parma sono infinitesimali: per cui, come giustamente dici tu, non ci vuole un genio ad opinare al riguardo. Tuttavia i corridoi che spifferano di decisione già presa prima che venga pubblicata non è bello. A parte che appunto bisogna vedere quanto sono fondate queste voci. E comunque io, di solito, preferisco non dare peso, a differenza di altri miei colleghi cui basta uno spiffero per aver certezze… Ricordo ancora che per il secondo grado della g.s. erano uscite voci molto favorevoli al Parma – qualche furbacchione scrisse persino di riammissione – e poi abbiam visto come è andata a finire…

      Non farei, invece, cacce alle streghe a proposito di presunte talpe nei palazzi di giustizia…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Luglio 2014 in 11:55
    Permalink

    avere indiscrezioni/anticipazioni su processi e sentenze non è il massimo ma è sempre successo anke x storie + gravi. Ammesso e non concesso ke la boffata sia vera… a noi tifosi (del Parma o del Toro) non può dispiacere… cioè… prima sappiamo la cosa (negativa o positiva ke sia) meglio è. Poi ovviamente prima di esprimere un opinione in merito, oltre ad attendere l’ufficialità, bisognerà leggere la sentenza.
    ANDIAMO A RIPRENDERCELA (senza spudaccio).

  • 19 Luglio 2014 in 12:02
    Permalink

    Il Responsabile dei tifosi Giuseppe Squarcia comunque stamattina è partito per Losanna per manifestare al Tas le lamentale di molti parmigiani che già a maggio avevano rinnovato i passaporti in previsione di qualche trasferta calcistica in Russia o Ucraina e rischiano di aver speso quei soldi invano se quei cattivoni dei giudici non daranno ragione alla nostra società.

    • 19 Luglio 2014 in 16:44
      Permalink

      Spero non cadano nemmeno quelli del toro visto l’aria che gira cola’. Piu’ missili che palloni

  • 19 Luglio 2014 in 12:07
    Permalink

    Se così fosse sarebbe una grave violazione della privacy in materia giudiziale, sarebbero in questo caso da denunciare, ma vista la faccia sul sito di chi dice di aver saputo questo o quello mi vien da pensare che sia solo un modo per far parlare del sito.

    • 19 Luglio 2014 in 12:11
      Permalink

      Dove avrebbe visto sul sito la faccia di chi dice di aver saputo?

  • 19 Luglio 2014 in 12:43
    Permalink

    Penso che le voci siano normali, non vuol dire condizionare le sentenze, ma semplicemente sapere in anticipo l’orientamento della sentenza che stanno redigendo…
    Pensare che il Toro abbia il potere di condizionare Figc, Coni e poi Tar e CS è fantascienza…
    In ogni caso fino alla sentenza nulla è detto…

    • 19 Luglio 2014 in 12:56
      Permalink

      E’ comunque un malcostume – e non mi riferisco solo a questa vicenda – che dai tribunali escano spifferi

      • 19 Luglio 2014 in 13:43
        Permalink

        come si dice majo…malcostume mezzo bikini

  • 19 Luglio 2014 in 13:17
    Permalink

    A me fanno schifo….i torinisti, ben inteso. Mi hanno sempre fatto schifo e continuano a farmene e se dovessero giocare loro in e.l. Tiferò contro come faccio con tutte le italiane che non sono il Parma. Comunque fanno schifo.

    • 19 Luglio 2014 in 14:42
      Permalink

      Un vero appassionato di calcio, scusa Mannella se te lo dico- non te la prendere, dovrebbe in un momento come questo avere a cuore le sorti delle squadre italiane, Torino compreso. Ricordo che la mancata concessione delle licenza uefa non è in alcun modo imputabile al Torino, che é solo subentrante. Se il calcio italiano vuole crescere come movimento, questi provincialismi vanno superati. Altrimenti tra pochi anni ci ritroveremo con tre squadre in europa, altro che sette o otto posti.

      • 19 Luglio 2014 in 15:17
        Permalink

        Io sono un appassionato di calcio ma sono prima ancora un tifoso del Parma, per cui non mi vergogno di dire che tifo contro il torino in europa League, indipendentemente dal momento che attraversa il calcio italiano.
        Lasciamo perdere le solite stucchevoli frasi diplomatiche per piacere, anche se non lo ammetterai mai perché ormai il tuo ruolo ti impone di fare così anche tu avresti piacere se viene eliminato al primo turno.

        • 19 Luglio 2014 in 15:34
          Permalink

          Andre concordo, xò a me del Toro non frega niente cm in generale del Milan o delle altre italiane, esclusa la Juve (odio totale) e il Napoli (antipatia). Questa storia mi ha fatto girare le palle ma nn cn il Toro ke mi è rimasto indifferente cm prima.

        • 19 Luglio 2014 in 17:36
          Permalink

          Ciao Andrea,
          Evidentemente non mi conosci per nulla, a prescindere che io non ho alcun ruolo se non la passione che mi spinge a scrivere su Stadiotardini e a partecipare a Calcio e Calcio. Le mie non sono frasi diplomatiche e credo nemmeno stucchevoli, sono abituato a dire quello che penso anche se vado contro corrente. Da parte mia non c’é mai stato alcun tifo contro il Torino o altre squadre che giocano in Europa. A me piace vedere il calcio, e tifare il Parma non esclude che io possa essere contento qualora le altre italiane in europa riescano a ben figurare.

          Cordialità

          • 19 Luglio 2014 in 17:40
            Permalink

            Scusa Andrea, dimenticavo…. Io rispetto profondamente la tesi tua e di Mannella, non la condivido ma la rispetto perché sono convinto che sia autenticamente da tifoso. Ho solo esposto le ragioni della mia non condivisione. Vorrei semplicemente che anche tu ti limitassi a non condividerla ma a rispettarla per quello che é, ovvero la mia opinione sincera e non la strategia diplomatica di uno prigioniero di chissà quale ruolo.
            Con stima
            il Clemente Mastella dell’Oltretorrente

          • 19 Luglio 2014 in 18:22
            Permalink

            Che tu sia diplomatico non è solo il mio parere ma te l’ha fatto presente anche Boni in studio.
            Tu chiedi che venga rispettata la tua opinione quando prima hai detto che è provincialismo tifare contro il torino in europa League, ponendoti come se fossi su un piedistallo.
            Da quello che si legge dai tuoi commenti appare in modo evidente che il tuo punto di vista è sempre costantemente in totale accordo con quello di Majo. Il giorno che sarai almeno un po’ in disaccordo con lui su qualcosa mi ricrederò sul fatto che tu non sia prigioniero del tuo ruolo. Cavolo, almeno sia un po’ originale nel modo di salutare: cordialmente – cordialità….

  • 19 Luglio 2014 in 13:30
    Permalink

    e’ bello vedere come per brescia e varese la federazione abbia usato la stessa perentorieta’ per cifre molto maggiori

    • 19 Luglio 2014 in 14:09
      Permalink

      Sono diverse situazioni con regole diverse…
      Cmq prendetevela con noi… Siamo noi i colpevoli…
      Abbiamo tramato nell’ombra per fregarvi…
      Bah…

      • 19 Luglio 2014 in 15:42
        Permalink

        si…la regola dell’amico non sbaglia mai (883)

        salutami accairo

    • 19 Luglio 2014 in 20:03
      Permalink

      Rispondo all’ultimo commento di Andrea. Sinceramente mi pare che tu ti stia confondendo, Boni non mi definisce “diplomatico” ma al massimo “democristiano” e la cosa è ben diversa. Purtroppo non sono nè l’uno nè l’altro, non ho etichette ma semplicemente ragiono con la mia testa, buona o grama che sia. E’ su questo che hai scoperto le tue carte, peraltro a mio avviso pestando gravemente, ovvero il tuo problema è quello che le mie tesi coincidano con quelle di Majo, vero? Non che siano condivisibili o meno, argomentate o no, il vero problema è che vado daccordo con Gabriele Majo? Ma fammi capire per cortesia, di quale ruolo sarei prigioniero? ma di cosa stiamo parlando?
      L’ultima considerazione sul saluto te la potevi risparmiare, questa sì è stucchevole!

      con immutato affetto e stima,
      Tuo cordiale

      Alessandro

  • 19 Luglio 2014 in 15:06
    Permalink

    Guai ad abbeverarsi nel fiume limaccioso cat pol gnir l’epatite. Io mi abbevero solo a Settore Crociato e se ci sono dei problemi lo dico al Responsabile dei tifosi. Ma problemi non ce ne sono MAI.
    No allo spudaccio. Riprendiamocela a secco!

  • 19 Luglio 2014 in 15:43
    Permalink

    a sabbia ! grazie covisocmel !

  • 19 Luglio 2014 in 16:15
    Permalink

    Alessandro D tu saresti il primo a dire che i tifosi del Torino farebbero bene a tifare contro il Parma in Europa League. I falsi moralisti è meglio che non parlino

    • 19 Luglio 2014 in 20:17
      Permalink

      Ma scusa caro Luca, ma cosa stai vaneggiando? io sarei il primo a dire che cosa? Ti prego, non mi conosci e perciò evita di mettermi in bocca affermazioni a caso.
      Ma smettiamola una volta per tutte di fare della facile demagogia da quattro soldi! Ma ci rendiamo conto che oltre a non essere sportivo, non è nemmeno produttivo tifare contro le altre squadre italiane in Europa? E io sarei un falso moralista? beh ovvio, chi non si allinea al grido del complotto è un falso moralista. mah!
      Se avessimo mantenuto qualche posizione nel ranking, a quest’ora forse avremmo diritto ad un posto in più in EL e la missione “andiamocela a riprendere” potrebbe essere più semplice.

      cordialmente (ti va bene o devo usare altra locuzione?)

  • 19 Luglio 2014 in 19:53
    Permalink

    Se si costituisce anche il bromma allora si che son cavoli amari

  • 19 Luglio 2014 in 22:21
    Permalink

    FIERO di tifare contro il torino..loro che fanno la coppa per favori di palazzo…sarà una gioia quando usciranno.. loro fuori in autunno e la juve in primavera…

    • 19 Luglio 2014 in 22:27
      Permalink

      Disapprovo totalmente giacché il torino non ha beneficiato di alcun favore del palazzo.
      Gabriele majo direttore stadiotardini.it

  • 19 Luglio 2014 in 22:31
    Permalink

    direttore fermi boni..personaggio fortissimo…ma calcisticamente sta dicendo cose allucinanti….paletta merita rispetto!!!!!! e tante altre….. direttore giudichiamo il parma a fine mercato…giusto?

    • 20 Luglio 2014 in 23:24
      Permalink

      A fine mercato si darà un giudizio di fine mercato. Ma dal momento che noi scriviamo tutti i giorni e più volte al giorno, è giusto ogni giorno, o per lo meno ogni qual volta ci possa essere qualcosa di importante, commentare.

      Sul discorso di Boni-Paletta ha ragione: nel senso che il saltimbanco quando prende di mira qualcuno (Donadoni, Paletta, Gobbi e in anni passati Guidolin) spara a zero senza un briciolo di logica ed equilibrio. Però non sono il suo tutore e dunque non posso fermarlo, tranne che prenderne le distanze e dissociarmi quando è il mio turno. Qualche volta, esasperato, ho perso la pazienza, ma non mi va di farmi compatire in duelli rusticani…

      Saluti

      Gmajo

  • 19 Luglio 2014 in 22:40
    Permalink

    finito il mercato….. si capirà anche le intenzioni della società.. 1 società in svendita 2 rendere appetibile ad ipotetici acquirenti un parma con un parco giocatori importanti..esempio se vuoi vendere devi mettere in mostra un prodotto valido. 3 Ghiradi nn molla. direttore che ne pensa? grazie e saluti da filippo da lesignano

    • 20 Luglio 2014 in 23:21
      Permalink

      Se lei pensa, come ha scritto poco fa, che Leonardi ha ragione e che la stampa dà notizie distorte, cosa viene qui a chiedermi cosa ne penso.

      Per me le notizie distorte, ad esempio sulla Licenza Uefa, le ha date il Parma per bocca dei suoi dirigenti (vedi il mitico Di Taranto a Calcio & Calcio), senza aver avuto il coraggio di dire ai propri commoventi tifosi – che come lei credono che Gesù Cristo è morto dal freddo dei piedi – semplicemente la verità e prendendosela con i giornalisti che l’avevano fatta emergere.

      Per quanto mi riguarda non ho mai detto che il Parma F.C. sia in svendita, ma ho sempre affermato – e continuo a ribadirlo – che la drammatica conferenza di Ghirardi del 30 maggio è stata autolesionistica e non è certo stato il modo migliore per rendere appetibile la società ad ipotetici acquirenti. Sul fatto che Ghirardi non molli, bisogna che lo vada a chiedere a lui. Io più di invocarne il ritorno o per lo meno che dica con trasparenza la verità non so che dire.

      Saluti

      Gmajo

  • 19 Luglio 2014 in 22:44
    Permalink

    da tifoso del parma ne ho viste troppe…ma cmq ..il mio tifo anti..si limita sul divano con una birra…perciò….

  • 20 Luglio 2014 in 01:09
    Permalink

    L’ho detto e lo ripeto. Per me tifare Torino (ma anche Milan Inter Juve ecc) è insensato. Se l’Italia è in basso nel ranking la colpa, secondo il sig Alessandro è tutta dei tifosi del parma che non tifano Torino Inter Milan Juve (invece secondo lei milanisti e gobbi tiferebbero parma nelle coppe?). Invece la colpa, a mio avviso, è proprio di queste squadre che secondo lei io dovrei tifare. Queste squadre hanno rovinato il campionato italiano facendo giocare solo stranieri, e sono loro che hanno perso in coppa facendo retrocedere l’Italia nel ranking. E hanno rovinato anche la Nazionale. Quindi caro Alessandro, la sua logica da fan del bacino di utenza e da sudditanza psicologica se la tenga per lei e non venga a insegnarmi chi devo tifare. Saluti e buon abbonamento a sky (l soldi del suo abbonamento vanno proprio alle squadre che Io dovrei tifare, che fortuna)

    • 20 Luglio 2014 in 12:32
      Permalink

      Caro Luca,
      vedo che prosegue il dibattito ancorandolo ad argomentazioni assolutamente prive di fondamento – che peraltro asserisce sia stato io a fare. Quando mai avrei affermato che è tutta colpa dei tifosi del Parma che non tifano le italiane in coppa se l’Italia è in basso nel ranking?
      Ma mi faccia il piacere, suvvia!
      Il mio ragionamento era volto a sottolineare come l’atteggiamento del tifare contro, peraltro assai provinciale, in un momento come questo sia privo più che mai di logica, giacchè le continue eliminazioni delle italiane hanno tolto posti europei. A noi tifosi del Parma sarebbe servito, ad esempio, che fosse mantenuto valido un ulteriore posto….l’andarsela a riprendere sarebbe stato più agevole.

      saludos

  • 20 Luglio 2014 in 09:16
    Permalink

    Sfido a trovare un tifoso che si preoccupa di ranking UEFA e dintorni.E’ esilarante.Anch’io ho sempre gufato le squadre italiane in coppa,esclusa la Samp e l’Udinese. Non si puo’ mettere l’arlia in stand by.Il Torino mi e’ sempre stato indifferente ma grazie ai suoi sostenitore ,che ho “ammirato” in giro per il web ,e’ entrato nel club dei simpatici come un calabrone nelle mutande,quindi mi auguro una loro rapida uscita di scena.C’ est la vie!

  • 20 Luglio 2014 in 10:19
    Permalink

    Manca proprio lo spirito sportivo in Italia. Ok si ca allo stadio tifando per la propria squadra ma poi il resto deve essere e solo sport.
    Solo cosi puo’ crescere il movimento.
    Purtroppo so che sono parole al vento.
    Qui siamo ancora all’uomo di Neanderthal

    • 20 Luglio 2014 in 12:46
      Permalink

      Aria fritta all’ennesima potenza.E’ cosi’ ovunque,ipocrisia vattene via.

  • 20 Luglio 2014 in 10:55
    Permalink

    appunto io “tifo” la mia squadra e predico “colera” alle altre resta la seconda opzione dello spettatore pagante ma di quella e’ piena il ccpc

  • 20 Luglio 2014 in 14:56
    Permalink

    Lei sig. Alessandro è uno di quelli che quando la morosa lo lascia per un altro, dice che non è arrabbiato anzi è felice perché per lei l’importante è che lei sia felice, non importa con chi. Peccato che mentre lei è felice, c’è un altro che gode…

    • 20 Luglio 2014 in 15:23
      Permalink

      Rispondo io e non Alessandro: il suo esempio, egregio Luca, non è calzante con i ragionamenti fatti dal nostro autore in questi giorni. E’ pacifico che sarebbe gioia sua – che è un tifoso – e del sottoscritto se il Parma potesse giocare in Europa, ma dal momento che non può (e sarebbe ora che ci si togliesse le fette di prosciutto da davanti agli occhi capendo per bene perché non può) è un esercizio inutile il tifare contro. A furia di uscire al primo turno e non arrivare mai in finale il contingente italiano in Europa si è ridotta, e siccome andarsela a prendere non è stato affatto semplice, immagini lei andarsela a riprendersela con ancora meno posti a disposizione.

      Comunque: lei ha voglia di sprecare energie tifando contro le italiane nelle Coppe? E’ liberissimo: ma altrettanto siamo liberi noi di dire che questo è un atteggiamento becero che fa male al calcio e non fa certo bene al Parma.

      Saluti

      Gmajo

  • 20 Luglio 2014 in 18:37
    Permalink

    oh non e’ che bisogna sprecare poi tutte ste energie per tifare contro sti infamoni,basta un pupazzo e qualche spillone

  • 20 Luglio 2014 in 20:36
    Permalink

    Io non dico di tifare contro, ma urlare forza toro come fate voi proprio no! E se le squadre italiane non vincono le coppe è colpa loro, non dipende da cosa tifo io. Il parma la sua parte l’ha fatta essendo tra le squadre che ha vinto più coppe negli ultimi 20 anni. Il Torino non mi sembra che abbia contribuito molto, e non credo che i suoi tifosi tifassero parma in coppa

    • 20 Luglio 2014 in 20:49
      Permalink

      Basta sparare cazzate, Luca, ché poi mi inalbero: nessuno ha detto di urlare “forza toro” e ti diffido dal dirlo, perché è una calunnia.

  • 20 Luglio 2014 in 22:33
    Permalink

    Vedo che lei ha studiato a Oxford.

    • 20 Luglio 2014 in 23:12
      Permalink

      Semplicemente non sopporto chi distorce le parole mie o di autori di stadiotardini.it e chi scrive infamanti calunnie come lei.

  • 21 Luglio 2014 in 09:22
    Permalink

    I post che ho letto su questo blog sono solo aria fritta la verità è che il parma a conquistato sul campo l europa legue. Per un piccolo cavillo o incomprensione il ritardato pagamento dell irpef per una cifra irrisoria subito appianato nelle ore successive ci troviamo esclusi dalla el.
    Questo e veramente una vergogna non sarebbe mai capitato alla rubentus milan inter ecc.
    Seguo il calcio da 45 anni e vi posso assicurare che di amenità ne ho viste di ogni soprattutto ai danni dei piccoli e medi club per non parlare di arbitraggi ecc.
    Se ti arriva una multa e la paghi in ritardo non è che ti sequestrano il mezzo bisogna usare il buonsenso e molti giudici purtroppo ritengo siano condizionati dai potenti.

    Forza ghirardi forza leonardi orgoglioso di tifare per il parma

  • 21 Luglio 2014 in 09:31
    Permalink

    Chi tifa parma deve tifare il parma chi se ne frega della rubentus roma napoli torino ecc.
    Non penso che i tifosi di queste squadre tifassero il parma quando sollevava la coppa a wembley o a san siro.
    Uno è libero ti tifare chi vuole io per esempio tifavo olanda ai mondiali.

  • 21 Luglio 2014 in 11:47
    Permalink

    Io non distorco. Io ho detto che non tiferò mai quelle squadre li e voi mi avete detto che devo tifarle per il bene del calcio italiano. Io ho espresso il motivo per cui non le tifo ma voi insistete che devo tifarle. Allora voi insistete pure e usate pure un linguaggio di insulti e parolacce. Io comunque mentre voi tiferete Torino e vi strapperete i capelli se il Torino perde, sarò al mare a farmi gli affari miei.

    • 21 Luglio 2014 in 11:59
      Permalink

      Lei distorce eccome, perché nessuno le ha chiesto di tifare per il Torino. Poi se c’è chi scrive che tifare contro le italiane è un esercizio inutile e controproducente, spiegandole che per via del ranking uefa se le italiane fanno male si perdono dei posti, è un altro discorso. Ma nessuno, ripeto, le ha chiesto di tifare per il Torino. Io, semmai, dico, in generale, che è stupido tifare contro.

      I linguaggi di insulti e parolacce non ci appartengono abitualmente: ma se lei viene qui a spararle grosse, calunniandoci (ed insistendo), trova risposta adeguata. Perché se lei dice che noi chiediamo di tifare Toro, scrive una cazzata e scrive delle bugie.

      Compresa la parte finale del suo intervento, dove insiste, malgrado la diffida, ad insinuare che noi tiferemo per il Torino. Pertanto ribadisco: lei scrive cazzate.

  • 21 Luglio 2014 in 18:05
    Permalink

    Bravo maio vedo che hai capito il concetto temo che il signore abbia bevuto un bicchiere di troppo prima di scrivere il post.

    #boni docet#

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI