UN UOMO IN DUE MAGLIE / VALERIANO FIORIN TRA PARMA E GENOA

(Luca Savarese) – Andiamo un attimo ad Azergrande, provincia di Padova, dove nel 1966, il 27 settembre, nasce un bambino che realizzerà il sogno, comune a molti piccoli: essere nelle Figurine Panini. Di nome fa Valeriano, nome piuttosto imperiale, di cognome fa Fiorin. Professione centrocampista. Siamo agli albori degli anni ottanta e Valeriano è a Cesena a fare le giovanili. Dalla Romagna sale un po’ ed ecco l’approdo in Emilia, precisamente a Parma. Trova i ducali che sono appena retrocessi in C, e con la casacca crociata, disputa tre campionati, il primo in C vinto e gli altri due in cadetteria. Al Parma si forma come calciatore e come uomo, a formarlo sono due maestri; Sacchi prima e Zeman poi (e dopo di lui imageVitali). Come aver fatto l’università del pallone, pur giocando in una squadra di B, perché d’accordo che Arrigo ed il boemo non erano ancora tronfi di riconoscimenti, ma già promettevano bene. Diventa da cliccare su yutube (suggeriamo la clip di Luca Lavagetto per Tutti pazzi per il calcio),  con la maglia del grifone, che nobilita in una notte, quando a Marassi fece un gol in semi rovesciata al Liverpool, nell’andata dei quarti di finale della Coppa Uefa 1992, rete che ancora oggi i genoani serbano con gioia somma. Fiorin più che un Uomo in due maglie, è stato un giocatore in tanti maestri. A Genoa ne trova altri due, il professor Scoglio ed in seguito Osvaldo Bagnoli, l’uomo della Bovisa, l’anima dello scudetto veronese del 1985. L’esperienza vissuta in terra crociata lo ha reso maturo per esprimersi a livelli più grandi, che per lui ebbero il rossoblù genoano. A volte per poter far bene devi trovare anche chi te lo può far fare, chi il bene lo conosce e lo sente meglio degli altri. Poi andrà al Palermo, al Torino, Venezia al Foggia al Siena alla Carrarese, e con estrema umiltà chiuderà nel Rovigo, dove, dirà in seguito, di aver imparato cose preziose. Amico di Pippo Maniero, anch’egli un uomo in due maglie. Una parmense e l’altra, dei cugini doriani. Ma domani c’è il Genoa e quindi… buon Valeriano Fiorin a tutti. Luca Savarese

LE PRECEDENTI PUNTATE DI UN UOMO IN DUE MAGLIE, di Luca Savarese

1. MASSIMO AGOSTINI TRA CESENA E PARMA (30.08.2014)

2. FEDERICO GIUNTI TRA PARMA E MILAN (13.09.2014)

3. MATTEO BRIGHI TRA CHIEVO VERONA E PARMA (20.09.2014)

4. FABIO SIMPLICIO TRA PARMA E ROMA (24.09.2014)

5. SALVATORE MATRECANO TRA UDINESE E PARMA (27.09.2014)

CLICCA QUI PER LEGGERE LE PUNTATE DI  UN UOMO IN DUE  MAGLIE DELLA STAGIONE 2013-14

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.