MANFREDINI, A PALLA IN TRIBUNA, RIMANDA GHIRARDI AL SUO PAESELLO, MA INTANTO CONVOCA TUTTI I PRESIDENTI CCPC PER DOMANI SERA AD ASCOLTARE LEONARDI. E INTANTO RISPUNTA IL QATAR…

image(gmajo) – D’accordo, l’appuntamento era già in agenda da qualche giorno, però in effetti dopo aver ascoltato il presidente del Centro di Coordinamento Angelo Manfredini “rimandare” Tommaso Ghirardi al suo paesello in diretta da Radio Parma, stride un po’ sapere che per domani sera, giovedì 13 novembre, nella sede di Via Minghetti, è confermata la convocazione di tutti i presidenti dei club aderenti al CCPC per ascoltare l’amministratore delegato Pietro Leonardi. Insomma, l’impressione che si offre all’esterno è quella di aver già scaricato l’attuale padrone del Parma il quale potrebbe comunque restare ancora in sella, dal momento che il possibile passaggio di proprietà al petroliere albanese Taci, stando a Claudio Raimondi di Mediaset, sarebbe temporaneamente saltato per un rinvio richiesto dall’acquirente che avrebbe disatteso la scadenza di ieri fissata nel pre-contratto scritto che sarebbe già stato firmato dalle parti dieci giorni fa. Ragion per cui la proprietà, starebbe analizzando – e la notizia è stata data da Tv Parma poco fa – una ulteriore proposta quella della cordata del Qatar. Secondo indiscrezioni raccolte da StadioTardini.it sarebbe l’uomo di fiducia della famiglia Pasotti-Ghirardi, Giovanni Schinelli, autore di controlli con piglio del finanziere sui conti economici del Parma F.C. dalla scorsa estate, a verificare la fattibilità dell’operazione, senza il coinvolgimento di altri dirigenti del club. Secondo l’antenna cittadina, dunque, potrebbe esserci un testa a testa tra le due cordate, ma, a nostro modesto avviso, l’ultima spuntata potrebbe offrire maggiori garanzie.

LA TRASCRIZIONE DELL’INTERVENTO DI MANFREDINI A PALLA IN TRIBUNA

"Avevo già vissuto questi momenti in passato, tipo negli anni 60 quando arrivò la Parmense e ci fu il salvataggio da parte degli industriali di Parma e poi col Crac Parmalat. La scadenza che c’è tra tre giorni che potrebbe mettere in bilico la vita della società spero si possa risolvere anticipando i soldi che servono per il 15 o che arrivi un altro proprietario. Ti dico la verità: mi dispiacerebbe tanto vedere Tommaso Ghirardi andarsene da Parma, ma è arrivato il momento che debba abbandonare la società per motivi che lui sa sicuramente e io non posso sapere e dire il perché e il per come. Nella vita arrivano momenti in cui dire basta. Penso che Ghirardi debba dire basta e tornare al suo paesello, come aveva detto lui una volta. Non penso voglia essere ricordato come il presidente del fallimento della società. Starò lasciando la società a Taci o non so a chi, ma sono convinto che voglia lasciare la società a una persona attendibile perché questa è una importantissima società".

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 59 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

102 pensieri riguardo “MANFREDINI, A PALLA IN TRIBUNA, RIMANDA GHIRARDI AL SUO PAESELLO, MA INTANTO CONVOCA TUTTI I PRESIDENTI CCPC PER DOMANI SERA AD ASCOLTARE LEONARDI. E INTANTO RISPUNTA IL QATAR…

  • 12 Novembre 2014 in 20:22
    Permalink

    Quindi dalle sue fonti conferma che esiste la cordata del qatar interessata?

  • 12 Novembre 2014 in 20:39
    Permalink

    Bella foto, baci e abracci, la gente in fila e il Bepi sullo sfondo ke sorride.
    Le corde con il Katar, caro Majo, se le drovi lei. Noi ci teniamo stretto Ghirardi, come Manfredini nella foto.
    Invece di scrivere queste cose prenda esempio dal Sentore Crociato, ke parla della malia verde. Ke anke quella è una malia storica, ke dopo aver fatto la battalia x la crociata adesso benediciamo tutte le maglie, ke è tutto storico. Come sto cazzo, perkè a guardarlo bene ha la forma dell’obelisco di ple Matteotti, nel cuore della parmigianità, e quindi le storico anca lu e se ci volete fare delle malie ditemelo ke via mando un mms.
    GHIRARDI PUOI TORNARE AL TUO PAESELLO MA TI VOGLIAMO IN TRIBUNA CONTRO L’EMPOLI.

    IL TESORO DI GHIRARDI SIAMO NOI!

  • 12 Novembre 2014 in 20:49
    Permalink

    Ridicolo.

    Majo, questa presunta cordata qatariota è quella a cui lei accennava nei giorni scorsi? 😉

      • 13 Novembre 2014 in 00:36
        Permalink

        In %, quante possibilità pensa ci possono essere?

        Leggevo che sportmediaset l’ha appena derubricata a semplice voce.

        • 13 Novembre 2014 in 00:48
          Permalink

          Sì, ho commentato già in questo senso anche in precedenza: non sono riuscito a mettermi in contatto con Raimondi per capire il perché. Lui è molto in contatto con Ghirardi e saprà sicuramente il fatto suo. Ma sulla veridicità dell’esistenza della pista, se vi fidate, posso garantire io. Sulle percentuali non mi sbilancio non avendo precisi elementi di giudizio.
          Cordialmente
          Gmajo

  • 12 Novembre 2014 in 21:00
    Permalink

    Mi meravigliava infatti che non fosse stata programmata una nuova riunione carbonara.
    La parte finale dell articolo è molto interessante, non solo per i petrolieri in se, ma anche x come viene gestita la (presunta) trattativa

    • 12 Novembre 2014 in 22:11
      Permalink

      Bravo anche a me colpisce molto le modalità’ di gestione della trattativa. Mi riporta ai tempi di Bondi

      • 12 Novembre 2014 in 23:21
        Permalink

        Non so perché ti riporta ai tempi di Bondi: un po’ di differenze ci sono, rispetto allora, e in questo concordo con Schianchi (solo in questo).

        Comunque sia la presenza da giugno in poi del “finanziere” Schinelli, oltre ad un legittimo controllo per la proprietà, come avevamo letto anche a suo tempo poteva essere prodromica ad una cessione. E le indiscrezioni che StadioTardini.it ha raccolto vedrebbero Schinelli quale principale attore dell’esame dell’ultima proposta di acquisto.

        Cordialmente

        Gmajo

    • 12 Novembre 2014 in 23:43
      Permalink

      Quel “presunta” che hai messo tra parentesi mi pare oltremodo prudente: metti in dubbio la mia parola? 🙂

      Detto questo la “riunione carbonara” (non mi meraviglierei affatto se nel frattempo venisse annullata, solo per il gusto di smentirmi) va nella direzione di quei confronti diretti, senza mediazione della stampa, che piacciono tanto al Plenipotenziario. Ma incontrare il coordinamento significa ignorare gli altri tifosi, inclusi quelli che ancora hanno fiducia nella stampa…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 12 Novembre 2014 in 21:00
    Permalink

    Quindi mi sembra di capire che la mamma del ghiro ha deciso che la dirigenza del parma non è idonea a condurre la trattativa di cessione…o sbaglio?

    • 12 Novembre 2014 in 23:39
      Permalink

      Schinelli, membro del Cda del Parma F.C. (e già ex vice presidente), è uomo di fiducia della famiglia Ghirardi-pasotti. Vanta un CV e una preparazione che gli consentono di risultare il miglior giocatore da schierare in questo tipo di partita. Questo, però, non significa delegittimare altri membri del management.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 12 Novembre 2014 in 21:08
    Permalink

    Indiscrezione riferita anche da Raimondi di Sportmediaset:
    Sono ore frenetiche per il futuro del Parma. Rezart Taci, il petroliere albanese interessato all’acquisto della società emiliana, si è tirato indietro, non rilanciando la sua offerta. L’ipotesi, insomma, si sarebbe raffreddata. Contemporaneamente è spuntata una pista che porta al Qatar, tramite una cordata operante nel settore dei petroli con importanti mediatori italiani. Ghirardi sta valutando e nei prossimi giorni dovrebbe arrivare la fumata bianca.

    • 12 Novembre 2014 in 23:26
      Permalink

      Come riferito da Marco, dopo un paio d’ore Raymond ha fatto una parziale marcia indietro, ma non sono riuscito a mettermi in contatto con lui. Comunque fin quando non avrò info diverse, continuo a ritenere l’ipotesi emersa oggi (anzi, direi riemersa, essendo stata una delle prime a venir fuori in tempi non sospetti) la più affidabile.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 12 Novembre 2014 in 21:25
    Permalink

    Due domande: Schianchi è già salito sul carro arabo? Manfredini cosa aspetta a dimettersi?

  • 12 Novembre 2014 in 21:40
    Permalink

    Che si tratti di Taci o dei qatarioti, una cosa è certa: tra una decina di giorni un pieno gratis per tutti gli abbonati del Parma!

  • 12 Novembre 2014 in 21:40
    Permalink

    Se non ci fosse di mezzo la fine (eventuale) del calcio a parma, questo susseguirsi di notizie sarebbe anche avvincente… Che la cordata del Qatar non sia fumo negli occhi?

    • 12 Novembre 2014 in 23:24
      Permalink

      A mio parere sono decisamente più fumo negli occhi altre ipotesi. Magari mi sbaglio, però…

  • 12 Novembre 2014 in 22:37
    Permalink

    direttore mediaset sostiene che non ci sono conferme per la pista quatar,lei che pensa?

    • 12 Novembre 2014 in 23:18
      Permalink

      Salve Marco,

      non sono riuscito a contattare l’autore del servizio Raimondi per chiedergli il perché di questa marcia indietro. Certo, lui ha ottimi uffici con Ghirardi e dunque dovrebbe avere informazioni veritiere. Io, tuttavia, rimango convinto che delle varie piste finora emerse quella che porta in Qatar sia la migliore soluzione possibile per il Parma F.C.

      Ovviamente, però, tutto è in evoluzione, e sto andando più per sensazioni che per indizi certi.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 13 Novembre 2014 in 00:37
        Permalink

        Raimondi ha sminuito la pista qatariota e quasi contemporaneamente tv Parma riferisce di un incontro in programma con taci, venerdì a carpenedolo. ha dato fastidio che emergesse la seconda trattativa? O è servita per riattirare l albanese? Un bel casino starci dietro.. E intanto Baraldi smentisce nuovamente qualsiasi interesse e si dice convinto che tutto si risolverà in 2-3 giorni, beato lui che è convinto..

        • 13 Novembre 2014 in 00:45
          Permalink

          L’incontro di Taci di venerdì era precedente alla diminutio di Raymond sulla pista Qatar.
          Non so se possa aver dato fastidio che emergesse, ma proprio per evitare questo rischio io avevo evitato di enfatizzarla troppo, questo poiché ho la sensazione che possa essere quella che offre maggiori garanzie di continuità nel tempo. La pista Taci, onestamente, mi lascia non poche perplessità. Comunque staremo a vedere.
          Baraldi quando avrebbe di nuovo smentito ogni interesse? Ha parlato di nuovo, o ti riferisci sempre all’intervento di ieri a Radio Parma? Comunque ribadisco quanto scritto ieri: le piste Moratti, Zanetti, Pizzarotti non mi paiono per nulla vere o percorribili.
          Cordialmente
          Gmajo

      • 13 Novembre 2014 in 00:48
        Permalink

        E se fosse una marcia indietro concordata col suo amico Ghirardi proprio per evitare di sponsorizzare troppo questa ipotesi?

        • 13 Novembre 2014 in 00:50
          Permalink

          Boh. Tutto è possibile. Diciamo che adesso torno al “calma e gesso” di ieri, in attesa di saperne di più, senza aggiungere ulteriori illazioni.
          Cordialmente
          Gmajo

          • 13 Novembre 2014 in 09:27
            Permalink

            Baraldi ha presenziato ieri sera a Calcio&Mercato su Sportitalia

  • 13 Novembre 2014 in 07:51
    Permalink

    A Collecchio ha parlato qualcuno o è previsto che lo faccia nei prossimi giorni Osso o qualche altro tesserato???
    Io farei parlare Cassano da buon guascone direbbe un po’ di verità…forse è l’unico giocatore che tramite Bozzo Sto arrivando! qualcosa di più….
    Stiamo concentrati sull’Empoli la società passerà di mano se non in settimana a gennaio…a me preoccupa più il campo.
    Come direbbe Majo calma e gesso

  • 13 Novembre 2014 in 08:24
    Permalink

    Vè Mago Majo, si può sapere chi ha portato avanti la trattativa dell’albanese a Parma? Dai dai, diteci che c’era dietro il pier pier che cercò l’anno scorso di comprare con un altro albanese il Vicenza. Perché non ci affidiamo a lui, stavolta?

  • 13 Novembre 2014 in 10:10
    Permalink

    Salve Majo, qualche news dai qtarioti? ?

    • 13 Novembre 2014 in 10:21
      Permalink

      Per ora no. Ma indipendentemente dal fatto che sia stata ridimensionata dalla redazione di Sport Mediaset (che evidentemente si fida di altre fonti più limacciose poiché più interessate a spingere altre soluzioni) e che non sia stata neppure menzionata da Piovanone nel suo servizio sulla GdP cartacea, il mio pensiero resta che sia la candidatura più di garanzia.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 13 Novembre 2014 in 10:30
        Permalink

        Anche se, temo, la cosa possa andare un po’ per le lunghe, e magari non chiudersi in questa fase, poiché per questa ipotesi, del resto come per le altre, i veri nemici sono il tempo e le scadenze obbligatorie alle porte.

        Cordialmente

        Gmajo

  • 13 Novembre 2014 in 10:30
    Permalink

    ma quindi i calciatori vengono pagati ogni 3 mesi? io pensavo mensilmente…

    • 13 Novembre 2014 in 10:37
      Permalink

      Nella normalità i giocatori andrebbero pagati mensilmente: l’obbligatorietà, pena punti di penalizzazione, è però trimestrale. Da un lato giocatori, dirigenti e tecnici sono tutelati da questa obbligatorietà, per cui sanno che ogni tre mesi hanno i loro averi, salvo situazioni più drammatiche, dall’altra, però, da quando è in vigore questo meccanismo, certi presidenti, tra cui Ghirardi (inizialmente preciso a saldare le pendenze dovute alle scadenze naturali ogni 30 dì) puntano a versarli all’ultimo minuto dell’ultimo giorno utile.

      Cordialmente
      Gmajo

      • 13 Novembre 2014 in 10:59
        Permalink

        certo che se non si hanno i soldi per garantire un tetto salariale di 40 milioni lordi l’anno è meglio lasciare il passo. empoli e cesena hanno il monte ingaggi più bassi (11mln) la nostra dimensione temo sia quella.

        • 13 Novembre 2014 in 12:05
          Permalink

          Caro Pecus,

          più o meno hai centrato il discorso, nel senso che le eccessive ambizioni (ma di questo i tifosi che vogliono che la propria squadra sia sempre la più forte del mondo erano ben felici…) del Ghiro, assecondate dal Plenipotenziario, sono all’origine di quello che sembra essere, stando alle voci di stampa, l’attuale situazione di dissesto.

          C’era il vostro moralizzatore (e ringrazio l’avvocato Malvisi che ha trovato questa analogia tra me e la Iena in questione), la scorsa estate, che cercava di farvi capire come fosse stato compiuto il passo più lungo della gamba. Ma notoriamente il Grillo Parlante è un nemico del Parma e del suo presidente: dunque parlava solo per il dente avvelenato…

          Al di là del fatto che non è che si stia pagando solo un anno di grandeur, o, come predica Schianchi, gli effetti degli ultimi 4-5 mesi (secondo lui e chi glielo ha fatto credere il problema sarebbe la Vacanza Ghirardiana, che indubbiamente ha pesato, ma non solo), bensì l’intera gestione un po’ troppo sopra le righe, contando sull’abilità di San Leo, come lo chiama il suo devoto Zappavigna.

          Non avendo competenza in materia mi sono sempre servito di specialisti, i quali, in tempi non sospetti, lanciavano moniti: tipo il costo del lavoro troppo alto rispetto alle entrate. Ma ovviamente ero io un rompicoglioni o un guastafeste che cercava solo di sputtanare il Parma.

          Poi si è passati da una rosa obiettivamente esageratamente costosa per i mezzi del Parma, come quella di un anno fa, all’attuale risicata fino all’osso! Equilibrio, mai?!?!?

          Cordialmente
          Gmajo

  • 13 Novembre 2014 in 10:37
    Permalink

    E x quale motivo certi organi di informazione spingono altre ipotesi (morTaci??). È auspicabile che la matassa si sbrogliare al più presto e solo dopo si potrà rasserena re la squadra.

    • 13 Novembre 2014 in 11:41
      Permalink

      Perché? Non saprei: l’evidenza è che in effetti risulta essere piuttosto pompata. Del resto, se si presta fede a Mediaset Sport, è anche quella che nelle trattative si sarebbe spinta più in là, dal momento che loro (e Claudio Raimondi è intimo amico di Ghirardi) sarebbero persino arrivati a un preliminare scritto con Taci, peraltro disatteso nella scadenza di martedì scorso.

      Comunque di curioso c’è che di solito questi panni si lavano in famiglia: se il limo è finito sulla stampa è perché qualcuno ha avuto interessi in questo senso (diciamo, con una colorita espressione delle nostre parti: ha buttato il prete nella merda. E in questo caso le sembianze del prete erano quelle di Tom). L’anno scorso la situazione era analoga di questi tempi, eppure non c’è mai stato nessuno che sia andato al microfono a dire: “i tifosi devono sapere”, anzi si esaltava il modello virtuoso…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 13 Novembre 2014 in 10:42
    Permalink

    per correttezza volevo solo ricordare che la frase pronunciata da Manfredini rientrava in un contesto piu’ generale della situazione e terminava con un “come voleva fare lui” ed e’ scorretto estrapolare solo “un ritorni al paesello” nell’accezione ironica e polemica di cui abbiamo fatto un largo uso noi che non vogliamo bene al parma. (bah)
    a me Manfredini non e’ mai stao simpatico e spesso ho fatto dell’ironia pero’ per coerenza le cose le dico per quello che valgono, tanto vi dovevo

    • 13 Novembre 2014 in 11:50
      Permalink

      Sei in ritardo, Assioma: alle 00.40 avevo già pubblicato, di mia sponte, il commento che trovi sotto, che in pratica è una risposta in anticipo alle tue osservazioni, che comunque ti fanno onore.

      Aggiungo solo (anche se l’aspetto è già incluso nel commento sotto) che non è scorretto aver scelto di titolare con la frase del paesello, giacché Manfredini l’ha pronunziata. E un buon titolista deve sempre inserire la frase più ad effetto. Il discorso dell’estrapolazione non sta in piedi per il semplice fatto che un titolo, per forza di cose, è una estrapolazione, perché in due parole devi sintetizzare il succo del discorso. Quindi, banale o meno che sia, è pur sempre una estrapolazione.

      Parli, infine, di simpatia o antipatia: ebbene a me Leonardi è anche simpatico, ciò non toglie che se mi dà occasione di criticarlo io lo critichi. Manfredini, a propria volta, non mi è certo antipatico, ed è notorio che io usufruisca, dietro regolare pagamento delle spettanze (e ho anche lo scontrino) del servizio trasporti del CCPC in trasferta: ma se questi pronunzia una frase infelice, o che avrebbe potuto evitare di formulare, io non posso passarci su. A maggior ragione perché, come hai visto, il suo contrordine compagni nei confronti del Ghiro è abbastanza clamoroso e fa chiacchierare sul web e non solo. Peraltro la cosa più divertente è che lui ha già scaricato il Ghiro, ma al momento l’ipotesi più probabile è che il Parma resti nelle sue mani… (Don’t say cat… come dice sempre Trapattoni).

      Cordialmente
      Gmajo

      Molto onestamente non mi pare che Manfredini abbia sparato merda contro Ghirardi o gli abbia mancato di rispetto come asserisci. Diciamo che lo scaricato. Quello sì. Però l’accenno al paesello non è offensivo, almeno io non ho avuto quella sensazione sentendolo in diretta per radio. Anche se poi ho titolato su quello perché giornalisticamente più arrapante che altri spunti. Ma in un passaggio ha anche detto che gli dispiace che Tommaso Ghirardi vada via da Parma.

      Comunque, per completezza, riporto qui gli appunti che mi ero fatto a proposito dell’intervento di Manfredini a Palla in Tribuna, che non avevo inserito nell’articolo per ragioni di tempo (stavo lavorando su quell’articolo, quando su Tv Parma hanno tirato fuori la notizia del Qatar che stavo aspettando da giorni e quindo ho dovuto un po’ modificarlo sacrificando il virgolettato del presidente del CCPC):

      “Avevo già vissuto questi momenti in passato, tipo negli anni 60 quando arrivò la Parmense e ci fu il salvataggio da parte degli industriali di Parma e poi col Crac Parmalat. La scadenza che c’è tra tre giorni che potrebbe mettere in bilico la vita della società spero si possa risolvere anticipando i soldi che servono per il 15 o che arrivi un altro proprietario. Ti dico la verità: mi dispiacerebbe tanto vedere Tommaso Ghirardi andarsene da Parma, ma è arrivato il momento che debba abbandonare la società per motivi che lui sa sicuramente e io non posso sapere e dire il perché e il per come. Nella vita arrivano momenti in cui dire basta. Penso che Ghirardi debba dire basta e tornare al suo paesello, come aveva detto lui una volta. Non penso voglia essere ricordato come il presidente del fallimento della società. Starò lasciando la società a Taci o non so a chi, ma sono convinto che voglia lasciare la società a una persona attendibile perché questa è una importantissima società”.

      • 13 Novembre 2014 in 12:21
        Permalink

        letto approvato e sottoscritto,resta il fatto che le “estrapolazioni” da un contesto generale a volte sono fatte affinche’ chi le legge si faccia un idea negativa

        saluti

  • 13 Novembre 2014 in 10:44
    Permalink

    Sinceramente nemmeno io riesco a capire perchè alcuni organi di stampa dovrebbero spingere verso determinate direzioni piuttosto che verso altre…a che pro, mi perdoni?

  • 13 Novembre 2014 in 10:53
    Permalink

    perdoni se esco un po’ dal tema, ma lei direttore crede che adesso, alla luce dei problemi economico-finanziari che si sentono, le gente si sia ‘scantata’ rispetto a quando considerava il Parma aprioristicamente onesto e innocente nel casod el mancato adempimento Uefa? Ad unire i puntini adesso anche quelle fregnacce – gombloddo! – cambiano segno

  • 13 Novembre 2014 in 11:54
    Permalink

    Buongiorno, è la prima volta che commento per chiederle perché ritiene la pista del Qatar attendibile, cosa la spinge verso questa tesi?

    P.S. complimenti per i contenuti del sito, che però ritengo che lo sfondo nero con scritte bianche non faciliti la lettura, sarebbe meglio invertire i colori (umile e spassionato consiglio)

  • 13 Novembre 2014 in 12:14
    Permalink

    Alle ore 12:15 nemmeno un’indiscrezione?Che giornata piatta….

    • 13 Novembre 2014 in 12:20
      Permalink

      Non è che con le indiscrezioni si vada molto lontano, Simone.

      Comunque la situazione alle 12.18 è la seguente:

      Cordata Qatar stallo
      Cordata Taci stallo (forse si rivedono nel we)
      Altre Cordate: boiate

      Cordialmente

      Gmajo

      • 13 Novembre 2014 in 12:38
        Permalink

        In pratica dalle stelle allo stallo…. 😉

          • 13 Novembre 2014 in 12:49
            Permalink

            Dipende se sei hai un’indole positiva o negativa…

  • 13 Novembre 2014 in 12:25
    Permalink

    vista la piattezza della giornata ( e a sto punto non so se e’ meglio o no ,rischio di collasso nervoso)

    vogliamo parlare di ninis ? cosi’ simone al se sveglia un po 🙂

    • 13 Novembre 2014 in 13:07
      Permalink

      Sotiris è un grande giocatore peccato che non abbia il passo per la serie A….dopo un crociato non torni MAI come prima…
      E quando OSSO ha insistito su Parolo???? Che il primo anno tutti volevano lapidare e lui gli ha fatto fare 36 partite….è di una lungimiranza sconvolgente….
      Appena c’è il passaggio di consegne è pronto un triennale per Osso…Thoir permettendo

      • 13 Novembre 2014 in 13:36
        Permalink

        Oggi lascia di parlare di osso, perché mi sta sul cazzo che dia degli omuncoli ai giornalisti

  • 13 Novembre 2014 in 12:26
    Permalink

    direttore ma lo sceicco è lo stesso di quest’estate? non ricordo chi aveva tirato fuori questa cosa… si parlava di un commercialista di bergamo che cura gli interessi del facoltoso cammellaio

    • 13 Novembre 2014 in 12:38
      Permalink

      C’è molta confusione al riguardo…

      Il commercialista di Bergamo che chiede informazioni per conto degli “sceicchi” a Giorgio Gandolfi o a un altro giornalista è risibile…

      Ciò non toglie che il contatto ci sia. Ma, come nel caso di Taci, lo scoglio è che Ghirardi forse vorrebbe realizzare di più di quanto sia lecito in questo momento.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 13 Novembre 2014 in 12:48
    Permalink

    Sarei curioso di sapere alcune cose di queste indiscrezioni o fughe di notizie…
    Ad esempio se ci sono più fazioni che trattano con cordate diverse oppure c’è chi fa uscire notizie ad arte con lo scopo di mettere Ghirardi spalle al muro…
    Perchè è assolutamente chiaro che se entro pochissimi giorni non cambia la proprietà chiunque abbia uno straccio di credito con il Parma si presenterà armato di avvocato alla porta della sede…
    Inoltre il problema della proprietà di Collecchio e del marchio non sono questioni di poco conto, rischiano di far saltare ogni trattativa anche con un paperon de Paperoni pronto a tutto…

  • 13 Novembre 2014 in 12:54
    Permalink

    Grazie ASSIOMA per l’assist. Che dire di NInis…che forse un briciolo di ragione ce la può anche avere, ma ragas, non sopporto quelli che alzano la cresta quando sono fuori dal pollaio.. e poi in fin dei conti non ha mai dimostrato nulla, ne nel Parma ne nella nazionale, quindi che voli basso.
    Ma il vero argomento a tenere banco è stato riassunto in maniera ineccepibile dal direttore… quindi restiamo in attesa di sviluppi…anche se qualche boiata nell’arco della giornata aiuta a tenere vivo il patos(che sicuramente non si scriverà così)

  • 13 Novembre 2014 in 13:06
    Permalink

    Esattamente un anno fa il Catania di Pulvirenti, ultimo in classifica e ormai spacciato ( avevan già mandato via il primo allenatore, quello del settimo posto appena un anno prima) a sentir i media, veniva costantemente messo in mezzo a trattative di vendita (poi mai realizzatesi) per gli stessi motivi del Parma, si diceva: crisi, fallimento di varie società del patron etneo, addirittura VOLONTÀ del presidente di retrocedere per avere vantaggi nella costruzione di un nuovo stadio,”errori” dal punto di vista amministrativo-burocratico nell’acquisto di calciatori argentini,ecc….
    Non è che i media ci marciano quando vedono una squadra finire in pochi mesi dal sesto posto all’ultimo? Ricordo poi che quel Catania fece un gran finale di campionato e arrivò vicinissioa alla salvezza, lasciandosi dietro Livorno e Bologna.
    È il momento di stare vicini alla squadra perchè con Empoli prima e Palermo poi ci giochiamo la stagione dal punto di vista psicologico!!! FORZA PARMA!!!

  • 13 Novembre 2014 in 13:13
    Permalink

    Al momento il petroliere Taci ha fatto la stessa fine del Napoli: non è andato oltre i preliminari.

    😀

      • 13 Novembre 2014 in 13:25
        Permalink

        No, io spesso mi qualifico direttamente ai gironi.

        Sulla rosea ho appena letto, anche se in ritardo data l’ora, che Moratti sembrerebbe poco intenzionato a partecipare alla ricapitalizzazione propostagli da Thohir per dare ulteriore linfa ai conti dell’Inter, il che comporterebbe la lenta erosione delle quote in possesso dell’ex azionista di maggioranza. È singolare che nel minuto in cui è stato impropriamente accostato al Parma, Moratti abbia iniziato o stia iniziando a defilarsi dall’Inter.

          • 13 Novembre 2014 in 13:34
            Permalink

            Ti sbagli, Direttore: ho vinto più volte la Champions che lo scudetto. Il mio è un profilo prevalentemente internazionale.

        • 13 Novembre 2014 in 13:35
          Permalink

          Moratti? Amico mio, lesa ster… O sei di quelli che credono ai gomblotti?

          Teniamo sempre acceso il cervello, dai…

  • 13 Novembre 2014 in 13:41
    Permalink

    Anche ieri sembrava che non fosse Ghirardi a pretendere più del lecito, ma l’albanese a imporgli condizioni capestro. Eppure oggi hai fatto una parziale retromarcia… 🙂

    Non ho scritto che Moratti rileverà il Parma oppure una sua parte; ho detto che è singolare che, nel momento in cui qualcuno l’ha impropriamente accostato al Parma, lui stia iniziando a defilarsi quasi definitivamente dall’Inter. Semplici coincidenze, per carità. Ma di cui io prendo atto proprio perché non ho il cervello spento.

    • 13 Novembre 2014 in 14:12
      Permalink

      Chi invece sostiene che Moratti possa essere interessato al Parma, è nel pieno del tunnel…

      • 13 Novembre 2014 in 15:08
        Permalink

        Essendo di Fornovo, un mio amico mi ha detto ieri che Moratti, Leonardi e Ghirardi erano a cena insieme alla Maison a Fornovo martedi sera… che sia che avevano scommesso una cena sulla partita con l’Inter??? 🙂

        • 13 Novembre 2014 in 15:37
          Permalink

          Ma Ghirardi tratta solo ora pasti?

      • 13 Novembre 2014 in 15:56
        Permalink

        E se Moratti stesse facendo da tramite tra gli sceicchi e Ghirardi?

  • 13 Novembre 2014 in 14:14
    Permalink

    Comunque anche per Raimondi non ci sono news…a sportmediaset ha detto le stesse cose di ieri…comunque la mia personale sensazione è che tutto svanirà in una bolla di sapone e ci beccheremo il punto di penalizzazione…sarò pessimista, ma ho paura che vada a finire così

  • 13 Novembre 2014 in 14:53
    Permalink

    dicono che cassano faccia la differenza..io tutta questa differenza non gleilo vista fare: se la squadra gioca male lui gioca male, se la squadra gioca bene lui gioca bene, allora dove sta la differenza?

    • 13 Novembre 2014 in 15:28
      Permalink

      si va avanti e’ un eufemismo,giustamente questo e’ l’uomo che una volta che ci ha portato sull’orlo del dal baratro, alla fine sara’ quello che ci fara’ fare un altro passo avanti

  • 13 Novembre 2014 in 15:09
    Permalink

    Sarà un caso ma da quando è venuto Salvini a Parma si parla di se-cessione. E secondo me non va mica bene, xkè poi adesso facciamo Marenostrum per andare all’estero a prendere i presidenti ke è un lavoro ke gli italiani non vogliono più fare.
    x la penalizzazione ho sentito nel mio condominio ma sembra impossibile, xkè al massimo x queste cose ti danno una multa, o come quando paghi in ritardo ke poi Iren ti riattacca il contatore. Non è ke se l’amministratore paga la bolletta in ritardo lo penalizzano nella classifica degli amministratori. E con questo direi che tagliamo la testa al Toro del Kairo.
    Io non so se ci sarà la secessione ma ne dubito. Rifletteteci su: 1. Settore Scrociato non ne parla. 2. La Gazza e Tv Parma non ci hanno mai detto niente. 3. Andiamocela a riprendercela.
    Secondo me è tutta colpa di Majo ke a forza di menarla su queste cose ha influenzato tutti gli altri e un pò anke perkè è un cornaccione porta-sfiga e mena-rudo. Quindi secondo me non solo il Ghiro pagherà tutto, ma gli lasierà anke una mancia bella pesa, per fargli capire ke sn dei barboni, ke il Parma ha sempre pagato tutto, anzi di più. Ke a volte ci hanno sgridato xkè abbiamo pagato di più.
    IL TESORO DI GHIRARDI SIAMO NOI!

  • 13 Novembre 2014 in 15:29
    Permalink

    Dott. Majo,
    Potrebbe chiarirmi alcune cose circa il centro sportivo di collecchio? É parte della trattiva? É di proprietà del Parma, di una società controllante oppure é intestato ad una società a parte, fuori dal mondo Parma? Perché la questione cambierebbe…e di molto!
    Grazie anticipatamente.

  • 13 Novembre 2014 in 16:14
    Permalink

    Il Centro sportivo è di proprietà della Eventi Sportivi SpA socio unico del Parma Fc

  • 13 Novembre 2014 in 16:44
    Permalink

    Bene, da quanto ho capito, correggetemi se sbaglio, la Eventi Sportivi, socio unico del Parma Fc, potrebbe vendere solo il pacchetto Parma fc, senza il centro sportivo, svendendo, o “regalando” quindi un asset in perdita e che ha come unico valore il parco giocatori e tenendosi, invece, un asset di assoluto valore, per, magari, rivenderlo o affittarlo separatamente. É inutile chiedersi, a questo punto, a chi faccia capo la Eventi Sportivi.
    Non ci vuole un genio…
    Sbaglierò , ma chi crede che un fallimento o una retrocessione sia un bagno di sangue per questa dirigenza, a mio avviso potrebbe non averci visto chiaro.

    • 13 Novembre 2014 in 16:53
      Permalink

      Guardi, Serio, senza offesa, il bagno di sangue, in caso di retrocessione, ci sarà. Eccome… E anche in caso di fallimento. Dia retta.

      Poi sul centro sportivo immagino gravino delle ipoteche (non penso che il Credito Sportivo concedendo i 6,5 ml con i quali è stato tirato su, mi riferisco al direzionale, lasciamo perdere il resto), quindi non è che qualcuno se lo possa mangiare.

      Poi non voglio aggiungere altro non essendo molto ferrato in materia e non mi va di alimentare fantasie o chiacchiere da bar. Ma in caso di retrocessione, il Parma che ha già avuto in anticipo i diritti Tv come se fosse in A, qualora fosse in B (che ne ha minimo 25 in meno) cosa fa?

      Il bagno di sangue, comunque, non sarebbe della dirigenza (che quella se la gode bellamente a fronte di un contratto che mi sa fosse stato prolungato fino al 2019…) quanto della proprietà, che comunque a bilancio avanza diversi quattrini che ha immesso nella controllata. E almeno quelli (che sarebbero poi quelli che il Ghiro vorrebbe recuperare vendendo) contribuiscono al bagno di sangue…

      Saluti

      Gmajo

      • 13 Novembre 2014 in 17:13
        Permalink

        Gabriele nessuna novità oggi dalle tue fonti?! Tutto tace in società e sui media… Forse potrebbe essere un buon segno. o no?!

        Mi chiedo anche per quale motivo tutta sta gente che è stata coinvolta a diverso titolo nelle trattative (se si eccettua Baraldi) non abbia speso una parola per smentire… In altri termini, se la storia di Taci fosse tutta una balla, se l’interessamento di Moratti non esistesse, non trovi che lo avrebbero apertamente ammesso così come accade in passato per Luxottica, Barilla, Marzotto tanto per citarne alcuni?!

        • 13 Novembre 2014 in 17:42
          Permalink

          Allora: ci sono certe bufale che il nostro cervello, da solo, dovrebbe essere in grado di smentire automaticamente senza bisogno che si scomodino gli interessati. Mi riferisco a Moratti: io capisco che ci si attacchi a tutto di questi tempi, ma come cavolo si fa a pensare, se si è in possesso di un q.i. almeno sufficiente, che chi ha retto per anni l’Inter vincendo tutto possa accostarsi al Parma? Ma Dio Bono… Non offendiamo l’intelligenza! E’ come se domani Berlusconi cedesse il Milan e qualcuno dicesse così compra il Pavma! Dailà…
          Le uniche due piste conclamate restano Taci (che a mio modo di vedere è inaffidabile) e gli sceicchi del Qatar (sui quali io mi indirizzerei). Ed entrambe sono in stallo per lo stesso motivo: che Tom non vuole regalarla in cambio del pagamento dei debiti o poco più. Ma chi è interessato non ha fretta e può aspettare. Vieppiù se hai scadenze vitali a giorni.
          Cordialmente
          Gmajo

    • 13 Novembre 2014 in 17:19
      Permalink

      oh la finalmente uno che la pensa come me,ma non portare maio su questo piano di discussione che non ci sente 🙂

      • 13 Novembre 2014 in 17:35
        Permalink

        Chi vivrà, vedrà… Ma vi assicuro che non c’è niente di programmato. E questo se da un lato è confortante, dall’altro è drammatico

  • 13 Novembre 2014 in 17:10
    Permalink

    Il centro sportivo, ad onor del vero, non mi pare fosse del Parma neppure prima dell avvento di Ghirardi, che lo ha acquistato separatamente dalla società

    • 13 Novembre 2014 in 17:13
      Permalink

      Lui ha acquistato tutto insieme. Agli altri (valenza e sanz) Bondi lo aveva fatto vedere col binocolo…

      • 13 Novembre 2014 in 17:20
        Permalink

        Allora sorry, mi sembrava fosse del comune di collecchio.. Come non detto

  • 13 Novembre 2014 in 17:13
    Permalink

    Si Serio c’è modo di consentire agli asset di rimanere indipendenti dall’eventuale fallimento del Parma Fc dalla controllante che li possiede.E anche la cessione del marchio potrebbe andare in tal senso,potrebbe essere stato anche un modo per tutelare la parte patrimoniale di immobilizzazioni e il proprio investimento da eventi negativi futuri. Questo però potrebbe andare a svantaggio del nuovo eventuale compratore che si trova una società priva di questi elementi e qui potrebbe giocarsi la questione finanziaria. Sul fatto che non ci sia bagno di sangue non ci giurerei.

    • 13 Novembre 2014 in 17:37
      Permalink

      La cessione del marchio, molto prosaicamente, serviva per spostare avanti il pallone…

  • 13 Novembre 2014 in 17:35
    Permalink

    Lei ha ragione Majo, senza offesa, ma questo aspetto da scatole cinesi multiple, la controllata della controllata, del socio unico, della vendita del marchio, mi lasciano abbastanza perplesso, beato lei che ha tutto così chiaro, la invidio molto. Resta il fatto che la eventi sportivi detenga un asset di assoluto valore, anche se non ancora del tutto pagato, e che sarebbe al di fuori di un eventuale fallimento del Parma fc…
    Ed, onestamente, non mi é mai capitato di vedere un imprenditore che entra nel mondo del calcio, uscirne in un bagno di sangue, anche dopo aver lasciato buchi giganteschi…il loro bel salvagente lo hanno sempre avuto, tutto sta a quanto lo si voglia grande questo salvagente. Nessuno potrà mai convincermi che Ghirardi avrá grossi problemi economici anche nella più sciagurata delle ipotesi. Comunque rispetto e accolgo con piacere la sua tesi in merito.
    Mi chiedo, però, come si possa creare un buco tale in 7 anni, e lei sa bene che i 20 mln richiesti sono un aumento di capitale richiesto per gli stipendi, ma che per sanare tutti i debiti ne andrebbero aggiunti molti altri, oltretutto partendo da un attivo in doppia cifra. Che sia stato così superficiale da buttarsi lui stesso “nella merda”, per utilizzare il famoso detto, o da farsi trascinare nella stessa? Mah…
    Grazie del suo spazio.
    Buon proseguimento.

    • 13 Novembre 2014 in 17:46
      Permalink

      Buona la seconda…

      In realtà io non ho chiaro un bel tubo di niente. Ma se il Parma dovesse saltare qualcuno ci smenerebbe un bel po’ di quattrini (se proprio non vi piace l’espressione “bagno di sangue”) pari perlomeno a quelli che sono stati gettati nel club (che non è roba da poca) a titolo di finanziamento etc. (se non ricordo male 40 ml, che sarebbero poi quelli che il Ghiro si illude in un qualche modo di poter recuperare).

      I 15 ml attuali servono per pagare le scadenze obbligatorie al 17.11 Poi il 15 febbraio ci sarà la prossima. Se non paga non solo scatta la penalizzazione, ma sarebbe il segnale evidente che, non pagando, siamo nella cacca più totale…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 13 Novembre 2014 in 17:37
    Permalink

    Hernan, ci siamo capiti, benissimo così.
    Grazie

  • 13 Novembre 2014 in 18:18
    Permalink

    Credetemi la cordata del Qatar e’ una bufala ancora piu’ grossa di Taci…… non esiste proprio

    • 13 Novembre 2014 in 18:23
      Permalink

      Non le credo affatto per il semplice fatto che ne sono a conoscenza diretta. Per cui esiste.

      • 13 Novembre 2014 in 18:40
        Permalink

        Gentile Majo, ma al di là della veridicità o meno Qatariota, lei sa a chi farebbero capo? E soprattutto in Italia chi è il loro “agente”/rappresentante?
        Comunque penso che Ghirardi che ha sempre detto che per il bene del club e un futuro radioso avrebbe fatto di tutto, alla luce di tutti gli interessamenti e/o trattative sta cercando il suo interesse personale più bieco e cieco. Triste ma vero.
        Secondo me ha rispolverato le sua giovanili simpatie Juventine……
        Ps: Oggi Leonardi non avrebbe dovuto parlare?

      • 13 Novembre 2014 in 18:51
        Permalink

        doppio affatto lapsus fruediano ? 🙂 no errore di tastiera avanzata …dalla discarica e adesso aspettami fuori dal tardini con tanto di striscione 😀

  • 13 Novembre 2014 in 18:31
    Permalink

    A conoscenza diretta? Si può almeno conoscere se sarà una trattativa a breve/media scadenza? Sulla serietà dei personaggi coinvolti si sa q.cosa? Ci sono coinvolti anche dirigenti italiani? Grazie come sempre!

  • 13 Novembre 2014 in 18:57
    Permalink

    a me lo a detto carosone….caravan petrol

    • 13 Novembre 2014 in 18:58
      Permalink

      ha scusate 🙂

  • 13 Novembre 2014 in 19:45
    Permalink

    direttore ma stasera invece di tenerlo in trasmissione da voi su calcio e calcio più non sarebbe il caso di mandare Boni in trasferta ad ascoltare quello che dirà Leonardi ai tifosi ? 😉

I commenti sono chiusi.