L’OPINIONE DI MAJO PRIMA DI TORINO-BROMMAPOJKARNA E DOPO L’INTERVENTO DI GHIRARDI SU RTL 102.5

(gmajo) – Tra poco l’Olimpico di Torino si gremirà (pare possano essere circa in 20.000 sugli spalti) per il return match del Preliminare di Coppa Uefa con il Brommapojkarna (una formalità dopo il 3-0 esterno dell’andata): se in occasione della gara uno avevo volutamente fatto l’indiano, glissando sull’evento, per non disturbare gli animi (anzi, proprio in quei giorni, come terapeutica distrazione avevo proposto a me stesso e ai lettori – specie ai maschietti – il defilé delle nuove casacche del Parma con modella d’eccezione la prorompente simpatizzante crociata Rosy Maggiulli), non posso fare altrettanto in questa occasione, al lume dell’intervento telefonico di ieri sera del dimissionario, ma sempre in sella presidente Tommaso Ghirardi, dalle vacanze in Sardegna su Rtl 102.5. Egli, infatti, – come già imagestigmatizzato, nello spazio commenti di StadioTardini.it, da diversi dei nostri lettori, i quali avrebbero gradito che non facesse di nuovo scaricabarile circa le responsabilità per la mancata concessione della Licenza Uefa – ha nuovamente addossato la colpa alla solita burocrazia. Io non so se Ghirardi sia davvero convinto di questo, o se stia interpretando un copione: però penso che anche dopo la non troppo trasparente imagegestione del ricorso al TAS (come è possibile che neppure ad agosto sia stata calendarizzata l’udienza, già non programmata né in luglio, né in giugno, quando il Rostov, ad esempio, ha trovato piena soddisfazione il 23 giugno, due settimane dopo il ricorso presentato il 6?) sarebbe meglio riferisse convincenti spiegazioni alla comunità al riguardo. Sia per quanto concerne il complesso iter giudiziario (come mai non si è creduto nel TAS, quando a livello nazionale non si è lesinato ad entrare nel maggior numero possibile di aule giudiziarie, sia della magistratura sportiva sia di quella ordinaria-amministrativa), sia per quanto concerne l’esatta dinamica della mancata concessione della Licenza, poiché il 30 maggio, durante la drammatica conferenza stampa in cui aveva annunciato le dimissioni, personalmente non mi aveva convinto per nulla. E già che siamo in tema, magari dopo che ha finito le vacanza in Sardegna – che imagenon abbiamo alcuna intenzione di rovinargli – ci dicesse una buona volta se quello sfogo lo possiamo ritenere superato e dunque rientrato il suo proposito di mollare baracca e burattini. Purtroppo, da settimane, cerchiamo di interpretare, speranzosi, i suoi segnali e così quel “noi” con cui ha risposto – parlando del Parma, al network diretto da Gigi Tornari – a molti, tra cui la nostra lettrice Lorenzo MK, ma non è la sola, un segnale, appunto, importante. Riferisca, Ghirardi, ai suoi commoventi tifosi, che lo attendono speranzosi, le sue intenzioni circa la messa in vendita della società. o le ambizioni (perché la sicurezza di avere la sua potenza economica alle spalle, potrebbe quasi quasi farci credere che possa essere possibile “andarcela a riprendere”). Tralascerò, in questa sede, per non imagemettere eccessiva carne al fuoco, di ricordargli come Tavecchio, cui la società che presiede ha promesso il voto, non rappresenti quel Ta-Nuovo che ci si sarebbe aspettato da chi, a parole, come lui, avrebbe voluto rottamare il sistema calcio schifoso che lo aveva talmente schifato da voler tornare al suo paesello. La passione, gli è ritornata o no? No, dico, perché sentendolo esternare, ultimamente, sembra come se non gli fosse mai andata imagevia. Per fortuna è un Tommaso Ghirardi del tutto differente da quello che a inizio giugno ci aveva fatto venire i brividi con gli accenni al Sindaco e agli industriali di Parma in un altro intervento radiofonico: in quell’occasione su Radio Rai. Gabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

GHIRARDI A RTL 102.5: “FUORI DALL’E.L. PER LA SOLITA BUROCRAZIA. ARRIVERA’ UN CENTROCAMPISTA DI QUALITA’ PER SOSTITUIRE PAROLO”

GHIRARDI: ADDIO AL CALCIO, SFOGO, ACCUSE E LACRIME – Il video della seconda parte della conferenza stampa

GHIRARDI: ADDIO AL CALCIO, SFOGO, ACCUSE E LACRIME – Il video della prima parte della conferenza stampa

GHIRARDI A RADIO RAI: “CERCHEREMO UN INVESTITORE: SE POI NON CI SARA’ NESSUNO SARA’ UN PROBLEMA DEL SINDACO E DEGLI IMPRENDITORI DI PARMA”

GHIRARDI CONFERMA LA SUA INTENZIONE DI VENDERE IL PARMA, MA CHI VUOL COMPRARLO DEVE ESSERE IN GRADO DI SMOBILIZZARE SUBITO ALMENO 40 MILIONI E ALTRETTANTI NEI PRIMI 2/3 ANNI DI GESTIONE

L’INTERVENTO / L’AVVOCATO PAOLO MALVISI A TOMMASO GHIRARDI: “PRESIDENTE, FORZA: UN ATTO DI CORAGGIO. LEI CHE E’ PER IL RINNOVAMENTO DEL CALCIO, TOLGA L’APPOGGIO A TAVECCHIO”

L’OPINIONE DI MAJO: QUELLE IPOTESI DI MERCATO PROPEDEUTICHE ALL’ ‘ANDIAMOCELA A RIPRENDERE’ E IL RIBADITO SOSTEGNO DEL PARMA AL NUOVO TAVECCHIO CHE AVANZA…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

48 pensieri riguardo “L’OPINIONE DI MAJO PRIMA DI TORINO-BROMMAPOJKARNA E DOPO L’INTERVENTO DI GHIRARDI SU RTL 102.5

  • 7 Agosto 2014 in 19:45
    Permalink

    Buonasera Dott. Majo ,

    quella che Lei continua a definire la drammatica conferenza stampa del 30 maggio io la considero una mezza farsa. Lo sfogo di Ghirardi è quello di chi ci mette dei soldi di tasca sua, e lo comprendo pienamente, ma si rende conto di averla combinata grossa e chiaramente non può fare pubblica ammenda verso i tifosi.
    Detto questo io direi di seppellire una volta per tutte l’argomento TAS di Losanna e guardare avanti. Se guardare avanti significa” avere una squadra già ottima così..” andiamo avanti con l’umiltà di chi non deve ANDARSELA A RIPRENDERE ma ANDARE A CONQUISTARSELA.
    In ultima analisi, soltanto per motivi di coerenza, non capisco come si possa dare il proprio sostegno a Tavecchio che alle sue spalle ha , tra le altre, una condanna per evasione fiscale ( fonte l’articolo dell’Avv. Malvisi). Sostanzialmente la stessa inadempienza che ci ha negato l’accesso all’Europa.

    Christian

    • 8 Agosto 2014 in 00:36
      Permalink

      Beh, Cristian, non mischiamo pericolosamente le cose: un conto è la condanna per evasione fiscale di Tavecchio (che poi ha ottenuto la riabilitazione e per certi versi, con essa, il diritto all’oblìo) e un conto è la buccia di banana sulla quale è scivolata il Parma. Capisco che su certi forum, magari di sponda granata, non ci si vada troppo per il sottile e si dia dell’evasore a Ghirardi, ma la realtà dei fatti non è questa ed è mio dovere specificarlo per correttezza nei confronti di Ghirardi e per spirito divulgativo nei confronti dei lettori. Il Parma F.C., infatti, non ha assolutamente evaso il fisco (neppure “sostanzialmente”), giacché quello che c’era da versare è stato poi versato attraverso un normalissimo procedimento previsto dalla normativa italiana al riguardo e che si chiama “ravvedimento tardivo”. Cerchiamo, quindi, di essere precisi e di non addossare colpe o responsabilità che non hanno sul proprietario e sull’A.D.
      Anche perché i 280.000 euro – che loro non ritenevano corretto versare – poi li hanno versati successivamente.
      Quindi nessuna evasione. Sia ben chiaro.
      Ciò non toglie, però, che, soprattutto nei confronti della comunità crociata, Ghirardi (che è il presidente) e soprattutto Leonardi che è l’Amministratore Delegato e Direttore Generale (cioè il capo macchina) abbiano delle precise responsabilità per il mancato conseguimento della Licenza Uefa per non aver ottemperato a tutti i requisiti richiesti nelle date perentorie indicate dal manuale.
      Né vale quanto asserito da Ghirardi nella “drammatica conferenza stampa” del 30 maggio scorso sul fatto che il Parma avrebbe, negli anni passati, sempre agito così, anche perché, negli anni passati, sotto la sua gestione il Parma non ha mai ottenuto la Licenza Uefa. E il problema non sono certo gli impiegati che c’erano, secondo lui, anche 25 anni fa. Così come non dovrebbe essere – in sede di concorso – il controllore a dire all’esaminando che sta sbagliando.

      Ho citato, volutamente, ancora una volta la conferenza stampa del 30 maggio definendola “drammatica”. Ma è proprio sul senso di “drammatica” che dobbiamo capirci, Cristian, perché forse il mio aggettivo non si discosta così tanto dal tuo… Sempre di dramma si tratta. O melodramma…

      Infine non mi trovo d’accordo sul concetto da te espresso per cui Ghirardi non potrebbe fare pubblica ammenda nei confronti dei tifosi, pur rendendosi conto di averla combinata grossa. Io mi auguro, proprio, che Tommaso non abbia voluto scientemente prendere per il culo i tifosi sapendo di farlo. Sarebbe imperdonabile, proprio per come sono commoventi i tifosi del Parma che gli hanno dato anche il cu…ore. Capisco di più Leonardi, il quale non è che abbia tirato fuori il “gombloddo” per salvarsi il culo (sa perfettamente che Ghirardi non può fare a meno di lui) dopo la magagna, quanto per cercare di fare quadrato e mantenere in piedi la baracca in condizioni disperate visto il pericolo di fuga generale, l’abbandono di qualche tifoso e le dimissioni del presidente con messa in vendita della società. Perché se al di là dei proclami e del tutto va bene madama la marchesa non avesse la consapevolezza del particolare momento saremmo davvero nei guai.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 7 Agosto 2014 in 19:58
    Permalink

    mo co vot ander a riconquister ,secondo te al 30 marzo del prossimo anno siamo a posto per ottenere la licenza uefa ? .sarei gia’ contento di non prendere punti di penalizzazione via covisoc

    • 8 Agosto 2014 in 00:54
      Permalink

      Assioma, sono lieto di comunicarti che hai superato i 1.000 commenti pubblicati su stadiotardini.it . Non vinci nulla: ma sei nettamente in testa alla hit parade. E non abbiamo conteggiato quelli di Turella… Assioma, una certezza per noi!
      Saluti
      Gmajo

      • 8 Agosto 2014 in 12:45
        Permalink

        chissa’ fra altri mille di cosa staremo parlando,comunque tornando all’attuale di affrontare la serie a con jorquera mauri a centrocampo e felipe lucarelli la dietro mi si accappona la pelle,tieni presente che per me lucarelli e’ un valore aggiunto,ma 37 anni son tanti tanti,lasciam perdere marchino marchionni eh per piacere ?
        poi ragas quest’anno panzano sara’ il problema aggiunto,comincia gia’ ad avere prodromici problemini ad allenarsi con gli altri,sperema be,siore e siori ricomincia la macumba …cesena empoli e chievo sono avvisate 😀

  • 7 Agosto 2014 in 22:55
    Permalink

    IL popolo crociato vuole sapere del tas!!!!!!!! chiarezza e rispetto : i tifosi lo meritano…LA SOCIETA CHIARISCA….! Caro presidente Ghirardi,sono un abbonato che chiede….Ma comè possibile che inizia la coppa uefa è nn cè risposta del tas???? Lecito chiedersi…in assenza di comunicato parma calcio…Ma l’avete FATTO????????????????????????????

  • 8 Agosto 2014 in 06:26
    Permalink

    Ormai sarebbe ora di finirla qui con tas tar etc…guardiamo al campionato che sta iniziando…peró sarebbe curioso arrivare sesti ancora e non avere ancora la licenza……saluti e forza parma…sará un campionato bellissimo secondo me…….ABBONATEVI…..!!!!!!!

    • 8 Agosto 2014 in 08:44
      Permalink

      Sarebbe la vera essenza dell’ Andiamocela a riprendere…

  • 8 Agosto 2014 in 08:07
    Permalink

    Io visto che la stagione si è finalmente sistemata rilancerei un ABBRONZATEVI…..!!!!
    Poi va bene essere tifosi commoventi disposti a dare il cu..ore a Ghirardi però, per favore, basta con “riprendiamocela”. Con la rosa attuale sarebbe un miracolo fare un campionato relativamente tranquillo. E’ salito il Palermo che ritengo una squadra più completa del Parma, il Sassuolo è nettamente più forte, il Cagliari e la Sampdoria hanno una proprietà nuova e capitali freschi (sulla prima speriamo in Zeman). Facendo due calcoli è auspicabile (per il Parma) che Cesena e Empoli ritornino da dove sono venute, per la terza condannata vedo una lotta tra Parma, Chievo e Cagliari). Auguri di buon ferragosto

    • 8 Agosto 2014 in 08:50
      Permalink

      Esagerato… Il solo fatto che sia rimasto l’allenatore e l’ossatura della squadra centenaria dovrebbe esser garanzia di qualcosa più della salvezza. Sentito Cassano, no?

      • 8 Agosto 2014 in 09:43
        Permalink

        In linea di principio potrebbe essere così. Ma, pur essendo ancora provvisti di un collettivo molto simile a quello che pochi mesi fa è giunto al sesto posto della massima serie, con tanto di accesso alle coppe, poi negato per le ragioni che noi tutti conosciamo, non è detto che quegli stessi atleti, per quanto siano tecnicamente attrezzati come lo erano dodici mesi fa, riescano a replicare lo sforzo mentale, nervoso prodotto l’anno scorso per prendersi l’Europa League. Voglio dire che, sulla carta, la squadra è ancora all’altezza della sesta piazza, ma nel minuto in cui il tuo lavoro viene vanificato per un errore di natura extracalcistica, diventa parecchio complicato trovare le risorse e la forza per ripetersi. Insomma, se stamattina faccio una torta ed il suo sapore è squisito, questo non mi assicura che domani, ricorrendo agli stessi ingredienti e alla stessa ricetta, possa essere altrettanto squisita…

        • 8 Agosto 2014 in 10:31
          Permalink

          Beh, squadra ancora all’altezza del sesto posto, direi decisamente di no. Il Parma di oggi, a spanne, è da 12^ piazza, 10^ se qualche altra contendente dovesse far peggio delle aspettative e contestualmente i nostri eroi gettare di nuovo il cuore oltre l’ostacolo. Già il 6° posto della passata stagione è arrivato in volata e non certo per distacco sulle altre: c’era stato qualcosa di miracoloso, come sempre ci hanno detto gli stessi protagonisti, coloro che ora sono convinti di poter replicare “andandosela a riprendere” (e lasciamo perdere le spiegazioni leonardiane secondo cui l’ambizioso progetto sarebbe a lunga gittata e non immediato, ché quello è un classico mettere le mani avanti o nascondere la mano dopo aver gettato il sasso, mentre bisognerebbe sempre avere il coraggio delle proprie azioni, in questo caso esternazioni).
          Anche se ci sono sul web, su una nota piazza-turca, dei furboni senza palle (magari sono di genere femminile un po’ rancorose e che si credono al centro del mondo, anche quando uno non le fila o forse sono soltanto calunniatori colleghi fancazzisti) che prendono per i fondelli il sottoscritto, sputtanandomi con le seguenti parole: “Uno che considera Skel8 e Gargano come cessioni già parte malissimo. Forse questo luminare non conosce i prestiti e come funzionano. Mi spiace per lui”, debbo obiettare che pur non essendo un esperto di mercato, e non arrapandomi con questo tipo di argomenti che tanto eccitano il popolino, conosco a menadito il principio delle cessioni temporanee: ma queste acculturate menti eccelse credo che possano convenire col sottoscritto che quando un allenatore si trova ad allenare un gruppo che ha, rispetto a quello passato, almeno 3-4 calciatori fondamentali in meno rispetto alla stagione precedente, non stia lì a sottilizzare se coloro che non ci sono più erano di proprietà del Parma o se erano stati soltanto prestati al Ghiro, noto perché nell’estate 2007 sentenziò: “Mai più prestiti”, perdendo così l’occasione di tenere Giuseppe Rossi, di fatto scatenando un’asta alla quale non aveva le potenzialità (o la volontà, per via del budget previsto) di partecipare… Quindi, nonostante i leoni di tastiera del cesso accanto pensino che il Parma abbia ceduto solo Parolo, rispetto alla squadra arrivata sesta al fotofinish mancano anche altri protagonisti: appunto Skel8, oppure Gargano (anche se per quest’ultimo è meglio così considerato il rapporto qualità/prezzo) e anche quel dimenticato Molinaro, il quale con due gol e sedici presenze aveva contributo a conquistarla (l’E.L.) sul campo per poi andarsela a riprendere a Torino, dove, evidentemente, hanno pioccionato di meno…
          Non va dimenticato, poi, che oltre all’assenza, per le su elencate ragioni, di alcuni dei protagonisti della cavalcata, i medesimi, ora, hanno una primavera in più sul groppone e il gruppo dello scorso anno era già il più stagionato della serie A. Partire con la coppia centrale Paletta-Lucarelli non so se sarà altrettanto di garanzia, considerato che lo scorso anno il Capitano è stato autore della sua migliore stagione (e dire che lo volevano rottamare come Morrone…), ma alla sua età non è detto che possa ripetersi.
          Infine va sempre tenuto presente che il miracolo fu possibile anche grazie al flop (ragionevolmente imprevedibile) di squadre come Milan e Lazio, se no, al massimo, si sarebbe potuto raggiungere l’ottavo posto.
          Per tutti questi motivi il Grillo Parlante che è in me, e che fatico a tenerlo buono, sostiene che l’andiamocela a riprendere sia una splendida utopia.
          Cordialmente
          Gmajo

          • 8 Agosto 2014 in 10:52
            Permalink

            Ti preferisco come “grillo parlante” che come “grillo che cerca di contenersi… ma poi parla lo stesso”. É solo una questione di coerenza, concetto a me molto caro.

          • 8 Agosto 2014 in 11:03
            Permalink

            Hai ragione: a parte che ho preso esempio da Leonardi che a suo tempo diceva che non parlava di arbitri, salvo poi (con la mia stessa attuale coerenza) parlarne diffusamente, però un conto è scrivere articoli da “Grillo Parlante”, che nel mio piccolo possono condizionare il lettore e quindi dare fastidio al manovratore, un conto, invece, è rispondere nello spazio commenti ai lettori. E siccome sono abituato a dire la verità, non mi piace prendere per i fondelli chi mi segue raccontandola diversamente da come la penso.
            Ciao
            Gmajo

          • 8 Agosto 2014 in 15:11
            Permalink

            Alt. Io ritengo il Milan ancora inferiore a questo Parma. E anche il Torino, a prescindere dal cammino che farà in Europa League, non lo considero capace di bissare i risultati dello scorso campionato. Insomma, detto che in valore assoluto l’attuale rosa del Parma non vale un piazzamento da coppe, va anche aggiunto che, paragonandola a quella delle altre formazioni della massima serie italiana, in Europa ci può ritornare, anzi andare. E poi il nostro è un gruppo già affiato, quelli delle altre prima di ingranare, dovranno trovare la chimica di squadra…

          • 8 Agosto 2014 in 17:10
            Permalink

            Sul Milan mi dissocio, per il resto mi pare tu sia in contraddizione con te steddo…

      • 8 Agosto 2014 in 11:22
        Permalink

        Mah, se come sostiene lei, direttore, il Parma è attualmente da 12°/10° posto, mi elenca le 8/10 squadre che, allo stato attuale, si posizionerebbero alle nostre spalle? Nell’analisi facciamo pure finta che Paletta e Biabiany rimangano dove sono.
        Se poi ci si attiene alle dichiarazione di Cassano… (era ovviamente chiara la sua vena ironica)

        • 8 Agosto 2014 in 14:50
          Permalink

          Io oggi ne vedo 7/8 sulla carta: Cagliari (se tiene Zeman per almeno 10 partite), Udinese, Atalanta, Cesena, Empoli, ad oggi anche il Chievo e la Samp. Il Genoa è squadra stramba ma mi piace il mercato che ha fatto

          • 8 Agosto 2014 in 15:25
            Permalink

            L Atalanta secondo me è una bella squadra

  • 8 Agosto 2014 in 12:35
    Permalink

    Ma solo io(e Luka Russo) ho rosicato tantissimo ieri sera vedendo le immagini del pre partita di Torino?? Dopo mesi di tanti articoli, polemiche, ricorsi e mezze verità in conferenza stampa ieri sera per me è stata la botta morale più grossa e sono inc..to nero perché oltre vedere tv e giornali tessere le lodi del Torino ancora non so (ufficialmente) perché non c’era la mia squadra in TV ed io su quegli spalti.
    È un po’ come sapere da mesi di essere cornuto e vedere dal vivo mia moglie che mi cornifica.. Bruttissima sensazione… Grazie Leo & Ghiro.

  • 8 Agosto 2014 in 13:49
    Permalink

    Accidenti! Guardando il TG di TV Parma ho assistito allo spot che promuove la trasmissione “Lunedì Sport” che da settembre cambierà conduzione, infatti, ripescheranno il trio ( Michelotti, Chiesa, Ampollini) che sino alla stagione di due anni fa conduceva la trasmissione sportiva della domenica sera. Beh, sarebbe una gioia non da poco se TV Parma si fosse liberata anche di Schianchi, ma non ci credo….

    • 8 Agosto 2014 in 16:31
      Permalink

      Schianchi riprenderà il suo posto a calcio e calcio con il suo amato saltimbanco e io uscirò di scena con l’ultima puntata estiva…
      Ma si chiamerà lunedì sport e non più bar sport? Mi sembra strano…

      • 8 Agosto 2014 in 16:44
        Permalink

        Beh, hai ragione , è “Bar Sport”, con il titolo sono andato a naso…

        • 8 Agosto 2014 in 17:07
          Permalink

          Ah, ok… Grazie x la segnalazione. Cmq sul futuro di schianchi e il mio scherzavo…

      • 8 Agosto 2014 in 20:52
        Permalink

        Mi spiace direttore,
        Ma qlc comparsata la fara’ spero

        • 8 Agosto 2014 in 21:07
          Permalink

          Comunque scherzavo, Alfredo… A meno che la mannaia di Angella, oltre a calare sul collo di Boni, non cada anche sul mio…

  • 8 Agosto 2014 in 14:05
    Permalink

    Io tutte queste discussione le farei a bocce ferme (mercato chiuso). Allora si potra’ capire di piu’

    • 8 Agosto 2014 in 14:32
      Permalink

      Stadiotardini.it è un quotidiano on line non una rivista annuale o semestrale. Quindi i ragionamenti, che non sono mai definitivi, li facciamo tutti i giorni…

      • 8 Agosto 2014 in 14:39
        Permalink

        leggo ora,pare che la cessione di ceppitelli l’abbia trattata personalmente il Presidente in pectore (?) lup mannar gran farabut,dopo i tentennamenti di leonardi avrebbe preso in mano la situazione e parlato direttamente con Giulini …2,3 maglioni di euri che fretta che smania il parma non svende sior e siore ma vende,ditegli a questi qua che gli altri non scomparano ma comprano

        • 8 Agosto 2014 in 15:10
          Permalink

          __________________________ morto.

        • 8 Agosto 2014 in 15:29
          Permalink

          Il bello della cessione è che se qualcuno (la provvidenza non ha limiti) a fine agosto viene con tanti soldi per paletta poi che si fa? Amauri stopper?

        • 8 Agosto 2014 in 15:34
          Permalink

          2, 3 milioni di cui 1 milione di questo incasso è stato consegnato al Bari di Paparesta proprietario della altra metà del giocatore… Accidenti! Siamo alla fame?

          • 8 Agosto 2014 in 20:54
            Permalink

            Beh qlc pagnotta non fa male

  • 8 Agosto 2014 in 15:23
    Permalink

    Comunque, in Italia, non fare il tifo contro, è pressoché impossibile. Troppo arroganti e presuntuosi i tifosi di certe squadre. Nutro profonda antipatia per i fiorentini, i torinisti, i napoletani, i romanisti e gli interisti: tutti accomunati dal considerare le loro squadre vittime di chissà chi o cosa, e invece…a turno han rubacchiato di qua e di là anche loro. Ecco perché spero che, tra le altre, l’Athletic Bilbao faccia il suo dovere.

    • 8 Agosto 2014 in 16:24
      Permalink

      Siamo tutti fratelli: siamo tutti quanti vittima di chissà chi o chissà cosa… Anche noi del parma…

  • 8 Agosto 2014 in 15:24
    Permalink

    secondo me il fatto ke il TAS non dica niente è un segno chiaro del GOMBLODDO burrocratico, così burrocratico ke sembra quasi dolego.
    Solo dei nemici del Parma possono non credere alla veridicità delle NOSTRE dimissioni. Dopo il DELITTO PERFETTO ai danni del Parma da parte del sistema (+ quello a me sui Campari Makkiati), quando noi non abbiamo commesso nessun errore (e gnanca mi), tanto ke NON NE VOGLIAMO NEANCHE SENTIRE PARLARE, io mi devo tutelare cm libero cittadino. O no?

    NESSUN USIGNUOLO VALE IL PADULO CHE CI AVETE REGALATO. GRAZIE.
    IL MARCELLO CHE C’E’!

    Marcello, ripensaci!!! Marcello gonfio di commozione: “Ho dei Campari da bere. Sono stato sulla vostra terra ma vacefa un caldo boia”

  • 8 Agosto 2014 in 15:32
    Permalink

    BIBLIOGRAFIA DI MARCELLO DIMISSIONARIO
    Letture consigliate (etor ke stadiotardini ke è un covo di nemici del Parma del ‘braccio armato’):

    Il Pres si dimette. I suoi soci lo seguono. Tutto il Parma Calcio è in vendita
    http://www.settorecrociatoparma.it/il-pres-si-dimette-i-suoi-soci-lo-seguono-tutto-il-parma-calcio-e-in-vendita/

    Ghirardi non vuol sentir parlare di colpevoli e di errori del Parma:”Non esistono. L’amministrazione del nostro club è la stessa da venticinque anni e mai ha avuto questi problemi”
    http://www.settorecrociatoparma.it/ghirardi-non-vuol-sentir-parlare-di-colpevoli-e-di-errori-del-parmanon-esistono-lamministrazione-del-nostro-club-e-la-stessa-da-venticinque-anni-e-mai-ha-avuto-questi-problemi/

    Da “cittadino libero” Ghirardi valuterà se agire civilmente per i danni alla sua persona e alla sua immagine
    http://www.settorecrociatoparma.it/da-cittadino-libero-ghirardi-valutera-se-agire-civilmente-per-i-danni-alla-sua-persona-e-alla-sua-immagine/

    Pres, ci ripensi !!! Tommaso gonfio di commozione:”Ho valori da rispettare. Sono stato vincitore nella vostra terra e voi mi avete aiutato a vincere”
    http://www.settorecrociatoparma.it/pres-ci-ripensi-tommaso-gonfio-di-commozioneho-valori-da-rispettare-sono-stato-vincitore-nella-vostra-terra-e-voi-mi-avete-aiutato-a-vincere/

    Radiografia, attraverso un’accurata cronologia dei fatti, del ‘delitto perfetto’ ai danni del Parma da parte del sistema
    http://www.settorecrociatoparma.it/radiografia-attraverso-unaccurata-cronologia-dei-fatti-del-delitto-perfetto-ai-danni-del-parma-da-parte-del-sistema/

    Il Pres se ne va portando negli occhi e nel cuore i suoi tifosi
    http://www.settorecrociatoparma.it/il-pres-se-ne-va-portando-negli-occhi-e-nel-cuore-i-suoi-tifosi/

    Pres, i tuoi ragazzi ti rimettono la Maglia Crociata … La squadra si confronta, reagisce e scrive a Tommaso:”Non molli, Presidente !!!”
    http://www.settorecrociatoparma.it/pres-i-tuoi-ragazzi-ti-rimettono-la-maglia-crociata-la-squadra-si-confronta-e-scrive-a-tommasonon-molli-presidente/

    ricorderei cmq anke il classico:
    Licenza Uefa – La forza di non abbeverarsi al limaccioso fiume in piena di pareri espressi in superficie senza conoscere l’essenza
    http://www.settorecrociatoparma.it/licenza-uefa-la-forza-di-non-abbeverarsi-al-limaccioso-fiume-in-piena-di-pareri-espressi-in-superficie-senza-conoscere-lessenza/

  • 8 Agosto 2014 in 16:30
    Permalink

    Luca Ceppitelli ha quasi 25 anni non ha mai giocato in serie A nessuna presenza in nessuna nazionale quanto può valere? venderlo a 2,3 è sicuramente un buonissimo affare

    • 8 Agosto 2014 in 16:40
      Permalink

      Data la penuria di centrali in italia se davvero è così bravo è destinato a vedere crescere la sua valutazione. Ognuno è libero di pensarla come vuole, ma io trovo perniciosa la politica del meglio l’uovo oggi della gallina domani. Specie se si ha il magazzeno pieno di frutta matura ma si preferisce vender l’acerba. Cordialmente
      Gmajo

    • 8 Agosto 2014 in 17:13
      Permalink

      io mi sarei un po rotto i coglioni di vederli giocare in serie a da un altra parte.il discorso e’ che il parma fc e’ in vendita mica in svendita

      • 8 Agosto 2014 in 20:56
        Permalink

        Manca liquidita’. E’ una vecchia storia. E oggi in Italia nessuno ha liquidi. Babiany verra’ ceduto all’estero proprio perche’ solo li possono dare cash

    • 8 Agosto 2014 in 17:34
      Permalink

      Ceppitelli è Italiano.. ambidestro, può giocare sia centrale che a desttra, difensore veloce e abile nel gioco aereo, fà anche gol (11 negli ultimi 2 campionati di B), è potenzialmente molto forte altrimenti varrebbe 0,3 MLN… la media voti nei 2 campionati e la grinta nei video dei suoi gol (vedere youtube) promettono bene.. infine se Zeman ha insistito per averlo un motivo ci sarà.. o no? ma ormai non è più un crociato.

  • 8 Agosto 2014 in 17:33
    Permalink

    Se vogliamo vederlo come un affare di prospettiva hai perfettamente ragione direttore, ma se i centrali del PARMA restano questi e l’attuale allenatore sappiamo quanto sia “stitico” nel mettere in campo giocatori inesperti probabilmente Ceppitelli avrebbe giocato molto poco e quindi invece di valorizzarsi c’era il rischio che succedesse il contrario
    saluti

    • 8 Agosto 2014 in 20:58
      Permalink

      Esatto il Don e’ un problema per i giovinastri

  • 8 Agosto 2014 in 18:03
    Permalink

    majo ,la prossima opinione dalla aspettando spalato torino del 21 agosto,sono proprio dei minchioni sti torinisti giocare il 21-08 e poi il 28,pensa che han dovuto cominciare la preparazione ben una settimana prima di noi che dell’europa league non ce ne frega niente

  • 8 Agosto 2014 in 18:31
    Permalink

    A questo punto io proverei a valorizzare Ristovski . Nell’arco della stagione sicuramente avrà le sue chances e mi sembra uno di prospettiva.

    Christian

  • 10 Agosto 2014 in 19:55
    Permalink

    @ ASSIOMA PENSO CHE A TE BRUCI TANTO LA COSA MENTRE IL RELATORE DI QUESTO ARTICOLO CONTINUA A COMPORTARSI DA PERSONA DISINCANTATA E EQUILIBRATA
    saro’ felicissimo di risponderti io dopo la doppia sfida e la partita con l’inter
    intanto continuo ad augurare al parma e ai suoi tifosi un’annata che li porti veramente in europa(la vedo dura non tanto per il risultato sportivo quanto per le tasse da pagare dai vostri dirigenti……………

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI