GHIRARDI ALLA “PALLA IN TRIBUNA” HA DETTO IL VERO: I DEBITI DEL PARMA F.C. VERSO LE BANCHE, NEL BILANCIO AL 30.06.2013, AMMONTAVANO A 5.852.000 EURO. DIVERSO IL DISCORSO DEI FORNITORI…

(gmajo) – Nel corso della puntata inaugurale di “Palla in Tribuna”, il presidente del Parma F.C. Tommaso Ghirardi, rispondendo ai dubbi dei radioascoltatori di Radio Parma, preoccupati sulla situazione economica del club crociato aveva affermato tra l’altro: “Basta prendere i bilanci e si vede che siamo quelli che abbiamo meno debiti verso le banche: se poi ci sono troppi debiti verso di me vuol dire che sono io un asino a metterci troppi soldi”. A puro scopo divulgativo, StadioTardini.it ha chiesto al commercialista Luca Marotta, esperto lettore di bilanci di società sportive, di realizzare una tabella ragionata che dimostri che il Parma è effettivamente una delle società di serie A con minori debiti verso le banche, nell’attesa, però, lo stimato professionista, pur specificandoci che si tratta di un dato ormai vetusto (si riferisce all’esercizio chiuso il 30.06.2013, mentre ormai dovrebbe essere maturo quello chiuso il 30.06.2014, che oltre ad essere più aggiornato potrebbe presentare scenari del tutto differenti), ci ha ricordato una sua precedente analisi (clicca qui per leggere l’articolo completo) dalla quale si evinceva che i debiti del Parma verso le banche ammontavano ad (appena) 5.852.000 euro e quelli verso le banche, ricordava allora Marotta sono i debiti considerati “più pericolosi”, perché gli istituti “possono chiedere di rientrare”. L’importo, dunque, è esiguo, se raffrontato, ovviamente, ad altre voci che concorrono al debito complessivo del club (175 milioni, come aveva sottolineato nel marzo scorso Il Secolo XIX, che però, come chiosato nell’occasione di Marotta, non aveva evidenziato quelli del Genoa pari a 289.147.633 al 31.12.2013…”): tra questi anche quelli che ieri Ghirardi ha definito “debiti verso di me”, alias la proprietà, quando aveva concluso: “vuol dire che sono io un asino a metterci troppi soldi”. Sempre ricordando che stiamo ragionando dell’esercizio chiuso oltre un anno fa (prima, dunque, della Grandeur del Centenario), i Debiti verso società controllanti, al 30 giugno 2013 ammontavano a € 38.740.000. I Debiti verso la società Eventi Sportivi per Iva di Gruppo ammontano a € 26.592.333. Inoltre i debiti verso la società Eventi comprendono un prestito infruttifero di interessi per € 8.935.000 e un debito fruttifero di Euro 2.355.000. Per questi prestiti finanziari effettuati dalla società controllante esiste sempre la possibilità remota di essere convertiti in capitale.

Uno degli importi maggiori dei debiti del Parma – scriveva illo tempore il dottor Marotta –riguarda i Debiti verso altri finanziatori, che al 30 giugno 2013 ammontano a € 33.933.000. Tali debiti riguardano per la maggior parte degli “incassi anticipati” riguardanti le stagioni successive. In parole povere vengono utilizzate le liquidità delle stagioni successive per far fronte alle esigenze della stagione corrente. Ad esempio, risultano anticipati gli incassi per cessione in esclusiva dei crediti a scadere relativi ai diritti Tv vantati nei confronti dei vari broadcaster (SKY Italia – RTI – RAI) della stagione sportiva 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015”.

Un altro dato – che è forse quello all’origine del chiacchiericcio sulla situazione economica del Parma (per via delle lamentele sottovoce degli stessi interessati, i quali mai ci mettono la faccia); in combinato disposto, ovviamente, con il calciomercato estivo con la chiara mission di rientrare e non sperperare – è quello relativo ai debiti verso i fornitori: in più occasioni pubbliche Ghirardi ha affermato di aver pagato tutto quello che doveva pagare, ma, sempre stando al vetusto bilancio che stiamo rianalizzando (ovviamente non appena sarà disponibile quello nuovo sarà passato ai raggi x, come di consueto dall’ottimo dottor Marotta, e dagli altri componenti la nostra squadra di esperti che amichevolmente ci aiutano a fare una precisa operazione di divulgazione) i debiti verso i fornitori al 30 giugno 2013 ammontavano a € 28.616.000. Nella sua ultima analisi per StadioTardini.it, il dottor Marotta aveva riferito della evoluzione dei debiti del Parma verso i fornitori, che negli ultimi 4 anni sono aumentati del 130% dai 12,4 milioni del 2009-10, ai 28,6 del 2012-13. Lo spunto per l’approfondimento era nato da una interessante inchiesta della Gazzetta dello Sport del 7 settembre 2014 che, da un punto di vista generale, ha confrontato l’evoluzione dei debiti verso i fornitori e  l’evoluzione dei debiti verso il personale: “Negli ultimi cinque anni i debiti verso i fornitori in Serie A sono schizzati del 67%: dai 234 milioni del 2008-09 ai 391 del 2012-13”. Secondo la Gazzetta “I fornitori sono l’anello debole della catena. Soprattutto da quando la Federazione, nel 2010-11, ha varato controlli stringenti sugli stipendi dei tesserati e del personale dell’area sportiva”, per tale motivo, sempre secondo la Gazzetta, “i club in tensione finanziaria fanno i salti mortali pur di rispettare le scadenze della Covisoc (e infatti i debiti verso il personale, pari a 154 milioni, non sono cresciuti), ma stanno meno attenti a mantenere gli impegni con i fornitori.” Nella classifica stilata dal più diffuso quotidiano sportivo nazionale a corredo di detto servizio il Parma figurava quinto in classifica. Marotta aveva chiosato: “Nello specifico l’incremento della voce “debiti verso i fornitori”, negli ultimi quattro anni risulta maggiore, in misura percentuale, rispetto all’incremento della voce “debiti verso il personale”. Negli ultimi quattro anni i debiti verso i fornitori del Parma sono aumentati del 130%: dai 12,4 milioni del 2009-10 ai 28,6 milioni del 2012-13; mentre i debiti verso il Personale sono aumentati del 35%: dai 4 milioni del 2009-10 ai 6,6 milioni del 2012-13. Anche nel caso del Parma, quindi, trova conferma l’ipotesi dell’inchiesta della Gazzetta dello Sport, ossia che l’incremento della voce“debiti verso i fornitori” risulta maggiore in misura percentuale rispetto all’incremento della voce“debiti verso il personale”. Non è un caso, dunque, che ieri, Ghirardi, ieri a Radio Parma, abbia affermato: “Io non riesco capire perché fomentare queste cose, chi ha dei soldi anziché parlare perché non li porta nelle casse della società così siamo più solidi e più a posto? Io ho pagato gli stipendi al 30 settembre, mai avuto penalizzazioni o problemi di carattere importante, poi c’è sempre qualcuno più furbo altri che mette voci completamente assurde a discapito del club! Non capisco che problemi abbiamo noi a differenza di altri che sembrano ricchissimi ma che hanno problemi esorbitanti…”. Appunto: ha pagato gli stipendi per i calciatori, entro le date utili per non ricevere le penalizzazioni, diverso il discorso per i fornitori. Situazione in linea con il fenomeno descritto il mese scorso dal quotidiano rosa nell’articolo “Dal giardiniere al catering, quei fornitori pagati in ritardo”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

NEGLI ULTIMI 4 ANNI I DEBITI DEL PARMA VERSO I FORNITORI SONO AUMENTATI DEL 130%: DAI 12,4 MILIONI DEL 2009-10 ai 28,6 MILIONI DEL 2012-13

IL COMMERCIALISTA MAROTTA E I DEBITI DEL PARMA SECONDO IL SECOLO XIX: “IL QUOTIDIANO LIGURE AVREBBE DOVUTO EVIDENZIARE ANCHE I 289.147.633 DEL GENOA AL 31.12.2013…”

GHIRARDI BATTEZZA “PALLA IN TRIBUNA” DI RADIO PARMA: “LEONARDI HA SBAGLIATO A PRENDERSI LE COLPE”. IL PRESIDENTE E’ OTTIMISTA: “SE NE VINCIAMO UNA SIAMO A META’ CLASSIFICA”

IL COMMERCIALISTA MAROTTA: “LA CLASSIFICA DEGLI INGAGGI AL NETTO DELLE IMPOSTE PROPOSTA DALLA GAZZETTA DELLO SPORT AIUTA A FARSI ALMENO UNA IDEA APPROSSIMATIVA DEL FENOMENO”

IL BILANCIO DEL PARMA FC 2012/13 ANALIZZATO DAL COMMERCIALISTA LUCA MAROTTA: “LA CESSIONE DEL MARCHIO ATTENUA LA PERDITA D’ESERCIZIO. IL RISULTATO DEL PLAYER TRADING E’ NEGATIVO”

IL BILANCIO DEL PARMA FC / PER OGNUNO DEI 49 PUNTI DELLA STAGIONE 2012-13 SPESI 2.06 MILIONI DI EURO. IL COMMERCIALISTA MAROTTA RILEGGE PER NOI L’INCHIESTA DELLA GAZZETTA DELLO SPORT

IL BILANCIO DEL PARMA FC / IL SOLE 24 ORE: “LA CESSIONE DEL MARCHIO SALVA IL BILANCIO 2013 DEL PARMA (PESANO I 49 CALCIATORI IN ROSA)

IL BILANCIO DEL PARMA FC / LA GAZZETTA DELLO SPORT CONFERMA L’ANALISI DEL NOSTRO MAROTTA: “DEFICIT RIDOTTO CON LA CESSIONE DEL BRAND”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

8 pensieri riguardo “GHIRARDI ALLA “PALLA IN TRIBUNA” HA DETTO IL VERO: I DEBITI DEL PARMA F.C. VERSO LE BANCHE, NEL BILANCIO AL 30.06.2013, AMMONTAVANO A 5.852.000 EURO. DIVERSO IL DISCORSO DEI FORNITORI…

  • 7 Ottobre 2014 in 20:11
    Permalink

    DOBBIAMO PREGARE PERCHè NON SUCCEDA NIENTE DI CATASTRAFICO….VELEGGIAMO SUL FILO DEL RASOIO HERR DIRECTOR

  • 7 Ottobre 2014 in 21:58
    Permalink

    Dopo il pietismo per gli invalidi, ecco ke Majo tira fuori i forni-TORI e allora io gli cito il mio amico e collega Cittadella Crociata: Sembra che nella capitale piemontese sia nato il nuovo “Toro Club Michele Angella”, subito gemellatosi con le “Brigate Granata Gabriele Majo”. (storico commento sulla pagina FB del Centenario).
    Secondo me invece di pensare al Torino (che ha voluto i documenti scritti in una lingua impossibile come quella degli inglesi, che diciamolo non si capisce mai un cazzo), io sono ancora fiducioso nel riNcorso al CAS, anche perchè mi sembra che sarà questo CAS ke ci riprendermo (with or without spudaccio, come cantavano gli U2). Visto ke prima o poi vinceremo in campionato, concentriamoci sulla Europa Lega (non lo scrivo nell’inglese xchè non lo capirebbe nessuno e ci vorrebbe un totale di tempo), e per fare questo vi posto questo magnifico articolo dalla pagina FB del Centenadero, secondo me sempre molto attuale:

    Centenario Parma Calcio La vittoria (se ci sarà) o meglio la discussione della vertenza sarà dopo l’inizio della fase a gironi, così almeno dice il Segretario Generale del TAS e nell’ultima stesura del calendario delle udienze la nostra non risulta fino a tutto il mese di ottobre.
    A questo punto la riammissione nel torneo, in caso di sentenza favorevole, la vedo un po’ difficile, dovrebbero rivedere la formula della fase a eliminazione diretta.
    Tutte le ipotesi sono valide in quanto pare che non ci siano precedenti sulla nostra causa.
    C’era un’ipotesi simile per il Sion, che però poi ha avuto una sentenza sfavorevole, ipotizzo quindi queste soluzioni in caso di sentenza positiva:
    1) il Parma viene riammesso in Europa League nel punto in cui la competizione si trova o appena possibile;
    2) il Parma ha ragione e doveva disputare l’Europa League Uefa, ma ormai è tardi, tanti saluti e baci;
    3) il Parma viene qualificato di diritto all’Europa League 2015/16 partendo dal terzo turno preliminare come sarebbe stato quest’anno.
    Non so se il TAS sia competente per un risarcimento danni, lo erano sicuramente il TAR e il Consiglio di Stato che però non hanno deliberato in tal senso.
    Il Parma ritiene di rivolgersi alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, vedremo quando e cosa verrà deciso.

  • 7 Ottobre 2014 in 23:50
    Permalink

    Un altro buon motivo per non iscriversi su fb.. Il discorso a chi è attribuibile? Chi cura la pagina? Uno che riconosce per primo di non sapere se il tas è competente per il risarcimento non capisco come possa fare un discorso di quel genere, per tema e contenuti, sulla pagina dedicata al centenario. Deve essere stato comunque molto euforico al momento della riflessione, perché non in champions, precedenti non ce ne sono

    • 8 Ottobre 2014 in 09:53
      Permalink

      “tutti nell’ambiente sanno chi c’è dietro il profilo fb Centenario Parma Calcio, anzi quasi tutti” perchè anche se è “segreto di Pulcinella” io non lo so ke è Daniele F. e quindi, pur essendo “fido”, non saprei proprio dirtelo. Lui non si firma con il nome ma come gruppo/associazione, ma come ha ben spiegato non lo è, o lo è a seconda dei casi, ma “(va be’, pazienza… se non lo capisce, non lo capisce).” E tu non so se potrai capirlo, scusa ma lo capiamo in pochi.
      E’ sbagliato attribuirgli (a lui e compagnia, dai Boys ai club) “poteri di influenza sul Parma FC tanto da riuscire a far assumere qualcuno”. Io cmq, oltre a criticare Majo come punto fermo (fa curriculum), e a sostenere la natura divina di Ghirardi (sempre sia l’ho-dato), spero ke ci si ricordi di me………. come VERO TIFOSO DEL PARMA, disinteressato (e lo sottolineo con la biro rossa), che secondo me (e lo dico da esterno) farei solo il bene del PARMA a fare lo zar del marketing (o qualsiasi altra cosa).
      Comunque non becchiamo impegni che tra poco si va in Europa Lis, lic, leaaag, lirk….. no basta, l’inglese nn si può proprio scrivere (adesso ve l’ho anke dimostrato). Volevo dire che tra poco si va in Europa Lega (acsi s’capisa), x cui non prendete impegni e abbiate fiducia. Mi dispiace x le “Brigate Granata Gabriele Majo” ma non solo in campionato prima o poi vinceremo, ma ce la godremo in giro x l’Europa. EUforia!!!!!!! Ghirardi non si discute si ama!

  • 8 Ottobre 2014 in 10:26
    Permalink

    Non dimentichiamoci di Tedeschi e della Energy ti, hanno tutto l’interesse a mantenerci in A, altrimenti i loro prodotti energetici a chi li vendono.

    • 8 Ottobre 2014 in 14:35
      Permalink

      non hanno la forza da soli di portare vanti un club di A

      • 8 Ottobre 2014 in 17:01
        Permalink

        Teoricamente potrebbero anche avercela, ma non so se ci sia la volontà o se possa in un qualche modo rientrare nel loro piano industriale. Piano industriale che a me già pare abbastanza folle, per il semplice fatto che non so che tipo di ritorno possa effettivamente esserci già dalla semplice operazione sin qui portata avanti. Sapete quanti grandi industriali hanno cambiato fornitore energetico? Sapete quanti abbonati al Parma hanno deciso di aderire allo sconto di 101 euro… E comunque sia, per penetrare sul territorio, basta già una forte sponsorizzazione, senza impelagarsi nell’acquisto di un club. Chi glielo fa fare? A parte che Tedeschi aveva già dichiarato che anche loro, qualora entrassero, starebbero attentissimi al tanto guadagno, tanto spendo. E se tanto mi da tanto, visto che finora da Parma, al di là delle parole, hanno raccolto poco…

        Cordialmente

        Gmajo

  • 8 Ottobre 2014 in 11:15
    Permalink

    Marcello tutta la vita…idolo indiscusso!!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI