PERCHE’ STUPIRSI DELLE CASSANATE DI CASSANO? LA SFURIATA DI GIOVEDI DI FANTANTONIO SVELATA DALLA GAZZETTA DELLO SPORT CHE SCRIVE: “ORA IL PARMA PUO’ FARLO FUORI”

image(gmajo) – L’uomo del giorno secondo la Gazzetta dello Sport? Antonio Cassano. Ma non pe runa delle sue delizie sul campo, che peraltro d’estate contano un tubo e che difficilmente si possono realizzare se si è convalescenti, bensì per l’altra specialità della casa: le cassanate. Con grande enfasi, persino in prima pagina, il più diffuso quotidiano sportivo dà ampio imagerisalto alla mega litigata negli spogliatoi con Donadoni e compagni, non sedata neppure da Pietro Leonardi, che ricordiamo sua spalla eccezionale nella conferenza teatrino che chiuse il caso Nutella Sampdoria. Va bene: FantAntonio ha preso a male parole tutti quelli che gli ronzavano attorno? E cosa c’è di strano? Come chiosa in un profondo commento, sullo stesso giornale, il professor Andrea Schianchi, il Discolo è un uomo che non può vivere di normalità: dunque la notizia era se avesse continuato a comportarsi da bravo ragazzo, senza mai dare in escandescenze. Orbene: non ho idea di che tipo di sfuriata possa esser stato autore giovedì, ma mi risulta che piccoli o grandi mal di pancia il barese li abbia avuti anche nella passata stagione e in ogni ambiente di lavoro capita che, per un nonnulla, si possa perdere il controllo: immaginarsi, quindi, se foto 2 (8)la cosa non può capitare a Cassano che vanta un brillante curriculum vitae al riguardo. Secondo la ricostruzione, peraltro non troppo dettagliata, del giornale rosa, “giovedì il barese è tor­na­to ad ascol­ta­re la parte ri­bel­le del suo es­se­re. Ne è sca­tu­ri­ta una fu­rio­sa li­ti­ga­ta con al­cu­ni com­pa­gni, nata in campo du­ran­te l’al­le­na­men­to, pla­ca­ta senza ri­sul­ta­ti da Do­na­do­ni e pro­se­gui­ta negli spo­glia­toi dove un ri­ca­ri­co di im­pro­pe­ri è ca­du­to pure sull’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to del Parma Pie­tro Leo­nar­di. An­to­nio è stato de­mo­cra­ti­co, ha avuto una «buona» pa­ro­la per tutti. Anche per chi ha pro­va­to a cal­mar­lo”. Insomma, da queste poche raffazzonate righe si evince che i futili motivi sarebbero di natura di campo: immaginarsi, dunque, se dovesse – Dio non voglia – capitare qualcosa di più serio: che ne so?, la cessione di qualche pezzo grosso che complichi la missione di “andarcela a riprendere”, di cui lui stesso è fautore, visto che quando gli avevano messo a disposizione la sala stampa di Collecchio per il suo show di qualche settimana fa si era apertamente schierato per la tesi leonardiana dell’ingiustizia subita per la mancata concessione della Licenza Uefa. Insomma: al di là della portata del fuori-programma (ma avendo a che fare con Cassano si sa benissimo che questi intermezzi sono possibilissimi, dunque di che stupirsi?) perché montarci su un caso? A chi interessa? Chi ha armato la mano della Rosea spifferando delle gesta di Antonio Furioso (giacché di inviati da Milano prima di imageParma-Carpi non credo ne siano stati mossi e che il corrispondente da Parma, che è il buon Sandrone Piovani, sul giornale che gli garantisce lo stipendio, alias la Gazzetta di Parma, non ha fatto alcun riferimento alla sceneggiata, limitandosi, nel notiziario, a scrivere: “Cassano sta meglio: il rientro di Fantantonio è vicino”)? C’è ancora di mezzo il mercato, come in occasione della precedente crisi diplomatica che comportò la sua clamorosa assenza – proprio lui che ne era la ciliegina sulla torta – nella festa del Centenario al Teatro Regio? Il quotidiano rosa sentenzia in imageprima pagina: “Il Parma può farlo fuori”. Beh, Dio, per la spending review non sarebbe neppure male (dopo aver risparmiato i soldi di Ninis, di cui ieri è stata ufficializzata la rescissione del contratto)… E chi se lo prende in casa Cassano, a una settimana dalla chiusura del mercato? La Sampdoria? A questo punto che fosse un messaggio d’amore la nomination del presidente blucerchiato Ferraro tra i tre (gli altri due erano il napoletano De Laurentiis e il Plenipotenziario, ora leggermente imagedepotenziato, rossonero Adriano Galliani) da lui indicati per la doccia gelata benefica contro la Sla, mentre lui stesso si sottoponeva all’esecuzione dell’«ice buc­ket chal­lenge» ad opera di Melli (a nominarlo era stato il suo biografo Pardo). Tra l’altro, proprio ieri, il sito ufficiale del Mulino Bianco (no, non quello della Barilla…) aveva diffuso il video del Cassano docciato per la sensibilizzazione contro la Sla: e proprio la Rosea spiega che questa circostanza potrebbe andare nella direzione che tutto possa rientrare come se niente fosse accaduto, del resto bel bello, come nulla fosse accaduto, ieri Cassano si è presentato al Centro di allenamento. La Rosea aggiunge: “Nor­ma­le forse at­ten­der­si ora una presa di po­si­zio­ne della so­cietà che con ogni pro­ba­bi­lità lo mul­terà. Non è stato messo fuori rosa e nem­me­no è stato messo sul mer­ca­to”. Non avendo molti dettagli da sviscerare (il racconto è molto carente: non c’è uno straccio di movente per il delitto…), ma una pagina da riempire, Matteo Brega ha chiuso il suo articolo ricordando la fenomenologia delle precedenti Cassanate, in particolare ricordando le più gravi, quella con la Samp (con offese allo scomparso presidente Garrone) e quella con l’Inter (il litigio con Stramaccioni). Il Parma sapeva benissimo chi si metteva in casa e ha saputo gestire – soprattutto proprio grazie a Leonardi – la patata bollente: i compagni e l’allenatore lo conoscono, davvero è meglio far finta di niente. Non c’è niente da stupirsi. E’ roba da fogliettone estivoGabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL FANTANTONIO SHOW / CASSANO DIFENDE PRANDELLI E PALETTA E GIURA FEDELTA’ AL PARMA: “RIMASTO PER LEONARDI E DONADONI. CI HANNO FATTO UNA COSA SCHIFOSA TOGLIENDOCI L’E.L.” video

COLPO DI SCENA / CASSANO AMMETTE CHE VOLEVA ANDARE DAVVERO ALLA SAMPDORIA: I GIORNALISTI, DUNQUE, NON SONO DEI MENA RUDO… I primi due video della conferenza-teatrino

L’OPINIONE DI MAJO DOPO IL CASSANO ATTAPIRATO: “SI TRATTA DI UN NUOVO AUTOGOL COMUNICAZIONALE O E’ UNA STRATEGIA PER CONVINCERE LA SAMP A RIPRENDERSELO?”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

80 pensieri riguardo “PERCHE’ STUPIRSI DELLE CASSANATE DI CASSANO? LA SFURIATA DI GIOVEDI DI FANTANTONIO SVELATA DALLA GAZZETTA DELLO SPORT CHE SCRIVE: “ORA IL PARMA PUO’ FARLO FUORI”

  • 23 Agosto 2014 in 09:40
    Permalink

    oh… magari è il Parma che ha fatto uscire ad arte la notizia per vuole liberarsi di Cassano e del suo mega-contratto, puntando su alternative più economiche e di prospettiva come Bellomo o Botta. Sarò malizioso, ma la cosa mi puzza parecchio.
    Certo per Settore Crociato commentare le birichinate di Antò sarà dura adesso… altro che “carme”

    • 23 Agosto 2014 in 09:50
      Permalink

      Non facciamo i dietrologi, lamaglia: c’è già qualcun altro che pensava che la notizia della mancata licenza uefa al Parma fosse stata messa in circolo ad arte dal giornale rosa per fare piacere a qualche altra società… E poi il Parma, che aveva bollato la Gazzetta dello Sport come “bufalara” (Di Taranto a Calcio & Calcio), può forse aspettarsi piaceri da quel quotidiano? Ha la potenza per condizionarlo?
      Certo è curioso che della cassanata di giovedì ne parli la Gazzetta dello Sport e non quella di Parma…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 23 Agosto 2014 in 10:03
    Permalink

    Un articolo che cela un evidente sterile tentativo speculativo. Si tratta di una notizia messa in giro ad arte per favorire il Torino che pare interessato ad assicurarsi Cassano.

  • 23 Agosto 2014 in 10:04
    Permalink

    E se per una volta Cassano avesse avuto ragione? Considerato che non è stato né messo sul mercato né fuori rosa….

  • 23 Agosto 2014 in 10:06
    Permalink

    ne parla SOLO la la gazzetta dello sport… hanno dei poteri magici?

  • 23 Agosto 2014 in 10:09
    Permalink

    Top…ora sarebbe interessante sapere il reale motivo della sfuriata..ma anche io son malizioso e mi va di pensarla come il lettore che parlava della cessione….il tutto è molto molto strano…soprattutto in questa fase di mercato

  • 23 Agosto 2014 in 10:20
    Permalink

    Peccato che di Cassano ne abbiamo uno solo, magari averne 2-3, allora si che potremmo andarcela a riprendere comodamente.
    comunque Biabiany su twitter ha smentito l’accaduto…
    La vera notizia è che lunedì arriva Francesco Lodi, tutto il resto è noia

  • 23 Agosto 2014 in 10:31
    Permalink

    aspettiamo qualche comunicazione al riguardo del Parma fc….
    o magari qualche giornalista locale che abbia il coraggio di chiedere lumi sull’accaduto a qualche dirigente della società…

  • 23 Agosto 2014 in 10:38
    Permalink

    SImo ,si e cucu’ ……

    io quando lo visto ieri farsi tirare la famosa secchiata d’acqua che va tanto di moda mi son chiesto poi … ma stima molto anche Ferrero ?

    si vede che lo vuole riportare alla samp dopo numerose suppliche

  • 23 Agosto 2014 in 10:39
    Permalink

    scusate l’ortografia ma scrivo a nastro

  • 23 Agosto 2014 in 10:40
    Permalink

    Quando ci sono da lodare le gesta del parma sulla rosea nessun articolo, quando deve sparare merda sul parma e’ sempre in prima linea sopratutto con l’interista concittadino andrea schianchi che non sembra amare molto la compagine gialloblu’.
    Comunque smentito anche dal twitter di biabiany.
    Se comunque fosse vera la cosa riportata, manca una settimana alla chiusura del mercato non penso che si possa piazzare cassano a meno che non venga sostituito da giovinco.

    • 23 Agosto 2014 in 10:52
      Permalink

      Non essere ingenuo vecchia guardia, che sei vecchio come me… Ma quale merda spalata dalla GdS… Aspettiamo la fine di questo tormentone e poi vediamo a cosa poteva essere prodromico questo articolo e a chi può aver fatto piacere che la magagna saltasse fuori. Anche perché il nome di Giovinco risuona da un po’ troppi mesi a questa parte… Andiamocela a riprendere…
      Gmajo

  • 23 Agosto 2014 in 10:52
    Permalink

    Per me hanno visto cassano arrabbiarsi in campo per qualche motivo di gioco e poi visto che i giornali devono vendere hanno montato su una scena per scrivere di cassano

    • 23 Agosto 2014 in 10:53
      Permalink

      Perché secondo lei cassano che fa una cassanata a parma fa vendere molti giornali alla GdS?

      Non è bello essere dietrologi, ma neanche non andare al di là del proprio naso, suvvia…

      • 23 Agosto 2014 in 11:12
        Permalink

        Se il Leo riuscisse ad imbarcarlo dal mulino bianco alla galbusera x fare posto a Giovinco sarebbe un’alta delle sue magie…

  • 23 Agosto 2014 in 11:00
    Permalink

    Biabiany ha appena scritto su Twitter che cassano non ha litigato con nessun compagno di squadra!!!!!!

  • 23 Agosto 2014 in 11:06
    Permalink

    se fosse vero quello che dice Biabiany potrebbe scriverlo anche la moglie di Cassano visto che al contrario di me è una grande frequentatrice di twitter

    • 23 Agosto 2014 in 11:10
      Permalink

      Io stesso non frequento i social, ma alla Carolina ho chiesto se era vero… Così come a Biabiany ho cinguettato domandandogli se Cassano aveva litigato con Leonardi. Stando a qualcuno che era presente, infatti, FantAntonio avrebbe inveito particolarmente contro il Plenipotenziario. Orbene, dico io: se tutti i litigi con gli altri (da Donadoni in giù) sono sempre finiti in cavalleria, perché stavolta dovrebbero esserci ripercussioni? Perché ha sbagliato interlocutore? Lo ribadisco: il Parma sapeva benissimo chi si metteva in casa: e se ha tollerato altre situazioni anche più gravi (vedi il caso Nutella Sampdoria, anche se pure in quel caso c’era qualcosa che mi puzzava…) lo può fare anche stavolta. O Leonardi è inattaccabile?
      Cordialmente
      Gmajo

  • 23 Agosto 2014 in 11:09
    Permalink

    Cairo, bella e soleggiata metropoli, capitale dell’Egitto o presidente sleale e antisportivo di una squadra di ladri? Secondo quale dei due c’è dietro, questa cassanata?

    • 23 Agosto 2014 in 11:53
      Permalink

      la seconda che hai detto

    • 23 Agosto 2014 in 11:54
      Permalink

      Cittadella ha perfettamente ragione, è evidente che dietro a questa notizia c’è un tentativo di qualcuno per portare Cassano alla rottura col Parma. Cassano vuole l’europa e questa a Parma non si può giocare quest’anno, ma a Torino si!! C’è per forza dietro Cairo, che punta a prenderselo a costo zero.
      Solo Majo e Angella continuano a dare la colpa a Leonardi della situazione col Toro ma invece qui c’è dietro sempre Cairo…sicuro sicuro

      • 23 Agosto 2014 in 12:20
        Permalink

        Gentilissimi,

        sinceramente sono allibito da tanta dietrologia, ma ci rendiamo conto che stiamo sparando delle castronerie a destra e a manca? Il complotto di Urbano Cairo che istiga Cassano al litigio per poterlo portare a Torino? secondo me siamo, anzi qualcun’altro e non il sottoscritto, alla frutta o forse al digestivo! Come se le cassanate fossero una novità e con esse il fatto che la GdS le riporti nella sua cronaca! Ma suvvia, torniamo alla realtà!
        Al massimo vedrei meglio una strategia della società per liberarsi di un ingaggio pesante, se proprio devo fare della dietrologia preferisco questa.
        Il Vermouth inizia a dare alla testa!!!!!!!!

  • 23 Agosto 2014 in 11:19
    Permalink

    e se Cassano d’accordo con Leonardi avessero pensato di far uscire la notizia di questa litigata per vedere se c’è qualche acquirente ( de laurentiis o ferrero) ancora disposto a prendere il giocatore…
    lo so direttore o la mente contorta ma stamattina non ho di meglio da fare….

    • 23 Agosto 2014 in 11:23
      Permalink

      Non si tratta di avere la mente contorta quando si ipotizzano possibili azioni di chi ragiona dietrologicamente su tutto…
      Ieri, poco prima della doccia fredda (io la sla preferirei combatterla senza queste buffonate, ma capisco che di questi tempi da basso impero sia più virale così) FantAntonio ha citato non solo Ferrero, ma anche De Laurentiis e Galliani… Non è che vuol tornare al Milan=?
      Cordialmente
      Gmajo

  • 23 Agosto 2014 in 11:20
    Permalink

    e dimentico anche le “H” ;;;

  • 23 Agosto 2014 in 11:25
    Permalink

    Ma di cosa stiamo parlando? Subito a dare giudizi affrettati..aspettate il comunicato della società e poi tirate le conclusioni..qua si sente solo una campana (come x Cerri e mauri al catania) e si spara subito a zero! Rilassatevi. .sembra non aspettiate altro!!

    • 23 Agosto 2014 in 11:33
      Permalink

      Ma chi darebbe giudizi affrettati? Quali giudizi. Ecchecazzo: ma non si può mai dire/scrivere niente? E’ solo verbo il verbo della società (che peraltro, come nel caso della Licenza Uefa emette comunicati fumosi e fuorvianti che non danno risposte alle domande precise sulle basi di parole scritte nero su bianco dal segretario generale del Tas)?
      Scusa, gio, ma per me la verità non viene fuori dai comunicati stampa della società, ma analizzando un insieme di situazioni. E la gente è liberissima di dire la propria sul fatto del giorno. E che cazzo: bisognerebbe sempre tacere e sentire solo la società?

  • 23 Agosto 2014 in 11:27
    Permalink

    Quindi qualcuno di voi si spinge ad ipotizzare che La Gazzetta dello Sport si sia resa disponibile a raccogliere una bufala preparata nella cucina del Parma per favorire la cessione di Cassano? Sarebbe una cosa gravissima! Ma dai, mica ci sono giornalisti che ascoltano la voce del padrone alla Gazzetta dello Sport!

    • 23 Agosto 2014 in 11:30
      Permalink

      E poi la Gazzetta dello Sport è nemica del Parma: non è forse stata la Rosea ad inventarsi la notizia sconclusionata della mancata Licenza Uefa con una bufala?
      CDT

  • 23 Agosto 2014 in 11:32
    Permalink

    Mettiamo che ci sia stata la sfuriata di Cassano e da quanto mi pare di aver capito c’è stata per una situazione di gioco. Ora a chi non è mai capitato di arrabiarsi sul lavoro?! per un errore di un collega, e magari aiutato da una giornata storta, ne è nato un dibattito acceso, e ancora se avesse fatto tutto ciò un altro giocatore del Parma ne avrebbero parlato così tanto?! Per me ci sta discutere tra compagni può essere pure costruttivo ovviamente con i dovuti toni e senza esagerare. Non sono l’avvocato difensore di Cassano, anche perché credo che non ne abbia bisogno, però così ho provato a leggerla in modo diverso.

    • 23 Agosto 2014 in 11:36
      Permalink

      L’hai letta esattamente come ho porto io la notizia stamani…
      Però siamo adesso ad un secondo stadio della cosa, geremia, e cioè? Chi ha avuto interessi ad alimentare la Gazzetta dello Sport di questa notizia, che se non avesse riguardato Cassano, manco gli interessava?
      Cordialmente
      Gmajo

    • 23 Agosto 2014 in 13:26
      Permalink

      Geremia, concordo con te anche perchè se fosse vero che tra le persone insultate da Cassano c’ era pure Leonardi, oggi Cassano sarebbe già a Genova o in qualche altra città e ovviamente con un contratto firmato con un altra squadra.
      Dunque credo che la notizia possa essere vera ma credo che sia stata molto gonfiata.

  • 23 Agosto 2014 in 11:32
    Permalink

    La rosea si è inventata prima Cerri all Inter. .e poi mauri e Cerri al catania. .questo non lo ricorda?

    • 23 Agosto 2014 in 11:34
      Permalink

      Se è per quello sento da anni il Saltimbanco sparare nomi a random sul mercato, azzeccandone qualcuno e sbagliandone di più… Ma qui non sono quisquilie di mercato. La Rosea, senza uno straccio di condizionale, dà per certo un litigio. Che è confermato da persone presenti che hanno assistito, come Cittadella Crociata.
      Saluti
      Gmajo

      • 23 Agosto 2014 in 13:51
        Permalink

        Presente? Non mi risulta di averglielo detto, le confermo comunque che il litigio c’è stato, noi “governativi” evidentemente siamo meglio informati (o meno reticenti?) dei giornalisti locali. In ambienti “bene informati” si vocifera inoltre che proprio in questi giorni, il Torino si sia fatto avanti per il fantasista barese. Sulla lealtà sportiva del presidente granata ho già avuto modo di scrivere, non mi ripeterò ancora, visto che in questo sito lo dipingete come un correttissimo uomo d’affari che fa i suoi affari mettendo la sportività sempre al primo posto, (mi chiedo quando verrà costituito il Toro club Gabriele Majo), ma una cosa è certa, il litigio è stato un fulmine a ciel sereno, è avvenuto a “porte chiuse” e qualcuno deve avere informato Schianchi.

  • 23 Agosto 2014 in 11:37
    Permalink

    Dalla società di smentite non ne avremo… questi non parlano neanche sotto tortura…
    cmq. non vedo il nesso tra il casino (presunto) di Cassano con la cessione di Cerri perché se una società di calcio dovesse smentire tutto quello che scrivono di calciomercato i giornali…..

    • 23 Agosto 2014 in 11:40
      Permalink

      Beh, qui non si parla di mercato… Qui si parla di mega litigata di Cassano con Leonardi, oltre che Donadoni e compagni, anche se c’è Biabiany che su twitter nega questa evenienza. Ma chi ha seguito il litigio a Collecchio (ed è qualcuno molto governativo) assicura che il diverbio con il Plenipotenziario è stato piuttosto acre…
      Cordialmente
      Gmajo

      • 23 Agosto 2014 in 12:03
        Permalink

        Dagli indizi che si trovano nei commenti, io capisco che la tensione è stata causata da Cairo ed un canto di sirene che arriva da ovest?!? Beh sarebbe un umiliazione enorme per noi abbonati non europeizzati!! Direttore mi smentisca per favore!!

  • 23 Agosto 2014 in 11:44
    Permalink

    Ma ragazzi si puó litigare nella vita o no …soprattutto se si parla di Cassano…anche l’hanno scorso ho seguito gli allenameti e nelle partitelle lui si infuriava pesantemente….cmq fateci caso che del Parma scrivono solo cose contro mai a favore….vero o no????

  • 23 Agosto 2014 in 11:45
    Permalink

    intendevo dire che sul fatto di Cassano la società (anche se non ci credo) dovrebbe dare spiegazioni… mentre per quanto riguarda ile presunte cessioni scritte dai giornali le società cosa devono smentire?

  • 23 Agosto 2014 in 11:48
    Permalink

    Almeno ora dopo la vicenda Tas. .sapete di cosa scrivere adesso..non si parla mai di calcio qui! Assurdo!

    • 23 Agosto 2014 in 11:53
      Permalink

      E di cosa dobbiamo parlare di calcio, di grazia?
      Se non ti va bene questo ristorante, puoi sempre andare in quelli della porta accanto. Ma dal momento che ti accomodi spesso a questa tavola, o sei masochista, o ti vanno bene le pietanze che sforniamo. Ma visto che non paghi il conto puoi almeno evitare di sputare sul piatto sul quale mangi

      • 23 Agosto 2014 in 11:57
        Permalink

        Ma come, non eri tu quello che dovevi insegnare a me che certe cose non si dicono?
        Briccone che non sei altro! In questo paese c’è libertà di parola, e tu cosa fai? Fai come Dondi, ed inviti qualcuno ad abbeverarsi ad altra fonte. Lo dico sempre che sei un disgraziato! Ti sentisse la Fortezza 😉

  • 23 Agosto 2014 in 11:50
    Permalink

    Credo che stasera a Carpi dopo la partita Leonardi abbia il dovere di chiarire quanto accaduto, rendere noti eventuali provvedimenti disciplinari e rendere note le intenzioni sul futuro di Cassano

    • 23 Agosto 2014 in 11:51
      Permalink

      Speriamo che venga Angella a chiederglielo: se non le fa lui queste coraggiose domande…

  • 23 Agosto 2014 in 11:51
    Permalink

    Io non me ne intendo ma secondo me per scrivere una cosa del genere qualcosa di vero ci dev’essere, io non ho detto che non è vera ma ho solo provato a leggera in modo diversa. La domanda che mi hai posto Gabriele è interessante e, sinceramente, non so darmi risposta ma devo dire che non mi dispiace la versione data da qualcuno nei commenti precedenti legata al mercato. Un altra domanda che mi sono posto è questa: mettiamo che Cassano abbia fatto questa sfuriata per un mal di pancia legato al mercato, per quale motivo avrebbe dovuto farlo adesso e non un mese fa?

    • 23 Agosto 2014 in 11:55
      Permalink

      Io dico questo: che Cassano di sfuriate così ne ha fatte anche altre. Però, stavolta, stranamente è finita amplificata sulla GdS. Io condivido con te che è più roba da fogliettone estivo, però, siccome c’è chi si alimenta di dietrologie, dietrologicamente si può pensare che la mano della GdS possa esser stata armata da chi poteva avere qualche interesse di amplificare un litigio (magari normale e banale) di Cassano per ragioni che magari scopriremo alla fine del tormentone…

  • 23 Agosto 2014 in 11:54
    Permalink

    Poi cazzo hanno discusso giovedì. .magari già ieri è stato tutto chiarito..vedi il video di Cassano con Melli. .quindi di cosa si deve giustificare la società? Ma basta cazzo

    • 23 Agosto 2014 in 12:02
      Permalink

      la società non si deve giustificare (e già la scelta di questo verbo la dice tutta… Coda di paglia…) di niente: però deve chiarire, per rispetto dei tifosi, cosa è successo e quali provvedimenti prende nei confronti di Cassano. Oppure, se non è successo niente, – ma io ho dei testimoni oculari che si professano governativi che confermano il tutto – smentire la Gaz Sport, dicendo che sono dei bufalari… (tanto ci sono abituati…).

      Che il litigio sia rientrato è evidente: Cassano è così, prima ti manda a fare in culo e dopo dieci secondi ti chiede scusa o tutto torna come prima. Infatti il problema è appunto: chi ha avuto interesse di riferire alla GazSport di questa cosa? A loro ha fatto comodo scriverne perché comunque Cassano è sempre Cassano, ma ci può essere – ragionando in maniera dietrologica – qualcuno che può avere avuto interesse a mettere in piazza i panni sporchi…

      Nel video, comunque, Melli mi appare molto imbarazzato…

      Cordialmente
      Gmajo

      • 23 Agosto 2014 in 12:14
        Permalink

        Ecco ora concordo il suo ragionamento!

  • 23 Agosto 2014 in 11:58
    Permalink

    Ma suvvia, tutto bene Madama la marchesa!
    Parliamo di calcio o no?

  • 23 Agosto 2014 in 12:00
    Permalink

    Dott. Majo lei dice che varie persone hanno assistito alla querelle..dice che “qualcuno molto governativo” ha assistito al litigio, che il Parma Club Cittadella Crociata ha assistito al litigio…allora se ha queste notizie che noi comuni smanettoni del sabato mattina non abbiaml cosa aspetta a riferirle?
    Che ha detto il “governativo”?
    Cos’ha riportato cittadella crociata?
    Su su non metta la pulce nell’orecchio…riferisca pure a noi.

    • 23 Agosto 2014 in 12:08
      Permalink

      Esattamente quello che ho scritto prima, e cioè che il litigio tra Cassano e il Plenipotenziario è stato assai pesante. E che “Cittadella Crociata” – il quale si è sempre professato “molto governativo” – fosse lì quel giorno a quell’ora ne ho la certezza, avendomi invitato lui stesso a Collecchio per dirimere una querelle tra me e lui, anche se io, per precedenti impegni, non ho potuto presenziare. Peccato, se no sarei stato sulla notizia…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 23 Agosto 2014 in 14:08
        Permalink

        Il “litigio” non è avvenuto all’allenamento pomeridiano, al quale erano presenti un centinaio di tifosi, quindi non solo non ero presente, ma oltre a dirimere la nostra querelle non avresti ottenuto altro che i soliti affettuosi sberleffi dagli aderenti alla Comunità \+/.
        :-).

        • 23 Agosto 2014 in 14:11
          Permalink

          A no, è quando è avvenuto? E dove? Visto che sei al corrente di tanti particolari non essere egoista a tenerteli per te: mettili al servizio della comunità. Oppure debbo telefonare a Cairo, che come noto ha orchestrato tutta la manovra per portarlo al Torino?

  • 23 Agosto 2014 in 12:01
    Permalink

    Fino a prova contraria, se però come riportato ci sarebbero dei testimoni, se uno è recidivo prima o poi ci ricasca con questi comportamenti. Questo non vuol dire che si debba dare risalto alla questione in questo modo.
    Piuttosto è curioso come nessuno dei media locali abbia riportato la notizia. Forse perchè non ritenuta degna di nota…

    Christian

  • 23 Agosto 2014 in 12:13
    Permalink

    Siccome è stato un litigio legato a situazioni di gioco a mio parere si è già risolto tutto, mi è capitato di assistere ad un qualche allenamento in cui lui si lamentava con qualche compagno per giocate sbagliate in partitella ma così come lui fanno altri giocatori, ad esempio Amauri .Può anche essere vista come una cosa positiva nel senso che vogliono che venga fatto tutto bene per poi non fare errori in partita. Come ho detto prima ci sta che ci siano dei litigi o dibattiti accesi, come dir si voglia, tra compagni di squadra.

    • 23 Agosto 2014 in 12:16
      Permalink

      Sì, appunto, una roba normale… Trattandosi di Cassano. E il fatto stesso che Biabiany testimoni che non ci sia stato nulla di che smonta un po’ il caso: ma rimane la domanda, e cioè chi è perché ha armato la GdS passandogli la ghiotta notizia, pubblicata in ritardo di un giorno…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 23 Agosto 2014 in 12:23
    Permalink

    Scriviamo una mail a Cassano, magari risponde il TAS.

    Ma per favore, Majo basta attaccare la società e Leonardi!!!
    E’ evidente, lo ribadisco, questa è una polpetta avvelenata servita da Cairo!

    • 23 Agosto 2014 in 12:28
      Permalink

      E chi ha attaccato la società? Lei ha bevuto del CHINAto di troppo… Io ho riportato una notizia e posto delle domande. O anche questo significa “attaccare”, Dio Bono…

  • 23 Agosto 2014 in 12:27
    Permalink

    Al di là di cosa ci sia dietro, vorrei sottolineare un’altra cosa: se il fatto è accaduto (finora è stato smentito solo parzialmente da Biabiany su twitter) è preoccupante che la Gazzetta di Parma non lo abbia riportato.
    Non voglio nemmeno pensare che il giornalista più informato sul Parma, il sig. Sandro Piovani (che sa anche quante volte al giorno vanno al gabinetto i giocatori) non sia venuto a conoscenza dell’episodio. Mi viene da pensare che la Gazzetta ancora una volta abbia deciso di non disturbare.
    Se così fosse è una vergogna, come trovo indecente che sulla questione Tas la Gazzetta si limiti alla pubblicazione dei comunicati, senza fare un minimo di investigazione.

    • 23 Agosto 2014 in 12:30
      Permalink

      Sandro Piovani era in vacanza giovedì… Ha ripreso servizio proprio ieri…

      Comunque condivido il suo pensiero sulla storia del Tas: perlomeno per la titolazione di ieri che è altrettanto pericolosa (per l’ordine pubblico) come certe esternazioni leonardiane o del Parma, in cui ci si riferiva dell’ostruzionismo del Torino, senza riferire nulla della possibilità dell’articolo 37 (misure preventive) che non me lo sono certo inventato io, e su cui c’è un silenzio oltremodo imbarazzante degli avvocati del Parma.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 23 Agosto 2014 in 12:34
    Permalink

    Beh Majo ieri era al lavoro perchè oggi ha scritto un articolo e ieri la notizia non era ancora uscita, è venuta fuori oggi. Se il fatto è realmente accaduto, Piovani ieri lo sapeva di certo e aveva anche tutto il tempo di verificarlo. Perchè allora non lo ha pubblicato oggi come ha fatto La Gazzetta dello Sport? Il dubbio credo sia lecito!

    • 23 Agosto 2014 in 12:38
      Permalink

      mah… Piovani è anche corrispondente della GdS, come ho rimarcato nell’articolo, ma se lo avesse saputo lo avrebbe scritto sul quotidiano che gli garantisce lo stipendio…

  • 23 Agosto 2014 in 12:35
    Permalink

    Lucarelli da Capitano x conto di tutta la squadra ha smentito il litigio di Cassano! Aspetto il titolone Majo! !

  • 23 Agosto 2014 in 12:36
    Permalink

    Ninis per vendicarsi ?

  • 23 Agosto 2014 in 12:52
    Permalink

    dopo la smentita di Lucarelli in ogni caso la notizia della gazzetta dello sport è almeno in parte FALSA!!! per cui una bella querela a questo giornale DI mxxxa credo sia il minimo…

    • 23 Agosto 2014 in 13:01
      Permalink

      Calma, Raffaello, Calma… Non bisogna mai essere impetuosi… Calma…

  • 23 Agosto 2014 in 13:07
    Permalink

    si hai ragione direttore mi sono fatto prendere la mano…. ma sai se riusciamo a fare 4 soldi anche così… ci possono servire a pagare l’ingaggio (almeno in parte) a Cassano… 😉

  • 23 Agosto 2014 in 13:16
    Permalink

    una bella smentita sarebbe portarlo a carpi e fargli fare 10 minuti
    vediamo se e’ fra i convocati o quantomeno fa come a varese
    oggi io vado a farci un salto visto anche la giornata cosi’ incomincio ad abituarmi ad un autunno caliente

    • 23 Agosto 2014 in 13:19
      Permalink

      Curioso che l’elenco dei convocati per oggi venga diramato solo dopo il pranzo…

      • 23 Agosto 2014 in 14:07
        Permalink

        Cassano non è nell’elenco dei convcati

        • 23 Agosto 2014 in 14:12
          Permalink

          Beh, non stava bene… Ma poi farà capolino in panchina a sostenere i compagni, come a Varese. Che sono quelle cose che tanto piacciono nel Mulino Bianco. Anche se alle volte andare al mulino ci si infarina, come diceva sempre quel saggio di Cinquini…

  • 23 Agosto 2014 in 13:38
    Permalink

    se ti ricordi un paio di settimane fa ti dicevo che l’infortunio di cassano mi sembrava prodromico…
    curioso ?
    si e’ abbastanza curioso magari stanno pensando di mettercelo apposta per smentire sti 4 giornalai visto che in un primo momento era ovvio che cassano non venisse convocato

  • 23 Agosto 2014 in 13:40
    Permalink

    comunque teleducato parla di un incontro bozzo leonardi non so da chi ha avuto la notizia,forse dal segretario del tas

  • 25 Agosto 2014 in 13:38
    Permalink

    Ma questo CASSANO è indispensabile al Parma ?

    I parmigiani lo amano al punto di tollerare qualsiasi bassezza ?

    E’ un giocatore essenziale, indispensabile e inamovibile per la piazza di Parma ? Non me ne intendo di calcio, ma io lo proporrei alla Reggiana per altri 50 anni di SERIE C.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI