LEONARDI DIFENDE IL PROFESSOR DELSIGNORE E SVELA IL PERCHE’ DELL’UNICO ALLENAMENTO POST MILAN DI BIABIANY: “AVEVA L’HOLTER PER UNA PROVA SOTTO SFORZO”

image(gmajo) – Dopo l’ampia ed articolata introduzione, a seguito della domanda del collega di gazzetta.it Pietro Razzini (rispondendo al quale – le disgrazie non vengono mai da sole – Leonardi ha pure riferito della possibile operazione chirurgica cui potrebbe esser sottoposto Mattia Cassani, fermatosi domenica mattina dopo un classico “colpo della strega”, con tempi di recupero che spaziano tra i due e i quattro mesi, pericolo, invece, scongiurato per Gabriel Paletta, l’altro top player assente domenica con il Milan) sulla certificata aritmia di Biabiany, Sandro Piovani della Gazzetta di Parma ha domandato al Plenipotenziario se c’è il rischio che lo sfortunato calciatore francese non possa giocare più. La sua risposta non poteva che essere interlocutoria non essendoci certezze fin quando queste non scaturiranno imagedagli approfondi accertamenti clinici in corso. L’amministratore delegato ha anche chiarito come mai per un solo giorno Biabiany si fosse regolarmente allenato con i compagni, come certificato proprio dagli osservatori di stadiotardini.it che lo avevano visto molto pimpante in campo: ebbene, quella volta stava facendo un holter sotto sforzo. Esattamente il contrario della nostra buonistica interpretazione, per cui proprio quella seduta avrebbe dovuto essere la dimostrazione lampante che il giocatore non poteva esser stato tagliato dal Milan dopo le visite mediche, come sostenuto subito dalle televisioni lombarde, che evidentemente avevano ricevuto una buona imbeccata ed avevano detto la verità.

“Per questo tipo di situazione, Sandro, ad oggi, io non posso aggiungere altro, ma non perché voglia, come ho ammesso, omettere. Io, con molta schiettezza e sincerità, ti dico questa cosa avendo sofferto, e non poco, per quel che è successo a un ragazzo che avevo portato io a Udine, che è Morosini. Perciò davanti a queste cose qui, per me, va a scemare qualsiasi tipo di discorso. Io ritengo, e mi auguro fortemente che questo sia un problema minimo, che è venuto fuori…

imageE anche qui è venuto fuori un discorso che ci sono medici più o meno bravi: io penso che a Parma si debbano fare i complimenti al professor Delsignore per come sta seguendo questa cosa, per quella che è la sua storia e per tutto il resto, e invece ho sentito da quando è scattato questo grande sgub, come diceva magari Biscardi, quando è venuta fuori questa notizia, che al Milan ci sono medici più bravi che al Parma. Un problema di questo tipo può arrivare da un giorno all’altro, e questo è risaputo e basta informarsi: ha ottenuto, negli anni, varie idoneità, non solo al Parma, perciò l’ha ottenuta dalla Sampdoria, dall’Inter, dal Modena e compagnia bella…

Io ritengo proprio per la serietà e per la professionalità del professor Delsignore, che è a pieno titolo la persona preposta a questo, fin quando, dico io, Delsignore non mi dà ufficialmente il suo parere per cui può tornare in campo, attraverso una serie di consulenze e di responsi, il giocatore non gioca. Poi se questo potrà succedere tra una settimana o non giocherà più, su questo non sono in grado di poterti rispondere”.

Piovani insiste: quindi anche sui tempi di una diagnosi…

“Non ci può essere. Ci siamo ripromessi, di comune accordo con il giocatore e con tutti, fin quando non abbiamo le certezze, il giocatore non viene utilizzato. E anche nel momento in cui è stato utilizzato in campo post Milan, anche in quella circostanza specifica era una verifica, perché lui aveva l’holter per un test clinico sotto sforzo. Perciò ha fatto quell’allenamento con l’holter che lo controllava”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

QUI COLLECCHIO – BIABIANY TRA I PIU’ PIMPANTI IN PARTITELLA: DIRETTAMENTE DAL CAMPO LA DIMOSTRAZIONE CHE NON POTEVA ESSER STATO TAGLIATO DAL MILAN DOPO LE VISITE MEDICHE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “LEONARDI DIFENDE IL PROFESSOR DELSIGNORE E SVELA IL PERCHE’ DELL’UNICO ALLENAMENTO POST MILAN DI BIABIANY: “AVEVA L’HOLTER PER UNA PROVA SOTTO SFORZO”

  • 18 Settembre 2014 in 17:34
    Permalink

    Siamo in serie B!!!!! sembra di essere in una storia terribile da quando abbiamo battuto il Livorno niente è andato più per il verso giusto….. lasciamo stare la cantilena della mancata concessione della licenza UEFA che ormai ha stufato un po’ tutti e che il plenipotenziario continua a somministrarci appena può.
    Parliamo invece mercato scellerato,l’ allenatore in totale confusione che fin dalle amichevoli estive( fa giocare ala belfodil che non azzecca un cambio da un anno) sfortuna a non finire con infortuni vari, per altro dei nostri giocatori così detti top player!!!! Quel groppone romano ci viene a dire che ci siamo potenziati e che c è la possiamo andare a riprendere????
    L UNICA COSà ( a meno che sanT’ Antonio Cassano ci faccia la grazia,20) e che ci ANDIAMO A RIPRENDERE LA SERIE B che dal 2009 ci gira lontano!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! COMPLIMENTI A TUTTI

    • 18 Settembre 2014 in 17:40
      Permalink

      Mi sembri un po’ troppo pessimista. Indubbiamente ci sono stati problemi ed errori (e magari Piovani aggiungerebbe pure “orrori”), ma di solito il morto lo si seppellisce dopo che ha esalato l’ultimo respiro. Per cui direi siamo meglio aspettare a fare i disfattisti. E anche per quanto riguarda i proclami leonardiani, mi pare che il Plenipotenziario, coscienziosamente, da fine mercato in poi non è che ne stia facendo poi tanti…

      Comunque, signori, la situazione è questa e razionalmente bisogna farsene una ragione: l’eccezione era la grandeur dell’anno scorso: non si può pretendere che il Parma spacchi il mondo tutti gli anni.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 18 Settembre 2014 in 18:41
        Permalink

        Caro direttore,
        concordo sul fatto che fasciarsi la testa prima di rompersela sia un paradosso, anche se, una testa ancora sana ma giá fasciata é piú resistente di una “nuda” e sprovveduta.

        D’ogni modo, se valutavi la squadra da 10º posto “tranquillo” prima di queste brutte conferme, converrai che con queste disavventure il “tranquillo” lo possiamo tranquillamente cancellare e il 10º potrebbe peggiorare di un paio di posizioni.

        OK, non sará la serie B, ma se non sono bravi loro a far di necessitá virtú, e bravi noi a stargli vicino e sostenerli temo che piuttosto che toglierci delle soddisfazioni ci procureremo delle preoccupazioni.

        FORZA PÄRMA sempre e comunque!

        • 18 Settembre 2014 in 18:51
          Permalink

          Il mio decimo posto era piuttosto ottimistico, era un 10-12, e già propendevo più per il 12, che non per il 10, se devo dire la verità. Con queste due tegole, con Paletta che comunque è a rischio, tempo che dovremo ritenere realistico un 14-15, ma difficilmente più del 12…

  • 18 Settembre 2014 in 19:13
    Permalink

    IO NON SONO PESSIMISTA SONO REALISTA e INCAZZATO PERCHé QUESTA SQUADRA é UNA PRESA IN GIRO.
    ANALIZZANDO LE ROSE secondo mè siamo realisticamente al pari di Palermo,Sassuolo e Chievo.
    ( che speriamo si accontenti del pari se no domenica andremo incontro ad una sconfitta che sarà figlia del ostracismo tattico del nostro allenatore!!!!!!!!)
    sotto di noi ci sono solo l’Empoli e il Cesena ( che ha vinto lo scontro diretto e che non ha neanche faticato molto).
    in più ci si mette anche la dea bendata a far girare tutto storto privandoci dei nostri pochi giocatori di spessore e facendo calare ulteriormente il livello,le premesse sono pessime e portano tutte a una consonante che speriamo risuoni solo nella mia testa e non si concretizzi a fine maggio.

I commenti sono chiusi.