IL COLUMNIST / LA GAZZETTA DELLO SPORT, LA PISTA TACI E I DEBITI DEL PARMA

Luca Russo (www.ilcolumnist.net) – Quello tra Taci e il Parma è un matrimonio che, al momento, sembra che non s’abbia da fare. A farlo sapere è Carlo Laudisa, noto mercatologo de La Gazzetta dello Sport, che nell’edizione odierna del giornale sportivo più letto di Italia ha dedicato un servizio – a parere di Majo molto a senso unico e di ispirazione leonardiana – sulla vicenda legata alla cessione del club di Ghirardi. Diversi sono i passaggi sinistri dell’articolo dato alle stampe dall’esperto di calciomercato. “La trat­ta­ti­va-lam­po con Re­zart Taci non ha por­ta­to i ri­sul­ta­ti spe­ra­ti. Ieri i pro­fes­sio­ni­sti in­ca­ri­ca­ti dal pre­si­den­te gial­lo­blù Tom­ma­so Ghi­rar­di non hanno ri­te­nu­to sod­di­sfa­cen­te l’of­fer­ta del pe­tro­lie­re al­ba­ne­se, che ha dato di­spo­ni­bi­lità a ri­le­va­re gli in­gen­ti de­bi­ti del club gial­lo­blù ma si è li­mi­ta­to a un’of­fer­ta sim­bo­li­ca per il pas­sag­gio delle azio­ni: un mi­lio­ne di euro. Trop­po poco per sol­le­va­re l’at­tua­le pro­prie­ta­rio al­me­no di parte delle espo­si­zio­ni per­so­na­li gra­zie a cui ha ge­sti­to il Parma dal gen­na­io 2007 in poi, cioè da quan­do ha ri­le­va­to il club dalla galas­sia Parmalat”. Così, di primo acchito verrebbe da dire: ma cosa pretende Ghirardi? Capisco che in operazioni del genere l’esigenza del venditore sia quella di massimizzare il profitto, mentre il compratore cerca in ogni modo di arrivare a scucire la cifra più bassa tra quelle possibili. Ma il Ghiro, sempre prendendo per buona l’ipotesi per cui il petroliere albanese gli avrebbe offerto, per il Parma, un milione di euro più la disponibilità a rilevare gli ingenti debiti del club, non può pensare nemmeno lontanamente di vendere il club indebitato come se fosse un club sano e in perfette condizioni finanziarie. Quel vecchio volpone di Majo, però, sostiene che potrebbe essere un tentativo di scaricare tutte le colpe su Ghirardi come se fosse lui a non voler vendere, peraltro essendoci costretto, e peraltro a condizioni capestro, e peraltro a un acquirente che magari avrebbe in animo di dare continuità al management.

“La fuma­ta nera di ieri non fa che au­men­ta­re le in­cer­tez­ze di una so­cietà con ormai con­cla­ma­ti pro­ble­mi de­bi­to­ri. I con­su­len­ti di Tom­ma­so Ghi­rar­di sono stati molto netti: per usci­re dalle sec­che oc­cor­re al più pre­sto un au­men­to di ca­pi­ta­le in­tor­no ai 15 mi­lio­ni di euro (se non pro­prio di 20)”. Conclamati problemi debitori? Ma chi? Ma dove? Ma da quando? Fino a poche settimane fa, sebbene sul Parma si fosse già abbattuto da tempo il diniego della licenza UEFA, nessuno, se non il direttore di Stadiotardini.it, aveva mai infilato il proprio naso tra i conti, evidentemente in disordine, della società Crociata. Va tutto bene madama la marchesa, si diceva allora. E a chi osava mettere in discussione certi dogmi, veniva affibbiata la patente di nemico del Parma. E adesso cosa succede? Addirittura si parla di conclamati problemi debitori. Beh, meglio arrivarci tardi che mai. 20 sarebbero i milioni che servono al club per evitare il game over. Solo uno in meno rispetto ai 21 cinguettati ieri pomeriggio dal bene informato (a questo punto…) Molossi. Taci, secondo i rosei, li avrebbe garantiti quasi istantaneamente. Ma al Ghiro – secondo la versione abilmente servita alla Gazzetta dello Sport – non basterebbero: ed è palese, sempre a giudizio di Majo, che ci sia chi ha interesse a contrabbandare un atteggiamento poco propositivo alla vendita del patron bresciano, altrimenti costretto, assieme alla sua famiglia e agli altri soci, a tirar fuori la somma necessaria per l’aumento di capitale.

“Lo sce­na­rio, in­som­ma è pre­oc­cu­pan­te se non in­ter­ven­go­no in fret­ta fatti nuovi. Non va di­men­ti­ca­to, pe­ral­tro, che non ci sono solo i di­pen­den­ti tra i cre­di­to­ri del club. Si­no­ra il mondo gial­lo­blù è stato so­li­da­le: per primi i cal­cia­to­ri. Ma se qual­cu­no avan­zas­se istan­za di fal­li­men­to, al­lo­ra, tutto di­ver­reb­be in­cre­di­bil­men­te dif­fi­ci­le. Anche per que­sto tutta la Serie A tifa perché il Parma scol­li­ni que­sta ri­pi­dis­si­ma sa­li­ta. La più dura di sem­pre”. In primo luogo, dubito che al mondo del calcio italiano impipi qualcosa del fatto che il Parma rischi di svanire nel nulla. Se di mezzo ci fosse una delle (presunte) grandi, questo discorso forse avrebbe una sua logica, perché le grandi portano sponsor, un’infinità di abbonamenti alle emittenti televisive a pagamento e in linea di massima riescono a riempire gli stadi e offrire spettacolo più di quanto non riesca a fare una squadra di piccole o medie dimensioni. Ma per i gialloblù, pur loro avendo dei trascorsi ben più gloriosi di quelli di certe grandi storiche della nostra massima serie, è difficile che qualcuno giunga a stracciarsi le vesti nel caso dovessero “sparire” dal calcio che conta. In secondo luogo, si presti particolare attenzione a questo dettaglio di non poco conto: “Si­no­ra il mondo gial­lo­blù è stato so­li­da­le: per primi i cal­cia­to­ri. Ma se qual­cu­no avan­zas­se istan­za di fal­li­men­to, al­lo­ra, tutto di­ver­reb­be in­cre­di­bil­men­te dif­fi­ci­le”. Dunque, da un lato ci dipingono di un Ghirardi che non avrebbe alcuna intenzione di andare incontro alla proposta del petroliere albanese e piuttosto di cedere e salvare la barca, preferirebbe affondarla e sprofondare con essa; dall’altro c’è una squadra che, pur essendo in credito, gli starebbe parando il sedere (passatemi il francesismo), tenendo in linea di galleggiamento il club.

Un’ultima considerazione: Tv Parma ha portato avanti con una certa convinzione la pista Taci (anche se oggi hanno fatto retromarcia sostenendo che Ghirardi potrebbe infine restare); Piovani ha parlato di “semplici richieste di informazioni, ben lontane dal trattarsi di cessione” (a proposito: non trovate ci sia un po’ di confusione anche all’interno del gruppo editoriale di via Mantova?); la rosea, come Tv Parma, ha seguito la traccia albanese e questa mattina ha fatto luce (si fa per dire) sugli “ormai conclamati problemi debitori della società” (dopo che qualche settimana fa li aveva già affrontati e ritrattati Andrea Schianchi…a proposito di coerenza). Luca Russo (www.ilcolumnist.net)

31 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / LA GAZZETTA DELLO SPORT, LA PISTA TACI E I DEBITI DEL PARMA

  • 12 Novembre 2014 in 11:42
    Permalink

    Ma Ghirardi on ha detto pubblicamente che se arrivava uno il Parma glielo regalava?
    Pecunia non olet

      • 12 Novembre 2014 in 11:54
        Permalink

        l’ho ricordato in un altro post,pero’ doveva essere uno sceicco mica toto’ pero’

        • 12 Novembre 2014 in 13:12
          Permalink

          Ma TACI va

  • 12 Novembre 2014 in 11:47
    Permalink

    bah se ci ripenso…300 giocatori na roba (come scrissi 2 anni fa) da schizofrenia compulsiva…..

    adesso invece che ce ne andiamo a spigolare vedo una barca in mezzo al mare in tempesta,eran 300 eran giovani e forti ..e siamo morti

    TACI LORO !

    • 12 Novembre 2014 in 13:13
      Permalink

      E se i 300 li portassimo alle Termopili?

  • 12 Novembre 2014 in 11:51
    Permalink

    Il fatto che si stia trattando,con qualcuno è assodato, come spiega questo silenzio, columnist? Lei Majo, che è sempre stato il primo a leggere tra le righe?
    La cosa che più mi preoccupa è che leonardi non abbia ancora rilasciato dichiarazioni quanto meno sull’ambito sportivo,di solito in caso di batoste è sempre stato il primo a metterci la faccia!
    Per me il presidente sta trattando su più tavoli contemporaneamente e con taci sta prendendo tempo per cedere ad un altro….

  • 12 Novembre 2014 in 12:10
    Permalink

    SCUSATE…ma ghirardi non aveva detto che se arrivava un compratore più facoltoso di lui, glielo regalava il PARMA???
    parole post conferenza di ritorno.

    • 12 Novembre 2014 in 12:11
      Permalink

      visto ora…già scritto da perozzi

    • 12 Novembre 2014 in 12:13
      Permalink

      Posto che Ghirardi è nella spiacevole posizione di non poter scegliere, lui è liberissimo di scegliere a chi regalare la società. Ma aveva anche aggiunto a chi potesse fare meglio di lui (e io non sono così sicuro che Taci possa far meglio di lui) e, se non ricordo male, anche recuperandoci quanto messo…

  • 12 Novembre 2014 in 12:12
    Permalink

    1 milione senza dubbio è poco ma se Taci si fosse davvero messo a disposizione di pagare tutti i nostri debiti sarebbe un’offerta da tenere davvero in considerazione, purtroppo il parma adesso non vale molto, certo più di 1 mln ma questi debiti da pagare in tempo breve senza dubbio sono un problema non da poco sia per chi vuole vendere che per chi vuole comprare…

    • 12 Novembre 2014 in 12:29
      Permalink

      Posto che sia vero ciò che ci racconta la rosea. Ed io ne dubito, e anzi come il direttore credo che Ghirardi sia stato messo all’angolo proprio da Leonardi, cioè da colui che il Parma l’ha amministrato negli ultimi anni. Quest’ultima considerazione dovrebbe farci riflettere e permetterci di capire chi sia effettivamente il padre della posizione debitoria del Parma.

  • 12 Novembre 2014 in 12:18
    Permalink

    ricordo che garrone ha venduto la samp a 0 euro

    • 12 Novembre 2014 in 13:04
      Permalink

      credo che con ferrero tra un paio d anni saranno nella nostra stessa situazione……vediamo come amministrerà ,con quale competenza non mi sembra uno molto avveduto,sembra il classico tipo da passo più lungo della gamba…ha ragione Zamparini ; ferrero ha avuto un gran culo…e basta

  • 12 Novembre 2014 in 13:07
    Permalink

    Garrone non sa neanche dove mettere i soldi tanti ne ha…è un paragone che non regge.
    Ma se il Parma avesse 10 punti in più…ovvero a metà classifica…non pensate che Ghirardi avrebbe potuto saldare i debiti e poi vendere con calma….
    Dai miei informatori comunque penso che ci sarà la cessione a breve…abbiate fiducia

    • 12 Novembre 2014 in 15:34
      Permalink

      Sperem che i tuoi informatori abbiano santi in Paradiso ma santi che contano

      • 12 Novembre 2014 in 15:46
        Permalink

        Non alimentiamo speranze inutili, per favore. Quindi i millantatori scrivano altrove. Grazie.

  • 12 Novembre 2014 in 13:11
    Permalink

    Diamo il Parma in mano a Leonardi, con Schianchi alla comunicazione. Il Leo si che ci porterebbe fuori dai guai…. Ah scusate Leonardi è qui da un po’ di anni, è vero, si dunque mi sembra sia amministratore delegato e direttore generale… O forse è magazziniere? Quanto a Schianchi beh lui è un giornalista davvero indipendente che non si fa condizionare nè dettare la linea, con Leonardi lavorerebbe bene anche se si conoscono poco (ah ah ah)

  • 12 Novembre 2014 in 13:59
    Permalink

    San Leo ( e anche San Marino) pensaci tu

  • 12 Novembre 2014 in 14:35
    Permalink

    Majo , ma oltre a morTaci sua , c’è qualche altro imprenditore interessato ad una eventuale trattativa? ?

  • 12 Novembre 2014 in 14:36
    Permalink

    Direttore sarebbe interessante un parallelismo (avendo la possibilità di rafforntare i numeri) tra la vicenda Sampdoria/Garrone e quella Parma/Ghirardi. Anche a Genova avevano fatto investimenti importanti a livello di ingaggio quali Cassano, Pazzini, Den Neri, etc. ed i Garrone hanno regalato la società pur di liberarsi dei debiti. Però non mi sembra siano mai arrivati a questo punto. Ok il passo più lungo, etc. però qui mi sembra si sia ben oltre. Qui sembra un gioco costruito sul nulla fin dalle fondamenta. Contratti tv già scontati in banca, pesca a strascico per poter iscrivere a bilancio plusvalenze, etc. E’ stata acquistata una società sanissima e affossata.

  • 12 Novembre 2014 in 14:46
    Permalink

    D’accordo con G.luca, la penso allo stesso modo! Ed il tutto sotto il ns naso! !! E con l’avvallo di buona parte dei media!!!

  • 12 Novembre 2014 in 15:12
    Permalink

    X simone b.chi sarebbero i tuoi informatori e che cordata e`? Io dico. Che li comprano i cinesi

  • 12 Novembre 2014 in 15:40
    Permalink

    Diciamo che se GLuca ha ragione(probabilissimo) il Presidente o ha raccontato balle fin dall’inizio (eppure inizialmente gli sghei per qlc acquisto tipo Lucarelli li ha messi) o dopo la retrocessione ha subito una mazzata economica tale (accoppiata alla successiva crisi economica) che l’ha steso. Le manovre di finanza creativa ingegnate da San Leo l’hanno tenuto a galla per un po’ ma se la sofferenza era troppa aveva il dovere di cercare di vendere almeno un paio d’anni fa

    • 12 Novembre 2014 in 15:46
      Permalink

      Caro Alfredo: se siamo in questa situazione è grazie anche alla finanza creativa ingegnata dal tuo San Leo. La metafora è una: quella del pallone. Calciato sempre più in là…

      • 12 Novembre 2014 in 15:51
        Permalink

        Sai bene pero’ che l’asino va dove vuole il padrone

      • 12 Novembre 2014 in 15:52
        Permalink

        E poi Parma stimola la finanza creativa gia’ dai gloriosi tempi dello Squadrone che fu 🙂

      • 12 Novembre 2014 in 15:54
        Permalink

        E’ vero anche diciamolo pero’ che se non hai le risorse sufficienti non ti imbarchi in una storia come questa. Siamo vittime di megalomani 🙂

  • 13 Novembre 2014 in 08:32
    Permalink

    Mi viene un dubbio: ma quelli che hanno concesso credito fino alla morte al Parma, pur di lavorare con il Parma, ora cosa ne pensano? Non si sentono un po’ responsabili per aver girato la corda al collo di un gruppo di – all’appartenza – incompetenti?

  • 13 Novembre 2014 in 21:56
    Permalink

    Tutti parlano di debiti accumulati dal Parma.

    Ma qual’è lo stato patrimoniale della Società?
    Lo si conosce ? Sono state fatte analisi serie ?

    Molti parlano di centinaia di tesserati di proprietà del Parma ?

    Sono tutti dei brocchi che non valgono nulla ?

    Queste domande le giro a chi se intende visto che non sono competente in materia calcistica.

    Dare risposte compiute a questi interrogativi sarebbe più che opportuno PRIMA ANCORA che recitare il deprofundis.

    Lo stato reale dei conti è poi così disastrosa

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI