L’ALLUVIONE A PARMA NEL RACCONTO DEL SINDACO PIZZAROTTI E DEI VIDEO DI YOUREPORTER. TUTTI GLI AGGIORNAMENTI A CURA DELL’UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI PARMA

alluvione 2n(gmajo) – StadioTardini.it è un quotidiano sportivo on line, ma non può esimersi, in determinate occasioni, di “esondare” dal proprio alveo ed occuparsi anche di altri argomenti: stamani, martedì 14 ottobre 2014, è doveroso mettere in primo piano l’alluvione che ha colpito ieri pomeriggio anche la città di Parma, dopo aver interessato, nelle ore precedenti, le aree montane del nostro territorio. Per farlo abbiamo scelto di pubblicare la testimonianza del sindaco Federico Pizzarotti, diffusa attorno alle 4 sui social network e rilanciato in mattinata dall’ufficio stampa imagemunicipale oltre a una serie di video diffusi da YouReporter, la prima piattaforma italiana di videogiornalismo partecipativo. Prima di cedere loro il microfono desidero esprimere un plauso ai colleghi di Radio Tv Parma – Giuseppe Milano, Marco Balestrazzi, Alberto Rugolotto, Teresa Malice – i quali, davvero, hanno svolto ieri una funzione di “pubblico servizio” informativo della quale io stesso ho usufruito mentre imageero in auto, sintonizzato sulle frequenze della radio (giustissima l’idea di trasmettere a reti unificate le straordinarie del TG: specie nelle zone dove mancava la corrente i cittadini potevano ricevere informazioni essenziali attraverso la radioline o gli stessi cellulari, sebbene molti di questi isolati a cause della interruzione del servizio, diretta conseguenza della inondazione nella zona della centrale Telecom di Via Po, sommersa dall’acqua). Ricordiamo che stamani le scuole anche in città sono chiuse e che ieri la piena, in città, ha raggiunto l’altezza record di 3,92 metri. “La situazione a Parma sta tornando lentamente alla alluvione_nnormalità da un punto di vista meteorologico, dopo l’alluvione che le acque del torrente Baganza hanno provocato nella giornata di lunedì 13 ottobre – scrive l’ufficio stampa municipale – ma la città è ancora in piena emergenza: telefoni bloccati, strade chiuse, cantine allagate e tanti danni ancora da quantificare. Il Comune ha i telefoni completamente isolati, pertanto non risponde il centralino e non può rispondere la centrale della Polizia Municipale.  La viabilità è ancora in una situazione di assoluta precarietà: chiuso il sottopasso di via Europa, chiuse piazzale Marsala e via Varese. E’ chiuso piazzale Barbieri per gli accessi in via Spezia e via Volturno con i veicoli 10153879_749860535087432_8714451243528691740_ndeviati in viale Vittoria; chiuse via Po e via Navetta, ponte Nuovo sul Baganza (Ponte dei Carrettieri) non percorribile se non dai mezzi di emergenza, parzialmente chiuse anche via Farnese e via Taro. Le pattuglie della polizia municipale sono impegnate sulla strada a pieno organico; gli agenti operano anche all’interno del quartiere tra via Navetta e via Baganza per portare aiuto ai cittadini in difficoltà. Funziona invece regolarmente la Stazione Ferroviaria, compresi i viali Falcone e Borsellino. Il Nuovo Ponte a Nord, Ponte Europa, è percorribile con l’obbligo di svolta a sinistra verso l’autostrada, in quanto si sta provvedendo alla ripulitura del sottopasso di via Europa – Ponte delle Nazioni. In questa fase, i soccorritori rispondono in via prioritaria alle emergenze di tipo sanitaria, stanno per entrare in azione le idrovore e gli altri mezzi d’opera per liberare dall’acqua anche gli spazi privati allagati”.

Il sindaco Federico Pizzarotti ha fatto notte alla centrale operativa dove si coordinano le squadre di soccorso. Il suo messaggio pubblicato alle 4 di questa mattina su face book è eloquente e descrive in poche righe la situazione:

“Finito ora il giro di controllo. Situazione molto peggio del previsto a causa del molto fango. Oggi ne esce una città ferita e debole a questo tipo di eventi, mai vista in 40 anni acqua a barriera Bixio. Domani (oggi per chi legge) si ricomincia dalle ore 7 per organizzare le squadre per la pulizia delle strade. L’ospedale Piccole Figlie e centro anziani (Villa Parma in piazzale Fiume) le strutture più colpite e con le conseguenze maggiori. Il ponte di via Po è un cattive condizioni. Nell’immagine l’area colpita e le zone di intervento. Aree presidiate da forze dell’ordine di ogni corpo. Sono colpito dalla sofferenza delle persone che hanno avuto molti danni e che sono ancora senza luce. Questi eventi, in poche ore una quantità d’acqua equivalente a mesi, devono essere sempre più previsti e gestiti. La cassa di espansione sul Baganza dovrà diventare una priorità per evitare il ripetersi di questi eventi. I danni penso saranno più del costo dell’opera. Da domani inizieremo a quantificare l’impatto e ad organizzare le procedure per richiedere finanziamenti e catastrofe naturale. Grazie a tutte le persone, dipendenti e volontari, che oggi hanno messo l’anima per aiutare chi era un difficoltà e la nostra città”.

Già delle 7 di questa mattina il sindaco ha avviato una fase di ricognizione. Si è recato subito a Villa Parma, dove la situazione è apparsa molto difficile a causa del fango che ha invaso i piani bassi della struttura. Già in nottata è stato all’ospedale Piccole Figlie ed ha effettuato una ricognizione nelle zone colpite del quartiere Montanara, dove ritornerà fra poco, questa mattina, per valutare l’evoluzione della situazione. In tarda mattinata sarà di nuovo in via del Taglio per il coordinamento delle operazioni di emergenza.

I VIDEO DA YOU REPORTER

Serata spettrale tra fango e acqua al buio totale

Le immagini girate poco prima delle 23 nel quartiere invaso dall’acqua e attualmente senza elettricità. Non vanno neppure i telefoni

Ecco come si presenta la situazione in via Po, una delle aree maggiormente colpite dall’esondazione

Alluvione Parma 13 ottobre 2014: ponte Verdi ore 22.30

Scorci dei danni dell’esondazione nel buio del blackout

Via Po, una delle aree maggiormente colpite dall’esondazione

Zona via Campioni alluvione – Torrente Baganza

Il torrente Parma dopo che il torrente Baganza è tracimato

Piccolo video in corrispondenza del ponte della stazione di Parma. ore 16.50

Torrente Parma alle 17.30 del 13.10.2014

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “L’ALLUVIONE A PARMA NEL RACCONTO DEL SINDACO PIZZAROTTI E DEI VIDEO DI YOUREPORTER. TUTTI GLI AGGIORNAMENTI A CURA DELL’UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI PARMA

  • 14 Ottobre 2014 in 11:44
    Permalink

    Parma colpita dall’alluvione come non mai ma il palazzo ci toglie la nazionale per darla a Genova. E noi stiamo muti a subire?

    • 14 Ottobre 2014 in 12:02
      Permalink

      Scusa Luca, ma non mi pare il caso di polemizzare per queste cose. La Nazionale ci è stata tolta, come tu dici, prima che Parma venisse colpita (a parte le zone dell’Appennino che problemi di smottamenti li avevano già fatti registrare) e comunque il disastro di Genova mi pare decisamente superiore al nostro.
      A parte che non capisco perché mai uno stadio che non è a norma (per le gare ufficiali) debba ospitare un’amichevole della Nazionale. Tra l’altro ieri dicevano che saremmo stati indennizzati addirittura con una partita ufficiale… (E le norme Uefa, appunto?)

      Saluti
      Gmajo

    • 14 Ottobre 2014 in 15:30
      Permalink

      Se in queste ori fossi impegnato a togliere il fango da casa forse eviteresti di scrivere cazzate. Forse

  • 14 Ottobre 2014 in 15:33
    Permalink

    Ci sono alluvionati di serie A e di serie B, così come ci sono sempre stati terremotati di serie A e di serie B.
    A me non frega di avere la nazionale qui (anzi, mi fa schifo pensare che Conte possa infestare la nostra città con la propria presenza), ma i soldi dell’incasso fanno comodo visti i danni. E basta far della polemica per la licenza uefa, avete stufato.

    • 14 Ottobre 2014 in 15:38
      Permalink

      Non stiamo facendo polemica per la Licenza Uefa: ma se il Tardini non è a norma per le partite internazionali ufficiali non dovrebbe esserlo neppure per le amichevoli internazionali organizzate dagli stessi organismi.

      Cordialmente

      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI