LA VACANZA PRESIDENZIALE STA PER TERMINARE. GHIRARDI A SKY: “IL CDA DEL PARMA, ALLA UNANIMITA’, MI HA CHIESTO DI TORNARE E IO CI STO RIFLETTENDO…”

1370337941528_tommaso_ghirardi_videostill_1(gmajo) – La vacanza presidenziale sta per terminare. Vacanza non nella accezione di ferie, ché quelle già erano terminate, bensì di assenza di guida della società (a livello molto teorico, of course…) di Tommaso Ghirardi dopo la drammatica conferenza stampa del 30 maggio scorso allorché annunciò le sue dimissioni, la messa in vendita della società e il ritorno al suo paesello, Carpenedolo. In realtà quelle dimissioni non sono mai state operative, giacché, oltre a non esser mai stata formalizzate, il presidente ha continuato a svolgere normalmente i suoi compiti di rappresentanza in Lega (certo, per tutelare i suoi interessi, ci mancherebbe altro!), ha seguito allenamenti e partite internazionali e continuato a parlare in televisione, soprattutto attraverso Sky. E proprio attraverso la Satellitare è arrivato l’annunzio che si sta per profilare il Ghirardi Bis, cioè un sostanziale ritorno sui suoi passi, così come da mesi tutta la comunità crociata (inclusi gli infedeli come me) auspicano. Decisivo potrebbe esse stato il CDA, riunitosi stamani per l’approvazione del bilancio dell’esercizio chiuso il 30 giugno scorso, che alla unanimità avrebbe chiesto a Tommaso (a riferirlo è stato proprio l’interessato parlando con Sky stasera) di riprendere in mano le redini della società. Immagino sarà contento anche Enrico Boni che giusto ieri sera, durante Calcio & Calcio, si è sgolato come non mai per invocarne il ritorno sulla plancia di comando. Queste le parole del presidente quasi non più dimissionario, trascritte da Parma Live: "C’è stato un CdA molto positivo, erano un po’ di mesi che non lo convocavamo. E’ stato bello ritrovare tutti i consiglieri, che mi hanno imagechiesto di tornare a guidare la società: sto valutando, mi sono preso due o tre giorni, l’amarezza è ancora tanta per l’episodio di questa estate, ma è un argomento su cui non vorrei più tornare. Farò una riflessione su quanto il CdA mi ha chiesto all’unanimità. Dei tifosi ho grande rispetto così come della gente di Parma, me lo hanno dimostrato con un’infinità di messaggi però non so ancora oggi non sono in Europa League e finché non me lo diranno la mia amarezza non sparirà. La società è ancora nelle mie mani e ci stiamo impegnando, insieme all’ad Leonardi, per fare una stagione importante". Insomma, la normalità sta per tornare, dopo una estate di maltempo (che fosse per quello che imageanche il meteo – quello vero – ha fatto le bizze?). Ghirardi ha inoltre parlato del big match di domenica sera con il Milan, del suo amico Inzaghi:"Sono partite che danno una certa adrenalina, non vedo l’ora la mia squadra affrontare il Milan, che è una grande squadra ed è molto in forma: Pippo Inzaghi gli sta dando una nuova mentalità. L’anno scorso sono state due grandi partite quelle contro il Milan (entrambe vinte, ndr), durante una grande stagione, credo che quest’anno la squadra ha grande potenziale, si è ringiovanita in maniera importante e che può mettere in difficoltà il Milan. Biabiany? Sicuramente per lui sarà una partita particolare, non è destino che vada al Milan, è scritto così. Sarà molto motivato, come tutti i compagni. Donadoni? Non l’ho ancora visto, gli devo fare gli auguri per i miei impegni, ma gli auguro di festeggiare domenica sera".

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

L’OPINIONE DI MAJO DOPO L’ADDIO AL CALCIO DI TOMMASO GHIRARDI: “CAPISCO LA SUA RABBIA E IL SUO SCONFORTO, MA RIBADISCO: QUESTA FUGA E’ UN TRADIMENTO DEI TIFOSI”

GHIRARDI: ADDIO AL CALCIO, SFOGO, ACCUSE E LACRIME – Il video della seconda parte della conferenza stampa

GHIRARDI: ADDIO AL CALCIO, SFOGO, ACCUSE E LACRIME – Il video della prima parte della conferenza stampa

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

19 pensieri riguardo “LA VACANZA PRESIDENZIALE STA PER TERMINARE. GHIRARDI A SKY: “IL CDA DEL PARMA, ALLA UNANIMITA’, MI HA CHIESTO DI TORNARE E IO CI STO RIFLETTENDO…”

  • 9 Settembre 2014 in 22:40
    Permalink

    I teorici della palla al balzo cosa ne pensano?

    • 9 Settembre 2014 in 23:01
      Permalink

      Tra i teorici della palla al balzo, al di là degli eretici, c’erano anche molti osservanti. Anche abbastanza in alto in seno alla diocesi. Del resto, però, quella drammatica uscita di scena si prestava a mille interpretazioni, poiché non è razionale che uno abbandoni la società per quello che è successo. Oppure, se voleva farlo (liberissimo, per carità!), poi, però, stava fuori di scena davvero, anziché prenderne atto come ha continuato a fare.

      Sulla EL mancata è inutile che io ripeta il mio punto di vista: per me siamo scivolati su una buccia di banana e non c’è stato alcun complotto. Stamani mi sono riascoltato il mitico Di Taranto a Calcio & Calcio dopo il verdetto della prima commissione e prima del secondo, che ci avrebbe dovuto restituire la possibilità di giocare la coppa… Vabbè io spero che davvero Ghirardi intenda mettere la parola fine a questa faccenda, cercando di concentrarci sul futuro e basta, perché a ripensare a come si è persa una occasione unica (altro che andarcela a riprendere) c’è davvero da mangiarsi le mani. E se ancora non ha capito perché il Parma non è andato in Europa non è che glielo deve spiegare il sistema calcio di cui ha fatto parte da sette anni a questa parte e continua a farne parte.

      Io auspico che torni – anzi ero stato il primo a dire che stava consumando un tradimento ai tifosi che così commoventi gli perdonano tutto – ciò non toglie che il mio giudizio sulla vicenda rimanga severo. E per carità di patria non aggiungo altro. Anche perché se voleva davvero vendere la società il modo attuato è stato il peggiore, avendone svilite le possibilità e avendo concretamente messo Leonardi in condizioni di operare non propriamente comode sul mercato.

      Comunque sia bisognerà vedere come torna (a parte che non è mai andato): comunque sicuramente aveva colto la palla al balzo per far fare un bel ridimensionamento (che ci voleva, anzi io avrei fatto anche di più) al club: del resto con il presidente dimissionario chi avrebbe potuto pretendere qualcosa dal mercato?

      Però, anche se torna, mi sa che ci dobbiamo scordare la grandeur: il progetto non potrà che essere quello che aveva dettato sul Monte delle Vigne: e cioè tanto si guadagna, tanto si spende. Insomma non credo proprio che metterà mano al portafoglio. Ma per la continuità aziendale è fondamentale una proprietà attiva. Non sull’Aventino.

      Cordialmente.

      Gmajo

    • 10 Settembre 2014 in 09:11
      Permalink

      che la palla rimbalzando percorre traettorie con alti e bassi

  • 9 Settembre 2014 in 22:48
    Permalink

    Ghirardi è fondamentale per tutto l ambiente. Poi naturalmente è criticabile, l ho criticato e neppure ora mi convince del tutto, staremo a vedere, se torna in sella spero chiarisca se la società è in vendita o meno, Bologna e Genoa pare abbiano acquirenti

    • 9 Settembre 2014 in 23:17
      Permalink

      Più che chiarire se la società è in vendita o meno (secondo me è da un po’ che accarezza l’idea di passar di mano, ma se non trovi chi acquista te la devi tenere, evitando guai peggiori: ché dare le chiavi al sindaco significherebbe un bel bagno di sangue, prima di tutti per lui), penso che debba dire come intende mandarla avanti. A me era già parso abbastanza chiaro che si sarebbe andati incontro a un periodo di vacche magre, giacché il principio di autogestione lo aveva sancito in tempi non sospetti, cioè quando in Europa non ci si pensava neppure di andare. Insomma se tanto guadagno, tanto spendo, non è che posso ambire a fare una rosa migliore di questa…

  • 10 Settembre 2014 in 01:08
    Permalink

    Mah Majo io sono parzialmente d’accordo con lei, nel senso che molti di chi guarda l’Fc Parma dimentica che questa società ha investito sulle strutture; strutture che rimangono un bene del Club indipendentemente dai giocatori.
    E io sono uno fermamente convinto che questo tipo di investimento alla lunga pagherà i “dividendi” che non saranno pochi!
    Già nelle categorie minori abbiamo una serie di giovani di alto profilo,Iacobucci futuro portiere,Cerri,Mauri,Acquah, Bidaui,Coda (voci da Collecchiello mi hanno riferito che questo qua è la punta più forte in rosa….e buono!!!) e Costa e Ristoski sono una base futuribile non di poco valore, che secondo me l’anno prossimo con un mister “linea verde” (che fa giocare i giovani) abbiamo una squadra veramente importante.
    Certo a condizione di avere una sicurezza economica alle spalle che possa resistere a fare saldi e ad investire su allenatore stile Ventura,Zeman,, Di Carlo (perché no….)

    • 10 Settembre 2014 in 01:16
      Permalink

      Chi vivrà vedrà. Però andiamo calmi, che se anche il Ghiro torna non è che si risolve tutto… E poi gli investimenti infrastrutturali sono della “controllante” non della “controllata”.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 10 Settembre 2014 in 08:49
    Permalink

    ma scusate, cosa cambia? Ammesso che si possa effettivamente parlare di “ritorno” del Ghiro (che, per l’appunto, in realtà non se ne è mai andato, quindi parlare di ritorno è improprio), è ormai evidente che lui e la sua famiglia non dispongono più (o semplicemente non vogliono più impegnarsi) di denari sufficienti a garantire non solo gli investimenti necessari a disputare una Serie A di buon livello ma, a quel che si dice e si vede, nemmeno per gestire l’ordinaria amministrazione della Società (vedi problema pagamenti fornitori e forse anche giocatori, ecc). Quindi è del tutto evidente che la Società resta in vendita, peccato che nessuno la compri.
    Ma, a questo proposito, si fa sempre più interessante il misterioso ruolo della Energy TI, entità astratta tanto cara al Direttore Majo, che dopo mirabolanti annunci precampionato, è sostanzialmente sparita nel nulla più assoluto (da cui, in effetti, sembrava essere arrivata).
    Direttore, Lei che sembra essere così vicino ai nuovi soci del Ghiro, perchè non ci aggiorna sulle loro intenzioni e, alla fine, sul senso stesso del loro investimento (ammeso che ci sia stato….)?
    Saluti

    • 10 Settembre 2014 in 18:49
      Permalink

      direi che sarebbe anche ora di darci un taglio con la storia che si dice… si mormora … sembra… ,mi hanno detto… se le cose stanno veramente così qualche interessato dovrebbe parlare, cioè se io fossi un dipendente del Parma fc e non prendo lo stipendio da qualche mese stati sicuri che i media lo saprebbero di sicuro il direttore Majo per primo naturalmente così farebbe lo scoop…
      per quanti riguardi i calciatori è impossibile che non prendano lo stipendio altrimenti la società avrebbe dei punti di penalizzazione

  • 10 Settembre 2014 in 09:43
    Permalink

    I teorici della palla al balzo,pensano quello che pensavano prima, e cioè che non ci si può dimettere da propietario di una società , ed infatti il presidente non si è dimesso,se non nel momento in cui la si vende.”l’incidente” dell’EL è stato il pretesto (palla al balzo) per far sapere a tutti che la propieta ,per ben altri e svariati motivi, non era più intenzionata a investire nuove risorse,vedere ultimo mercato, e che la società stessa era in vendita. Come immagine comunicare che si vuole uscire da un mondo che viene ritenuto ingiusto,scorretto e marcio, e’ molto più nobile che farlo per volgari motivi materiali. Cordialmente.V.

  • 10 Settembre 2014 in 11:43
    Permalink

    Pajass

  • 10 Settembre 2014 in 12:37
    Permalink

    Per me il comportamento di Ghirardi è proprio da sfigato. Il Parma ogni hanno ha avuto buone idee, ad esempio riesumare ex-calciatori come Molinaro o Cassani dandogli nuovi stimoli, però credo che le buone idee arrivino quando hai entusiasmo, invece Ghirardi ogni volta che parla sembra mettere un alone di mediocrità su questa squadra dando un alibi ai calciatori e rendendo poco appetibile la piazza a futuri compratori.

  • 10 Settembre 2014 in 15:43
    Permalink

    Dopo le tante pressioni degli utenti di Stadiotardini, x farmi tornare sui miei passi (dopo le mie “supposte” dimissioni irrevocabili, date cridando dopo ke il sistema ci aveva colpito con il complotto del calendario difficile) posso dire di essere ancora amareggiato (avendo bevuto alcuni amari) e camparizzato (avendo bevuto anche dei campari makkiati), ma sto valutando la cosa. Solo nei prossimi giorni, o mesi, o anni, saprete se continuerò a scrivere come “Marcello dimissionario ma non troppo” o come “Marcello”, una differenza davvero sostanziale. Per ora vi lascio sulle spine a soffrire come delle bestie.

    mio commento del 3 giugno
    …. Ghirardi può sembrare un ragazzino x l’aspetto ma non lo è, è un imprenditore con una solida famiglia imprenditoriale attono. Opinione mia, ma non credo all’insonnia e al colpo di testa. Mi sembra tutta una sceneggiata, un teatrino per cercare di trarre comunque il massimo (almeno mediaticamente) da una situazione che difficilmente può aver stupito chi ci era dentro. Tutto comprensibile, resta da vedere qual’è il finale che hanno programmato.

  • 10 Settembre 2014 in 16:32
    Permalink

    in fondo collecchio e’ pur sempre un paesello

  • 10 Settembre 2014 in 18:17
    Permalink

    ma se c’erano i teorici della palla al balzo, io sarei un teorico della balla al palzo?

  • 10 Settembre 2014 in 20:06
    Permalink

    sarebbe meglio se si impegnasse a trovarci un nuovo proprietario ricco e appassionato di calcio, ora come ora il Parma non ha un grande futuro davanti, si prospetta un’annata senza alti ne bassi e anche la prossima forse non sarà granchè, l’unica cosa che potrebbe dare uno “scossone” positivo all’ambiente sarebbe una nuova proprietà entusiasta e disposta a investire, non un ghirardi “costretto” a tornare dal cda dopo essere stato supplicato x mesi inutilmente dai tifosi: in più se vuole davvero tornare dovrebbe farlo in modo attivo, non vendendo il più possibile, se torna deve essere per investire, non dico tanto ma quello che basta x dare a noi tifosi qualche altra soddisfazione, nessuno quest’anno spera di riconquistare l’europa però magari fare un campionato divertente e senza paura della retrocessione dovrebbe essere il nostro obbiettivo primario.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI