mercoledì, Giugno 19, 2024
In EvidenzaNews

L’ANTIPASTO, di Alessandro Dondi: CESENA-PARMA

(Alessandro Dondi) – Il Parma debutta domenica affrontando il Cesena allo stadio Dino Manuzzi. Il primo confronto in serie A tra le due formazioni si gioca proprio nella città romagnola il 13 gennaio 1991, quando il neo promosso Parma di Nevio Scala batte i bianconeri guidati da Marcello Lippi per 0-1, con goal di Brolin al 45’. In quella stagione il Parma strappa addirittura 6 punti alla squadra cesenate – che nel frattempo ha esonerato Marcello Lippi – imponendosi anche al Tardini con il risultato di 2-0, marcatori Osio al 16’ e – di nuovo – Brolin al 74’. Quell’anno il Parma si classificherà al sesto posto, guadagnandosi la prima storica Cesena Parma 2 (2)qualificazione alla Coppa Uefa, mentre il Cesena retrocederà in serie B. Per assistere ad un altro confronto tra le due squadre dobbiamo arrivare alla stagione 2010/2011, quando il Parma guidato da Pasquale Marino fatica – e non poco – a strappare due pareggi alla formazione bianconera allenata da Ficcadenti. La gara di andata a Cesena termina 1-1, con Zaccardo a rimontare l’iniziale vantaggio siglato da Bogdani, mentre nel ritorno al Tardini la contesa finisce Cesena Parma 1 (2)2-2, con un pareggio i crociati due volte sotto e nel finale tenuti a galla – è proprio il caso di dirlo visto la pioggia battente di quel giorno – da Raffaele Palladino, in goal all’ 88’. La prima marcatura del Cesena era opera di un ex gialloblù, Alessandro Rosina. La stagione successiva i crociati – allenati prima da Franco Colomba e poi da Donadoni – riescono a migliorare il proprio score, vincendo l’andata a Parma per 2-0 e pareggiando per 2-2 in terra romagnola, dopo essere stati a lungo in svantaggio. Al termine di quella stagione, 2011/2012, il Cesena retrocede di nuovo tra i cadetti. In serie A al Manuzzi contiamo quindi 1 vittoria per i crociati e 2 pareggi.

La storia del Parma sul campo di Cesena è comunque avara di soddisfazioni anche in serie B: nel 1980 pareggio per 1-1 – con goal di Marlia su rigore – e sconfitta 1-0 per il Parma di Sacchi nel 1987. Tornando alle vicende di più stretta attualità l’asse Parma-Cesena ha rappresentato nei tempi recenti una via piuttosto trafficata nell’ambito del calcio mercato: Defrel, Andrea Rossi Ze Eduardo, Cascione e Coppola sono alcuni dei calciatori ad avere transitato su questo tragitto.

La formazione bianconera si presenta ai nastri di partenza del campionato di serie A dopo aver conquistato la promozione grazie alla vittoria sul Latina nei playoff dell’ultima serie B e presenta diversi giocatori nuovi nelle proprie fila. Gli arrivi del portiere Leali dalla Juventus, dei difensori Lucchini e Capelli dall’Atalanta e di Perico del Cagliari, gli innesti a centrocampo di Coppola e di Ze Eduardo (arrivato in estate dal Parma), rappresentano i principali elementi di novità. In attacco al momento non si registra nessun nuovo ingresso e domenica i titolari potrebbero essere Marilungo e Defrel, con Brienza e Succi a giocarsi una maglia da titolare in caso di tridente. Ma, come si sa, il calciomercato è in continua evoluzione, perciò attendiamo le formazioni ufficiali per capire meglio quale sarà la fisionomia del primo avversario del Parma per questo campionato di serie A 2014/15. Alessandro Dondi

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".