LICENZA UEFA / ANCHE IL TAS SI DICHIARA INCOMPETENTE: PER I PRESUNTI DANNI IL PARMA PROCEDE IN CASSAZIONE ED EVENTUALMENTE ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO

(gmajo) – Ieri sera alle 23.15 anche il Parma F.C. – come le altre parti interessate – ha ricevuto via email formale comunicazione dal TAS CAS di Losanna che è stato rigettato, senza entrare nel merito, il ricorso intentato avverso la FIGC e il Torino al fine di riottenere la Licenza Uefa negata dalle due commissioni federali, senza che il verdetto venisse modificato dal Coni o dai tribunali amministrativi aditi, alias Tar Lazio e Consiglio di Stato. A carico del Parma le intere spese processuali, come normale prassi quando viene negato un ricorso che comunque, visti i precedenti, di per sé era già molto difficile da vincere. E’ comunque ancora ferma intenzione della società crociata (che a breve dovrebbe emettere una nota stampa in proposito) insistere con la Corte di Cassazione ed eventualmente con la Corte Europea per i diritti dell’Uomo: ovviamente non potrà più essere ridata ai giocatori la soddisfazione di andare in campo in Europa (dove già da tempo sono stati sostituiti dai granata ripescati), e ai tifosi di seguirli, ma in caso di successo il club potrebbe essere ristorato dei danni che ritiene di aver subito. Come spiegava l’altra sera l’AD Leonardi a Calcio & Calcio, il Parma F.C. per correttezza nei confronti dei propri calciatori, autori dell’impresa sul campo, sta riconoscendo i premi abbinati, anziché aver aperto un contenzioso per non assegnarli.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

19 pensieri riguardo “LICENZA UEFA / ANCHE IL TAS SI DICHIARA INCOMPETENTE: PER I PRESUNTI DANNI IL PARMA PROCEDE IN CASSAZIONE ED EVENTUALMENTE ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO

  • 1 Novembre 2014 in 10:43
    Permalink

    Cucù

  • 1 Novembre 2014 in 10:48
    Permalink

    dai al limite ci resta ponzio pilato,chi volete libero ? gesu’ o barabba ? …barabba libero e felipe stopper !

  • 1 Novembre 2014 in 12:10
    Permalink

    Gentile Majo, scusi la domanda ma a me certi modi di agire da parte degli uffici mi sembrano delle prese in giro colossali, cioè TUTTI si sono dichiarati chi al 100% chi parzialmente incompetente a valutare la situazione è prendere una decisione spiegandone in maniera esaustiva il perché senza lasciare spazio a recriminazioni o ad incomprensioni….chi alla fine di tutto è preposto a giudicare in maniera completa la vicenda?
    A me questa cosa proprio non la capisco e non mi capacito.
    Anche qua il trattamento riservato al Parma Fc ed i modi mi sembrano veramente opinabili per non dire fuoriluogo, ricevi una mail, senza un udienza calanderizzata alle 23:15 del 31 di Ottobre!?!?
    Io accetto la sentenza di buon grado se gli errori sono stati commessi, non faccio nessuna polemica al riguardo, ma che non si rispetti il club e lo si continui a perculare questo no.
    Spero e mi auguro che Pietro e Ghirardi escano con un comunicato non battagliero di più ; per rispetto della storia e dei tifosi che ne fanno parte. Il risultato non cambia ma che almeno alla fine possiamo avere risposte esaustive.

    • 1 Novembre 2014 in 12:31
      Permalink

      Ma per carità, di battagliero c’è già quello di Iller Pattacini, basta e avanza. Fatti e non parole, ed i primi credo oramai parlino chiaro.
      Prima ci si mette alle spalle questa infinita querelle giudiziaria e meglio sarà, per dirla alla Boni “è la madre di tutto il casino”.

  • 1 Novembre 2014 in 12:11
    Permalink

    Il Parma ha tutto diritto di trovare un punto di ristoro, anke un autogrill in autostrada, almeno x riposarsi e dormire un pò x tutti i viaggi in tutte le corti d’europa.
    Io cmq vorrei leggere il testo della mail, ke immagino abbia scritto Al Majo o Garg-Angella, sempre ke nn sia in inglese, torinistico ed ostruzionistico, x nn farci capire. Scrivete le cose e poi non ce le fate leggere? Siete un pò dei malduchè secondo me.
    Sempre fiduciosi di tornare in EL, xkè nn abbiamo sbagliato niente, ma proprio NIENTE, ci faremo valere alla Corte x i diritti degli Omo, ke se gli diciamo ke siamo culani e ci hanno discrimianto x questo, magari la ciocchiamo nel didietro al Torino, dimostrando ke siamo veramente Omini-sessuali e quindi non è ke ci puoi tenere fuori dalla EL xkè se andiamo al Bla-bla beviamo e basta e quando passano le fighe ci giriamo dall’altra parte con un senso quasi di imbastio.
    E dirò di più, io kiamerei alla sbarra (e se nella corte non c’è la sbarra ce la portiamo noi, xkè in Shark c’è sempre e credo sia un nostro diritto COSTRIZIONEANALE) Majo per dargli tutta la colpa e ki si è visto si è visto.
    Invito quindi l’avvocato Malvisi a studiarsi questa mia linea di difesa ke secondo me ci farebbe vincere in quattro e quattro = sedici.
    GLI OMINISESSUALI SONO GENTI TALI E QUALI COME NOI!
    QUANTA KATTIVERIA IN QUESTA SOCIETA’ NEI CONFRONTI DI KI TIENE UN’ALTRA SESSUITA’

  • 1 Novembre 2014 in 12:15
    Permalink

    Chie ‘ competente in questo mondo di incompetenti?
    Chiedere a Crozza/Renzi please

  • 1 Novembre 2014 in 12:16
    Permalink

    C è poco da vantarsi di aver pagato i premi, ci mancherebbe, bisognerebbe invece vergognarsi del resto

  • 1 Novembre 2014 in 12:52
    Permalink

    Credo che di figure di merda questa società ne abbia inanellate fin troppe…se la smettessero con questa cosa e cominciassero a pensare al Parma sarebbe meglio

    • 1 Novembre 2014 in 13:00
      Permalink

      Vedi mio commento sopra, daccordo con Mannella al 1000 per 1000…

  • 1 Novembre 2014 in 13:30
    Permalink

    Io vorrei restare sull’argomento,tralasciando quello che la società doveva fare e non ha fatto o non sta facendo.
    La FIGC ha negato la licenza.
    Ok,non lo discuto.
    Io come società penso di essere nel giusto e mi oppongo:le due commissioni della figc(quindi lo stesso organismo che mi nega la licenza), conferma il giudizio.
    Questo non è un vero “appello”, perché l’organo giudicante è una sezione dell’organo che ha deciso in prima istanza.
    Nel processo civile,dopo il giudice di primo grado,c’è il giudice di appello,che fa parte di un altro tribunale.
    Quindi vado al Coni(qui sì è un giudice diverso) e mi dice che è incompetente.
    Poi TAR e consiglio di stato dicono che sono incompetenti.
    Il TAS dice di essere incompetente.

    A questo punto la FIGC può fare quello che vuole?
    Mi spiego meglio:a fine campionato negano la licenza a una società.perché quel giorno gli gira così e portano la loro tesi a sostegno delle loro idee.
    Questa tesi,a questo punto, è inattaccabile,anche se dovesse sbagliata,perché tutti i tribunali diversi da quello che emette la prima “sentenza” sono incompetenti.
    Io non credo al complotto(anche se credo che qualcuno ci aspettasse al varco al primo errore), ma a livello di diritto questa cosa è ridicola.
    P.s. a me “Marcello che vorrebbe essere assunto ecc” non fa proprio ridere per nulla. Opinione personale espressione di un gusto personale

    • 1 Novembre 2014 in 16:20
      Permalink

      Solo per chiarezza l’Alta Corte del Coni era la “Cassazione” della Licenza Uefa e ha confermato i giudizi delle due commissioni, non si è detta incompetente, tutt’altro.

  • 1 Novembre 2014 in 13:34
    Permalink

    E’ vero che ci ha dato torto la Figc, in primo e secondo grado, e poi l’Alta Corte del Coni, e poi il TAR, ma il Consiglio di Stato ci rimandava al TAS e il TAS non si sa ancora esattamente cosa ha detto cmq ci ha detto NO. Quindi, e qui chiamo sempre in causa Malvisi, e parlo ovviamente del conduttore radiofonico, a cui richiedo “Tanto per cantà, ke voglio dedicare a Larissa con la frase: ho i trenta euri, ci vediamo dopo”, mi sembra evidente ke ABBIAMO RAGIONE e ki dice il contrario è un NEMICO DEL PARMA. E poi le sentenze sn incomprensibili. Se scancelliamo tutti i pezzi ke ci danno torto, proprio non si CAPISE xkè ci hanno negato la EL. Tutti fanno lo SCARICABADILE. Anzi, vi dico: dove eravate qnd Al Majo e Garg-Angella ci TOLIEVANO l’Evropa Liiiik?

  • 1 Novembre 2014 in 14:43
    Permalink

    Dalla sentenza dell’Alta Corte del Coni:

    La ricorrente, premesso di essere legittimata al ricorso stante il suo sesto posto sulla classifica finale di serie A, deduce:
    …..
    2) che la rappresentazione formale di tali pagamenti è stata erronea, e che lo stesso studio di consulenza che aveva redatto i cd “cedolini” ha per iscritto ammesso l’errore, dovendosi tali somme qualificare come mero “prestito finanziario”; Tanto è vero che dette somme non sono state inserite nel CUD 2013 dei giocatori, in cui
    sono indicati i “corrispettivi” erogati;

    Quindi se lo studio di consulenza esterno del Parma ha sbaliato (questo almeno è quello ke dichiarò il Parma) secondo me sarebbe stato giusto negare la licensa x l’Evropa Liiiik allo studio, non al Parma.
    Se poi noi prendiamo la sentensa dell’Alta Corte e ci strassiamo le pagine da 3 a 5, diventa impossibile capire xkè ci hanno negato quello ke ci siamo conquistati sul campo – dei fiori, io non corro più….
    Io non credo ai complotti neanche se sono reali cm questo ke lo è in tutto e x tutto, xò lasiatemi dire ke questo è veramente IL RELITTO PERFETTO DEL SISTEMA.
    nessuna coppa vale la cicciolata di una volta. Grazie.
    Avanti crociati.

    Miei pronostici:
    Parma-Sassuolo=3-0
    Torino-Parma=1-1
    Parma-Inter=1-2

    Faccio presente ke se non fosse per Majo e Garg-Angella ke ALTERnANO le partite x darmi contro, ci beccherei sempre.

  • 1 Novembre 2014 in 16:26
    Permalink

    Comunque nella parte finale della sentenza,il Coni ammetteva la propria incompetenza,quindi,anche se avessimo avuto ragione,non avrebbe potuto fare nulla.

  • 1 Novembre 2014 in 17:00
    Permalink

    A mio parere BENISSIMO ha fatto il Parma a ricorrere alla Corte Europea per i diritti dell’uomo. Non esiste al mondo per fortuna che non possa esistere un corte non competente a giudicare un qualsivoglia fatto.
    Poi il Parma puo’ aver benissimo torto ma ci vuole una Corte ultima che lo sentenzi.

  • 1 Novembre 2014 in 17:13
    Permalink

    Come preannunciato dal Direttore è uscito un comunicato dei legali della società in merito al pronunciamento del TAS

    da http://www.fcparma.com

    Roma 1 novembre 2014 – “La decisione del CAS che nega la giurisdizione sulla controversia con la FIGC ed il Torino Calcio in merito alla mancata partecipazione di FC Parma alla Europa League 2014/2015, conferma la singolare circostanza per cui non sussisterebbe un giudice nazionale o internazionale munito del potere di tutelare i diritti sportivi della esponente Società”.
    Questo affermano gli avv.ti Federico Tedeschini, Paolo Rodella e Pier Luigi Giammaria i quali annunciano che – dopo la decisione della Cassazione a proposito della asserita competenza del giudice amministrativo in materia – presenteranno ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, a termini della quale non è giuridicamente lecito immaginare che esistano diritti fondamentali privi di tutela giurisdizionale”.

    • 1 Novembre 2014 in 18:02
      Permalink

      Non avendo letto la documentazione del Parma sottoposta al TAS ne la risposta del TAS, nn ci resta ke credere cecoslovaccamente a quello ke dice il Parma, per cui rincorreremo anke alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.
      E io fin da adesso dico GRAZIE GHIRARDI, ke cmq andiamo in Evropa, se non a giocare almeno alla Corte del oh l’Omo, ke è cmq sempre in Evropa, ke ce la siamo conquistata con il lavoro dei campi. Speriamo ke il CCCP faccia il pullman!
      E adesso in opposizione a StadioTardini e a Dondi ke si fa gli antipasti (cle sempor dre magner), io vado a fare l’aperitivo CROCIATO.

  • 1 Novembre 2014 in 19:57
    Permalink

    Scusa Gabriele credi che ci sia modo di leggere/conoscere le motivazioni dell incompetenza tas? Mi incuriosisce se c entra il discorso dei 3 gradi di giudizio già celebrati oppure altro. Con le regole (discutibili) attuali secondo me abbiamo torto ma che nessuno sia competente in effetti è singolare

    • 1 Novembre 2014 in 20:19
      Permalink

      In giro non si trovano, le ho chieste a Leonardi vedremo se me le manda,cmq credo che la tua interpretazione sia giusta…

I commenti sono chiusi.