L’OPINIONE DI MAJO DOPO CESENA-PARMA: “E SAREBBERO QUESTI GLI INCAZZATI?”

P1050410(gmajo) – Nottetempo lo spazio commenti di stadiotardini.it si è trasformato in un lavandino in cui diversi tifosi crociati hanno vomitato la propria delusione dopo l’esordio in campionato, che aveva visto i propri portacolori soccombere, sia pure di misura, con la matricola Cesena. Pur con la tanta – troppa – rabbia inevitabilmente espressa in siffatta circostanza, in mezzo alle tante esagerazioni qualche barlume di lucidità o di raziocinio lo si poteva anche intravvedere. Ad esempio, da questo punto di vista, a mio modo di vedere si è distinto il lettore Filippo (o SuperFil, poiché di Filippi ne abbiamo più di uno) che ha così articolato la propria opinione: “Il Cesena ha vinto non perché ha giocatori da A e invece noi da B, ha trionfato perché aveva più voglia di faticare, di soffrire e di VINCERE. Abbiamo anche pagato il fatto di non aver completato il mercato. Attacco: Amauri e Coda sono sulla lista dei partenti da molto tempo, ma tolti loro chi ci metti? Melli?. Centrocampo: le alternative ai titolari chi sono? Non c’era nessuno da mettere al posto del neo arrivato Lodi? Si vedeva che non era in forma, ha sbagliato anche le specialità della casa (le punizioni)!” Sono convinto anch’io – e non solo io, ma ad esempio anche Capitan Lucarelli che su questo ha detto che il Parma deve prender lezione dal Cesena – che la differenza l’abbia fatta l’ardore, l’agonismo, la voglia, la bava alla bocca dei padroni di casa, sospinti da una vera bolgia e non da quaquaraqua, che non la qualità tecnica, quella sì, tutta dalla nostra parte. Ma con la sola qualità, e questo sarebbe bene che se lo ricordasse anche mister Donadoni, l’amante del piede sopraffino, non si va molto lontano, soprattutto quando ti trovi a misurarti in certi contesti, dove i poveretti con i forconi hanno la meglio sui signorotti, un po’ decaduti. E se la differenza l’ha fatta la vis agonistica, vuol dire, come giustamente ha rimarcato SuperFilippo che non c’entra la qualità tecnica dei giocatori, che non sarà da squadra candidata a vincere la Champions League (del resto, come noto, la Licenza Uefa ci è stata negata…), ma che è comunque decisamente superiore (parlo al netto delle operazioni che si materializzeranno, se si materializzeranno, oggi) a chi si pone come scudetto la permanenza nella categoria (obiettivo dei romagnoli): dunque non mi pare particolarmente lucido chi asserisce che il Parma abbia in organico giocatori da serie B. Anzi, direi tutt’altro, poiché, come dicevo, le qualità individuali – sia pure non eccelse, ma per qualcuno buone, per altri discrete, per altri ancora sufficienti – non mancano per poter concorrere a un campionato da metà classifica, diciamo anche da parte sinistra, se vogliamo (all’ultimo posto): quel che è mancato, però, è quella che chiamano cattiveria agonistica, senza la quale, anche al netto di giocatori migliori, si rischia di finire all’ultimo posto della colonna di destra. E quello sarebbe davvero grave. Ma non avremmo dovuto vedere in campo gli Incazzati, quelli che su ogni campo vogliono vendicarsi per l’ingiustizia subita? “Siccome siamo incazzati non facciamo la presentazione alla città”, aveva aggiunto l’altro giorno il capo-popolo Leonardi: beh, se poi trova qualche lettore che gli dice che non è stata presentata perché impresentabile non si offenda… Tra l’altro, intervistato da Sandro Piovani per la GdP, il Leo ha anche sancito (non l’ho sentito direttamente, ma copio incollo dal sito ufficiale): “penso abbia influito tantissimo quanto successo in questi mesi”. Quello che è successo in questi mesi è ovviamente la non assegnazione della Licenza Uefa: ma non doveva appunto esser questo all’origine della incazzatura che dovrebbe tramutare i nostri giocatori in assetati vendicatori? Purtroppo, ma questo il Sommo Dirigente nel suo intimo lo sa bene, non si può tirare innanz solo coi proclami: e la sensazione da grande bluff, dopo il test di Cesena, penso che sia davanti agli occhi di tutti. A image (6)proposito di occhi: a Varese il super tifoso Paolo Conti (che ieri ha completato il suo selfie dal Manuzzi con la didascalia “E io ci sono”), aveva detto dinnanzi la telecamera di stadiotardini.it che è convintissimo che possiamo andarcela a riprendere poiché a Collecchio ha visto nello sguardo di tutti gli occhi della tigre. A parte che questa espressione (occhi della tigre) mi ricorda tristemente la spiegazione fornita da Tommaso Ghirardi alla sua scelta di Domenico Di Carlo (dopo aver fatto colloqui a sei o sette allenatori tra cui Guidolin, arrivato un paio di anni dopo) quale tecnico per il post Ranieri e quindi non mi pare propriamente propiziatrice sapendo come poi sarebbero andate a finire le cose al termine di quel triste campionato, però anch’io credevo di aver visto gli occhi della tigre nel selfie di Capitan Lucarelli, a bordo del pullman sobrio ma blasonato, che stava trasportando i nostri eroi a Cesena. Come si suol dire, però, la via dell’inferno è lastricata di buone intenzioni… Beh: capitan Lucarelli – il quale iersera è stato l’autore, all’ultimo respiro, della deviazione più pericolosa verso la porta di Leali, bravo a non far transitare la sfera nel sacco, e questo la dice tutta sulla pericolosità offensiva dei donadoniani – a inizio stagione era stato tra i primi ad amplificare lo slogan “andiamocela a riprendere” (anzi, Manfredini, erroneamente, credeva persino che fosse stato lui l’ideatore del claim finito sulle t shirt 2014 del CCPC in gran numero orgogliosamente sfoggiate ieri sera in Curva Nord): dopo la prova di ieri, invece, mi pare che abbia decisamente ridimensionato la mission: “In certi momenti – sintetizza fcparma.com – ci è mancata la giusta cattiveria sportiva, quella che ha avuto il Cesena, una squadra che deve salvarsi, che poi è come sempre il primo nostro obiettivo di questa stagione, cercando di dimenticare quella che è stata la scorsa.” E’ bastato perdere con una delle candidate alla retrocessione per tornare a tirar fuori la coperta di Linus dei 40 punti primo obiettivo e perdere tutta la baldanza di chi avrebbe voluto inseguire la splendida utopia di replicare il miracolo sportivo di un anno fa (senza alcuni dei decisivi protagonisti e coi superstiti più stagionati di un anno). Nella trascrizione del sito ufficiale non c’è la frase di Lucarelli, ascoltabile, comunque, sul canale youtube di Parmachannel (che ha cambiato cine-operatori, perdendo il qualificatissimo Giacomo Azzali), secondo cui il Parma dovrebbe prender esempio dal Cesena. Anzi, la sintesi del sito ufficiale che abbiamo proposto sopra, sintetizza appunto il pensiero di Lucarelli, che merita, secondo me, di esser trascritto integralmente, cosa che mi accingo a fare. Il capitano ha risposto alla seguente domanda del popolare giornalista Sandro Piovani: “Senti c’è una parola che è incazzati: non è che da incazzati o da arrabbiati le cose non si fanno lucidamente?” Ed ecco le parole di AleLucarelli: “No, no. Non penso… Sappiamo benissimo quello che è il nostro obiettivo quest’anno e cosa dobbiamo fare per raggiungerlo. Quindi tutto quello che è stato fino a maggio va dimenticato, lo abbiamo dimenticato e adesso è una vita nuova, un campionato nuovo. Quindi si riparte tutti da zero: bisogna mettere dentro solo l’umiltà e la cattiveria di una squadra che deve salvarsi e magari stasera possiamo anche imparare qualcosa dal Cesena che sotto questo aspetto ha dimostrato grande carattere e grande determinazione”. Bene, se la mission è quella di salvarsi mi chiedo quanto possa essere adatto come guida Roberto Donadoni, che mi pare abbia le stimmate giuste per tentare di andarcela a riprendere, cioè per fare un campionato di medio-alta classifica, che non per lottare sui bassifondi, laddove servono tecnici alla Bisoli, che è una sorta di neo-Mazzone. Ieri, questi, era un’iradiddio in campo, sembrava morso da una tarantola; indubbiamente anche la struttura fisica gli conferisce un certo phisique du role: e poi, anche in sala stampa, ha detto chiaro e tondo che lui, arrivando dai dilettanti, non chiede alla sua società di far degli sforzi, magari pur essendocene bisogno, e si accontenta di lavorare con quel che ha. E intanto con quel manipolo che ha a disposizione – non certo di prima scelta, anzi, persino con qualche nostro avanzo (Coppola, Cascione) ha scritto un’altra pagina di storia, giacché il Cesena non aveva mai vinto al debutto. Quando mandava in campo le riserve le istruiva personalmente (e non attraverso il vice, come fanno un po’ tutti i borghesi della massima serie) brandendoli per il collo e quasi pareva li strozzasse. Insomma: gran parte della vis agonistica dei giocatori deriva proprio da quel suo modo di essere piuttosto esuberante e deciso, indubbiamente difforme rispetto all’aplomb donadoniano, più idoneo ad una grande, che non a una piccola o a una disperata (a parte che il valore aggiunto di Conte alla Juve, che è una grande, era sostanzialmente analogo a quello offerto da Bisolone ai neopromossi romagnoli”. Se la mission è salvarsi e basta non so quanto possa esser utile un centrocampo tecnico, che cerchi di imporre (peraltro assai sterilmente) il proprio titic e titoc, anziché andare alla ricerca di un lecito confronto fisico con gli avversari da “incazzati”. Eccezion fatta per Acquah, direi che gli altri prescelti non fossero propriamente dei granatieri. E peraltro Jorquera, dal quale il tecnico si attende di più proprio per le qualità che ha, mi è parso decisamente più pericoloso dello spaesato Lodi, il quale non ha certo inferto personalità alla squadra, peraltro mancando anche nella rinomata specialità, alias i calci piazzati. Che avesse dovuto giocare solo gli ultimi sei minuti come Cerri a Lanciano per risultare determinante? Lor signori avranno notato che nella presente articolessa mi sono soffermato su temi differenti rispetto a uno dei principali problemi emersi nettamente ieri e nel precampionato, alias la sterilità offensiva. Se l’ho fatto è perché ritengo più grave ancora la mancanza di “incazzatura”, dopo che la medesima ci era stata sbandierata come imprinting stagionale. Sarebbero quelli di ieri sera gli Incazzati? Il tema della sterilità offensiva, comunque, è stato sdoganato dall’onesto Lucarelli che non ha avuto difficoltà ad ammetterla: “Siamo stati un po’ troppo evanescenti davanti, nonostante avessimo giocato molto nel secondo tempo: abbiamo sempre messo il Cesena nella sua metà campo, e praticamente abbiamo tirato pochissimo in porta. Quindi è sicuramente un aspetto su cui dobbiamo lavorare e migliorare, perché se no facciamo fatica a far gol. Quel che abbiamo fatto è un po’ poco e quindi, sicuramente, dobbiamo metterci a lavorare per migliorare questo aspetto. Si era vista anche nel precampionato questa nostra fatica a trovare il gol, quindi dobbiamo lavorarci sopra. C’è un discorso anche di caratteristiche di giocatori: dobbiamo cercare di lavorare più da squadra davanti e non da singoli, altrimenti diventiamo prevedibili”. Per non esser prevedibili, pur in assenza di Cassano, Donadoni ha confermato il tridente leggero, anomalo ed interscambiabile con Palladino virtualmente falso nueve (o falso sette o falso undici, a seconda dei momenti) per non offrire punti di riferimento agli avversari. Nella parte finale di gara, ricetta diametralmente opposta: due bei punti di riferimento come Amauri e Massimo Coda (che almeno ha provato a tirare in porta, al di là del CV ricco di calcio da terza serie e che chissà Dio se resterà, giacchè Donadoni non ha risposto, iersera, alla mia domanda diretta se rientra nel suo progetto tecnico) con alle spalle Belfodil (il quale non mi pare propriamente un trequartista), andando ad intasare soprattutto le vie centrali, in una serata in cui gli esterni sia offensivi, che di supporto, non mi pareva fossero dei fulmini di guerra (Cassani, ci ha spiegato il mister, ha l’attenuante di esser stato male tutta la settimana, ma allora, dico io, perché mandarlo in campo a rimediare quella figura, quando l’esordiente Ristovski ha tutte le caratteristiche per fare bene, al di là della giovane età?). A mio modo di vedere, in assenza di Cassano, e in determinate circostanze (campi difficili come il Manuzzi con avversari ostici come il Cesena) si potrebbe anche evitare di fare gli sterilmente propositivi, mettendo in campo un undici più battagliero e con punti di riferimento che facciano sportellate. Perché se si è molli, ma che dico molli, come direbbe Malesani, non si è incazzati. E se non si è incazzati si va poco lontano. Infine; stamani in tanti si sono meravigliati di aver letto sulla Gazzetta di Parma cartacea (che poi ha puntato su quella frase anche per il richiamo sul web) che Leonardi si è detto preoccupato. A caldo la cosa non è passata inosservata a Luca Bertelli, già voce di Parma Channel, confermato radiocronista di Radio Bruno, che ha segnalato la cosa a Lucarelli, salvo, però, poi chiudere la domanda parlando di mercato, distraendo, così, l’interlocutore da un punto chiave. Ecco la risposta del capitano: “C’era qualcuno che ha la possibilità di andar via e quindi inconsciamente era un po’ condizionato. Fortunatamente adesso, lunedì o martedì, chiude e ci metteremo per bene lì quelli che saremo e ci concentreremo bene su questa stagione, perché nessuno ti regala niente e sarà molto difficile e quindi sarà bene affrontarla con l’umiltà giusta e il piglio giusto”. Insomma, sulla preoccupazione di Leonardi, nulla… Di Leonardi, invece, a me preoccupa di più questa sua considerazione vergata su fcparma.com: “Se questa è la reazione a quanto è accaduto, non ho niente da dire. Non abbiamo giocato con lo spirito giusto. Mi auguro che sia solo una serataccia. Il nostro campionato ora deve iniziare con il Milan: dobbiamo resettarci e ripartire. Se fosse un blocco psicologico, sarebbe dura. Spero di no”. Poi Leonardi fa finta che la gara di Cesena sia stata (e per certi versi la è stata davvero…) l’ultima amichevole del precampionato: “Facciamo finta che il nostro campionato inizi il 14 settembre”. Facciamo finta fin che vogliamo, ma intanto i punti in classifica sono zero e una giornata è andata, sicché i primi tre (o al limite uno solo) sono persi… Peraltro il 14 settembre, al Tardini, ci terrà a battesimo il Milan e non il Roccacannuccia: vabbé che forse per gli stimoli che offrono i rossoneri, forse sarà più facile essere incazzati…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

101 pensieri riguardo “L’OPINIONE DI MAJO DOPO CESENA-PARMA: “E SAREBBERO QUESTI GLI INCAZZATI?”

  • 1 Settembre 2014 in 12:59
    Permalink

    Concordo con te majo

  • 1 Settembre 2014 in 13:11
    Permalink

    io ho vomitato durante la partita,mi vien in mente la mia battuta sullo slogan della campagna abbonamenti ….quest’anno porta del maalox

  • 1 Settembre 2014 in 13:21
    Permalink

    Direttore…..esprimo un’opinione personalissima: Ieri sera abbiamo indubbiamente fatto cagare (mi si passi il francesismo…..) per poca voglia ma anche per poca qualità (che arriva a zero se parliamo di Palladino).
    Mi permetta però di fare una considerazione che vale non solo per noi ma in generale: Secondo lei è normale fare la prima giornata col mercato ancora aperto e oltretutto durante le ultime ore, ore in cui ci sono gli scambi più febbrili e quelli che magari si protraggono da più tempo vengono conclusi?
    Un esempio: Biabiany ieri sera ha giocato male secondo me, sono giorni che lo danno al Milan e oggi è arrivato lo scambio con Zaccardo.
    Tra due settimane ce lo ritroveremo contro….
    Tra l’altro dopo la prima giornata c’è subito la sosta per la nazionale….
    Secondo lei non avrebbe più senso iniziare a ferragosto o prima (come tutti i campionati seri quali Francia, Spagna, Inghilterra, Germania….) oppure direttamente dopo la sosta?
    Io credo che sia una cosa assurda da vedere…una giornata il 31 con giocatori che il giorno dopo ti ritrovi contro…poi subito una sosta….bho…

    Saluti

    • 1 Settembre 2014 in 14:35
      Permalink

      Stranamente mi trovo d’accordo con Lei, Manno, o è Lei che si trova d’accordo con me, giacché di questo non sense ho scritto ieri nel rispondere alle domande di Savarese nell’Ubi Majo prima della partita di Cesena. Io sarei dell’idea (come Donadoni) che il campionato si apra a mercato concluso, e che una volta che è partito non si debba interrompere subito dopo la prima giornata. Per cui inizierei direttamente dopo il primo impegno della Nazionale, a maggior ragione in quelle annate sportive senza importanti manifestazioni internazionali alla fine. A parte che con 18 squadre anziché 20 ci sarebbero meno di questi problemi…

      Sul discorso di ieri sono d’accordo con Lei, senza tanti giri di parole, che abbiamo indubbiamente fatto cagare: però credo che sia stata più determinante la mancanza di voglia che non di tecnica. E Palladino non sarebbe neppure scarso come qualità. Ieri, tecnicamente, il Parma era senza dubbio superiore al Cesena, che però ci ha battuto con le armi dei piccoli. E noi, con una certa presunzione, abbiamo lasciato fare…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 1 Settembre 2014 in 19:48
        Permalink

        Purtroppo non ho avuto modo di leggere l’articolo di Savarese e i relativi commenti…
        Comunque vorrei far notare come Amauri ieri era da noi cambiando il volto della gara e oggi sta per firmare col torino (già….quel torino che ci starebbe ostacolando col ricorso al TAS….gli diamo anche i giocatori….).
        Provo un pò di schifo in tutto ciò.

  • 1 Settembre 2014 in 13:21
    Permalink

    conmcordo su tutto con te majo….. e anche con assioma per il vomito…..conato che ho anche adesso che è stato dato per ufficiale lio scambio byabiani +4,5 milioni….ZACCARDO!!!!..oh zaccardo !!……nemmeno niang ( che personalmente non godo) forse non hanno capito che serve una punta!!!!!……ennesima conferma che il mercato è fatto a random per dare una parvenza di attivismosul mercato quando poi è solo per tirar su qualche milioncino che serve alla propietà dimissionaria…..

    • 1 Settembre 2014 in 14:14
      Permalink

      Credo che i milioni di differenza siano molti meno.

    • 1 Settembre 2014 in 14:47
      Permalink

      Qui si pensa solo ai soldi di cui le casse sono vuote.
      Rassegnamci ragazzi.
      Sara’ un anno da disperazione e lo dico non perche’ sono deluso.
      Sono semplicemente realista.
      Il giocattolo e’ rotto e Ghirardi non ne vuole comprare uno nuovo.
      Posso solo dire che son stato un fesso a rifare l’abbonamento.
      Io ci sto se uno mi dice non ho soldi; vendo tutti e riparto con giovani. Ma cosi cosa riparto, con Zaccardo?

  • 1 Settembre 2014 in 13:42
    Permalink

    L’errore più grosso di Donadoni ieri è stato lasciare in campo Cassani tutto quel tempo…dopo 10′ andava cambiato..per di più avendo almeno 4 terzini in panchina, fare peggio di lui era impossibile…anche un cieco vedeva che non era presentabile, e per il gol è colpa soprattutto sua.
    Per le altre scelte dobbiamo metterci nei suoi panni, ieri non aveva un giocatore di calcio in panchina diventa difficile andare avanti così…ha giocato Coda che non penso abbia mai fatto un minuto in serie B.
    Ma lo cosa più sconcertante sono certe operazioni di mercato, mi può star bene cedere biabiany a favore del bilancio ma riprendere Zaccardo è inammisibile, per di più con già 12 difensori in rosa…è una cosa vergognosa.
    Capisco che ghirardi vuole rientrare con i soldi, xò cazzo.
    Majo certe operazioni dell’ “abbandonato Leonardi” quest’anno non riesco proprio a capirle…quindi sta scendendo un pò anche nel mio gradimento…anche se penso che la colpa più grossa sia della Proprietà piu che del Plenipotenziario.
    Saluti e sperema ben

    • 1 Settembre 2014 in 13:55
      Permalink

      A me risulta che il conguaglio a favore del Parma sia più sostanzioso di 5 mln. Mi risulta inoltre che venga investito quasi in toto per un giocatore spagnolo di centrocampo con parecchi gol nei piedi per sostituire degnamente Parolo. Si tratta di un giocatore che la nostra piazza sarebbe “tanta roba”.

      • 1 Settembre 2014 in 14:00
        Permalink

        Mi dica, stefano, anzi, ci dica: senza svelar le fonti – che sappiamo benissimo essere segrete (tranne quando sono inquinate, che allora è come in guerra e in amore tutto è lecito) – come può esser al corrente di coteste sicure informazioni? Chi sarebbe il centrocampista spagnolo con parecchi gol nei piedi che rimpiazzerebbe Parolo? Come ga a fire che i soldi versati dai rossoneri siano più di 5 ml? E come fa ad esser così sicuro che saranno totalmente reinvestiti (cosa della quale personalmente dubito parecchio?)
        Cordialmente
        Gmajo

        • 1 Settembre 2014 in 14:12
          Permalink

          Se un giocatore va in scadenza di contratto il 30.06.2015 chiaramente il costo del cartellino risulta più conveniente. Quindi con 5 mln più bonus (più o meno come Parolo) si possono ambire a giocatori più “necessari” per strutturare al meglio l’ossatura di una formazione. Il sostituto di Biabiany è più agevole trovarlo.

          • 1 Settembre 2014 in 14:17
            Permalink

            Grazie, ma non mi pare abbia risposto chi sia il nuovo Parolo. E il ragionamento anche logico che fa non è detto che sia stato attuato…

      • 1 Settembre 2014 in 14:11
        Permalink

        ma smettila,o ci fai un copia incolla del contratto di cessione e il nome di sto cacchio di centrocampista o vai a scrivere per novella 2000

        • 1 Settembre 2014 in 14:30
          Permalink

          devi aver pazienza e vedrai che, se superiamo la concorrenza di una squadretta inglese, l’iberico sbarcherà a Parma

          • 1 Settembre 2014 in 14:36
            Permalink

            Sputa il nome: tanto la squadretta inglese non ci legge… Siamo solo un modestissimo blog locale, una piccola nicchia…

          • 1 Settembre 2014 in 14:50
            Permalink

            immagino stia parlando di Diego Capel del Lisbona. lui non è male ha anche giocato la champions col siviglia se non sbaglio e con lo stesso siviglia vinto tanto. Va detto che l’ultimo anno non ha fatto granchè e non ha mai segnato tanti gol (neanche il biabia se per questo).

  • 1 Settembre 2014 in 13:46
    Permalink

    Zaccardo torna perchè non doveva nemmeno andare. I giornalisti di Parma sanno tutti benissimo come stanno le cose e come venne fatta l’operazione Zaccardo due anni fa. Doveva tornare a giugno 2013 in base agli accordi presi tra le parti ( Milan e calciatore) . Le parole spese si devono mantenere prima o poi, al di là dei proclami fatti e ripetuti
    E speriamo che finisca questo allineamento totale dei giornalisti con i proclami della società . Grazie signor Majo perchè Lei da sempre è l’unico non allineato. Ma faccia di più e dica anche quello che non è politically correct, proprio perchè è vero.

    • 1 Settembre 2014 in 14:16
      Permalink

      Grazie per i complimenti, alessandro, ma io, sarò disinformato, ma non ero affatto al corrente di quello che lei asserisce sapessero tutti i giornalisti di Parma e cioè che c’era un accordo pregresso per cui Zaccardo avrebbe dovuto tornare.
      Io ricordo perfettamente che Cristian, quando andò via, era molto incazzato: e probabilmente dovette andare per il solito problema di risparmiare due eurini (due eurini si fa per dire) sull’ingaggio, anche se la vulgata era quella di accontentarlo poiché a una veneranda età (due anni fa…) desiderava cavarsi le ultime soddisfazioni in una grande, che per altro lo escluse dalla lista Champions… Quella operazione, a suo tempo, la contestai perché allora di Zaccardo ce n’era bisogno (e credo che i fatti lo avessero dimostrato, visto i problemi sul suo versante di pertinenza e non solo nel prosieguo di quella che sarebbe diventata una deludente stagione, di fatto poi solo salvata nel finale, dopo mesi di precipizio…), mentre oggi, mi chiedo, perché debba tornare. Forse perché il Milan ti ha detto: vuoi cinque eurini (cinque eurini si fa per dire) per Biabiany: bene, allora ripigliati (o vattelo a riprendere…) Zaccardo…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 1 Settembre 2014 in 13:53
    Permalink

    Caro Direttore, concordo in pieno! Aver perso contro gli scarti del Parma (chi ha visto la preparazione di qualche stagione fa conosce bene Coppola, non esattamente un centrocampista da champions league) che hanno ridicolizzato i nostri, è stata una brutta botta. Gli incazzati sono sicuramente i tifosi, dopo questa gara.

    Ma i toni da tregenda non è che per caso hanno contagiato anche l’ufficio stampa? Ier sera, leggendo il primo articolo sul sito fcparma.com ho visto combinazioni come “retroguardia impreparata” “attacco sterile” che in passato raramente ho letto sull’organo ufficiale, sempre molto – giustamente – difensivo delle prestazioni ducali. E’ cambiato qualcosa nell’organigramma societario? Cosa sta succedendo nelle fila di “retroguardia” di marketing e comunicazione?

  • 1 Settembre 2014 in 14:16
    Permalink

    @majo…con grande “disgusto” apprendo che il gobbo amauri arriva al mio amato toro….ma non potevate tenervelo stretto?

    • 1 Settembre 2014 in 14:22
      Permalink

      Salve Luca, d’accordo che passo per simpatizzante del Toro (solo perché sono ospitale e aperto al dialogo con gli avversari, nel nome della sportività e del fair play), ma non potrò certo consolarti io per l’arrivo in granata di Amauri. A parte che anche a queste latitudini non c’è molta simpatia per i gobbi, eppure, “Ama”, nonostante questo, si è fatto amare ed apprezzare da gran parte dei tifosi gialloblù e sono sicuro che possa succedere lo stesso a quelli torinisti.

      Piuttosto – a parte che aspetto tutte le ufficialità del caso prima di sfogarmi come si conviene – ma io troverei aberrante concludere affari con Cairo dopo che per tutta estate è stato indicato (lui e la sua squadra) quale grande nemico, con le tifoserie che hanno iniziato a guardarsi in cagnesco… Ecco, per ragioni di opportunità, l’elemosina di Cairo (sia pure ricca) per decenza dovrebbe esser rifiutata. Coerenza zero…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 2 Settembre 2014 in 03:52
        Permalink

        concordo in toto! carissimo direttore.l’intelligenza va oltre il tifo ed è per questo che 2 persone possono dialogare..le diro’ un aneddoto sim paticissimo..in crociera ho visto con i miei occhi 2 palestinesi e 2 ebrei dialogare come amiconi e senza spararsi…detto questo è detto tutto

  • 1 Settembre 2014 in 14:32
    Permalink

    Biabiany al Milan e Amauri al Torino già confermati. Su Radio24 lo hanno dato per ufficiale e tra poco Pardo (amico e biografo) parlerà del futuro di Cassano!
    Se entro domani non arriveranno degni sostituti, possiamo quasi dire che questa stagione assomiglia più a una rifondazione (allenatore a parte) che ad una replica del Centenario!

    • 1 Settembre 2014 in 14:39
      Permalink

      Ciao Teo, scusa l’antichità, ma io l’ufficialità la considero tale non già se lo dice Di Marzio, Pedullà, o Radio 24, ma se lo vedo vergato dai club interessati sui propri siti o su quello della Lega…

      Piuttosto fammi sapere che dice il biografo Pardo del suo amichetto alla playstation… Non vorrei andasse anche lui al Toro…

      Rifondare sarebbe stato meglio programmandolo all’inizio, con un altro allenatore. E senza ripeterci tutta estate (che poi ci sono un sacco che ci credono…) che si debba andare a riprenderla…

      Cordialmente

      Gmajo

      • 1 Settembre 2014 in 15:00
        Permalink

        Riassunto della giornata odierna:
        1. Ceduto Amauri
        2. Ceduto Biabiany
        3. Empoli che sta trattando per il ritorno Pozzi
        4. Dinamo Kiev che chiede informazioni su Belfodil.
        Egr.Sig.Majo,
        mi sembra inevitabile che entro stasera a Parma arriveranno almeno 2 attaccanti.
        Vuole ravvivare il pomeriggio dei frequentatori del suo blog, con la domanda “chi saranno i 2 nuovi attaccanti del Parma?”
        Saranno prestiti oppure parametri 0?

      • 1 Settembre 2014 in 15:01
        Permalink

        Pardo ha parlato con Cassano mezz’ora fa ed avrebbe confermato che resta dei “nostri” ma hanno trattato l’argomento con molta rapidità e senza dettagli. Hanno speso 2 parole sulla situazione societaria e mercato, inutile scriverti se si è trattato di un elogio o di una critica…

          • 1 Settembre 2014 in 16:52
            Permalink

            Hanno quasi testualmente detto che siam passati dalle stelle alle stalle accennando al mercato in uscita e alla posizione traballante di Ghiradi! Leggendo anche un sms infuocato di una tifosa che temeva la serie B alla luce delle cessioni odierne.

  • 1 Settembre 2014 in 15:00
    Permalink

    beh per biabiany ci sono le foto dell’arrivo a Milanello per le visite mediche e si parla di Diego Capel come sostituto.
    Pare sia la riserva di Nani allo Sporting Lisbona.
    Un altro panchinaro in un campionato di livello inferiore a quello italiano. Non male direi come rinforzo. Vedremo

    • 1 Settembre 2014 in 15:08
      Permalink

      Ci sono panchinari e panchinari. Guarda il curriculum del giocatore e le presenze nelle varie rappresentative spagnole. Ricordati che fare il centrocampista nelle selezioni spagnole non è come farlo in Italia, la concorrenza è veramente agguerrita. Borja Valero, per esempio, ha un pedigree meno titolato.

    • 1 Settembre 2014 in 15:18
      Permalink

      Se non erro il Portogallo potrebbe superarci nel ranking Uefa, per cui non penso che il campionato portoghese sia opi così inferiore a quello italiano.

  • 1 Settembre 2014 in 15:15
    Permalink

    E’ un giocatore che ha già imboccato la parabola ribassista nella sua carriera. A 24 anni ha raggiunto il top e poi campionati senza tanta fama.
    In generale segna molto poco.
    Se fosse stato un fenomeno, lo sporting non avrebbe preso un calciatore nel suo ruolo

    • 1 Settembre 2014 in 16:16
      Permalink

      stiamo parlando di un calciatore del 1988. Quindi di 26 anni!

  • 1 Settembre 2014 in 15:16
    Permalink

    Quindi in questo momento il parma si presenterebbe in attacco con Belfodil, Cassano e Palladino. Esagerando 15 goal totali. Non male come mercato, grazie pietro. Ma non potevamo prendere anche tassotti con zaccardo????? VERGOGNOSI……….

  • 1 Settembre 2014 in 15:18
    Permalink

    intendiamoci ghirardi e’ stato chiarissimo,ma c’e’ parecchia gente a parma che non ci arriva,o quantomeno e’ gente che ha visssuto l di sopra delle proprie possibilita’ e farebbe bene ad andare da feltrinelli a comprarsi un bel libro da leggere…….

  • 1 Settembre 2014 in 15:19
    Permalink

    Da Wikipedia Diego capel
    Questa la sua carriera con due presenze in nazionale nel 2008 e poi nulla più.
    2004-2007 Siviglia Atletico Siviglia Atlético 88 (7)
    2004-2011 Siviglia Siviglia 126 (6)
    2011- Sporting CP Sporting CP 57 (9)
    Negli ultimi 3 campionati ha segnato 9 gol in tutto.
    Poi non è stato preso ma solo rumor

  • 1 Settembre 2014 in 15:24
    Permalink

    SIAMO DUNQUE ALLE SOLITE MANFRINE DEL PARMA.

    Stando a quanto afferma il noto esperto di mercato Gianluca Di Marzio, il Parma avrebbe seriamente intenzione di portare in Emilia l’esterno dello Sporting Lisbona, Diego Capel. Gli emiliani vorrebbero inserire qualche giocatore in uscita per ammortizzare i costi dell’operazione (si parla di Mesbah, Ghezzal e Pedro Mendes), ma i portoghesi avrebbero rifiutato qualsiasi contropartita tecnica, anche perché quelle proposte dal Parma percepiscono un ingaggio troppo elevato per le casse lusitane. Le parti continuano ad aggiornarsi, ma per ora tutto fermo. Attese novità nei prossimi minuti.

    Secondo quanto riportato dal Sunday Times, il Southampton sarebbe il club in pole per accappararsi Diego Capel, l’esterno dello Sporting Lisbona seguito anche dal Parma. I club starebbero impostando la trattativa sulla base del prestito oneroso e mancherebbero circa 900mila sterline affinchè venga trovato l’accordo tra le due parti. In ribasso, quindi, le possibilità che l’ex giocatore del Siviglia giunga in Emilia.

  • 1 Settembre 2014 in 15:29
    Permalink

    Ho visto anche io il curriculum di Capel non dovrebbe essere male peccato che stiamo perdendo anche lui mancano poche ore e ci sono 6 7 giocatori da vendere e almeno 3 da prendere la vedo proprio nera, ma poi che dobbiamo fare con zaccaro che abbiamo già 5 centrali vuoi vedere che farà il trequartista

  • 1 Settembre 2014 in 15:32
    Permalink

    Stefano, cosa c’entra il ranking Uefa.. Parlo di campionato nel complesso. In Portogallo ci sono 5 squadre e il resto è fatto da formazioni tipo l’Olhanense.
    Mi riferisco al livello complessivo del campionato, non alle singole squadre che ogni anno vanno in europa.
    A Parma non arriva mai un calciatore in trampolino di lancio. Solo cariatidi a fine carriera o giocatori che per mille motivi hanno fallito altrove e devono riscattarsi.
    Questo è il progetto Parma.

    • 1 Settembre 2014 in 15:56
      Permalink

      L’anno scorso nel campionato italiano la 5′ classificata quindi qualificata diretta alla E.L. aveva 52 punti dalla prima classificata.
      La terza quindi qualificata per la C.L. aveva solo 24 punti.
      Il campionato portoghese è più livellato, non so se verso l’alto oppure verso il basso, ciò non toglie che Porto, Benfica ed a volte Sporting Lisbona arrivano nei turni finali delle coppe europee …

  • 1 Settembre 2014 in 15:35
    Permalink

    ecco la notizia Cassano signor Majo
    Stando a quanto riferito da Radio Blu, la Fiorentina avrebbe individuato in Antonio Cassano una valida alternativa a Giuseppe Rossi, ancora una volta frenato dal suo ginocchio destro. Il barese non è stato convocato sia per l’amichevole contro il Carpi, sia per la prima giornata di Serie A contro il Cesena (ufficialmente per problemi fisici). La rottura con Donadoni e con la società crociata pare insanabile e così non sembra così impossibile un suo futuro lontano dall’Emilia.

  • 1 Settembre 2014 in 15:37
    Permalink

    Se si volevano vendere i cosidetti big non capisco perchè si è aspettato l’ultimo giorno del mercato,cedendo Cerri 1 settimana fa e riducendosi all’ultimo per trovare dei sostituti decenti.
    Spero (ma ci credo poco) al colpo a sorpresa Giovinco ma credo sia difficile se la Juve non prende una punta di un certo livello.
    Operazioni cosi rivoluzionarie vanno programmate per tempo muovendosi in anticipo,spero in qualche asso nella manica di Leonardi altrimenti sono cazzi amari

  • 1 Settembre 2014 in 15:51
    Permalink

    siamo tutti delusi ma……che ci fosse aria di smobilitazione ….era palese ..se la propietà si dimette …questo succede ..programmazione approssimativa volta a sfangare l immediato sperando di contenere i danni fino alla arrivo di un compratore…poi la speranza in noi tifosi si sà ,,,è sempre l ultima a morire ma alzi la mano chi, da dopo la conferenza di ghirardi dove ha annunciato schifato il suo disimpegno ( cogliendo palla al balzo per uscirne )ha veramente creduto alle parole di “sprone” di leonardi e al fatto che si potesse investire per rinnovare la squadra …..ora forse è veramente il momento di fare fronte comune con la squadra aiutandole senza criticarla troppo……i giocatori sono tutti un anno più vecchi,delusi,e giocano in una società ove regna incertezza sul futuro…..vero che sono pagati però…..tutte queste situazioni psicologicamente si pagano e il conto lo presenta il campo …..

  • 1 Settembre 2014 in 15:52
    Permalink

    Fino alle 23 ho fiducia in Leonardi. Giudicherò alle 23.01. p.s. In questo momento sembra che sia arrivato De Ceglie.

    • 1 Settembre 2014 in 16:13
      Permalink

      Sembra che il 67% dello stipendio lo paga ancora la Juventus ed il 33% lo paga il Parma.

  • 1 Settembre 2014 in 15:54
    Permalink

    Caro Filippo, Forse non è così vero che siano pagati, almeno stando allo sfogo di Cassano ( si dice in giro che quello fosse il contenuto dello sfogo)

  • 1 Settembre 2014 in 16:05
    Permalink

    Via Molinaro….arriva De Ceglie….difficile dire se ci siamo rinforzati o meno.
    Concordo con il mio omonimo con 10 sulle spalle in più.
    Ho fiducia in Leonardi, ma anche lui i miracoli non li può fare.
    Di soldi ce ne sono pochi o forse non ce ne sono più; le imprese della zona che hanno avuto a che con il Parma FC, per certo so che fanno molta fatica a farsi pagare le fatture…..nonostante il Ghiro abbia giurato che ha pagato tutto e tutti.
    Anche i dipendenti mi è stato detto che facciano fatica a prendere lo stipendio.
    I calciatori sono pagati, perchè altrimenti scatta la penalizzazione.

  • 1 Settembre 2014 in 16:06
    Permalink

    SEMPRE PEGGIO :

    Emergono i primi dettagli circa il passaggio di Paolo De Ceglie al Parma. Secondo quanto appreso da Tuttomercatoweb.com il club ducale si accollerà solo un terzo dell’ingaggio del terzino, mentre il resto rimarrà a carico della Juventus.
    Mi pare di capire che sia stato realmente voluto dalla società questo giocatore.
    A questo punto, a bocce ferme, Leonardi dovrebbe però venire in televisione a dire come stanno realmente le cose e non a fare la controfigura di David Copperfield

    • 1 Settembre 2014 in 16:19
      Permalink

      Perchè sempre peggio? Hai il giocatore che volevi e lo paghi il 33%

  • 1 Settembre 2014 in 16:22
    Permalink

    Abbiamo preso De Ceglie e non va bene neanche quello? “Sempre peggio” cosa vuol dire? Polemica gratuita? Volete Leonardi sulla graticola? Vi meritate Fedele, Larini e Valenza

    • 1 Settembre 2014 in 16:39
      Permalink

      iuhhuu abbiamo preso de ceglie al posto di mesbah iuhhu evviva evviva,come il tonnotto chi ci ferma piu’ adesso al calcetto !

    • 1 Settembre 2014 in 16:41
      Permalink

      ps: che cavolo centra il overo valenza po tal set ti e basta.

      ci potevi aggiungere canevari sogliano e pastorello almeno

      • 1 Settembre 2014 in 17:12
        Permalink

        aggiungilo tu. acsì almeno at fe quel ch’a sia miga critichèr

    • 1 Settembre 2014 in 18:50
      Permalink

      Con Fedele e Larini il Parma ha vinto 3 coppette, scusa se è poco.
      Lascia perdere il dialetto,non fa per te.

  • 1 Settembre 2014 in 16:24
    Permalink

    vuol dire che non c’è stata scelta . il giocatore arriva perchè la juve lo voleva far fuori e pur di farlo , ci sta anche a pagare due terzi di stipendio.

  • 1 Settembre 2014 in 16:25
    Permalink

    “Andiamo a riprendercela!”…sì, nel bombardino.
    “Voglio fatti, non parole!”…infatti, si è visto.
    “Ricominciamo da zero!”…punti, come saranno anche alla vigilia della terza di campionato.
    L’impressione che si dà alla gente, sul campo e fuori (vedi mercato), è che si stia facendo la figura dei peracottai. Spero vivamente di sbagliarmi.

  • 1 Settembre 2014 in 16:28
    Permalink

    ciao alessandro
    i miei vecchi amici di Parma mi hanno confermato quest indiscrezione che la “buia cassano/leonardi” fosse dovuta a questo…però….sai com è…..ufficialmente leonardi ha smentito quindi per me non c è un problema stipendi…..poi magari più avanti verranno fuori questo tipo di magagne per ora mi limito a constatare quello che salta all occhio….

  • 1 Settembre 2014 in 16:30
    Permalink

    Beh certamente sarebbe stato meglio che Leonardi dicesse “no ragazzi, fermi, lo pago tutto io, così faccio bella figura sul forum”.

  • 1 Settembre 2014 in 16:33
    Permalink

    Signor Majo, le risultano questi numeri ?
    Di seguito c’è il commento di Criscitiello alla campagna acquisti del Parma. Realmente ci sono 1.254 calciatori a libro paga? Posso capire che questi “acquisti” servissero per patrimonializzare la società e avere qualche affidamento in più in banca ma il numero in assoluto mi sembra un’enormità. Comprende anche i ragazzini delle giovanili, spero.
    Dopo lo scippo europeo, fossi stato nel Parma avrei mandato tutti al diavolo. Loro ripartono e provano a farlo con grande dignità. Il problema del club ducale sono i 1.254 calciatori di proprietà. La prima squadra è competitiva e può lottare per la salvezza ma toglietevi dagli occhi l’Europa altrimenti fate il gioco dei poteri forti. Cassano sarebbe da spedire in Australia. Pietro, provaci!

    • 1 Settembre 2014 in 16:48
      Permalink

      Salve Alessandro, avevo letto le corbellerie da lei segnalate e propalate da dell’individuo di cui lei ha ricopiato il testo, ma avevo evitato di chiosare per non rimpinguare il parco querele pendenti, per la stima zero di quel personaggio emblema del più becero modo di intendere la professione giornalistica, con una serie di conflitti di interesse che al cospetto persino il berlusca fa la figura del dilettante. Il numero dei giocatori a libro paga del parma da lui riferito mi pare spropositato, cosi come reputo una colossale cazzata i riferimenti alla vicenza licenza uefa che certo il parma non ha perso per colpa dei poteri forti da lui tirati a mano per ingraziarsi leonardi, cui prima ancora dwlla decisiva ultima giornata ha dato sei in pagella. Cmq credo che la patrimonialita agli occhi delle banche non lo facciano i supposti 1254 calciatori a libro paga. Anzi tuttaltro…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 1 Settembre 2014 in 16:35
    Permalink

    Questa non vuole essere è un’indiscrezione di mercato, ma non mi so spiegare come mai nessuna squadra europea (tranne forse l’Udinese) si sia interessata a Hugo Almeida classe 1984 svincolato a giugno dal Besiktas. 4 anni al Werder Brema da titolare e gli ultimi 4 anni al Besiktas da titolare (l’anno scorso 15 gol in 33 partite ufficiali).
    55 presenze in nazionale al fianco di CR7 con 19 gol segnati.
    Forse lo stipendio potrebbe essere alto, ma non ci sarebbero i costi annuali di ammortamento del cartellino.
    Klose docet.

  • 1 Settembre 2014 in 16:37
    Permalink

    Eh si caro Filippo, pare proprio così ( ma il nodo sarebbe stato il premio uefa e qualche stipendio a calciatori in partenza) e pare che Fantantonio abbia usato epiteti non proprio carini e riferibili in giro .
    Avrebbe apostrofato in modo piuttosto colorito sia il presidente dimissionario che l’amministratore delegato e alla fine ne avrebbe avuto anche per l’allenatore , reo di non schierarsi dalla parte dei giocatori.
    Ma siccome non c’è nulla di ufficiale, limitamoci ai si dice e teniamo per buono quello che c’è di ufficiale.

  • 1 Settembre 2014 in 16:44
    Permalink

    Non capisco quali problemi ci siano con il Toro. Se fossimo stati al loro posto avremmo fatto esattamente lo stesso. Cmq Amauri lo terrei…

    • 1 Settembre 2014 in 17:38
      Permalink

      Non capisci quali problemi ci siano con il toro? Beh, ci hanno fatto per tutta l’estate una testa così su cairo e sul suo ostruzionismo e poi andiAmo a fare affari con lui? Per la storia della licenza, del tas e compagnia bella le due tifoserie si guardAno in cagnesco e speriamo non ci siano conseguenze, e intanto pur litigando con il toro in tutti i tribunali dell’orbe terraqueo, concludiamo operazioni di mercato con loro… Ci vedo la stessa coerenza di ghirardi che vuole uscire dal calcio sbattendo la porta e poi il giorno dopo va in lega come se niente fossr e che vorrebbe rinnovare il calcio e vota tavecchio…

  • 1 Settembre 2014 in 16:50
    Permalink

    Comunque , con l’arrivo di Zaccardo e De Ceglie c’è una certa abbondanza tra i difensori : Cassani, ristovski, Zaccardo, paletta, lucarelli, mendes, costa, felipe, gobbi, de ceglie e mesbah.
    Credo che due o tre entro sera dovranno fare le valigie.
    A mio avviso, Paletta al napoli potrebbe essere la sorpresa dell’ultima ora. E’ solo una mia idea e non certo una notizia presa da qualche parte

    • 1 Settembre 2014 in 17:21
      Permalink

      Terrorista… Stai cercando di farti assumere a zero euro da stadiotardini.it?

  • 1 Settembre 2014 in 17:24
    Permalink

    perchè terrorista?
    E’ una mia idea. Poi l’assunzione a quelle cifre , comprensive di contributi, mi sta benissimo.
    Vado oltre. il Napoli ha zapata in uscita e gargano da stagnare a qualcuno.
    Non mi pare un’ipotesi cosi remota.
    Adesso sembra che il Parma abbia ceduto mesbah alla samp in cambio di juan antonio da girare alla carrarese.
    Mi sembra la trattativa per l’acquisto di rummenigge da parte della longobarda ” 1/4 di giordano, due terzi di mike bongiorno e i 4/5 di edinho

    • 1 Settembre 2014 in 17:49
      Permalink

      Va bene sei assunto. Puoi scegliere come pseudonimo il mercatologo o il mercante. Aspetto una oculata analisi di mercato. Anche se non mi avevi riferito del tentativo per prendere il mediano della Lazio gonzalez… E che biabiany al Milan è ufficiale, così come l’arrivo in prestito dalla juve di de ceglie…

  • 1 Settembre 2014 in 17:45
    Permalink

    ma se e’ tre anni che fan cosi’ ,figa che torpori mentali a parma !

  • 1 Settembre 2014 in 17:57
    Permalink

    Adesso aspetto le 23 e tutti i movimenti di mercato definitivi. Poi scriverò .
    Gonzales dalla lazio e kekkonen da quale altra suqadra?

  • 1 Settembre 2014 in 18:27
    Permalink

    Nemmeno al mercato ortofrutticolo di Settebagni ci farebbero entrare. Abbiamo una rosa di bidoni che non giocherebbero titolari nemmeno nel Monticelli. Santacroce per primo, che è stato capace di fare panca pure a Padova, nella più decotta delle squadre.
    Paletta, se riusciamo a sbolognarlo, è l’ultima perla di una gestione da liquidazione coatta. Ghirardi prima di dimettersi vuole incassare tutti gli interessi.
    E se Cassano non parte, preparatevi ad una annata divertente, con le più grosse cassanate che abbiate mai visto. Mi pare infatti che l’hombre di Bari Vecchia abbia già stretto solidale amicizia con il caro Mimmo Morfeo, campione di tutto e di più nella nostra Parma.
    Che Tavecchio ce la mandi buona

  • 1 Settembre 2014 in 18:30
    Permalink

    Caro Majo, io non voglio certo sembrare, e tantomeno mi considero, un menagramo, o uno che vuole il male del Parma. Anzi, credo di poter dire di essere un tifoso vero e appassionato. Però, alcune considerazioni critiche sulle parole pronunciate da Leonardi venerdì in conferenza stampa credo si impongano: innanzitutto, cosa cavolo c’entra l’incazzatura della società per la mancata concessione della Licenza UEFA con la mancata presentazione della squadra alla città? Lei ha capito qual’è il nesso tra queste due cose? Io, con tutta la buona volontà, no. Poi, come si fa a dire, con una boria e un’arroganza smisurate, che i giornalisti hanno attaccato il Parma per mesi dicendo falsità tipo che sarebbero andati via molti giocatori, e due giorni dopo fare delle operazioni di mercato pesantissime come le cessioni di Biabiany e Amauri? Questa, bisognerà pur dirlo senza mezzi termini, è una presa in giro clamorosa ai danni dei tifosi e di tutti quelli che hanno sottoscritto un abbonamento!! La squadra esce da questa sessione di mercato fortemente indebolita e credo che, come si è visto plasticamente nella partita di ieri sera contro il Cesena, la squadra non sia psicologicamente pronta ad affrontare un campionato diverso rispetto a quello trionfale della scorsa stagione.
    Saluti,
    Nicolò.

  • 1 Settembre 2014 in 18:38
    Permalink

    Il Parma è interessato a Mancosu. Il giocatore mi piace perché ha fame di successi e voglia di affermarsi e, perché no, di essere il Lambert italiano. Ma comprando il classe ’84 non si può parlare di progetto giovani.

  • 1 Settembre 2014 in 19:11
    Permalink

    Mercato da 2 in pagella fino ad ora, speriamo nelle ultime 4 ore

  • 1 Settembre 2014 in 19:27
    Permalink

    La campagna di indebolimento continua: Zaccardo per Biabiany, Mesbah per Juan Antonio ( da girare alla Carrarese..) , fuori Amauri e dentro Mancosu, via Parolo, Gargano, Molinaro e dentro Ghezzal e Jorquera !! Dai Leo, andiamocela a riprendere !!!!!!!!!!!!!

    Mi aspetto dimissioni di Donadoni da un momento all’altro..

  • 1 Settembre 2014 in 19:45
    Permalink

    questa è incredibile davvero
    Attraverso il proprio sito ufficiale, il Milan ha comunicato che Jonathan Biabiany non diventerà un giocatore rossonero: “Lo scambio di mercato fra Biabiany e Zaccardo è saltato, per la mancata accettazione della nuova destinazione da parte di Zaccardo”. Clamoroso epilogo per una trattativa che il Milan aveva annunciato come chiusa.

  • 1 Settembre 2014 in 19:49
    Permalink

    Caro Direttore,

    mi sbaglierò ma con l’arrivo di Zaccardo vedo un cambio di modulo in atto, 3-5-2!!!! Donadoni si è accorto che il 433 dell’anno scorso non era più applicabile, mancando efficaci esterni d’attacco e non avendo più quel centrocampista incursore che molto spesso andava quasi a fare la punta.
    Anche se come ho letto poco fa dicono che ci sono dei problemi a far firmare il contratto a Zaccardo.
    che ne pensate?

  • 1 Settembre 2014 in 19:49
    Permalink

    penso che sia un incubo,biabiany resta

  • 1 Settembre 2014 in 19:50
    Permalink

    saltato l’affare zac-biabia fonte skysport

    • 1 Settembre 2014 in 20:09
      Permalink

      Io sono abbastanza basito. Come diavolo fanno due club ad annunciare una operazione di questo tipo che poi salta perché il pacco postale di turno (Zaccardo) non trova l’accordo economico con il nuovo club? Ma prima di annunciare non potevano dirimere prima le questioni tra tutte le parti in causa? Credo che sia davvero clamoroso! Poi dico: ma se al Milan interessava Biabiany possibile che lo scoglio sia Zaccardo? E poi che significa Biabiany ora è tolto dal mercato? E quei 5-6 milioni vitalissimi per la società in autogestione chi li mette? Vabbè consoliamoci: possiamo tentare di andarcela a riprendere con Biabiany…

  • 1 Settembre 2014 in 19:59
    Permalink

    allora lo slogan per i prossimi mesi passa da random a caos

  • 1 Settembre 2014 in 20:02
    Permalink

    mi sa che dopo questa sessione di mercato il signor “trinita” si dovra’ fare un mesetto a fiuggi cosi’ si riposa vicino casa,se lo merita
    e dico sul serio

  • 1 Settembre 2014 in 20:09
    Permalink

    Zaccardo aveva un contenzioso economico con il Parma,non si erano lasciati proprio bene.Forse la società aveva rimosso la questione Zaccardo evidentemente no.

    • 1 Settembre 2014 in 20:11
      Permalink

      Che non si fossero lasciati bene lo ricordavo anch’io, ma oggi qualcuno era venuto qui a scrivere che c’era un accordo da due anni… Forse Zaccardo era stufo di collezionare appartamenti, chissà… Però, capisco che il Parma che, specie con Biabiany di mezzo ci ha abituato a tutto, ma il Milan! Cazzarola: il Milan come fa a veder saltata una operazione già fatta, solo perché un suo tesserato in uscita non trova l’accordo col Parma? Che figura di m. …

  • 1 Settembre 2014 in 20:09
    Permalink

    Chissà come sarà contento biabiany!!! ha fatto le foto colla sciarpa del milan ed è ancora a parma. Io resto convinto che entro le 11 di stasera sarà ceduto. E’ meglio per tutti parma, giocatore, milan e compagnia briscola. ma a zaccardo hanno chiesto di pagare per giocare nel parma? o magari c’è stata richeista di un leggerissimo taglio nell’ingaggio che il giocatore ha rifiutato? Tocca a Lei sig. Majo scoprire i retroscena del thriller. Intanto il parma sta per definire il prestito ( ma toh) di Gonzales dalla lazio e la cessione ufficiale di amauri. Come detto prima vorrei venissero acquistati anche kekkonen e margheritoni così componiamo il trio della marchigiana. ( Loro a fine anno si sono salvati grazie a Vaca- Pino Insegno – che veniva dalle giovanili)

  • 1 Settembre 2014 in 20:19
    Permalink

    Su Sky Di Marzio ha detto che il Parma sta trattando Floccari con il Sassuolo

  • 1 Settembre 2014 in 20:22
    Permalink

    Agggggiacciante finale di mercatino per il Parmino……..credibilita’ Società a picco.
    Enzo Dallai

  • 1 Settembre 2014 in 20:25
    Permalink

    per la gioia di enrico boni
    Potrebbe essere Sergio Floccari (33) il nuovo attaccante di Donadoni: il Parma è alla ricerca di una punta per sostituire il partente Amauri (che andrà al Torino), e, secondo quanto riportato da Sky, i crociati sono a colloquio con l’agente dell’attaccante calabrese, Vigorelli. Floccari potrebbe dunque tornare nel Ducato.

  • 1 Settembre 2014 in 20:34
    Permalink

    eccola qua alle 20.28
    La trattativa tra il Milan e Biabiany potrebbe ancora riaprirsi: secondo quanto raccolto da TMW, Cristian Zaccardo (33), infatti, ci starebbe seriamente ripensando. Se il difensore dovesse cambiare idea, ci sarebbe ancora tempo per realizzare lo scambio, con conguaglio a favore del Parma.

  • 1 Settembre 2014 in 21:42
    Permalink

    milan preso Bonaventura per 5 milioni più bonus, il biabia resta a parma (non so con quali stimoli ora)

  • 1 Settembre 2014 in 22:18
    Permalink

    Possono saltare anche gli arrivi di Floccari e Gonzalez!!

  • 1 Settembre 2014 in 22:27
    Permalink

    Ultima trattativa di Leonardi a Milano: “Due etti di cotto, che faccio, lascio?”

  • 1 Settembre 2014 in 23:37
    Permalink

    Siamo riusciti anche a depositare in ritardo il contratto di gonzalez…..

  • 1 Settembre 2014 in 23:43
    Permalink

    Bravo Majo alla lunga aveva ragione sul Parma, comunque oggi dopo tanto tempo mi sono vergognato di tifare Parma, vedere nello stesso giorno Amauri andare al Torino e Biabiany sorridente con la maglia rosso-nera salvo poi tornare, è proprio brutto, un giorno triste per la storia del Parma… ovviamente sono sicuro che nessuno farà critiche perchè sono tutti allineati.

  • 1 Settembre 2014 in 23:48
    Permalink

    e alla fine rimaniamo così come siamo, anzi’ con un altra punta in meno. .. amauri. ora lo posso dire, siamo veramente una squadretta! ! quest anno si gioca senza punte, perché palladino non lo considero nemmeno giocatore di calcio. Per il resto credo che possiamo cominciare a toccare ogni tipo di superficie in ferro perché s siamo veramente allo sbaraglio.

  • 2 Settembre 2014 in 16:53
    Permalink

    Ed io che speravo di sbagliarmi…
    al tramonto dell’ultimo dì, arrivò la vera figura da peracottai.
    Se ci salviamo c’è da far festa.
    Non lo dico per il valore tecnico, che per la salvezza ci sarebbe, ma per tutto il contorno, dalla società allo spogliatoio.

I commenti sono chiusi.