ALLUVIONE PARMA / I BOYS: SU LE PALE, SIAM PARMIGIANI. I DUBBI SUL “118 UNICO” LUNEDI’ IN GINOCCHIO PER ORE. CELLULARI TIM ANCORA KO. L’ELENCO DELLE SCUOLE CHIUSE. DA YOUREPORTER I VIDEO DI IERI

image(gmajo) – Il Comune di Parma ha diffuso, attraverso il  proprio profilo YouTube un eloquente video con dei volontari al lavoro in Via Varese. In tanti, dunque, hanno raccolto l’appello lanciato dal Comune ieri portandosi a prestare la propria opera con pale e badili nelle zone coperte dal fango: tra questi ci fa imagepiacere sapere ci fossero anche diversi esponenti dei Boys, già al lavoro nel corso della giornata di ieri, “poiché nel possibile vogliono dare una mano ai parmigiani colpiti”,  e che, tramite il proprio portale www.boysparma1977.it, col motto “Su le pale, siam parmigiani”, hanno dato appuntamento per le 8,30 di stamani presso la propria sede di Via Calestani

Comune e Protezione Civile hanno istituito dei punti di ritrovo, dove presentarsi con abbigliamento adeguato (stivali e guanti). I punti di riferimento con il personale incaricato per la gestione dei volontari e la loro distribuzione sul territorio sono stati individuati in:

– VIA FARNESE

– PIAZZALE BARBIERI

– VIALE VILLETTA (ingressi cimitero)

– PIAZZA LAGO SANTO

– VIA TORRENTE BARDEA

– VIA LANGHIRANO (parcheggio scambiatore)

 

Continua, mentre scriviamo, a non funzionare la rete cellulare TIM, diretta conseguenza dell’allagamento di ieri della Centrale Telecom di Via Po: al di là del grave disagio degli utenti (penso soprattutto a chi si trova nell’epicentro dell’alluvione, ai loro familiari o amici, non solo ai tanti che non riescono a telefonare neppure dalle città limitrofe), una riflessione va fatta sull’unificazione del servizio si soccorso pubblico 118 che, con sede operativa a Parma, serve anche le province di Reggio Emilia e Piacenza. Appena sette giorni fa, mercoledì 8 ottobre 2014, gli organi di informazione riportavano la notizia, diffusa dall’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia, della entrata in funzione della Centrale Unica, che da Parma prende in carico le chiamate e attiva anche i mezzi di soccorso che operano nel territorio reggiano, con ogni chiamata proveniente dalla provincia di Reggio Emilia gestita dalla centrale operativa dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. Il Resto del Carlino aveva chiosato: “per il cittadino non cambia nulla: continuerà a comporre il numero 118, le chiamate verranno gestite dalla Centrale Unica di Via del Taglio a Parma che attiverà i mezzi di soccorso che continuano a partire dalle consuete postazioni dislocate capillarmente nei territori delle due province di Parma e Reggio Emilia”. La settimana dopo, però, c’è stata la prova provata che per il cittadino reggiano qualcosa era cambiato, per il semplice fatto che ha dovuto subire le ripercussioni del mancato funzionamento della Centrale Unica di Parma, a propria volta messa in ginocchio per lunghissime ore per l’inondazione dei locali della centrale Telecom di Via Po: “Il tempestivo intervento – ha scritto Telecom in un comunicato diffuso ieri – ha consentito di ripristinare sin dalle 21.30 di lunedì la piena funzionalità del servizio 118″. Ma per diverse ore il servizio di emergenza, durante una grave emergenza, non era funzionante con evidenti problemi non solo nel luogo della catastrofe, ma anche nelle città vicine, per effetto della unificazione del servizio. Sarò antico e anti-economico, ma credo che per servizi essenziali come il 118 sarebbe meglio una capillarizzazione e non un accentramento. Peggio che al 118 sarebbe andato al 115, non ancora funzionante nel pomeriggio di ieri, così come le linee del Comune di Parma e della Polizia Municipale costretti ieri a diffondere comunicati con indirizzi email da contattare, o a suggerire, tramite Radio Tv Parma (che sta svolgendo un efficace opera di servizio pubblico) di recarsi direttamente in Via del Taglio o negli altri punti attrezzati. La nota della Telecom riferiva anche dell’arrivo di “tre nuovi mezzi di emergenza, di cui uno dedicato a ripristinare il servizio per la sede regionale della Protezione Civile”. Solo durante il pomeriggio di ieri, gradualmente, avrebbero ripreso a funzionare i telefoni fissi Telecom, nello stesso comunicato, scriveva che “sta progressivamente tornando in funzione” la centrale di via Po, gravemente danneggiata dall’esondazione del torrente Baganza. “I lavori di ripristino dei collegamenti stanno continuando ad oltranza e si stima di rendere disponibile la piena funzionalità della rete fissa già dalle 22 di questa sera (ieri, nda) e, successivamente, anche della rete mobile che, oltre Parma, interessa anche le province di Modena, Reggio Emilia e Piacenza”. Telecom ha spiegato che lunedì era andato “completamente allagato lo stabile tecnico dove sono installati nodi strategici di rete fissa e mobile della zona”, aggiungendo che i propri tecnici da lunedì “sono ininterrottamente al lavoro, assieme ai Vigili del Fuoco e alla Protezione Civile, per liberare la centrale invasa dall’acqua e dal fango e permettere così l’accesso agli impianti ed il posizionamento dei mezzi di alimentazione di emergenza. I lavori con le idrovore si sono protratti per tutta la notte e sono attualmente ancora in corso”. I tecnici hanno alimentato gli apparati “grazie a 6 gruppi elettrogeni trasportabili che, dalle 16 di oggi (ieri, martedì 14), hanno permesso il graduale ripristino di gran parte del servizio di rete fissa a banda larga e del servizio di rete mobile 4G”. Ma, come dicevamo, i telefonini TIM, mentre scriviamo, sono ancora non funzionanti.

 

Per la giornata di oggi, mercoledì 15 ottobre 2014, l’Amministrazione Comunale – informa l’ufficio stampa municipale – ha previsto l’apertura di tutte le scuole, eccezione fatta per quelle collocate nelle zone interessate dall’alluvione o limitrofe ad esse, dove verrà sospesa l’attività educativa: gli alunni, quindi, non saranno presenti nelle strutture. Un provvedimento che risponde alla necessità di lasciare il più possibile sgombre e libere da traffico le aree interessate e agevolare così le operazioni di ripristino della situazione ambientale, sia in favore delle scuole che degli abitanti”.

Ecco l’elenco delle scuole chiuse:

Nidi d’infanzia
° Zucchero Filato, Via Torrente Pessola 4

° Palloncino blu, Via Ognibene 25/A

Scuole d’Infanzia
° Zanguidi, Via Torrente Pessola 4

° Coccinella, Via Pelicelli 16

° Locomotiva, Via Malvisi 1/a

° Abracadabra, Via Stirone 2/a

ISTITUTO COMPRENSIVO D’ACQUISTO

° Primaria MARTIRI DI CEFALONIA, Via Pelicelli 8/a

° Secondaria di I grado D’ACQUISTO, Via Pelicelli 10/a

Primaria RODARI, Via Ognibene 25/a

Nido, Scuola dell’infanzia, Scuola Primaria e Secondaria
DE LA SALLE
Via Berzioli 20/a

ISTITUTO COMPRENSIVO PARMIGIANINO

° Secondaria I grado PARMIGIANINO, Piazzale Rondani, 1

° Distaccamento secondaria I grado PARMIGIANINO presso SCUOLA COCCONI
Strada del Quartiere

Primaria CORRIDONI,  Via Montesanto 4/a

I.T.C. Melloni,  Viale Maria Luigia, 9/a

I.T.G. Rondani,  Viale Maria Luigia, 9/a

Liceo Classico Romagnosi, Viale Maria Luigia, 1

Liceo Linguistico Marconi. Via Benassi, 2

Liceo Scientifico Ulivi, Viale Maria Luigia, 3

I VIDEO DI IERI, MARTEDI’ 14 OTTOBRE 2014, DA YOUREPORTER, LA PRIMA PIATTAFORMA ITALIANA DI VIDEOGIORNALISMO PARTECIPATIVO

Le immagini dall’elicottero dei Vigili del Fuoco in volo su Parma rendono bene la vastità della zona colpita

Flying over Parma Voladora

Parma, il day after: metri d’acqua e fango, il racconto

IL RACCONTO Parma sommersa dal fango, il giorno dopo

Alluvione Parma, gli “angeli del fango” al lavoro

Ragazzi spalano dentro box allagati

Alluvione a Parma, il disastro vicino centrale Telecom

Apocalisse a Parma, vicino a centrale Telecom

Alluvione Parma: casa di riposo invasa dall’acqua

Alluvione Parma: telecamera sempre accesa, v. Taro nel fango

Alluvione a Parma, la devastazione: auto tutt’ora nell’acqua

Parma, auto sommerse dal fango in via Po

Alluvione Parma, box auto danneggiati dalla forza dell’acqua

Box e garage invasi dall’acqua

Parma, auto trasportate da fiume di fango

Alluvione Parma, i garage allagati, le voci degli abitanti

Acqua fino alle ginocchia nei box auto

Auto sommerse di fronte all’Ospedale Piccole Figlie

Alluvione a Parma, i danni alle aziende

Ponte Carrettieri seriamente danneggiato dall’alluvione

Parma, container sommersi su ponte Carrettieri

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

ALLUVIONE A PARMA / CENTRALE TELECOM ALLAGATA IN VIA PO: DISAGI CON LE COMUNICAZIONI TELEFONICHE E INTERNET. PERFETTAMENTE FUNZIONANTE LA COMPAGNIA LOCALE COMeSER

ALLUVIONE A PARMA / SERVONO VOLONTARI PER SPALARE IL FANGO. I VIDEO E LE FOTO DIFFUSE DAL COMUNE DI PARMA. “PALLA IN TRIBUNA” SOSPESA PER DAR SPAZIO ALLE STRAORDINARIE DEL TG

L’ALLUVIONE A PARMA NEL RACCONTO DEL SINDACO PIZZAROTTI E DEI VIDEO DI YOUREPORTER. TUTTI GLI AGGIORNAMENTI A CURA DELL’UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI PARMA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “ALLUVIONE PARMA / I BOYS: SU LE PALE, SIAM PARMIGIANI. I DUBBI SUL “118 UNICO” LUNEDI’ IN GINOCCHIO PER ORE. CELLULARI TIM ANCORA KO. L’ELENCO DELLE SCUOLE CHIUSE. DA YOUREPORTER I VIDEO DI IERI

  • 15 Ottobre 2014 in 10:48
    Permalink

    Più che uno spaccato di una situazione questo “speciale” sembra un vademecum da un lato e una riflessione per il miglioramento dall’altro. Così il giornalismo sortisce la sua utilità. Grazie, Majo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI