LE SPIEGAZIONI DEL PARMA IN UNA NOTA STAMPA EMESSA POCO FA: “MONENTANEA MANCANZA DI LIQUIDITA’: LA CONTINUITA’ AZIENDALE NON E’ AFFATTO IN DISCUSSIONE”

image(Ufficio Stampa Parma FC) – Collecchio 18 novembre 2014 – A seguito delle notizie diramate negli ultimi giorni dagli organi di stampa e alla delicata situazione venutasi a creare, Parma Fc comunica quanto segue.
L’apertura della società verso un’ipotesi di cessione del club, ampiamente dettata dalla forte delusione e sfiducia generata all’indomani dell’esclusione dall’Europa League, per motivazioni che ancora oggi non sono state chiarite (tanto che il club si sta ancora battendo nelle sedi deputate per far valere le proprie ragioni), ha fatto sì che, negli ultimi mesi, siano giunte numerose manifestazioni di interesse da parte di investitori italiani e stranieri, desiderosi di potersi confrontare con il Campionato di Calcio di Serie A, mediante l’ingresso in Parma Fc.

Alcune di queste manifestazioni di interesse si sono tradotte in concrete trattative.

In particolare, una di queste – quella più avviata risalente al recente mese di ottobre – è stata oggetto di un approfondito confronto riguardante la situazione economico e patrimoniale della società.

Elemento essenziale di tale trattativa, così come consacrato negli accordi preliminari, era quello di perfezionare l’acquisto non oltre la scadenza del 10 novembre 2014, al fine di garantire i pagamenti inerenti scadenze del 15 novembre 2014

Nonostante l’avanzato stadio cui è giunta quest’ultima trattativa e nonostante gli impegni assunti dalle parti, il promissario acquirente ha, inaspettatamente, rimandato la chiusura dell’operazione oltre il suddetto termine concordato del 10 novembre 2014.

Parma Fc si è così venuto a trovare nelle condizioni di dover, in tempi strettissimi, intraprendere tutte le iniziative utili all’ottemperamento degli impegni di pagamento in scadenza (iniziative che aveva precedentemente pianificato ma che, in seguito alla firma del contratto preliminare di cui sopra, aveva poi conseguentemente accantonato). Parma Fc è dispiaciuta di non aver potuto rispettare le scadenze e, allo stesso modo, di non aver potuto, nei giorni scorsi, fornire informazioni circa l’esistenza di tale trattativa (tuttora in essere) essendo vincolata da un patto di riservatezza che ancora permane.

In riferimento alla situazione finanziaria del club, Parma Fc ribadisce che le problematiche da risolvere sono relative a momentanea mancanza di liquidità e che la continuità aziendale non è affatto in discussione. Allo stato attuale, dopo un difficile inizio di stagione, caratterizzato da risultati negativi imprevisti ma anche da un numero di infortuni decisamente straordinario, lo sforzo è teso al raggiungimento di una migliore posizione di classifica che garantisca la permanenza in serie A. Traguardo da centrare a tutti i costi e con tutte le energie disponibili, per ridare ai tifosi del Parma Fc le soddisfazioni che meritano. L’impegno in tal senso è massimo da parte di ogni componente della società. Del resto il campionato è difficile ma ancora lungo e il tempo per recuperare non manca. A tale ultimo proposito, si dovrà, purtroppo, fare i conti anche con sicuri punti di penalizzazione che, tuttavia il club, in tutte le sedi competenti, cercherà di ridurre al minimo.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

110 pensieri riguardo “LE SPIEGAZIONI DEL PARMA IN UNA NOTA STAMPA EMESSA POCO FA: “MONENTANEA MANCANZA DI LIQUIDITA’: LA CONTINUITA’ AZIENDALE NON E’ AFFATTO IN DISCUSSIONE”

  • 18 Novembre 2014 in 19:01
    Permalink

    bagolò!!!!

  • 18 Novembre 2014 in 19:06
    Permalink

    Comprendiamoli……si,ma, pero’ non ci chiedano di portare noi i “tarallucci” domenica allo Stadio…

    • 19 Novembre 2014 in 09:05
      Permalink

      Tranquillo,ci pensa baffonea portare la torta fritta.

      Baffone ridicolo te e tutta la corte dei miracoli!

      Majo scusi, perché non gli fate (parlo di voi giornalisti in senso generale) qualche domanda? Sai che perle!

  • 18 Novembre 2014 in 19:07
    Permalink

    resta il fatto, che a prescindere da eventuali azioni nei confronti dell’acquirente inadempiente o prorogante, il comportamento della società non è stato quanto meno improntato alla diligenza.
    Non si può scrivere che la società vuole salvarsi ad ogni costo e poi si prendono 3/5 punti di penalizzazione complessiva.
    Quanto meno, un gruppo di persone “navigate” come i dirigenti del Parma dovevano avere nel cassetto e nelle tasche il piano B.
    Facciamo conto di partire da 2 punti domenica e vediamo di fare 40 punti nelle prossime 27 / 28 partite. Sarà…

  • 18 Novembre 2014 in 19:10
    Permalink

    Parole al vento rilasciate da gente che non ha più credibilità.

  • 18 Novembre 2014 in 19:12
    Permalink

    Vergogna..speriamo qnt prima lasci parma.bresciano

  • 18 Novembre 2014 in 19:12
    Permalink

    direttore…aria fritta? io non so piu cosa pensare

  • 18 Novembre 2014 in 19:13
    Permalink

    A ripensare a tutte le chiacchiere che ci hanno raccontato non miviviene in mente altro che una profondissima pena per i protagonisti di questa ingloriosa vicenda. Povero Parma che fine umiliante ti hanno fatto fare…

  • 18 Novembre 2014 in 19:14
    Permalink

    Una marea di balle per cercare di scaricare il barile su altri. Finché la società e’ tua caro Ghiro ne rispondi tu, evite queste scuse da bambino dell’asilo

  • 18 Novembre 2014 in 19:15
    Permalink

    il piano B?? come suona male …anzi direi in modo sinistro

  • 18 Novembre 2014 in 19:15
    Permalink

    Io voglio Tom e Leo allo stadio Domenica. Voglio che ci mettano la faccia e che vadano:
    1)sotto alla curva a chiedere scusa e a beccarsi gli insulti di chi spende soldi e prende l’acqua solo per la passione
    2)Giro dello stadio a beccarsi gli insulti di ogni settore(compreso quello ospiti)
    3)Per ultimo un bel giretto nelle aree hospitality(dove io pago soquanti quattrini) per beccarsi anche i miei di insulti.

    E questa scena la voglio “ogni maledetta domenica” che giocheremo in casa.

    E poi posso cominciare a urlare e tifare come faccio sempre.

  • 18 Novembre 2014 in 19:16
    Permalink

    Questa nota Stampa…..puzza di sigaro che “tarnega”!!!

  • 18 Novembre 2014 in 19:17
    Permalink

    Siamo alle solite. stanno cercando di tenere calmi i tifosi..Tutto qui. Non credo a nulla di quanto scritto

  • 18 Novembre 2014 in 19:17
    Permalink

    con quali cordate si sta trattando ancora

  • 18 Novembre 2014 in 19:18
    Permalink

    Un bel tacer non fu mai scritto…

  • 18 Novembre 2014 in 19:21
    Permalink

    Penso che sia curioso il fatto che usino la frase “rimandato la chiusura dell’operazione oltre la data prefissata” significa che quindi l’acquirente ha ancora interesse a chiudere nel breve? e chi è questo acquirente? A sto punto viene da chiedersi se esista davvero un acquirente o se è una bufala per scaricarsi le colpe di dosso. Non riuscendoci comunque.

  • 18 Novembre 2014 in 19:22
    Permalink

    Il gatto e la volpe? No chilor ien Fantozzi e Filini etor che…….come ho gia detto e scritto negli ultimi anni questa è una SOCIETà DILETTANTISTICA!!!!!!!!! SE NE TORNI A CARPENEDELO PRIMA POSSIBILE!!!!!!!!

  • 18 Novembre 2014 in 19:24
    Permalink

    E comunque è sempre colpa degli altri……..cazzo non tengono VERGOGNA!!!!!!!!!!!

  • 18 Novembre 2014 in 19:25
    Permalink

    Si certo come Antani con la supercazzola con scappellamento a destra

  • 18 Novembre 2014 in 19:28
    Permalink

    Meo sacculum arenarum plenum est (Marziale)
    Il mio portafoglio e’ pieno di ragnatele (Ghirardi)

  • 18 Novembre 2014 in 19:28
    Permalink

    l’acquirente e ovviamente Taci. E quello che aveva il pre-contratto.

    Si legge nei giornali da settimane questo

    • 18 Novembre 2014 in 19:46
      Permalink

      Si è letto sui giornali, ma l’interessato (Taci) aveva smentito. Per me si riferiscono ad altri.

      Sempre ammesso esistano poiché il credito di fiducia di cui godono i vertici del Parma F.C. per me è pari a zero. Io dubito dell’esistenza di precontratti o altre cose. Ma magari mi sbaglio…

      • 18 Novembre 2014 in 19:58
        Permalink

        Qualsiasi cosa dicono per me non sono più credibili. Prima se ne vanno e meglio è…

        • 18 Novembre 2014 in 20:05
          Permalink

          Il problema è che, secondo me, la prima parte del suo ragionamento è condivisa dalla stessa squadra… E il problema è lo stesso di qualche giorno fa: credibilità zero.

          Cordialmente

          Gmajo

          • 18 Novembre 2014 in 20:11
            Permalink

            Io credo che anche la seconda parte del mio ragionamento sia condiviso dai calciatori. Prima se ne vanno e meglio è per tutti!

  • 18 Novembre 2014 in 19:36
    Permalink

    Anche Un bel giro davanti ai disabili per la coppia dei famì

  • 18 Novembre 2014 in 19:47
    Permalink

    Game over.A loro interessa solo schivare il penale,ecco il riferimento alla continuità’ aziendale.Cazzole su cazzole.Storielle talmente stupide da essere surreali.Il dado e’ tratto,la faccia persa per sempre.

  • 18 Novembre 2014 in 19:47
    Permalink

    Permanenza in serie A? Ma di che parla??
    Permanenza per soquanto tempo in via Burla al massimo.
    Ma dai i trinariciuti non esiston piu’ e l’osso in testa qui non ce l’ha nessuno!!!
    E adesso chi vuoi che la compri una societa’ cosi messa??
    Aspetteranno al massimo il de profundis cantato da Boni e poi con 2 noccioline secche si papperanno il tutto ( vedasi Bari).
    Figura di tolla mostruosa

    • 18 Novembre 2014 in 19:51
      Permalink

      Guarda che il dettato sembra molto del tuo mito…

      • 18 Novembre 2014 in 19:53
        Permalink

        Di questo ne son certo… Dubito che il presidente (con p minuscola) possa scrivere qualsivoglia cosa, anzi sa scrivere? O leggere? I bilanci am sa ad no

      • 18 Novembre 2014 in 19:55
        Permalink

        Ma lui and Family non erano i signorotti che tanto ci pensavano tutto loro? A se’ vist

      • 19 Novembre 2014 in 11:07
        Permalink

        Eh no direttore, la squadra brancola nel buio, la dirigenza… peggio, i tifosi sono spauriti, se ci molli pure tu che ne sará di noi? Io voglio il mio direttore (al Majo miga al Leo) vivo e attivo, anzi, “incazzato… sempre nel lecito, checché se ne dica” a fare il suo lavoro con diligenza e professionalitá (come sempre).

        Il mio romanticismo mi impone di credere che le persone rette siano contagiose tanto quanto quelle vili, il problema é che in un mondo oscuro come quello in cui viviamo gli animi puri abbandonano la causa troppo presto sconsolate dai fatti.

        AVANTI PARMA, AVANTI CROCIATI, AVANTI MAJO&Co.

        • 19 Novembre 2014 in 14:45
          Permalink

          Io non vi mollo, caro Simone, e grazie per la fiducia.

          Però, a differenza di altri, quando mi espongo cerco di farlo per una buona causa (se prendo posizione) e comunque di non farmi compatire a raccontare fandonie.

          Ho trascorso l’intera mattinata a documentarmi. Penso che in serata potrei scrivere qualcosa, ma gli eventi sono in corso ed è un attimo doversi rimangiare tutto dopo 10′ dalla pubblicazione.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 18 Novembre 2014 in 19:48
    Permalink

    Gli stessi commenti che leggo qui, dovrebbero giungere anche alla Gazzetta di Parma, a TV Parma e tuti quelli che hanno sempre difeso (magari per interessi personali) questa dirigenza. L’articolo odierno sulla Gazzetta è vergognoso, sembra di assistere al pre-crac Parmalat (tutto tranquillo, non vi preoccupate, son ragazzi!.) Continuiamo ad abbeverarci alla sorgente Parma Fc e a quella del direttore della gdp, faremo della strada…
    Un po’ di pulizia, a Parma, non farebbe male.

    • 18 Novembre 2014 in 20:53
      Permalink

      Pienamente d’ accordo, sui giornali e televisioni locali mai una parola prima di 10 giorni fa….solo il Schianchi ha tirato fuori il “bognone” ma anche lui troppo tardi…Tutti sapevano,in città da un anno a questa parte non si parla d’ altro che di chiodi del Ghiro ovunque….altro che le bottglie di Valenza al Porcaloca.
      Giornalisti lecchini

  • 18 Novembre 2014 in 19:51
    Permalink

    E siccome la mancanza di liquidita’ e’ solo momentanea mi aspetto che a gennaio, quando immagino la liquidita’ sara’ fiorente, per mantenere la serie A a tutti i costi, faranno una campagna acquisti mostruosa.
    Ma va la’….PEZZENTI

  • 18 Novembre 2014 in 19:52
    Permalink

    Ancora ad oggi non capiscono perché sono stati esclusi dall dtpmpa League!!!incredibile!!!noi siamo una massa di scemi!!

  • 18 Novembre 2014 in 20:03
    Permalink

    Il Parma: “Difficoltà di liquidità. Ma l’azienda è sana” titolo del sito gazzettadiparma.it
    SIAMO ALLA PAZZIA PURA o SONO DEI LECCHINI FINA ALLA MORTE?

    • 18 Novembre 2014 in 20:18
      Permalink

      Come vedi il titolo è composto da: “Il Parma” e il virgolettato che segue.

      Dunque la titolazione è corretta dal punto di vista giornalistico, in quanto è il Parma che afferma quanto inserito tra virgolette. Non il giornale.

      Del resto semplificando il mio, di titoli, non è che si discosta molto. Ma penso sia chiaro che riportare il pensiero altrui non significa sposarlo.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 18 Novembre 2014 in 20:07
    Permalink

    Gentile sig majo lei pensa ci sua un nesso logico tra l’uscita di gaetano tedeschi da energi.t.group e l’attuale situazione societaria?perche’ non si sa piu’ niente sulle intenzioni del gruppo partner?

    • 18 Novembre 2014 in 20:15
      Permalink

      La questione Energy T.I. Group sarà oggetto di un mio ulteriore approfondimento non appena il neo presidente Giuli si degnerà di rispondere alle mie domande inviate la scorsa settimana. Però è negli States…

      Senza voler insinuare nulla, però, credo che se il neo-socio del Parma (il quale, e questo non gli va disconosciuto, ha strapagato, o meglio, stravalutato la propria quota azionaria perché 5 ml per il 10% mi sembra un tantinello esagerato) non avesse qualche problemino di suo, da buona stampella quale ci aspettavamo che fosse, avrebbe evitato che la società finisse in questa situazione. Poi, se come contrabbandano, la mancanza di liquidità è momentanea (diciamo che sono soltanto alcuni esercizi che i revisori sottolineano le possibili tensioni, vorrà pur dire qualcosa), il neo socio, che sembrava così potente, avrebbe potuto correre in soccorso… E invece? E poi i 25 milioni di euro in 10 anni? Nessuno li sconta. Vorrà pur dire qualcosa…

      Io penso che se Gaetano Tedeschi ha lasciato la presidenza della holding, dopo neppure un anno che era entrato, non era solo per intervenuti problemi personali, ma perché evidentemente non si trovava in accordo con il management. E l’unico nesso penso possa essere eventualmente correlato appunto alla posizione di Energy T.I. Group nei confronti del Parma.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 18 Novembre 2014 in 20:31
        Permalink

        Ma Giuli e’ andato a Sing Sing? Li di solito le chiavi le buttano e mi sa tanto che dovra’ aspettare un po’ per la risposta

        • 19 Novembre 2014 in 08:15
          Permalink

          Anche se questo silenzio da parte di Giuli può nascondere ben altro, forse sta cercando di capire l’ evoluzione della trattativa, non è detto che non sia tra i potenziali acquirenti magari all’interno di una cordata, in fin dei conti il suo progetto industriale su Parma non ha ancora avuto inizio e certamente, in un contesto di normalità, potrebbe essere economicamente produttivo.

          • 19 Novembre 2014 in 08:34
            Permalink

            Son senza dinero pure lor signori…. Svegliaaaaaa

  • 18 Novembre 2014 in 20:09
    Permalink

    Gabriele,
    Com’era il clima oggi a Collecchio??? Come hai trovato i giocatori??
    Spero che domenica il tardini sia pieno e sostenga la squadra anziché contestare la società…le poche speranze di salvare il club è arrivare a gennaio con una classifica non troppo brutta, impresa titanica…Osso pensaci tu

  • 18 Novembre 2014 in 20:17
    Permalink

    Ma di cosa stiamo parlando ? A questi va bene di avere una tifoseria che si è sempre bevuta tutto, di vivere in una città dove, al massimo, si prendono due ragioni balorde. Voglio una presa di posizione da parte della tifoseria organizzata, in primis dai Boys…ma tanto ‘ chissenefrega, giocherà la primavera.. ‘ . Fuori le palle e tutti a contestare domenica !

  • 18 Novembre 2014 in 20:19
    Permalink

    questo comunicato se possibile è un’ulteriore presa in giro per noi tifosi, invece di scusarsi per bene e prendersi tutte le proprie responsabilità, provano a dare la colpa di questo disastro prima all’Europa League e poi addirittura al possibile compratore, che li ha “abbandonati” senza dare loro il tempo di trovare i soldi…il bello è che i soldi li avrebbero dovuti preparare in ogni caso!!! non è possibile che una società seria si faccia trovare impreparata perchè “convinta di essere ceduta”, queste spiegazioni sono ridicole, un tentativo di giustificarsi anche quando si è ingiustificabili

  • 18 Novembre 2014 in 20:19
    Permalink

    anche io ho delle proprieta’ immobiliari ma non ho LA LIQUIDITA’ per comprarmi la mercedes

    BUFFONI

    SOLO PER LA MAGLIA

  • 18 Novembre 2014 in 20:23
    Permalink

    Ma questi ci sono o ci fanno? Dopo aver letto il comunicato, non sapevo se ridere o piangere! Ma perchè cazzo non si inizia a contestare? Lo so che non cambia lo stato delle cose,ma ogni domenica devono essere sputtanati davanti le telecamere dai cori dei tifosi! Noi andremo all’inferno, ma loro devono subire il più grande danno di immagine possibile! Li vorrei umiliare in pubblico! Una società che accantona il problema di come reperire i fondi,perchè un possibile compratore ha stipulato un precontratto? ahahahhahahahahaha… Questa è di Leonardi,sicuro! Due so le cose : se fosse vero, siete degli incompetenti,ma di quelli patentati, cioè proprio con un attestato rilasciato dall’associazione deficienti e mentecatti italiana! se , lo spero per la vostra pseudo intelligenza, non fosse vero siete,allora non avete troppa fantasia nel raccontare balle… ero più bravo io da piccolo!

  • 18 Novembre 2014 in 20:25
    Permalink

    A me puzza tutto, compresi i 25 milioni di Energy .. quante frottole

  • 18 Novembre 2014 in 20:45
    Permalink

    Bastardi che nn siete altro ci vediamo domenica al tardini! Ma fatevi vedere maledetti , nn vi nascondete in area hospitality, rispetto cazzo!!! Macino chilometri da anni per essere preso per il culo da loro!!!! Contestazione e basta a questi pezzenti!!la squadra va sostenuta per la maglia!!!!

  • 18 Novembre 2014 in 20:56
    Permalink

    Ci sara’ ancora “la squadra” a gennaio?Voi lavorereste gratis senza alcuna prospettiva?Per quanto tempo?Basta inviare una raccomandata,attendere 20 giorni dal ricevimento ed in mancanza del saldo delle spettanze si e’ svincolati.Liberi di firmare per chiunque.Rien ne va plus.

    • 18 Novembre 2014 in 21:20
      Permalink

      Sottoscrivo tutto quanto è stato scritto.

  • 18 Novembre 2014 in 21:07
    Permalink

    Mi dispiace molto che Ghirardi non si sia ancora ripreso dai complotti di quest’estate, ke (come scrivo da mesi) hanno fatto delle sporcaccionate ke poi per forza i tribunali se ne devono lavare mani e piedi, ke se no restano sporchi di lidga del fiume limaccioso fatto da Majo, Garg-Angella e i torinisti.
    Ma noi abbiamo pazienza e il tribunale dei diritti dell’Uomo ci darà ragione. GHIRO SIAMO TUTTI CON TE! RIPENSACI. Qui di complimenti ai torinisti nn ne facciamo.
    E lei Majo ha visto a fare i complotti ke Ghirardi è ancora triste? E poi va via?
    Io invece voglio ringraziare tutti quelli ke in tutti questi anni hanno difeso Ghirardi sempre e comunque, da VERI TIFOSI DEL PARMA, del cuore della parmigianità, per la maglia crociata verde, tra la nostra gente, ke appena uno diceva BAU era un nemico del Parma!!! Grazie Settore Crociato, Bepi, Comitato del Centenario, Blog del Centenario, CCPC, Boys, Gazzetta di Parma, Sandro Piovani. Che se non fosse stato x Majo e il Kairo, adesso saremmo in EL, con il Ghiro felice. E comunque adesso nn siamo in una brutta situazione, xkè se nn ci fosse stato Ghirardi kissà dove San remo.
    Speriamo ke la nuova società, se proprio il Ghiro ci vorrà lasciare, E IO SPERO DI NO, prenda della gente competente al marchettin e nei rapporti con i tifosi, tipo un verso tifoso del Parma, tipo quello che scrive su Stadiotardini.it e che da sempre del culano a Majo. A parte che sono io, secondo me ci becca un totale ed è un vero tifoso del Parma, di Parma, pieno di idee, nel cuore della parmigianità, che mette il formaggio su tutto, della nostra gente. Ke c’è bisogno di parmigiani in società come lui, ke io magari vi inculo, ma quando ti incula uno parlando in dialetto… allora ti diverti e stai bene che siamo tutti una grande famiglia. Ke ti dico onora Parma non tiratelo via da dietro! E questa è parmigianità. E mi commuovo. Magari vi inculo, ma con un pò di SAUDAGI, come dicono in Terra Nostra. Ke io posso dare completamente ragione a qualsiasi nuova proprietà, anke straniera, anke se batte bandiera pirata. E che se avessi un sito io anofficial sarebbe molto molto più servile e darei torto a Majo appena apre bocca.
    La donna ke pulise le scale nel mio condominio ha sentito dal bottegaio che ci sarebbe anke una cordata di pirati somali interessata al Parma.

    • 18 Novembre 2014 in 22:01
      Permalink

      marcello pianta lì, non fai più ridere nessuno, se mai hai fatto ridere qualcuno

      • 19 Novembre 2014 in 09:20
        Permalink

        Sottoscrivo al 4000%

  • 18 Novembre 2014 in 21:28
    Permalink

    Ma Leonardi dopo quanto sta facendo al parma pensa di trovare un’altra squadra di serie a….non andiamo all’inferno ma lui chiude qui la sua carriera nel calcio

  • 18 Novembre 2014 in 21:37
    Permalink

    Probabilmente l attività aziendale di cui viene garantita la continuità è prendere per i fondelli la gente.
    Il resto è aria fritta, fino a 10gg fa non c era nessuno interessato, ora tanti ed alcune trattative. Taci x me non ci ha neppure in nota. Bondi quando ebbe problemi con sanz il nome lo faceva e aveva chiesto pure la caparra. Energy come tutti i soci di minoranza si dilegua appena possibile in silenzio.
    Poi hanno anche il coraggio di preannunciare ricorsi per ridurre la penalizzazione, ce la beviamo perché è giusto così.
    Spero che tutti i creditori finché Ghirardi è garante facciano partire le varie ingiunzioni, altro che “noi siamo brava gente” paga i debiti e le tasse

    • 19 Novembre 2014 in 00:34
      Permalink

      Sinceramente Tommaso Ghirardi non lo vedo come un avventuriero e non credo avesse la volontà di non pagare la gente (inclusi i suoi giocatori) o evadere le tasse (situazione implicitamente ammessa nel comunicato di oggi, in cui genericamente si annunziava di non esser riusciti ad adempiere alle scadenze): semplicemente, come da tempo accadeva, ha fatto il passo più lungo della gamba, vittima della sua stessa ambizione. Poi, illuso dall’illusionista, ha creduto si potesse fare calcio senza smenarci, solo grazie alla riconosciuta abilità sulla carta del suo dirigente…

      E’ chiaro, comunque, che se i Ghirardi Pasotti vogliono salvar la faccia non è certo non mettendo i soldi alle scadenze previste, per poi avallare un comunicato stampa come quello di oggi. Le operazioni dalla scorsa estate in poi mi paiono un continuo suicidio. Ma la mamma e Schinelli non riescono a intervenire? Anche se ormai mi sa che sia troppo tardi…

      In effetti se avanzassi dei soldi penso che non mi farei troppe remore nell’esigere il dovuto. Tra l’altro mi piacerebbe che questo partisse dai rappresentanti della cosa pubblica.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 19 Novembre 2014 in 09:40
        Permalink

        Daccordo nel non ritenere Ghirardi un avventuriero; io lo considero uno speivveduto. Se non hai la forza di investire somme anche importanti devi essere talmente avveduto a cedere l’attivita’ a babbo vivo quando le acque sono ufficialmente chete e non incaponirsi in un gioco perdente.
        Ecco potrebbe definirsi un ludopatico

      • 19 Novembre 2014 in 12:25
        Permalink

        Su quello hai ragione, non un avventuriero ma uno sprovveduto come dice giustamente Alfredo. Il punto, a mio parere, è che una persona di un certo calibro una volta commessi errori e sorti problemi dovrebbe adoperarsi per risolverli. O si vende o si investe. Qua si vuole la botte piena e la moglie ubriaca.
        Io ho rispetto dei suoi investimenti e l’ho sempre ringraziato ma i presidenti dimenticano sempre che una squadra rappresenta una città ed una comunità anche se di loro proprietà

  • 18 Novembre 2014 in 21:45
    Permalink

    Genio. Chapeau

  • 18 Novembre 2014 in 22:31
    Permalink

    Spezzo una lancia a favore di Ghirardi…purtroppo distratto dal carrello dei bolliti serviti nei ristoranti parmigiani…pertanto incapace di accorgersi della scadenza di lunedì…c’è da capirlo, poverino…aveva anche intimato all’errea di confezionare la maglia del glorioso 0-7 contro la Juve, in onore della salsa verde che accompagnava i bolliti di cui sopra! Ps: non sapevo che Pinocchio fosse un dipendente del Parma Fc e responsabile dei comunicati stampa. Ps: ottimo affare cedere Okaka e prendere Belfodil…

    • 18 Novembre 2014 in 23:45
      Permalink

      Comunque i problemi non stanno nel cedere Okaka e prender Belfodil. A parte che era Pozzi…

  • 18 Novembre 2014 in 22:47
    Permalink

    E intanto Majo TAC..E….rassegnazione o profilo basso?!

    • 18 Novembre 2014 in 23:27
      Permalink

      E che dovrebbe dire Majo, benedetto figliuolo? Penso di essermi già esposto ieri sera durante Calcio & Calcio… Non è che abbia da aggiungere molto di più. La faccenda della certa penalizzazione ha di fatto chiuso ogni possibilità di conclusione della trattativa più seria (a mio modesto avviso) e dubito che possa favorirne anche di altre.
      E il comunicato di oggi lo ritengo la degna prosecuzione di quella intrapresa dalla scorsa estate. Potrei definirlo ridicolo, ma di questi tempi c’è poco da ridere. Il bluff continua… La fine non c’è mai. Qualcosa succederà (Pasolini).
      Cordialmente
      Gmajo

      • 18 Novembre 2014 in 23:44
        Permalink

        Ma e’ certo che qusto pregiudichi definitivamente la trattativa di sua conoscenza? Non e’ che ci danno 20 punti di penalizzazione. Se la cordata avesse come dice la giusta potenzialita con un paio di innesti a Gennaio credo ci si possa ancora salvare mancano ancora un sacco di partite e poi per il prossimo anno con le cessioni si potrebbe rientrare di parte dell’ investimento e puntare su dei giovani validi.

        • 19 Novembre 2014 in 00:01
          Permalink

          Di definitivo c’è solo la morte, ma che la pregiudichi al 99,9% direi di sì. Anche perché, al di là della penalizzazione (comunque siamo realisti: siamo ultimi con 6 punti, di cui minimo la metà spariranno per la penalizzazione) comunque il pre-contratto esclusivo con mandato irrevocabile di vendita è piuttosto blindato. E la nota stampa del Parma sostiene che la trattativa non sia chiusa (del resto le clausole poste dagli avvocati di Taci, che non sono degli ingenuoni, avranno previsto per il proprio assistito di poter fare il bello e cattivo tempo, incluse le inadempienze senza colpo ferire).

          Cordialmente

          Gmajo

          • 19 Novembre 2014 in 08:36
            Permalink

            Un suo pensiero? O qlc notizia per questo?

  • 18 Novembre 2014 in 23:10
    Permalink

    Se tutto fosse vero ci sarebbero almeno due considerazioni da fare:
    La prima e’ che comunque non ci si puo far trovare inpreparati ad una scadenza cosi importante perche finche non c’e’ la cessione la societa e’ tua e ti devi preparare a far fronte alle scadenze se poi la trattativa la chiudi i soldi te li tieni in tasca ma devi averli pronti.
    La secpnda e’ che questa eventuale nuova proprieta certo non si presenta come delle piu affidabili visto che gia’ non rispetta il suo impegno e lo rimanda sapendo quello che cpmporta.
    Ribadisco se fosse tutto vero.

    • 18 Novembre 2014 in 23:44
      Permalink

      La fantomatica nuova proprietà cui fa riferimento il comunicato non può che essere Taci, della cui affidabilità aveva dato ampia prova anche in precedenti occasioni. Mi pare una scelta – quella di rivolgersi proprio lui, o di pescare proprio quella tra le tante proposte ricevute (a parte che quando si contano le balle bisogna avere la memoria buona: in precedenti occasioni ci era stato detto che in tutta la vacanza presidenziale non si era presentato nessuno, mentre adesso c’è tutta questa gente all’uscio, che non vede l’ora di comprare una squadra ultima in classifica e penalizzata…) oculata come quella di sedersi al tavolo con Valenza…

      Sul discorso del piano B sono pienamente d’accordo come già scritto anche in altri commenti. Non puoi non averlo. E se non lo avevi pronto potevi lasciar lì di bluffare. Che ingenuità madornale! Anche perché il precontratto è blindato e non ci si può rivalere in alcun modo per l’inadempienza. E i punti della penalizzazione allontano ogni possibile venditore.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 18 Novembre 2014 in 23:11
    Permalink

    Ammettiamo che la trattativa esiste e sia colpa del fantomatico imprenditore, mi chiedo io, ma quale società non prepara un piano b? cioè abbiamo una società di dilettanti.

    • 18 Novembre 2014 in 23:37
      Permalink

      La situazione è illogica e spiazzante. Io di solito cerco di dare una spiegazione razionale ad ogni tipo di azione. Ma gli sviluppi di ieri vanno al di là della mia comprensione. E’ un continuo lacerante bluff che non potrà che lasciare con le carte in mano (quelle del gioco delle tre carte) gli autori.

      La logica stringente era: se voglio rilanciare ci metto i quattrini; se ci metto solo parte dei quattrini e rilancio lo stesso vado incontro al suicidio. Comunque, assodato che il supposto compratore sarebbe stato Taci, alla fine che quel passaggio di proprietà non si sia concluso non è un grave danno. Ma la faccenda dei punti di penalizzazione ormai certi in arrivo ha chiuso la possibilità di un tentativo di salvataggio in serie A.

      Comunque è sacrosanto che un piano b (il fantomatico compratore loro non lo possono dire, ma era appunto Taci, protetto da avvocati piuttosto codigni abili a preparare precontratti inattaccabili anche se inadempienti e che hanno chiuso ogni possibile altra porta) avrebbe dovuto essere predisposto, come correttamente tanti di voi, a partire da massimiliano, avete giustamente detto. Se il piano B non era pronto, con buona pace del comunicato odierno, la vedo dura sulla continuità aziendale. Anche perché la mancanza di liquidità è tutt’altro che occasionale.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 19 Novembre 2014 in 00:00
        Permalink

        Allora sarebbe stato meglio rivolgersi a loro per la licenza 🙂

      • 19 Novembre 2014 in 10:26
        Permalink

        è comprensibile che sia saltata la trattativa…un società spremuta fino all’ultima goccia: il centro sportivo avrà anche valore ma sono le entrate che fanno gola non il patrimonio.

  • 19 Novembre 2014 in 00:15
    Permalink

    Piccola considerazione logica:
    Quando il leo ha rinnovato il contratto e si é fatto pagare subito tutto é forse perché sapeva la situazione e che correva il rischio di non prendere i soldini?
    Lascia un po riflettere come cosa …..

    • 19 Novembre 2014 in 00:20
      Permalink

      Affermazione, Salvatore, della quale si assume lei, ovviamente, ogni responsabilità, vero? Anche perché a me non risulta che sia così. Leonardi, per quello che ne so io, non si è fatto pagare tutto subito. Di conseguenza, non risultami come vera l’affermazione, non mi fa affatto riflettere.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Novembre 2014 in 00:32
    Permalink

    Affermazione ripresa o da un altro utente sempre qui o su un forum, quindi see ho sbagliato chiedo venia ……

    • 19 Novembre 2014 in 00:38
      Permalink

      Nessuno è infallibile, io compreso, però temo che lo abbia letto altrove e non qui, a meno che, appunto, non mi sia sfuggito tra i tanti commenti che arrivano, perché certo di essere molto attento su queste cose, in pieno ossequio alla deontologia profesisonale, che è il marchio di fabbrica di questa testata giornalistica on line. Magari lascio passare qualche improperio perché, in certe occasioni ritengo legittimo che ci si possa sfogare, ma le falsità le evito.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 19 Novembre 2014 in 01:08
        Permalink

        Chiedo scusa, presa l’informazione da un altro sito, per me può anche cancellare i miei precedenti post.
        Sorry

  • 19 Novembre 2014 in 01:07
    Permalink

    Ci sono giorni in cui essere parmigiano e’ facile altri dove esserlo è’ un onore.

  • 19 Novembre 2014 in 09:20
    Permalink

    il punto, amio modestissimo parere, è che ghirardo ha sempre detto che i tifosi dovevano togliersi dagli occhi il parma dei tanzi, e che dovevamo tornare il parma provinciale dei primi anni 90 ma diceva una cosa e ne faceva un’altra. a lui è sempre piaciuto fare il piacione

  • 19 Novembre 2014 in 09:38
    Permalink

    Segnalo le prese di posizione di Settore Crociato, Boys e Comitato del Centenario, sul tema in oggetto. A no, nn hanno scritto niente. Be dai è giusto, meglio tacere, ke il PADRONE lo rispettino fino alla fine. Ve lo posso dire con ironia o seriamente, ma fate sempre schifo.
    Questo è il tifo organizzato a Parma. Non meglio l’informazione (ufficiale e anofficiale), ke per anni ha negato la realtà, prendendo x il culo i tifosi.
    Meglio cmq il silenzio alle scritte “anonime” di qualche irriconoscente in città.
    RISPETTO SOLO X GHIRARDI, ke almeno ci ha messo della pila sua. NESSUN RISPETTO per i parassiti ke gli hanno leccato il culo x anni. siete voi la rovina del Parma. VERGOGNATEVI. La parmigianità, la nostra gente, la comunità, ma andvila a tor in tal cul

  • 19 Novembre 2014 in 09:47
    Permalink

    Ho letto che potrebbe tornare Baraldi, cosa c’è di vero e arriverebbe solo come consulente o potrebbe essere il collegamento con una cordata interessata all’acquisto?

  • 19 Novembre 2014 in 09:54
    Permalink

    La volonta’ di ghirardi era di continuare con il parma fino a fine campionato il problema che non a trovato appoggi dagli imprenditori parmigiani sponsor ecc la sua famiglia gli ha chiuso i rubinetti perche’ a speso troppo, in societa’ mancava un serio consulente finanziario, ma si e’ affidato a leonardi che come ad aveva troppo potere all’interno del club comprando oltre 170 giocatori poi piazzati in altre squadre.
    Inoltre a investito parecchio capitale sul centro sportivo di collecchio.
    Insomma a fatto il passo piu lungo della gamba poi a dato troppo potere a leonardi questo e’ stato il suo piu grosso errore , ha sbagliato ed ora si pagano le conseguenze.
    Se al posto dell attuale Leonardi ci fosse stato Sacchi o Baraldi penso che non si sarebbe mai arrivati a questa situazione che ne pensate majo e tifosi?

    • 19 Novembre 2014 in 13:26
      Permalink

      Concordo in parte sul tuo ragionamento, penso infatti che la sua idea era ed e’ quella di cedere il prima possibile non di arrivare a disputare tutto il campionato proprio perche come hai detto gli hanno chiuso i rubinetti e non da ieri. Sull!appoggio di imprenditori locali non ne doveva far affidamengto ne continuare a tirare in ballo questa cosa, lo sapeva dall’inizio che non poteva contarci. Sicuramente Leonardi ha avuto troppo potere doveva affiancare a lui qualcuno che lo frenasse un po qualcuno piu esperto in materia finanziaria e questo e un suo grosso errore.

  • 19 Novembre 2014 in 10:05
    Permalink

    Se il tifo organizzato ha qualcosa da dire a Ghirardi, prima gli restituisca i favori ke ha chiesto, implorato e di cui ha beneficiato.
    Siete andati a ringraziare il Parma x nn aver ottenuto la licenza uefa, e adesso nn vi va bene questo comunicato? E’ esattamente in linea con le storie di quest’estate, quando ki apriva bocca (NN X CONTESTARE MA X KIEDERE LA VERITA’!!!!) era un torinista del fiume limaccioso. Tacete cazzo ke dovete solo vergognarvi.
    Dare addosso a un presidente xkè è in difficoltà ke senso ha? Io su questa situazione nn ho ancora un’opinione definita. Se il Ghiro ha veramente problemi economici, che cazzo bisogna pretendere? Se i soldi ce li avete voi: portateglieli, visto ke per voi 6 milioni di euro sn noccioline.
    Dopo questa storia spero ke i tifosi capiscano ke c’è da stare vicino in particolare alla squadra, invece di insultarla o contestarla. Ke la maglia l’hanno onorata + loro di tanti tifosi parassiti.

  • 19 Novembre 2014 in 11:34
    Permalink

    Zanetti ci sta provando concretamente. Speriamo bene

    • 19 Novembre 2014 in 14:43
      Permalink

      Non ne sarei così convinto. E comunque Zanetti non credo si accolli – peraltro lo aveva riferito Baraldi nei giorni scorsi a Palla in Tribuna, ma comunque nel calcio vale il principio che si può dire tutto e il contrario di tutto – la mole dei debiti. Per cui potrebbe entrare, semmai, dopo la cura dimagrante inevitabile che si dovrà fare. Cosa che non va d’accordo con la pietosa situazione di classifica.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 19 Novembre 2014 in 21:47
        Permalink

        Direttore, converrà con me che è quantomeno sospetto che, pochi giorni dopo aver detto che parla a Zanetti continuamente della cittá e dei suoi tifosi, a Baraldi venga richiesta la sua collaborazione. É vero che in questa storia molti tasselli non hanno senso, ma qualcuno prima o poi seguirá una logica!?

        • 19 Novembre 2014 in 22:03
          Permalink

          Infatti sto facendo una fatica del diavolo a starci dietro, proprio perché c’è una totale mancanza di logica (e forse il mio errore potrebbe essere quello di dare una lettura razionale a situazioni irrazionali).

          Detto questo: magari Baraldi, che in Via Mantova vanta ottime entrature (e di conseguenza anche in strada al Ponte Caprazucca) ha fatto un po’ di réclame a sé stesso e a Zanetti (peraltro era intervenuto anche a SportItalia), sì da esser chiamato e metterci il naso. Un suo coinvolgimento potrebbe essere visto sia in veste di risanatore, sia, e soprattutto, di uomo di fiducia di un possibile compratore. Non va dimenticato, poi, che poteva far gola a Ghirardi, anche il suo essere apprezzato su questo territorio per il lavoro proficuo svolto in passato.

          Però bisogna vedere quanto convenga a Baraldi metterci mano.

          Cordialmente

          Gmajo

  • 19 Novembre 2014 in 11:47
    Permalink

    le risultano le voci su baraldi?

  • 19 Novembre 2014 in 12:12
    Permalink

    Ennesima replica de “I Pagliacci” al Teatrino di Parma.
    A quando la fine della farsa?
    Temo non a breve…l’agonia continua.
    Che tristezza.

  • 19 Novembre 2014 in 12:13
    Permalink

    Ritorna Baraldi?

  • 19 Novembre 2014 in 12:32
    Permalink

    Marcello serio no….no lo posso accettare

  • 19 Novembre 2014 in 13:31
    Permalink

    Trova conferme la notizia di stamane anticipata dalla Gazzetta di Parma: Luca Baraldi è ad un passo dal ritorno al Parma FC, richiamato da Tommaso Ghirardi a Collecchio per gestire la delicata situazione societaria che ha investito la realtà ducale negli ultimi mesi. Per l’ex ad di Lazio e Bologna una situazione familiare, visto che già collaborò al passaggio di proprietà del club biancoceleste dopo l’addio di Cragnotti nel 2003. La giornata di oggi potrebbe essere già decisiva per il nuovo incarico, una decisione fortemente voluta dal patron ducale dopo la caotica giornata di lunedì, in cui il club non è riuscito a ottenere i milioni necessari per gli stipendi di tutti i tesserati.

  • 19 Novembre 2014 in 13:51
    Permalink

    Direttore, domanda semplice : Perchè Baraldi ?

    • 19 Novembre 2014 in 14:40
      Permalink

      In due parole non è semplice. Porta pazienza che più tardi potrei proporre un mio editoriale.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Novembre 2014 in 13:58
    Permalink

    Allora ritorna Baraldi, oppure si tratta dell’ennesima presa x i fondelli come Taci, e petrolieri vari ?

  • 19 Novembre 2014 in 14:31
    Permalink

    Premetto sono un tifoso del Toro. E molto dispiaciuto per la situazione che state vivendo (io a Parma ho vissuto un anno e mezzo).
    Forse quest’estate invece che scagliarvi contro di noi, sarebbe stato piu’ opportuno aprire gli occhi e capire da subito che il “duo meraviglia” stava prendendo per il sedere tifosi e citta’, con una montagna di bugie grande tanto quanto i debiti accumulati.
    Ora l’unica cosa possibile, a mio avviso, e’ difendere la dignita’ e l’onore della squadra e della citta’. Cacciateli via a calci nel sedere.

    • 19 Novembre 2014 in 14:42
      Permalink

      Luca tu mescoli due cose completamente differenti. Vuoi parlare di capre o di cavoli ? Mele o pere ? un conto sono 300 mila euro non versati per errori di interpretazione contabile e che nemmeno un tribunale osa giudicare. Con quei 300 mila euro il Parma ha perso milionate in diritti televisivi per colpa di incompetenza (300mila euro anche il Ghiro li poteva trovare senza patemi se fosse stato consigliato meglio), un conto è la mancanza di 15 milioni al termine di una scadenza che non ammetteva errori per colpa di un evidente mancanza di fondi.

      • 19 Novembre 2014 in 14:50
        Permalink

        Sono pere e mele che si prestano ad essere mescolate ben bene.

        Perché sulla storia dei 300.000 euro hai scritto delle inesattezze, le stesse fatte bere dalla società ai tifosi. Interpretazione contabile che nemmeno un tribunale osa giudicare è una di quelle favolette che vi hanno fatto bere. Basta leggere le sentenze…

  • 19 Novembre 2014 in 15:10
    Permalink

    MAK CAPISCO LA TUA RABBIA, UN RISULTATO FANTASTICO MERITATO, RIPETO MERITATO, SUL CAMPO, E’ STATO VANIFICATO DA QUALCOSA CHE E’ BEN LONTANO DAL GIOCO DEL CALCIO.
    MA COME DICE GIUSTAMENTE IL SIG.MAJO LE SENTENZE NON SONO LE BALLE RACCONTATE DA LEONARDI.
    LEGGILE, TI PREGO, POI MI DIRAI.

  • 20 Novembre 2014 in 17:10
    Permalink

    Mi chiedo perchè Ghirardi non ha venduto la società questa estate.. tanto lo sapeva già che i soldi erano finiti, lo si vociferava alla fine della scorsa stagione. Adesso ha tirato in lungo questa pagliacciata e ci becchiamo i punti di penalizzazione, è la B sicura. Caro Ghirardi in pochi mesi ti sei mangiato la stima dei parmigiani che adesso ti ricorderanno come quello che ha affondato il Parma per la seconda volta dopo Tanzi. Ha ragione chi dice che è meglio ritirarsi subito dopo aver vinto, così si conservano i buoni ricordi. Se non si vende la società entro fine anno che mercato faremo a gennaio? Facciamo giocare Crespo e Barbuti, oggi costano poco…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI