E’ TERMINATA LA SARABANDA DI MERCATO, MA IL PARMA NON NE ESCE RINFORZATO, PUR AVENDO ROCAMBOLESCAMENTE MANTENUTO BIABIANY. AMAURI AL TORO DEL “NEMICO” CAIRO

image(Alessandro Dondi) – Sono le ore 23.00 e finalmente – verrebbe da dire – eccoci svelato il volto definitivo del Parma versione 2014/15. Ma procediamo con ordine dopo una ultima giornata di mercato tra le più convulse degli ultimi anni, almeno in casa Parma.

Cominciamo dalla retroguardia: Mesbah lascia Parma per accasarsi alla Sampdoria – e non ci è dato sapere come mai il ragazzo non sia entrato nelle grazie di Donadoni sebbene quando chiamato in causa abbia sempre ben figurato – e come terzino sinistro arriva Paolo De Ceglie, reduce da una non brillante esperienza al Genoa. Che si possa ripetere la positiva esperienza Molinaro? Da notare che la Juve sembra si accolli i due terzi dell’ingaggio del laterale, pertanto si tratterebbe di un giocatore con uno stipendio sostanzioso e non certo dei più sostenibili. Sostanziale conferma per il blocco difensivo del centenario, con Paletta e Lucarelli sempre più titolari inamovibili oltre ai “rincalzi” Felipe e il rientrante Mendes, che aveva ben impressionato nella prima parte dello scorso campionato. Uniche vere novità rappresentate da Andrea Costa, duttile difensore in grado di giocare sia centrale che terzino, e da Stefan Ristovski, reduce dalla positiva esperienza di Latina. Toccata e fuga per il talento Ceppitelli, sacrificato anzitempo in ossequio alla filosofia del “meglio l’uovo oggi che la gallina domani”. Restano a Parma Santacroce e Rispoli, praticamente mai utilizzati durante il precampionato.

A centrocampo la formazione crociata si presenta orfana del suo vice capocannoniere Parolo, passato all’ambiziosa Lazio di Pioli, nonché di Gargano e Marchionni, quest’ultimo passato alla Samp nello scambio che ha portato Costa in Emilia. Perso un regista ed uomo-bandiera come Marchionni, la squadra ha guadagnato Lodi, giocatore tecnicamente ottimo, ma che non fa del dinamismo il pezzo forte del suo repertorio, che si spera possa comunque contribuire almeno in parte a recuperare il bottino di reti andato perduto con la cessione di Parolo. In attesa di scoprire Lucas de Souza, arrivato con ottime credenziali dal Portogallo, gli unici muscoli a metà campo saranno quelli di Acquah. Da valutare il nuovo innesto di Jorquera, peraltro riadattato nel ruolo di regista/interno di centrocampo ed il debuttante Mauri, oltre alla scommessa Galloppa. Tra gli esuberi a metà campo segnaliamo pure Ghezzal, giocatore offensivo, ma proposto in precampionato anch’egli come interno. Thrilling finale per l’approdo di Gonzalez dalla Lazio, per il quale il trasferimento a Parma è saltato causa ritardo nel depositare il contratto. Un reparto, quello di centrocampo, dalle molte incognite e con pochi giocatori di ruolo, che appare deficitario in agonismo e dinamismo, lacune palesatesi con estrema evidenza nella partita di Cesena. L’auspicio è riposto nelle invenzioni di mister Donadoni e nell’esplosione del baby talento Mauri.

In attacco, partiti Amauri destinazione Torino e Cerri destinazione Lanciano, oltre al confermato Antonio Cassano le speranze di “andarsela a riprendere” sono riposte in Belfodil, autentica scommessa dopo la fallimentare stagione passata. Attacco che si presenta dunque ai nastri di partenza privo di un vero centravanti, sfumata la trattativa per Floccari. Conferma per Palladino e sorpresa Massimo Coda, per il quale sembra giunta l’ora del grande salto dopo anni di gavetta nelle serie minori e che ha ben impressionato nello scampolo di partita in Romagna. Un capitolo a parte lo merita Biabiany, autentico tesoretto in ottica autogestione e costretto – suo malgrado (ma crediamo non solo suo) – a restare a Parma a causa del “gran rifiuto” di Zaccardo. Una fascia destra che conserva il suo titolare, salvo essere stata impoverita dalla mancata conferma di Schelotto, traslocato a Verona sponda Chievo. Le maggiori preoccupazioni sono rappresentate dall’eccessiva leggerezza del reparto avanzato, che attualmente non pare in grado di garantire quel mordente per concretizzare le donadoniane “seconde palle”.

Nel complesso dunque un organico che non esce certo rafforzato da questa sessione di calciomercato, bensì sostanzialmente impoverito rispetto a quello che solo pochi mesi fa ha guadagnato il sesto posto. Si faranno sentire, oltre al già citato Parolo, le assenze di Molinaro, Gargano e del “Galgo”, tre scommesse vinte nella stagione del centenario e che hanno garantito prestazioni importanti oltre che goal decisivi. Da evidenziare anche la preoccupante situazione riguardante il bilancio di cassa, al quale non giova certo il mancato approdo di Biabiany al Milan. Così stante le cose appare senz’altro utopistica la missione di “andarsela a riprendere”, bensì sembra più realistico pensare che i crociati possano ambire ad una salvezza tranquilla, andandosi a piazzare attorno al 10/12° posto. Non ci resta che attendere la prossima sfida col Milan, sperando di vedere finalmente in campo undici uomini veramente “incazzati”. Alessandro Dondi

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

113 pensieri riguardo “E’ TERMINATA LA SARABANDA DI MERCATO, MA IL PARMA NON NE ESCE RINFORZATO, PUR AVENDO ROCAMBOLESCAMENTE MANTENUTO BIABIANY. AMAURI AL TORO DEL “NEMICO” CAIRO

  • 1 Settembre 2014 in 23:50
    Permalink

    In teoria ci sarebbe anche pozzi. .Cmq vergogna! Come Majo sa non ho mai criticato la società essendo un Leonardiano convinto. .ma dopo stasera basta! Operazioni assurde..dai via amauri ma a sto punto tieni Cerri. .dove cazzo andiamo con Palladino coda e belfodil? In tre faranno 4 gol totali..aspettiamo di nuovo cassano che farà 13 gol? Magari ma impossibile. .Biabiany con che spirito rimane?..poi la pagliacciata Gonzalez. .ottimo giocatore che nn viene preso per il ritardo del deposito? Andassero a fan…o..si retrocede e Leo non venga a raccontarci le solite cazzate tipo abbiamo tenuto paletta e cassano..

  • 1 Settembre 2014 in 23:52
    Permalink

    E adesso chi se la va a riprendere? Tra l’altro una fonte autorevole come la trasmissione sportiva di Italia 7 gold (Crudeli/Corno) sostiene che l’affare Biabiany sia saltato per problemi riscontrati durante le visite mediche. Zaccardo avrebbe poi recitato la parte del capro espiatorio per non svalutare il cartellino del francese. Mah comunque sema mis mel bombe’

    • 1 Settembre 2014 in 23:55
      Permalink

      Si, grazie, durante Calcio & Calcio ci ha riferito il nostro fedele telespettatore Pino questa versione, che però a me pare non veritiera, anche perché il Milan aveva diffuso le foto di Biabiany in rossonero dopo le visite. E Zaccardo non credo si presti a sceneggiate di questo tipo. Piuttosto è più facile che si sia “vendicato” per le circostanze che avevano accompagnato il suo rocambolesco passaggio al Milan di un anno e mezzo fa…

  • 1 Settembre 2014 in 23:55
    Permalink

    Se biabiany fosse andato sarebbe arrivato un attaccante di quelli che la buttano dentro. Penso che il rifiuto di Zaccardo abbia rovinato i piani. Speriamo nell’esplosione di Belfodil. Voto al mercato 5. Voto a Leonardi 6 (fa quel che può con i soldi a disposizione). Voto 4 a Biabiany che ha indossato la sciarpa del Milan mentre era ancora del Parma. Vergogna!

    • 2 Settembre 2014 in 00:12
      Permalink

      Indubbiamente il rifiuto di Zaccardo ha rovinato i piani ( e secondo me si è vendicato per come andarono le cose un anno e mezzo fa, o comunque c’erano problemi insormontabili legati al contratto, però non capisco perché Galliani, per prender Biabiany, dovesse per forza rifilarci lo Zac, mentre per prendere Bonaventura dall’Atalanta non ha posto un diktat di questo tipo).
      Se dai 5 al mercato dovresti dare 5 anche a Leonardi che ne è l’autore, se no mi pare un tantinello in contraddizione. Oppure tira su il voto al mercato…

      Non sono assolutamente d’accordo, invece, sul 4 a Biabiany: se proprio non ti senti di darlo a Leonardi (il quale per te deve avere proprio una wild card infinita…) dallo al Milan che lo aveva di fatto già presentato per suo… Che c’entra il Biabia, poveretto, con questa ridicola telenovela? Possibile che prima di ufficializzare un giocatore non avessero provveduto a verificare che tutti i tasselli collimassero? Una farsa di infima categoria. Ma anche il fatto che Gonzalez non si sia riusciti a tesserarlo per una questione di minuti mi pare abbastanza poco professionale… Beh, sicuramente ci sarà stato un complotto degli impiegati federali, che avranno messo avanti gli orologi per dire che il tesseramento era in ritardo… Ma non potrebbero farci tenere Gonzalez facendoci pagare una multa? Si potrebbe sempre ricorre al Tar, al Tas, e compagnia bela…

      • 2 Settembre 2014 in 14:24
        Permalink

        Ma come puo’ fare Leonardi al mercato con le pezze al culo?
        L’unico voto da dare e’ 0 alla famigli Pasotti/Ghirardi. Noi andremo in e loro ci smenersnno un mare di soldi. Thank you very much mister Ghirardi

  • 1 Settembre 2014 in 23:59
    Permalink

    Majo notizie di Leo ne avete? Vergognoso

    • 2 Settembre 2014 in 00:05
      Permalink

      Meglio lasciarlo dormire, dopo le tante fatiche di mercato. Comunque immagino convocheranno una conferenza stampa di fine sessione mercatale. A meno che il Plenipotenziario non ne parli a cena con Manfredini & C. …

  • 1 Settembre 2014 in 23:59
    Permalink

    Se considerate Crudeli uno attendibile fate bene a venerare Boni. Il mago Zurlì cosa ha detto invece? Perché forse dei tre è il più attendibile. Comunque la vera bella notizia di questa sessione di mercato è il siluramento di Gene Gnocchi da parte della rai.

  • 2 Settembre 2014 in 00:08
    Permalink

    Staremo a vedere abbiamo davanti un Belfodil che l’anno scorso ha segnato zero reti……ma….vedremo!!!!!!! Comunque il milan ha dato 7 milioni per bonaventura al Parma non poteva darli??? Ci ha preso in giro Galliani ….

    • 2 Settembre 2014 in 00:15
      Permalink

      Beh, Galliani fa parte del complotto dei cattivoni che ce l’hanno col Parma… Del resto come la Figc, la Lega, cosa che si è vista anche nella vicenda Gonzalez con il deposito in ritardo… Ovviamente sto facendo solo un po’ di sarcasmo…

      • 2 Settembre 2014 in 14:28
        Permalink

        Non avete magari pensato che il parma i soldi li voleva tutti, subuto e dannati mentre invece l’atalanta se li puo’ spalmare in 2-3 anni?

  • 2 Settembre 2014 in 00:08
    Permalink

    La cessione di Amauri avendo già ceduto Cerri proprio non la capisco sopratutto senza avere un sostituto decente in mano.
    Sono contento che l’affare con il Milan sia saltato, Biabiany non si poteva sostituire in un paio d’ore.

    La difesa titolare è rimasta la stessa,l’attacco titolare è cambiato solo con Belfodil mentre le alternative offensive sono minori.
    Il centrocampo è il reparto più cambiato, ci sono molte scommesse ma sono contento che almeno un Mauri possa trovare anche spazio essendoci poca concorrenza.Prima di dire che il centrocampo è inferiore lo voglio valutare bene,secondo me è semplicemente diverso più che inferiore…ai nastri di partenza l’anno scorso nessuno pensava che Parolo potesse fare 8 reti x esempio.
    Quest’anno ci sono giocatori con caratteristiche proprio diverse,c’è un regista puro che sui piazzati è uno specialista e potrebbe contribuire in zona gol,mancano gli inserimenti di Parolo che forse è la cosa più preoccupante perchè Acquah in carreira ha fatto un solo gol anche se migliora di giorno in giorno,Galloppa è un incognita e cmq non ha mai segnato molto,Mauri può solo che crescere ma non credo possa contribuire in zona gol,vediamo Jorquera cosa combinerà e sto De Souza che proprio non conosco.

    Credo che la squadra sia peggiorata ma di poco,almeno sulla carta.Il problema che le altre sono migliorate

    • 2 Settembre 2014 in 00:25
      Permalink

      Guarda Andrea, col senno di poi (cioè a mercato concluso, sapendo che Amauri, incredibilmente qualcuno se l’è preso) trovo poco sensata la cessione di Cerri: è chiaro che se il ragazzino fosse stato chiuso per l’ingombrante presenza dell’italo-brasiliano (e secondo me fu un errore fargli, illo tempore, un rinnovo fino al 2015, considerata l’età che già aveva) indubbiamente avrebbe perso un altro anno marcendo in panchina; così, invece, di due punte ben strutturate non ne è rimasta nemmeno una. Ora l’unico centravanti in organico con quelle caratteristiche (sano) è Massimo Coda, che ha esordito ieri in serie A e che ci è rimasto in casa, giacché non è stato ceduto nelle serie inferiori ove pareva destinato. Capisco che a Donadoni piaccia il 4 3 3 atipico col finto nueve, ma come giustamente osservava Leonardi venerdì si tratta di avere una rosa ben assortita. Dunque anche con la soluzione del centravanti classico. Come dicevo poco fa a Calcio & Calcio, servirebbe anche un maggiore equilibrio in partita da parte dell’allenatore che non può partire con l’attacco leggerissimo (Biabiany-Palladino-Belfodil) per chiudere con due punte ben strutturate e mezzo (Amauri, Coda, Belfodil), passando dal non offrire punti di riferimento agli avversari, ad offrirne anche troppi…
      Amauri, comunque, era giusto cederlo (così come, ragionando da ragioniere, mi preoccupa la mancata partenza di Biabiany), per l’età, per l’usura, per lo stato di forma e soprattutto per alleggerire il bilancio. Certo che darlo al Toro dopo averci fatto il lavaggio del cervello per tutta estate con la guerra fredda al nemico Cairo non mi pare molto coerente. Amauri, però, che aveva segnato la doppietta decisiva per l’Europa poi perso dietro la scrivania (come dietro la scrivania abbiamo perso Gonzalez, ma chissà che non andiamo a riprendercelo a Gennaio…) è andato a riprendersela (la E.L.) al Torino che ci ha sostituito…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 2 Settembre 2014 in 00:17
    Permalink

    Non ricordo un mercato così scandaloso nell’era leonardi mi auguro che il de souza sia bravo, poi chi sa se sarà tesserato il colombiano, lei direttore ne sa niente a riguardo

    • 2 Settembre 2014 in 00:28
      Permalink

      Non saprei, ma trattandosi di extracomunitario so che ci sarebbero andati coi piedi di piombo…

  • 2 Settembre 2014 in 00:19
    Permalink

    Entrambi ma Gene Gnocchi non fa ridere più nessuno da almeno 20 anni. A Leonardi do un punto in più perché secondo me non aveva le mani libere e lo si capisce dal fatto che se è vero che mancosu costava 1,5 milioni, andava preso senza pensarci, invece qualcuno deve avergli imposto di vendere prima di comprare. Come dice Cassano, Leonardi con due euro ti compra la casa bianca, ma in questo mercato aveva il compito non di comprare ma di vendere (e poi comprare qualcosa portando a casa il resto) e forse non è altrettanto un cosi abile venditore (complice il fatto che nessuno comprava)

    • 2 Settembre 2014 in 00:27
      Permalink

      Beh, ma anche sul vendere si potrebbe avere da eccepire… Da quel punto di vista il fatto che Biabiany sia rimasto è una iattura…

      • 2 Settembre 2014 in 14:37
        Permalink

        Nessuno parla di Bidaoui; in mezzo a tante mezze figure il suo lo puo’ fare

  • 2 Settembre 2014 in 00:31
    Permalink

    Da tifoso questo mercato é incomprensibile, via Amauri é un Parma senza cuore, centrocampo ed attacco sono da panico…

  • 2 Settembre 2014 in 00:33
    Permalink

    Io vado un po’ oltre e mi soffermo sulle mancate partenze. La difesa conta 11 calciatori con Rispoli e santacroce che nessuna squadra ha voluto. Ristovski cassani Rispoli Lucarelli paletta costa gobbi de Ceglie Felipe e i due sopra. Guardiamo quanto risparmia il Parma con 11 difensori?nulla o quasi. L’anno scorso dice vo che avere 300 calciatori avrebbe potuto essere pericoloso specie quando non riuscivi a prestare tutti. Quanti altri campioni sono rimasti in casa. Prestia? Altri? Adesso li paghi per non giocare. A centrocampo i poteri forti hanno colpito anche stasera. In questo caso la Svizzera coi suoi orologi ha impedito l’ennesimo prestito. C’e’ un solo incontrista acquah , uno sconosciuto de souza e tante mezze figure. Jorquera, Lodi galloppa e mauri. Totale 6 uomini e siamo a 21 calciatori (metto i4 portieri). Si adatterà qualche difensore. In attacco due ali non volute biabiany e ghezzal, Palladino coda pozzi e Cassano. Belfodil ibrido. Sono 28 piu forse Mendoza. A me paiono tanti e soprattutto non capisco quale schema si adotterà. Mesbah ceduto per Juan Antonio ( manco quello ha portato introiti). Alla fine l’operazione risparmio ha prodotto 3 cessioni danarose ( Sansone, benalouane e parolo) un acquisto molto costoso ( fra un anno) e stipendi in più da pagare rispetto a un anno fa. Molta scontentezza nello spogliatoio e una brutta sensazione di stanchezza tra tifosi, giocatori e amministratore delegato. Una squadra più debole rispetto a un anno fa. Complimenti presidente.

  • 2 Settembre 2014 in 00:33
    Permalink

    Per me i problemi sono fondamentalmente che abbiamo un reparto avanzato da serie b e un cassano che secondo me quest anno farà parlare di sé più per le famose cassanate che per meriti sportivi. squadra improvvisata, naturale conseguenza del fatto che la società si sta sempre più sgretolando. La mancanza di una proprietà ormai sta diventando un problema serissimo contro il quale ci si ritrova a fare i conti più velocemente del previsto. Senza una situazione chiara è notte fonda e Questa sessione di mercato ne è la triste conferma.

  • 2 Settembre 2014 in 00:34
    Permalink

    Più che mettere sul mercato biabiany per 5 milioni più una mummia poteva fare ben poco. Era meglio darlo all’Inter per schelotto più soldi ma per quel che ne sappiamo noi, magari l’inter avrebbe pagato in 24 comode rate mentre il Milan era disposto a pagare cash.

  • 2 Settembre 2014 in 00:36
    Permalink

    Fonte parmalive. Secondo quanto riferito dalla redazione di Sky Sport, il Parma si prepara a presentare ricorso per dimostrare che il contatto di Alvaro Gonzalez, centrocampista uruguaiano prelevato dai ducali proprio negli ultimi istanti di mercato, è stato depositato nei tempi prestabiliti.

    • 2 Settembre 2014 in 00:39
      Permalink

      Io lo avevo scritto per fare il sarcastico…

      Comunque c’è un complotto… Ora anche dell’orologio…

      • 2 Settembre 2014 in 07:12
        Permalink

        🙂

        Rimango dell’idea che il plenipotenziario deve andar via… I risultati che sono sotto agli occhi di tutti, ed in ogni “direzione”, sono sua diretta conseguenza…e nn cercate di giustificarlo

  • 2 Settembre 2014 in 00:36
    Permalink

    Ho dimenticato ceppitelli tra le cessioni danarose

  • 2 Settembre 2014 in 00:38
    Permalink

    Secondo quanto riferito dalla redazione di Sky Sport, il Parma si prepara a presentare ricorso per dimostrare che il contatto di Alvaro Gonzalez, centrocampista uruguaiano prelevato dai ducali proprio negli ultimi istanti di mercato, è stato depositato nei tempi prestabiliti.

    É l’estate dei ricorsi…speriamo di non finire al Tar, CdS, Tas anche con questa vicenda.

  • 2 Settembre 2014 in 00:41
    Permalink

    Notizia ANSA di pochi minuti fa:
    Il Presidente Ghirardi, a causa della mancata concessione del trasferimento di gonzalez, schifato dal sistema, ha annunciato le sue dimissioni da presidente dimissionario.

    • 2 Settembre 2014 in 13:37
      Permalink

      e magari torna alla metropoli

  • 2 Settembre 2014 in 00:42
    Permalink

    Premetto che non mi unisco alla schiera delle Cassandre, che già profetizzano la Serie B e sparano a zero contro l’operato di Leonardi, dal mio punto di vista costretto a fare le nozze con i fichi non secchi, ma secchissimi. Mi preme soltanto rilevare la scarsissima programmazione della società che ha venduto le uniche punte di peso in rosa e stava per vedere Biabiany. Non contesto le operazioni di mercato (capisco le esigenze di bilancio), quello che non condivido è il ridursi all’ultimo giorno, rendendo impossibile trovare adeguati sostituti e complicando il lavoro dell’allenatore, che non è stato messo in grado di preparare la stagione con tranquillità. Il caso Gonzales, poi, è una barzelletta. Nonostante tutto, questa squadra non è affatto scarsa: certo, con un centrocampo inedito e un attacco spuntato, andarsela a riprendere sarà un’ impresa titanica. La verità è che di soldi ce ne sono ben pochi: a noi tifosi non resta che prenderne atto, criticare (quando necessario), non montandosi la testa, e tifare per la maglia.

    • 2 Settembre 2014 in 01:38
      Permalink

      Infatti quello che io predico da sempre è trasparenza: non illudere per poi deludere… Lo slogan “andiamocela a riprendere” temo si stia trasformando in un boomerang comunicazionale al lume della sessione mercatale testè conclusa.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 2 Settembre 2014 in 00:45
    Permalink

    Il mercato è finito e ribadisco che per me era meglio rinnovare e ringiovanire, poi non so se sia fantacalcio o non interessi al proprietario.
    Meglio togliere le t shirt e mettere la mimetica, no problem

  • 2 Settembre 2014 in 00:54
    Permalink

    E’ vero la squadra non è scarsa in sé ma è pericolosa la situazione. Mi piace il mercato del Verona, quello della Lazio, del Genoa, Sampdoria Chievo e Sassuolo. Non sono più forti del Parma ma più competitive di un anno fa si. Cesena e Empoli sono inferiori ma ieri sera abbiamo perso col Cesena. Ogni anno una squadra fallisce e delude. Sampdoria, Palermo e Catania. Non partivano per scendere poi però… qui il clima è pesante e a mio avviso ( è una mia sensazione senza riscontri) Leonardi se ne andrà presto. Non è un delitto non mettere soldi se non si vuole farlo, ma certe situazioni si gestiscono diversamente sia dentro lo spogliatoio che fuori. Quest’anno sarà difficile per Donadoni e per chi remera’ a favore. Ma speriamo che vada tutto bene e che Leonardi abbia fortuna nelle scelte, anche forzate, fatte.

  • 2 Settembre 2014 in 00:54
    Permalink

    Non c’entra nulla col mercato ma sarebbe utile sapere.Gli amministratori delegati del Parma FC sono due?Sono entrambi a libro paga del club?A Bologna quando hanno scoperto che il buon Albino Guaraldi si elargiva uno stipendietto da 250000 netti si sono leggermente irritati.Cosa costa il CDA del Parma nel complesso? Buona notte a tutti.

    • 2 Settembre 2014 in 01:34
      Permalink

      Ghirardi, al pari di Leonardi, è consigliere delegato del Parma F.C., ma per quanto ne possa sapere io non credo che riceva un compenso per quel tipo di incarico. Comunque cercherò di essere più preciso dopo opportuni riscontri.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 2 Settembre 2014 in 07:45
    Permalink

    Caro majo. Non ho letto tutti i commenti… Ma Amauri l hanno pagato o andato via gratis? Se ne avete già parlato mi scuso
    Grazie

  • 2 Settembre 2014 in 08:14
    Permalink

    ciò che è successo ieri e’ vergognoso e scandaloso! Le esigenze di fare cassa le capisco ma almeno andava gestita la situazione dicendo chiaramente le cose a giugno e programmando di conseguenza il tutto. Siamo diventati una barzelletta e il sig. Ghirardi vorrei che dicesse le cose realmente come stanno, soprattutto a livello di salute delle casse societarie. quest’anno sarà durissima salvarsi ma se le cose fossero state chiare fin da subito , sarebbe stato più semplice compattare l’ambiente dietro un vero obiettivo , senza lanciare fumo negli occhi, come invece è stato fatto. la ringrazio Sig. Majo perché lei è’ stato l’unico a voler cercare da subito la verità senza credere ai giochini da illusionisti.
    un saluto

    Francesco
    l

  • 2 Settembre 2014 in 08:17
    Permalink

    Non capisco sinceramente chi si lamenta della campagna acquisti del Parma. Dove vi credete di essere a Milano, Roma o Firenze? E’ già un miracolo se in una città di juventini, dove abbiamo fatto 6500 abbonati, ci ritroviamo in squadra Mirante Cassani Paletta Lodi Acquah Biabiany Cassano De Ceglie e Donadoni. Non capisco perché vi sentite presi per i fondelli…. forse perché lo slogan e’ andiamocela a riprendere? Ma leggere sopra le righe no? Non avete capito che andiamocela a riprendere non significa riprendiamoci l’Europa League ma e’ un modo come dire siamo incaz…. e faremo di tutto per fare un’altra ottima stagione???…Fino a Sabato nessuno aveva aperto bocca, ora perché abbiamo perso a Cesena e ieri abbiamo ceduto quella salma di Amauri tutti a sparare sulla società …… alto tradimento. Signori sveglia, Parma e’ questa e soldi non ce ne sono e sinceramente non ce ne sono mai stati (Ghirardi non ha mai tirato fuori un centesimo nemmeno quando ha acquistato la società dalla Parmalat facendo dei numeri da chiodi) ma questo i vari “campioni” giornalisti di Parma (vedi Sandro Piovani, Schianchi, Angella e la combriccola di pseudo esperti commentatori che gli gira intorno) non ve l’hanno mai detto, forse perché non lo sanno o forse perché fa più notizia sparare cazzate su Cassano mettendo sulla carta straccia rosa e sulla gazzetta di Parma che sarebbe stato ceduto subito….. A me risulta sia ancora a Parma. Detto questo perché piangete? Se oggi piangete dieci anni fa quando l’unica punta era Corradi e ci siamo salvati alla penultima giornata cosa avreste dovuto fare? Godetevi quello che avete, se l’anno scorso siamo arrivati sesti non significa che quest’anno retrocederemo solo per il fatto che non avremo più l’ultra ottantenne Amauri, il cavallo Schelotto che nel girone d’andata non c’era, Gargano che ha saltato un sacco di partite o Molinaro che il girone d’andata non c’era. Faremo il solito campionato da salvezza al massimo da decimo posto, questa e’ la nostra realtà…. l’importante è’ ritrovarsi allo stadio e fare la solita beccata al petitot prima della partita. La società non vi ha preso per i fondelli….era stato detto più volte l’anno scorso che l’annata dopo il centenario sarebbe stata un’annata con delle incognite….. o volete ricordarvi solo quello che vi conviene? Nostalgici di Tanzi asciugatevi le lacrime ed aprite il portafoglio che fare l’abbonamento non e’ un reato….. oppure cambiate sponda che la Juve vi aspetta a braccia aperte

    • 2 Settembre 2014 in 08:56
      Permalink

      secondo me gli acidi ti fanno male

    • 2 Settembre 2014 in 09:04
      Permalink

      e te lo dico perche’ dopo aver letto mezzora del tuo minestrone di luoghi comuni da pelle d’oca,hai concluso dicendo chel’importante e’ trovarsi al petitot a fare una beccata;Allora fatto salvo che cio’ che e’ importante per ognuno di noi e’ fattore soggettivo,ti ricordo che se e’ quello il fine ultimo puoi continuare a beccare cio’ che vuoi e dove vuoi indipendentemente da quel che si dice qui.
      arvedros

  • 2 Settembre 2014 in 08:25
    Permalink

    no ma non ci posso credere,il parma presenta ricorso per il tesseramento di gonzalez 😀 😀 si preannunciano 5 gradi di giudizio ? 😀 no dai c’e’ tavecchio il bananaro

  • 2 Settembre 2014 in 08:28
    Permalink

    Majo ma da sue informazioni le risulta che sia stato davvero presentato ricorso x Gonzalez? Ormai siamo gli zimbelli di paese..

    • 2 Settembre 2014 in 09:47
      Permalink

      Almeno quello speriamo di no

  • 2 Settembre 2014 in 08:39
    Permalink

    Il mercato si è chiuso con alcune note semi-comiche. Ma , al di là di certi incidenti di percorso e di gravi errori di strategia, restano alcuni punti fermi:

    a) l’imperativo economico di far quadrare i conti con cessioni a vario titolo operate dalla Società;

    b) un quadro di riferimento che – sul piano tecnico – è parso nebuloso. In altri termini, si è capito che la Società non avesse ben chiaro le prospettive immediate e di medio termine sui giocatori da tenere e quali, invece, cedere sul mercato, procedendo con una “navigazione a vista” ;

    c) qualche brutta immagine. L’immagine del nostro Bibiany avvolto nella sciarpa dl Milan ( come faceva Wanda Osiris scendendo dalla scalinata con le sue mitiche pellicce) non è certamente idilliaca. Cosa ne penserà la piazza ?
    A me ha fatto un poco dispiacere.

    L’importante è che il peso di questi fattori e di altri che – per brevità – non ho citato non pesino eccessivamente sul calcio giocato.

  • 2 Settembre 2014 in 09:28
    Permalink

    Provo ad andare un attimo controcorrente.
    Per quanto mi riguarda la cessione di due over 35 e’ da considerarsi un bel colpo di mercato.
    abbiamo chiuso la lacuna del regista di centrocampo.
    Quando abbiamo predo Parolo non mi sembra ci fossero state scene di giubilo. Lasciamo tempo a chi giochera’ al suo posto.
    In attacco e’ tornato Belfodil al posto di Brenda, che oltre ad avere la mia eta’ entrava in forma piu’o meno alla 20esima di campionato.
    Unica pecca la mancata cessione di biabiany, per motivi molto probabilmente non imputabili alla societa’.
    Ricordo inoltre che arrivare 7imi o 17imi non cambia di tanto la questione. Non andremo a riprendercela ma di sicuro (e lancio un altro slogan) “possiamo rimanerci”.
    Il Parma ha quasi sempre avuto carenza di un ingrediente che non si recupero sul calciomercato.
    Quello che ti fa vincere o pareggiare le partite,specie contro le neo promosse. LE PALLE. Quindi caro mister, Orzobimbo, basta con quel tono di voce da chi si e’visto rubare il giocattolo dal vicino.
    Sempre Forza Parma alla faccia dei cornaccioni del primo minuto.
    WH

    • 2 Settembre 2014 in 09:39
      Permalink

      bruttissino il “possiamo rimanerci” 🙂

    • 2 Settembre 2014 in 09:42
      Permalink

      ma scusa il primo minuto le bele pase’ da un bel po am sa d’avis
      qua siamo specializzati nell’ultimo di minuto la situazione e’ brutta brutta brutta ne

  • 2 Settembre 2014 in 10:15
    Permalink

    tare ha appena detto che gonzalez non ha trovato l accordo col parma..quindi non hanno neppure depositato il contratto!scandaloso!
    dai leo buttati sugli svincolati del piero e ronaldinho!!!

  • 2 Settembre 2014 in 10:19
    Permalink

    Premetto di aver letto solo i primi 10, completamente disfattisti, messaggi pubblicati in questa rubrica.
    Personalmente mi sento di dissentire dalla maggior parte (se non unanimità) dei lettori e di promuovere a pieni voti il mercato del Parma, o meglio l’operato di Leonardi.
    E’ doverosa una premessa e un punto fermo.
    LA SOCIETA’ PARMA CALCIO E’ IN VENDITA.
    Questo è quello che vanno ripetendo Presidente e AD a partire dal mese di giugno.
    Proprio pochi giorni fa Pietro Leonardi ha detto in conferenza stampa che sino ad ora NON SONO ARRIVATE OFFERTE di acquisto della società.
    Motivo per cui andava fatto qualcosa per migliorare la situazione e rendere la società più appetibile per potenziali acquirenti.
    Occorreva, per forza di cose, abbattere i costi fissi e di struttura per garantire, sino all’avvento del nuovo proprietario, la sopravvivenza della società.

    Ed è qui che Pietro Leonardi ha fatto il miracolo!

    Nessuno si è accorto che, almeno sulla carta, l’undici titolare è stato rafforzato o come minimo equiparato alla stagione del 6° posto.
    Nello specifico:
    DIFESA: fino a prova contraria è stata mantenuta la difesa dello scorso anno in cui Gobbi equivale a Molinaro o per lo meno De Ceglie dovrebbe essere addirittura meglio. Mirante, Cassani, Lucarelli e Paletta sono rimasti e si è aggiunto Pedro Mendes come valida alternativa.
    CENTROCAMPO: è certamente il settore maggiormente ritoccato, ma a ben guardare non si notano EVIDENTI peggioramenti. Aqua è rimasto e nel finale di stagione era titolarissimo. Nel ruolo di regista è partito Marchionni ed è arrivato Lodi. Alzi la mano chi non ci avrebbe messo la firma per il cambio. E’ partito Parolo, ma tutti sappiamo che una cessione andava fatta per portare a casa qualche milioncino. Al suo posto è arrivato un brasiliano tutto da scoprie, c’è jorquera che sicuramente non è equiparabile, c’è Galloppa che è un grosso punto di domanda ma soprattutto c’è Mauri. Alzi la mano chi non è ansioso di vedere il ragazzino in campo.
    Possiamo dunque dire che nel complesso un giovane di ottime speranza Mauri è andato a rimpiazzare Parole che ha lasciato in dote 8Milioni.
    ATTACCO: è il reparto che lascia più perplessità, tuttavia a ben guardare ci siamo rinforzati rispetto alla passata stagione inserendo Belfodil al pasto di Schelotto. Alzi la mano chi non è d’accordo, ricordando che Belfodil ha fruttato un anno fa 10 bei milioni cash. Cassano e Biabiany sono rimasti. Personalmente sono molto dispiaciuto per JB7 e spero solo abbia la voglia e la passione di reagire alla presa per i fondelli, almeno fino a gennaio quando verrà certamente venduto.
    Ebbene a livelli di 11 titolare direi che nulla ci manca rispetto alla passata stagione.

    A livello di alternative non c’è bisogno di nascondersi, ci siamo notevolmente indeboliti; sono partiti Gargano e Amauri, quest’ultimo che portava in dote una decina di gol a stagione.
    Ed è proprio questa mancanza di goleador che deve far maggiormente preoccupare. Difficilmente Pozzi e Coda faranno 10 gol in due, ma spero di sbagliarmi.

    Ecco quindi che l’operato di Leonardi, che come detto non ha indebolito l’UNDICI TITOLARE, è da 8 in pagella.
    Ha scambiato Marchionni con Costa abbassando il monte stipendi; ha ceduto Amauri liberandosi dell’ingaggio; non ha riconfermato Gargano il cui stipendio era altresì elevato, come quello di Molinaro (800K).
    Ma il vero colpo di genio, a mio parere, l’ha fatto con i presunti acquisti.
    Lodi e Aquah sono in prestito con obbligo di riscatto, ma sono se saremo ancora in serie A, diversamente torneranno al mittente; De Ceglie arriva in prestito con ingaggio pagato solo per 1/3.
    Ovviamente si sarà provato a vendere anche Cassano, ma nessuno è così folle da accollarsi un ingaggio simile se non con una compartecipazione del Parma, e allora tanto vale tenerselo!

    Insomma a mio modesto parere i giocatori per salvarsi ci sono, ora sta a loro dimostrarlo sul campo.

    Saluti.

    • 2 Settembre 2014 in 11:00
      Permalink

      ti giuro non ho mai letto in vita mia una sequenza di minchiate
      come quelle che hai scritto :-D, del resto von cas ciama lapo e’ pratico di prese per il culo

    • 2 Settembre 2014 in 13:09
      Permalink

      Lapo ha fatto delle considerazioni legittime, ma che non condivido per niente.
      Parto dal punto fermo che hai messo: La società è in vendita. Da tifoso capisco e mi viene da chiedere quali possono essere le conseguenze; risposta: “Andiamocela a Riprendere” con i calciatori che vogliono rimanere insieme all’allenatore. Io mi aspetto poche cessioni (una importante, per cifre irresistibili, e qualcuna minore) e acquisti di qualità, dato che le avversarie si stanno rinforzando. Se mi avessero detto che la messa in vendita della società avrebbe comportato qualche cessione più o meno eccellente (senza svalutare il cartellino!) e l’obiettivo sarebbe tornato ad essere i soliti 40 punti, mi sarei aspettato un mercato totalmente differente dal precedente.

      Io la rosa non la trovo (in generale, sulla carta) migliore di quella della stagione scorsa.
      La difesa la reputo il reparto migliore. La porta la vedo ben difesa con Mirante supportato da Iacobucci (ha più esperienza di Bajza) e Cordaz. In difesa De Celie e il ragazzo macedone sono degli innesti molto validi.
      Il centrocampo si è indebolito: i piedi buoni di Lodi e i passaggi di Cassano non fanno nulla se non c’è qualcuno che si inserisce e con solo Aquah come “mastino” il centrocampo non filtra.
      L’attacco non ha il così detto “attaccante–boa” che sta fermo davanti e lotta che potrebbe essere utile per cambiar schema offensivo ed è fatto da più scommesse che certezze.

      Non aver indebolito i primi 11 non può portare al 8 in pagella, perché basta un raffreddore e se la riserva non è all’altezza, si rischia di perdere.
      Al tuo conto economico mancano gli stipendi dei vari Rispoli e Santacroce che sono fuori rosa e quelli dei vari giocatori in prestito a cui paghiamo tutto, o in parte, lo stipendio.

      Leonardi non ha fatto nessun miracolo e nemmeno colpo di genio, se no cosa avrebbe fatto il DS del Verona con Iturbe?

    • 2 Settembre 2014 in 14:50
      Permalink

      Allora ragazzo,
      1. La prima cazzata monumentale l’ha fatta Ghirardi; se vuoi vendere non lo spari ai 4 venti ma lo dici solo ai tuoi fidi ed avvocati. Cosi, semmai ci fosse un pazzo che vuol comprare, aspetta che tu sia alla canna del gas o in B per prendere il tutto con 2 banane(che vanno di moda)
      2. E’ corretto dire che la societa’ doveva ridurre le spese ma presentare cotale formazione e’ semplicemente denenziale
      3. Penso ci sia bisogno di un buon farmacista perche’ le droghe fanno male

  • 2 Settembre 2014 in 10:41
    Permalink

    Questa societa’ e vergognosa si vende amauri e non si compra un altro attaccante, si vende biabiany gia con la sciarpa rossonera poi ritorna a parma, si deposita il contratto di gonzales fuori tempo massimo, si perde l’europa league per il mancato pagamento dell’ irpef.
    Ghirardi e leonardi vogliono piu abbonati ma non ci hanno gia preso per i fondelli abbastanza.
    L’unica speranza e non certezza e cassano perche se aspettiamo i gol di palladino o belfodil siamo dei poveri illusi.

    Altro che andiamocela a ribrendere si la serie b e ce’ qualcuno che compra saviola rendetevi conto della confuzione che regna le nostre avversarie per la salvezza si sono tutte rafforzate il peggior voto al mercato lo darei proprio al parma che ne esce indebolito.
    E ora che si faccia chiarezza questa situazione non e’ piu accettata dai tifosi.

    • 2 Settembre 2014 in 11:02
      Permalink

      vecchia guardia se aspettiamo cassano quest’anno…….

      o va via donadoni ?

  • 2 Settembre 2014 in 10:58
    Permalink

    Almeno si tesseri il colombiano mendoza puo’ essere una scommessa se il biabia avesse la testa altrove

    • 2 Settembre 2014 in 13:46
      Permalink

      ho paura che sia uno dei tanti ampueri che piacciono tanto a preiti

      io vorrei capire che diavolo ci va a fare in sudamerica ne avesse azzeccato uno ! quello stressato di sacchi uno ne vede e uno lo azzecca (simplicio)

      intanto de souza si sta fontanellizzando col transfert

      speriamo non faccia la stessa fine ma chera ti a perma as veda ed tut

  • 2 Settembre 2014 in 11:05
    Permalink

    Leggendo i commenti non so se prevale la delusione (legittima) dei tifosi, o il compiacimento (scontato) dei loggionisti. Poche ma apprezzatissime le voci equilibrate (purtroppo sovente irrise dagli habituè).Comunque sia per stadiotardini.it questi sono giorni di festa,visti il numero di post (solitamente molto numerosi in caso di sconfitta), l’esperienza suggerisce di attendere una decina di partite prima di dare giudizi “seri” sulla stagione e fare conseguenti pronostici, capisco e condivido le apprensioni per certe decisioni tecniche ripropevoli (Cerri e Sansone)e per quella sensazione di improvvisazione confermata dalla pirotecnica giornata di ieri, ma a parte le neo promosse che non conosco e su cui non mi esprimo, guardo la concorrenza e non vedo come possano essersi rinforzate Atalanta, Chievo, Genoa, Cagliari,Sampdoria, che pure lo scorso anno ci stavano dietro. Credo che solo il Sassuolo ed il Verona abbiano fatto un mercato mirato ed intelligente. Delle “metropolitane” non parlo perchè sulla carta faranno campionato a sè (ma vedrete che con qualcuna ci toglieremo delle soddisfazioni).

    • 2 Settembre 2014 in 11:32
      Permalink

      angioldo gia’ il fatto che mi parli di compiacimento dei loggionisti mi fa capire che ti metti sullo stesso piano degli irrisori
      per cui aspettiamo 10 partite,ottimo facciamo 20 ?

  • 2 Settembre 2014 in 11:05
    Permalink

    te lo dico perche’ temo che stia da separato in casa fino a gennaio
    quando magari andra’ a svenare in qatar,cacchio gliene frega a lui i soldi li prende come da contratto senza fafe una beata minchia (e’ li il nodo) daila’ uno che e’ dal 21 luglio che non fa un emerito cazzo col suo preparatore mentre gli altri si fanno il culo ma dove siamo finiti per diana !

  • 2 Settembre 2014 in 11:33
    Permalink

    BRUTTISSIMO CALCIOMERCATO, MA..

    il problema più grave è l’aria che si respira..
    dopo il fatto EL tutto allo sfascio: presidente dimissionario, la società in vendita, le voci di donadoni partente, ricorsi di qui e di là ma nessuno sà nulla da mesi ormai, il recente comportamento di Cassano che nuoce gravemente al gruppo e a tutto l’ambiente, come le voci dei ritardi pagamenti o non pagamenti dei premi uefa, il mercato con la partenza di 3 titolari artefici dell’impresa dello scorso anno (Parolo/Amauri/Marchionni), il NON rinnovo a Molinaro o lo scambio Schelotto/Biabiany (ieri rossonero per un paio d’ore, farsa assurda, adesso vediamo che stimoli avrà il francese), il voler anticipatamente monetizzare anche sui giovani promettenti (es. Ceppitelli), l’avventato prestito di Cerri, così come il tentativo (o i tentativi) a vuoto di liberarsi di Cassano, ma chi lo vuole oggi? e lui che stimoli avra restando qui? e con il mister.. è tutto a posto?
    aggiungo la perdita di stile nel vendere giocatori al Torino, poi i ritardi di ieri sera nel deposito contratti di Floccari e Gonzales (su quest’ultimo però sembra non si fosse trovato accordo ingaggio giocatore), ci troviamo con una rosa folta di 33/34 giocatori, ma quello che preoccupa maggiomente è che ambiente ci sarà da oggi a collecchio.
    avremo una squadra unita e compatta? avremo obiettivi definiti? ho forti dubbi..
    perchè sulla carta, obiettivamente, nonostante tutte le critiche lette in questo blog, la squadra è ancora competitiva per un piazzamento a metà classifica (sulla carta non significa giocare come a Cesena, ma domenica sera non c’era gruppo e andrà creato), sicuramente perdiamo l’abilità nel gioco aereo di Amauri ma non i suoi gol (l’anno scorso ne fece 8 così come Belfodil nel parma 11/12), ci sono anche giocatori che potrebbero essere piacevoli sorprese come i nuovi De Ceglie, De Souza, Mendoza, o i ritorni a certi livelli di Galloppa & Pozzi che potranno dare una mano.
    E’ chiaro che molto ruoterà attorno a Cassano, starà al Mister Donadoni trovare la quadratura.

    un calciomercato senza botti finali, da Leonardi forse ce lo aspettavamo, spero non si aspettino di arrivare a quota 10K, la vedo dura.

    infine,
    sarebbe rispettoso verso i tifosi, che presidente e amm.del. spiegassero in che direzione intendono andare; dopo gli ultimi fatti ormai siamo abituati a tutto, ok, ma non vogliamo essere presi in giro, basta che ci spieghino!

    FORZA \+/ PARMA
    sempre & comunque

  • 2 Settembre 2014 in 11:33
    Permalink

    insisto senza cassano il parma attuale e da serir b

  • 2 Settembre 2014 in 12:01
    Permalink

    Pare che dalla Uefa siano arrivate istruzioni di inserire sugli attuali seggiolini ( inizialmente solo in Curva Nord ) al centro verso la parte leggermente rialzata , uno spuntone dalla forma vagamente “cetriolesca “griffato appunto “UEFA”…. quindi…..attenzione , per le partite interne, verranno allestiti alcuni banchette con vasoni di vaselina…per tutti.

    Enzo Dallai

  • 2 Settembre 2014 in 12:10
    Permalink

    Assioma tu hai dei seri problemi…… come ti permetti di criticare ciò che è’ il bello del calcio x me….. La beccata con gli amici al petitot probabilmente tu non l’hai mai fatta e non sai che ti perdi. L’importante e’ divertirsi, tanto con il Parma non vincerai mai niente….. Tu sei uno dei nostalgici di Tanzi….. Mi dispiace per te che ti ridi il fegato per queste cose, si vede che non hai di meglio da fare

    • 2 Settembre 2014 in 13:15
      Permalink

      veramente sei tu che hai criticato per primo cos’e’ il calcio per gli altri,ta miga rivolter la friteda che con mi an funsionna miga nani

      fa al rute’ adesa

  • 2 Settembre 2014 in 12:12
    Permalink

    Assioma che ne sai tu di cosa farà’ Cassano ma che ne sai….. Ma chi te l’ha donata tutta sta presunzione? Tuttologo…..

    • 2 Settembre 2014 in 13:14
      Permalink

      mentre tu fai le beccate al petitot io seguo qualche allenamento del parma pensa un po te

  • 2 Settembre 2014 in 12:21
    Permalink

    Mi ergo in difesa di Assioma che, nomen omen, rappresenta principi presi per veri poiché evidenti ed aggiungo, non dimostrabili…in matematica altrimenti detti postulati.

  • 2 Settembre 2014 in 12:24
    Permalink

    Assioma, lei è tutto meno che un tifoso, o se preferisce, è un “tifoso che ha sempre ragione”, nel senso che quando il Parma vince può salire sul carro del vincitore, mentre quando le cose vanno male può dire “io l’avevo detto”. troppo comodo

    • 2 Settembre 2014 in 13:13
      Permalink

      luca ,sono un tifoso che pensa ,lascia stare i carri che adesso siamo a piedi

  • 2 Settembre 2014 in 12:26
    Permalink

    Caro signor Majo, noto da alcuni suoi commenti una vena di rabbia e di disprezzo verso Leonardi e verso più in generale il Parma calcio… Ovviamente dopo gli episodi di una famosissima conferenza stampa del settembre 2012 (in cui non voglio entrare in merito, parlo da esterno che ha visto un video in rete) nessuno le chiede di stimare le persone che compongono la società Parma calcio, ma io personalmente vedo certi suoi commenti spinti da un odio troppo eccessivo. Non voglio assolutamente mettere in discussione la sua ottima professionalità, anzi… Ma vorrei che magari si tentasse un pò tutti quanti (giornalisti, società e noi tifosi) di andare un pò tutti d’accordo, per il bene del Parma. In merito alla rosa di quest’anno io non la vedo così drammatica, l’ossatura pesante dell’anno scorso c’è. Abbiamo finalmente un regista nato e non un giocatore re-inventato, abbiamo una buonissima difesa ai livelli dell’anno scorso, se non meglio, e in attacco Belfodil ha preso il posto di Amauri e quindi non vedo tutto questo scandalo nel non aver preso un’altra punta. Ricordiamo che questo ragazzo ha 22 anni e va fatto maturare, aiutato e incitato, perchè è bravo e avere addosso gli occhi infuocati di 10.000 persone (60.000 nella prima parte dell’anno scorso) pronti a fischiarti al primo errore non è semplice… Io già in sala d’attesa dal medico con 4 persone che mi guardo vado in imbarazzo… e credo di non essere l’unico. Aspettiamo magari una nuova brillante idea di donadoni, vedi Jorquera esterno dei 3 di centrocampo (che non è scarso… anzi) e tifimo uniti. sono convinto che “non ce la riprenderemo” ma nella zona sinistra della classifica ci siamo. E di sicuro sopra il Torino ci andiamo… A proposito Cairo farà una conferenza stampa per spiegare il motivo per cui ha venduto immobile e cerci e pur guadagnando dei bei soldi li ha sostituiti con un appesantito Amauri e con Quagliarella??

    • 2 Settembre 2014 in 12:39
      Permalink

      Rispetto le sue opinioni, ma non capovolga i fatti: l’odio (assieme a rabbia e disprezzo), semmai, lo ha dimostrato, nella occasione da lei citata, il signor Tommaso Ghirardi ai danni del sottoscritto, e non viceversa. Io, signorilmente, ho anche glissato sulla cosa, pur avendo tutti i diritti da accampare per il grave danno d’immagine subito, danno reiterato dal momento che lei stesso mi accusa, ingiustamente, a due anni di distanza, di nutrire risentimento nei confronti del club. Cosa che non è assolutamente vera. Io, appunto per quel bene del Parma da lei invocato, non faccio altro che interpretare il ruolo che mi sono ritagliato di Grillo Parlante, con critiche sempre motivate, al contrario degli attacchi rusticani che mi tocca subire.
      Causa o non causa, che sia stato cinque anni al Parma e poi ce ne sia venuto via in maniera sanguinolenta non c’entra un tubo di niente con la mia attuale attività e mi dà un fastidio enorme che ci sia chi – ad arte e per denigrarmi delegittimando me e di conseguenza le critiche che muovo – metta le due cose in correlazione. Le stesse critiche che muovo alla società attuale le avrei mosse pari pari, in pari contesto, sia con i Tanzi, che con i Ceresini e a Dio piacendo a chi verrà dopo l’attuale gestione.
      E stia tranquillo che se non mi fossero stati offerti su un piatto d’argento quotidianamente spunti non avrei certo avuto modo di parlare.
      Saluti
      Gmajo

      • 2 Settembre 2014 in 13:29
        Permalink

        Concordo appieno sulla questione della signorilità che lei ha avuto, e sul fatto che Ghirardi avrebbe potuto e, a parer mio, dovuto esprimere il proprio pensiero in tutt’altra sede e sicuramente in un colloquio personale tra le parti interessate. Lei si è assolutamente dimostrato un signore, glissando sull’episodio che se pur in sbagliata sede, Ghirardi aveva il diritto di dire, come ogniuno ha il diritto di dire quello che pensa (sta all’educazione e alla coerenza della persona capire il giusto momento e luogo nell’esporre il proprio pensiero). Detto ciò, da tifoso accanito, mi aspetterei da un oragano di informazione come il suo sito, e da un professionista serio e mai sopra le righe come lei una frase del tipo “va bene ragazzi per me il mercato è stato una schifezza, ma rimbocchiamoci le maniche e nel nostro piccolo sosteniamo il gruppo.” Forse un commento un pò più da tifoso e meno da cronista. Mentre mi dispiace molto leggere i suoi commenti a mo di sfottò per quanto riguarda i vari ricorsi TAR, TAS ed eventuali, che comunque ancora attendiamo un verdetto. Tornando al discorso iniziale, nel quale le rinnovo la mia opinione sul suo comportamento da signore, e le do ragione sul fatto che che la rabbia e l’odio e tutto il resto sia stata riversata su di lei… E tutto questo le abbia lasciato il dente avvelenato e lo si vede da alcuni suoi commenti.

        • 2 Settembre 2014 in 13:50
          Permalink

          Tutto bene, Lucalu, ma mi è caduto sull’ultima riga: nessun dente avvelenato, glielo assicuro. Anzi, Leonardi mi è persino simpatico, e poi, in quella spiacevole storia lui non c’entrava per nulla (e Ghirardi stesso è stata una vittima della situazione, se vogliamo, giacché chi di dovere non gli ha spiegato bene come funziona il diritto del lavoro in Italia, a proposito di contratti a termine). Queste situazioni private non c’entrano niente con la mia rigorosa attività di giornalista professionista che mi porta ad esprimere giudizi onesti e sinceri sulle situazioni e a dire quel che penso. Certo, spesso utilizzo l’arma dell’ironia, ma, signore mio, dopo la scivolata sulla buccia di banana, contrabbandata per manovra del sistema per tenerci fuori dall’Europa e punirci, mi pare davvero il minimo. Lei si legga bene ogni mio articolo e noterà come non ci siano sterili invettive, come è di moda fare nei muro contro muro (che tanto piacciono a Leonardi), bensì argomentazioni motivate, e nel merito, specie Leonardi, non mi risponde mai. Vedesi, a proposito del TAS, tutte le accuse di ostruzionismo mosse al Torino (salvo poi farci affari assieme, per disfarsi del peso Amauri) che di diritto potrebbe essersi appellato alla regola 44.4, mentre non avrebbe potuto farlo alla regola 37, la cui applicazione non è stata richiesta dal Parma FC… Poi, sempre per la vicenda Licenza Uefa, le ricordo come per Di Taranto fosse una bufala della Gazzetta dello Sport o una notizia sconclusionata, e per Leonardi un falso problema…
          Infine sempre per il rispetto che porto alla mia professione (lo stesso per cui non penso a cose personali quando scrivo) non posso accontentarla sulla richiesta di scrivere commenti da tifoso e non da cronista.
          Cordialmente
          Gmajo

    • 2 Settembre 2014 in 13:27
      Permalink

      lucalu hai bisogno di vederlo giocare ancora non so quanto belfodil ? compratelo e fallo giocare nel tuo salotto !

    • 2 Settembre 2014 in 13:30
      Permalink

      il ragionamento sulla conferenza di cairo poi e’ da nobel per la fisica quantistica

      • 2 Settembre 2014 in 14:00
        Permalink

        Assioma ma non eri il tifoso che pensava? Ecco allora inizia a pensare… A quanto vedo sei in cerca di discussione con chiunque scriva qualcosa che va leggermente in controtendenza a quello che dici tu. Non ti piace il Parma quest’anno? Pazienza ce ne faremo una ragione… Belfodil può essere una pippa cosmica ma mi piacerebbe vederlo per qualche partita in più prima di giudicarlo… Anche tu da questi pochi messaggi che hai scritto mi sembri stupido… Ma magari dandoti tempo mi fai ricredere

  • 2 Settembre 2014 in 12:41
    Permalink

    ragazzi..
    quest’anno..
    salviamoci e vinciamo 2 volte a Torino e io sono a posto!
    cazzo se sono a posto!
    :-))))))))))
    FORZA \+/ PARMA
    sempre & comunque

    • 2 Settembre 2014 in 12:50
      Permalink

      Cioè a te basterebbe vincere due volte a torino (così il tuo tifo contro è appagato) e ti starebbe bene perdere tutte le altre? Non sarebbe molto facile salvarsi con sei punti! Anziché sprecare tempo in un inutile e stupido tifo contro, sarebbe meglio pensare al tifo pro… Intanto, dopo aver alimentato le tensioni tra opposte tifoserie tirando a mano a ogni piè sospinto Cairo e il suo presunto ostruzionismo, il Parma di Ghirardi e Leonardi ha ceduto Amauri proprio al Torino… Io cercherei di spagliarmi un po’, senza offesa…

  • 2 Settembre 2014 in 13:46
    Permalink

    Scusi Direttore,
    le rispondo punto su punto..

    >>> ti starebbe bene perdere tutte le altre?

    perchè perdere tutte le altre? l’anno scorso ne abbiamo vinte 7 in trasferta, ci sono mancate quelle di torino, possiamo rifarci quest’anno. trattasi di godimento personale, c’è qualcosa di male?

    >>> Anziché sprecare tempo in un inutile e stupido tifo contro, sarebbe meglio pensare al tifo pro…

    sorvoliamo sullo stupido.. io non sono a conoscenza della sua squadra del cuore, ma a parer mio possono coesistere sia il tifo pro che quello contro, il calcio in italia è anche questo, non ci vedo nulla di male.
    per rafforzare il mio tifo “pro” penso sia sufficente leggere la mia firma ai miei ultimi post (che le riporto in fondo).

    >>> dopo aver alimentato le tensioni tra opposte tifoserie tirando a mano a ogni piè sospinto Cairo e il suo presunto ostruzionismo, il Parma di Ghirardi e Leonardi ha ceduto Amauri proprio al Torino…

    io sono e resto tifoso del PARMA, lo ero con Ceresini, con Tanzi, ora con Ghirardi e domani con chi verrà.
    questo è un punto fermo (25 anni di abbonamento).
    poi, non sempre sono d’accordo con le scelte della società, confido operino per il meglio della MIA squadra del cuore, ma le scelte non condivise non intaccano la fede ed il tifo per la squadra della mia città.

    dovrebbe leggere con maggiore attenzione tutti i post, le faccio notare che nel post delle 11:33 (cito me stesso: “la squadra è ancora competitiva per un piazzamento a metà classifica”) ritengo che se società/allenatore/squadra/cassano faranno gruppo coeso non andremo certo a riprendercela ma possiamo fare un campionato dignitoso di metà classifica con una salvezza tranquilla.
    per una salvezza tranquilla (per la quale serviranno almeno 45 punti tra pareggi, vittorie in casa e vittorie in trasferta) e personalmente godrei di 2 vittorie a torino.
    senza offesa…

    qualcuno stamane ha postato scrivendo di serie B…
    lei non è intervenuto.. potrebbe spagliarsi un pò anche lei.

    Cordialmente
    Anthony

    FORZA \+/ PARMA
    sempre & comunque

    • 2 Settembre 2014 in 14:02
      Permalink

      qualcuno scrive serie b ? ,io queste certezze non le ho ,diciamo che per esperienza ti posso dire che quest’anno non vinceremo lo scudetto

      • 2 Settembre 2014 in 14:42
        Permalink

        nessuno ha certezze altrimenti ci scommeterrebbe sopra.

        per lo scudetto, concordo.
        non l’abbiamo vinto neppure quando avevamo la squadra top.

        • 2 Settembre 2014 in 17:34
          Permalink

          ecco appunto,nella situazione attuale tecnico socetaria del parma diciamo che se uno dice che si rischia la b (io non penso) non possiamo certo dargli del visionario nella misura maggiore di uno che parla di scudetto,quello volevo dire,visto che nel suo commento traspare un certo ribrezzo per certe affermazioni

          • 2 Settembre 2014 in 17:57
            Permalink

            ritengo siano affrettate certe affermazioni che parlano di serie B dopo una sola giornata.

            tra lo scudetto e la serie B, escluse CL e EL, ci sono almeno altre 11 posizioni.

  • 2 Settembre 2014 in 13:47
    Permalink

    il mercato è da insufficenza sia in entrata e soprattutto in uscita,ormai è fatta e bisogna secondo me sperare che: lodi si inserisca in fretta,e inizi a far girare bene il pallone li in mezzo e che ritrovi un pò di quella vena realizzatriva che avweva qualche anno fa per colmare il vuoto di parolo in termini di gol …poi..che cassano si comporti professionalmente( ma la vedo dura..) e dia un contributo più o meno simile a quello dello scorso anno…che belfodil almeno riesca a bissare il numero dei gol di amauri lo scorso anno (8 mi pare ma…..gira sempre lontano dall area….difetto che donadoni gli rimproverava 2 anni fà e che non ha migliorato non giocando tutto lo scorso anno praticamente) …..che lucarelli regga …e soprattutto di riuscire a trattenere paletta fino a maggio ( anche se a gennaio bisognerà vendere per forza qualcuno)………tutto questo sperando che a nessuno venga il raffreddore………poi che tutte queste cose possano avverarsi la dice lunga su quanto ci credo sul poter disputare un campionato dignitoso per una salvezza risicata……ora che la rosa è questa mi pronuncio: è dura salvarsi ….ma bisogna provarci ….sosteniamoli perchè se ci toccherà scancherare e soffrire non è colpa loro che vanno in campo ……decidete voi di chi è la colpa..io la mia idea me la sono già fatta da tempo
    saluti

    • 2 Settembre 2014 in 14:04
      Permalink

      eh si li ho visti anche a cesena che han dato tutto mai pensato il contrario,e’ li che mi preoccupo

  • 2 Settembre 2014 in 14:33
    Permalink

    Assioma, che bello che sarebbe se il parma retrocedesse, così lei può dire “IO L’AVEVO DETTO”. Lei vince sempre: se il Parma vince lei vince in quanto tifoso del Parma, se il Parma perde lei vince perché l’aveva detto. Che gioia vincere sempre!

    • 2 Settembre 2014 in 16:35
      Permalink

      guardi a sto punto se bastasse,ma ne sono certo,che lei sparisse dall’orizzonte,sarei disposto a tornare anche a vedere il parma al campo delle due strade,ammesso e non concesso che le dica qualcosa,di gente che fa certe affermazioni dopo aver dato corpo al massimo dello sforzo mentale sinceramente ne ho piene le palle.

      cordialmente

  • 2 Settembre 2014 in 14:35
    Permalink

    Ma. Ci sono ancora i parametri zero:-)

  • 2 Settembre 2014 in 15:02
    Permalink

    i PARAMETRI ZERO è MEGLIO LASCIARLI STARE . PORTANO ROGNE.
    Dal bilancio relativo alla stagione 2012 /2013chiuso il 30.06.2013 :
    contenzioso all’epoca in essere con Helsingoborgs ( interessi di mora da versare circa il trasferimento di Mariga ), contenzioso col Chelsea definito in via transattiva per il pagamento del premio di formazione di Borini, contenzioso col Grasshoppers e con il Panathinaikos per Feltscher e Ninis per il pagamento dei premi di formazione.
    POI UNA NOTIZIA SUL MANCATO TRASFERIMENTO DI BIABIANY
    Franco Ordine, intervenuto telefonicamente a Studio Milan lunedì, trasmissione di Milan Channel, ha parlato del mancato accordo tra Parma e Milan che avrebbe dovuto riportare Cristian Zaccardo in gialloblu e Jonathan Biabiany in rossonero: “L’accordo tra Parma e Zaccardo era fatto, il problema è stato che Zaccardo vanta un credito di 400 000 € nei confronti del Parma relativo al periodo precedente all’arrivo al Milan. Questi 400 000 € sono stati in parte versati durante l’estate e rimanevano 150 000 € per completare il versamento del credito. Zaccardo pretendeva che questi soldi finissero dentro al contratto da qui al futuro, nel Parma, cosa che contabilmente non può avvenire perché se io ho già dato per pagato nel mio bilancio passato una certa cifra, non posso mettere un’altra volta quella cifra nel futuro. Questa vicenda fa capire come ci si trovi davanti a una questione particolare, che non ha nulla a che fare con l’accordo già sottoscritto per il passaggio al Parma. Ad un certo punto credo che il Milan visto che si trattava di sottostare ad una sorta di prendere o lasciare da parte del giocatore non ha voluto cedere alla pressione”.

    Zaccardo porta proprio sfortuna al Parma. Anche qui dal bilancio al 30.06.2013 emerge condanna del parma calcio per mancato pagamento della seconda rata e terza rata relative al trasferimento di zaccardo da parte del Wolfsburg. Per inciso le rate scadevano a giugno e luglio 2011 e l’ingiunzione è stata depositata nell’agosto 2012.

    Credo sia chiaro quali possano essere i reali problemi della società e forse i motivi delle dimissioni con messa in vendita della società.
    Poi leggerò con cura anche il bilancio 2013 quando verrà depositato.

  • 2 Settembre 2014 in 15:36
    Permalink

    scusa massimiliano,
    tanto per capire..
    se una società non paga gli stipendi di un campionato (al 30/06) non viene penalizzata?
    detto ciò, i 150 000 € che rimanevano da pagare a Zaccardo a che periodo fanno riferimento se quest’anno era al Milan?
    grazie in anticipo

    ps: per i reali problemi della società, tutto chiarissimo!

  • 2 Settembre 2014 in 15:56
    Permalink

    il pagamento degli stipendi per i calciatori in rosa deve avvenire nel termine di 90 giorni dalla maturazione. Tradotto : la società è in pari se versa a giugno lo stipendio di marzo.
    E’ un po’ che non tratto la questione ma mi pare sia in qeusti termini.
    Potrebbe in termini astratti accadere che la società versi le imposte e il calciatore dichiari di aver percepito gli emolumenti senza averli presi , con accordo tra le parti di prenderli in un momento successivo. Potrebbe essere accaduta questa cosa, se il signor Ordine avesse ragione :”Zaccardo pretendeva che questi soldi finissero dentro al contratto da qui al futuro, nel Parma, cosa che contabilmente non può avvenire perché se io ho già dato per pagato nel mio bilancio passato una certa cifra, non posso mettere un’altra volta quella cifra nel futuro”.

    • 2 Settembre 2014 in 16:41
      Permalink

      Il 25 gennaio 2013 ZACCARDO si trasferisce a titolo definitivo al Milan, il Parma deve ancora pagargli lo stipendio a distanza di 20 mesi?
      boh..

  • 2 Settembre 2014 in 17:47
    Permalink

    I parametri Zero non sono da disdegnare, ci sono calciatori interessanti che potrebbero tornare utili alla nostra causa, tanto per citarne alcuni:

    McDonald Mariga
    Gaby Mudingayi
    Innocent Emeghara
    Cristian Bolaños
    Hugo Almeida
    Dossena Andrea
    Giorgos Karagounis
    Mahamadou Diarra

    Sono tutti calciatori di spessore che se in condizione possono regalare un valore aggiunto alla squadra, Emeghara è un calciatore ancora giovane che a Siena ha dimostrato di avere buone qualità, lo terrei in considerazione.

    • 3 Settembre 2014 in 00:52
      Permalink

      Hugo Almeida tutta la vita!!!

      • 3 Settembre 2014 in 09:42
        Permalink

        o come cantava britti …speriamo prima che l’estate sia finita 🙂

  • 3 Settembre 2014 in 09:11
    Permalink

    Mercato finito, ( a parte gli svincolati da cui si potrebbe attingere a qualcosa di interessante),vorrei riportare il dialogo (o almeno il dibattito con chi ha autonomia di pensiero) sulle questioni tecniche.Donadoni spesso ci sorprende (per lo più positivamente stando ai risultati passati),con schieramenti inconsueti, domenica a Cesena ad esempio, Lodi (tutto mancino) schierato a destra di Jorquera, poi larotazione degli attaccanti “leggeri” salvo poi inserire due centravanti di ruolo (lasciamo stare la loro attuale condizione),anni di permanenza a Parma hanno stabilito che Biabiany è utile se gioca ala destra, cosi come Belfodil al centro, mentre Palladino (cui siamo debitore di una salvezza, proprio per un suo goal al Cesena al Tardini) appare troppo evanescente specie in gare esterne con avversari di grandi prestazioni atletiche.Equivoco Acquah, piace tantissimo per la sua fisicità ed agonismo ma proprio per questo non è un incontrista, ma un incursore (magari con i piedi da affinare),sorprende l’abbondanza di difensori in rosa ( e nonostante cioò si polemizza sulla cessione di Ceppitelli),vero è che alcuni sono risultati invendibili ma l’esperienza dello scorso anno quando ci siamo trovati a disputare tante partite ravvicinate senza adeguati rincalzi (senza centrali contro la Roma alritorno) per infortuni e squalifiche, deve aver suggerito un rinfoltimento del reparto arretrato.

  • 3 Settembre 2014 in 10:57
    Permalink

    angioldo e chi sarebbero i difensori in abbondanza felipe ? costa ? lucarelli (dio ce lo preservi) che ha 37 anni ? diciamo che l’unico con cui si poteva far cassa era ceppitelli e lasciamo perdere il resto,ti ricordo che l’anno scorso c’erano rossini e vergara quindi di difensori eravamo “abbondanti” anche lo scorso anno.
    un conto e’ essere numericamente abbondanti ,ma se si prendono giocatori per far numero allora diamoci al calcio fiorentino che possono giocare in 40.
    io lo ripetero’ fino allo sfinimento in serie a non puoi presntarti in nessun campo con un solo centrocampista contro tutti che egli sia incursore o incontrista nulla conta

  • 3 Settembre 2014 in 11:26
    Permalink

    Assioma: se sparisco io, il Parma perde un tifoso. Se invece sparisce lei, il Parma perde un criticatore. E visto che lei segue tutti gli allenamenti, mi auguro che per coerenza lei vada a contestare e a fischiare.

    • 3 Settembre 2014 in 12:51
      Permalink

      mi accodo a Luca e chiedo ad Assioma, sempre presente agli allenamenti, di ragguagliarci in merito all’aria che ci sarà oggi pomeriggio a collecchio, compreso il comportamento di Cassano, umore di Biabiany, eventuale presenza del presidente e amm.del. ecc ecc
      attendiamo news speranzosi..
      vai Assioma, vai!!!!

      • 3 Settembre 2014 in 13:12
        Permalink

        fatti riconoscere qualche volta, mettiti una sciarpa del parma almeno una volta nella vita 😀

        • 3 Settembre 2014 in 13:53
          Permalink

          ne ho da vendere (si fà per dire, sono cimeli senza prezzo) ed anche maglie storiche!
          FORZA \+/ PARMA

          dai Assioma, positivo!!! carico!!!

      • 3 Settembre 2014 in 13:14
        Permalink

        PS: cassano non pervenuto neanche oggi,ha il latte alle ginocchia 😀

        • 3 Settembre 2014 in 13:55
          Permalink

          figa Cassano…
          resterà solo giullare dimissionario?
          speriamo di no, che metta la testa a posto da buon padre di famiglia e trovi le motivazioni per finire dignitosamente la sua carriera a parma…

    • 3 Settembre 2014 in 13:09
      Permalink

      bene cosi’ restiamo in due a cantare reggio merda 🙂

      • 3 Settembre 2014 in 13:59
        Permalink

        reggio merda NON moderata è tanta roba!!!
        il Direttore stà recuperando?
        🙂

        • 3 Settembre 2014 in 14:32
          Permalink

          O sta peggiorando?

          Semplicemente è preso dalla confezione di altri servizi e non riesce ad esser attentissimo e puntiglioso sulla “moderazione”. Avrei dovuto rispondere a tantissimi, in questi giorni, ma ho preferito, salvo qualche rara eccezione, far sì che il dibattito fosse spontaneo… Comunque, pur essendo contrarissimo al tifo contro, ma essendo un po’ romanticamente nostalgico, preferisco un goliardico (ed anacronistico) Reggio merda al coro imperante in Nord secondo cui non ce frega niente della Europa League. Che ha portato una sfiga tremenda (anche se alla sfiga non ci credo), e che mi dà un fastidio enorme ogni volta che lo sento, a maggior ragione dopo che la E.L. si è persa…

          • 3 Settembre 2014 in 15:57
            Permalink

            va be sara’ la mia prima e ultima cassanata,vediamo cosa scrivera’ la gazzetta dello sport domani

          • 3 Settembre 2014 in 23:43
            Permalink

            In effetti Direttore, col senno di poi, quel coro non é che abbia portato bene..
            ma nessun autore di testi poteva pensare di certo a quell’epilogo..
            😉

          • 4 Settembre 2014 in 00:25
            Permalink

            Beh, Dio: dopo che l’hanno tirata fuori c’è stata una brusca frenata, tanto è vero che sembrava, all’ultima giornata, che fossimo fuori dalla EL, visto che il Torino era davanti…

            Comunque, al di là dello spirito, la trovavo di pessimo gusto prima, immaginarsi dopo. Quando la sento mi provocava una certa orticaria… Voglio dire: l’aria e la musicalità mi piacciono, ma quel cavolo di testo proprio no…

  • 3 Settembre 2014 in 12:14
    Permalink

    Il calcio degli Assioma…ahhahah il calcio deve il suo successo universale al fatto che anche chi non ne capisce può articolare un discorso apparentemente credibile, mixando ironia ed eloquenza…….

    • 3 Settembre 2014 in 13:10
      Permalink

      ti volevo nominare presidente onorario degli articolatori 😉
      ma votero’ tavecchio 🙂

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI