Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

37 pensieri riguardo “PALERMO-PARMA, fotogallery amatoriale della trasferta in Sicilia

  • 30 Novembre 2014 in 21:23
    Permalink

    Statevi a Parma a mangiare prosciutto e non mettete più piede qui in Africa. Mai più! Neanche d’estate a sporcare le nostre spiaggie.

    • 30 Novembre 2014 in 23:04
      Permalink

      Minus habens non hai nulla di meglio da fare?

    • 30 Novembre 2014 in 23:30
      Permalink

      Ok. Tu, però, compra un bel libro di grammatica italiana e…aprilo!

  • 1 Dicembre 2014 in 00:22
    Permalink

    Non vi sembra un razzismo un po’ eccessivo per un autobus guasto? Io ho vissuto per 3 anni in Emilia e so che specialmente a Parma siete convinti di essere nel miglior posto del mondo (e di riflesso di essere voi creature perfette), ma questo mi sembra davvero eccessivo. Almeno il comune di Palermo vi ha messo a disposizione un servizio (che non credo abbiate pagato). Poi l’inconveniente puo’ sempre capitare (Una volta io sono rimasto bloccato 7 ore all’aeroporto di Parma perche’ avevate finito la benzina per gli aerei, ma di sicuro non ho offeso nessuno).
    Scendete dal piedistallo su….

    • 1 Dicembre 2014 in 08:03
      Permalink

      “di essere nel miglior posto del mondo (e di riflesso di essere voi delle creature perfette)”…scusi, ma questa mi sembra la descrizione, certosina, del meridionale medio. E glielo dico da meridionale. Per il resto, razzismo? Guardi, lasci perdere o provi a chiedere cosa è il razzismo a chi lo ha subito per davvero. A Milano, tanto per fare un esempio, è più facile incontrare (ahimè) un africano che un milanese. Le pare, questo particolare, diretta conseguenza del famigerato razzismo di quegli stronzi (cit.) dei settentrionali? Lasci perdere.

      • 1 Dicembre 2014 in 09:45
        Permalink

        Lasciamo perdere la questione meridionale che qui di problemi ne abbiamo anche troppi nel nostro orticello di parma e parma calcio, senza avventurarci su altre questioni che petaltro si prestano a quegli sterili e stupidi muro contro muro con annesse invettive.
        Piuttosto è corretto ammettere che Lucia abbia avuto una uscita infelice un po’ stile tavecchio nel video che ci ha mandato con le vicissitudini dei tifosi crociati su quel pullman. Non avrebbe assolutamente dovuto utilizzare l’espressione africa per indicare Palermo o la Sicilia e io, da direttore, avrei fatti meglio ad evitare di pubblicare quei video dai contenuti razzisti. Poi lasciamo perdere le reazioni su youtube che sono state la naturale conseguenza, sia pure un po’ piagnona, stupida e altrettanto razzista di chi era stato provocato. Il lettore peppe, al contrario di questi, ha esposto il suo disappunto con educazione e in modo circostanziato, e apposta gli ho dato ragione e ora aggiungo pure le doverose scuse.
        Cordialmente
        Gmajo

        • 1 Dicembre 2014 in 09:59
          Permalink

          gentilmente potete togliere immediatamente quel video?

          • 1 Dicembre 2014 in 10:23
            Permalink

            Togliere quel video non penso serva a qualcosa: la tifosa ha sbagliato ad esprimersi così e va censurata, ma quello, come la fotogallery amatoriale, rimane pur sempre una documentazione della trasferta

    • 1 Dicembre 2014 in 14:37
      Permalink

      Però non sai a cosa si riferiva, tipo per me l’Italia assomiglia più all’africa che all’europa… quindi evitate di piangere come al solito, te lo dico io che vivo a Napoli e di gente che piange perchè è stata chiamata terrone ne conosco fin troppa

    • 1 Dicembre 2014 in 15:06
      Permalink

      Qualcuno mi spiega perchè qualsiasi minima critica ad una situazione del sud è inaccettabile e tacciata di razzismo mentre se si offendono le persone del nord è tollerato e non consentita replica?

      Detto questo nessuno al mondo è perfetto, in ogno posto ci sono delle cose che vanno male che da qualche altra parte sulla terra vanno bene, ma sull’organizzazione che non sarà perfetta nemmeno a Lugano non è assolutamente paragonabile Parma a Palermo, io ci sono stato “solo” sei mesi a Palermo ed ho visto un’organizzazione perfetta mentre andavo all’aereoporto in taxi (abusivo): in una strada un po’ stretta si ferma un furgone per cacciare delle tavole, dei mattoni ed altra roba di scarto sul marciapiede! visto che si faceva la coda vedo scendere persone da tre macchine e mi aspettano che dicano qualcosa…invece….. invece li aiutano a sbattere tutta quella roba in mezzo alla strada ed al marciapiede, un organozzazzione improvvisata alla svizzara, hanno riempito metà strada murata di immondizia in 3 minuti tanto che il taxi dove viaggiavo ci è letteralmente passato sopra.
      Si l’organizzazione a Palermo è perfetta, se ti lamenti o ti azzardi a dire il contrario sei un razzista.

      Altra esperienza in Sicilia con un pullman allo stagnone (Marsala) il pullman secondo quanto scritto nelle pensiline doveva passare ogni 2 ore, ne aspetto 4 ed un ragazzo mi dice “quando passa strombazza, ma non ha un orario”, dopo 20 minuti ripassa questo ragazzo che mi porta in motorino ad un bar dove generalmente sosta l’autista che bello bello se ne stava a giocare a carte all’ombra con il pullman parcheggiato, poi si è dimostrato gentilissimo tanto da offrirmi un caffè e partire con il pulman, ha persino deviato dal percorso di quattro chilometri per portarmi direttamente alla mia destinazione, si questa è organizzazione ed efficenza, se dite il contrario siete degli spacconi che state sul piedistallo, adesso non mi direte che da voi gli autobus arrivano sempre puntuali?

      • 1 Dicembre 2014 in 15:28
        Permalink

        Come scrivevo prima la questione meridionale esula dal core business di stadiotardini.it . L’intervento di peppe, che ringrazio per i contenuti educati del suo scritto decisamente più gradevole dei tanti vomitati sul canale youtube (si vede che non hanno niente di più produttivo da fare), traeva spunto da una affermazione infelice di lucia brianti, tifosa crociata, in un video che io ho fatto male a pubblicare, pur ritenendolo una documentazione della trasferta in Sicilia come la fotogallery. Immagino che lucia si sia pentita della sua affermazione infelice, sperando che si possa qui chiudere l’incidente diplomatico. Del resto dalla sicilia sono piovuti improperi anche gravi sulla malcapitata.
        Penso che tutti quanti abbiamo cose più importanti a cui pensare, e poi lucia mica è il presidente federale.
        A me viene da sorridere, se non da piangere, sui 150 e rotti anni di italia unita. Ma quale unita…
        Ma da piangere ne abbiamo anche troppo sul nostro povero parma: basta così direi.
        Saluti
        Gmajo

    • 1 Dicembre 2014 in 18:55
      Permalink

      nane’ all’areoporto nessuno ti ha fatto l’agguato a sassate e bombe carta in 2oo contro 20, eh nane’ ?

      lo sappiamo che a palemmo il pobblema e’ il ciaffico,piu’ che a parma.

      tutti sono convinti di vivere nel piu’ bel posto del mondo,fino a che sono costretti ad andarsene per vivere compresi i parmigiani

      • 1 Dicembre 2014 in 23:12
        Permalink

        e poi…e poi…e poi…sistematicamente si finisce per sputare nel piatto in cui si mangia. Sai a quante persone, che conosco personalmente, griderei contro un bel “tornatene al tuo paesello”? Non hai idea…….

  • 1 Dicembre 2014 in 10:59
    Permalink

    Chiedo scusa se il mio tono e le mie parole hanno infastidito qualcuno, ma credo che dia fastidio a chiunque sentire insultare la propria terra (che ammetto ha abbondanza di problemi) solo per un guasto ad una vettura. Mi ha fatto ancora piu’ male in quanto ho vissuto per 3 anni a Bologna ed ho avuto la fortuna di visitare in lungo e largo la meravigliosa Emilia. Terra meravigliosa con Gente meravigliosa. Non mi aspettavo una tale reazione per un Bus guasto. Comunque sia, ho scritto il commento oscurato dalla rabbia quindi rinnovo le mie scuse e auguro a voi tifosi del Parma di risollevarvi in questo campionato e di raggiungere la salvezza. Spero che il prossimo anno possiate tornare in trasferta a Palermo….sperando senza intoppi stavolta 🙂

    • 1 Dicembre 2014 in 20:37
      Permalink

      si, anch’io quando sento dire parmigiani di merda mi incazzo…

  • 1 Dicembre 2014 in 11:38
    Permalink

    Si l’importante é non fare di tutta erba un fascio! Sig.Majo mi scusi ma certi video vanno evitati parlo da Parmigiano

  • 1 Dicembre 2014 in 15:52
    Permalink

    Io do ragione alla Lucia, xkè è più figa di tutti voi messi insieme, e l’argomento è già belle (da nn confondere cn Bellè) ke sarato su. E io dopo queste parole, se fossi la Lucia, mi sentirei in debito. E se fossi in lei saprei cm sdebitarmi, ma non lo dico xkè sn un signore.
    Punto secondo, NO AL RAZZISMO contro i mandarini, ke va bene insultarli ma quando poi hai finito è meglio smettere. Io cmq par par-scondito ho insultato anke Majo e Dondi, xkè sarebbe sbagliato fare delle differenze.
    Punto quarto, secondo me è giusto ke se tu sei di una provincia tifi per la tua città. ke ank’io farò l’allestimento per il Natale in Latrina, ke ti insegnano a tifare per la squadra della tua città. Per cui un Russo di Lucca secondo me dovrebbe tifare per Putin e un Majo x i Maja, e via dis-correndo.
    SUL MIO ALBERO DI NATALE CI METTERO’ ANKE DEI MANDARINI

      • 1 Dicembre 2014 in 16:26
        Permalink

        Noi nn siamo osessionati dai 3 punti!!!

  • 1 Dicembre 2014 in 20:34
    Permalink

    Se posso esprimere un parere…anzi due:
    1) credo che prima di pubblicare un video su un sito e postarlo addirittura su youtube sia logico controllare che non sia un video che possa creare casini e questo li sta creando a parte qui anche in altri social
    2) ogni volta che si critica qualcosa ai meridionali è razzismo…non pensate che per una volta sia semplicemente una situazione gestita alla cazzo indipendentemente che si sia a Palermo o a Bolzano?

    • 1 Dicembre 2014 in 23:11
      Permalink

      Punto due estremamente condivisibile. Il guaio è che io stesso sono meridionale e dunque per questo ora qualche fenomeno mi darà del rinnegato.

      “Un solo grido, un solo allarme, Milano in fiamme, Milano in fiamme”. Ma non è discriminazione territoriale, questa…no, no…

    • 2 Dicembre 2014 in 02:04
      Permalink

      Secondo me la reazione è stata decisamente esagerata, non tanto qui, ma su youtube dove la tifosa è stata offesa e minacciata oltre il lecito, checché se ne dica. E chi lo ha fatto non ha certo reso un buon servizio alla propria terra. Cmq è incredibile il fenomeno sul web per cui ogni minima stronzata diviene virale.
      Cmq ammetto il mio errore nel pubblicarlo. Io intendevo documentare la trasferta dei nostri tifosi come sempre con video e fotogallery. Non avevo calcolato tutto sto casino sinceramente troppo esasperato o esagerato.

  • 1 Dicembre 2014 in 20:39
    Permalink

    A proposito: e le bombe carta ai nostri tifosi saliti sui vostri taxi? dove li mettete? le bombe carta io le beccate a torino dai gobbi che non sono propriamente tutti di torino…anzi…

  • 1 Dicembre 2014 in 21:10
    Permalink

    Tranquilli che il prossimo anno ad Entella o a Vercelli i servizi li troverete perfetti ! Vi siete fatti il giretto di palermo, avete mangiato, vi siete fatti i vostri selfie e postati anche su facebook, capisco che vi rode che ormai avete un piede nella fossa, ma denigrare gli altri di certo non vi salverà e farvi ulteriori nemici non vi gioverà. Parma è una citta che amavo e che continuerò ad amare, ma la prossima volta mi ricorderò di essere un africano e da tale mi comporterò. P.s.: almeno il coraggio di lasciare visibile a tutti il video potevate averlo, ma chi nasce coniglio non può morire leone! (libero adattamento del più famoso proverbio) Ad maiora
    (a proposito le bombe carta tirate da 4 coglioni della cura sud sono da condannare cosi come sono è stato fatto dalla gradinata durante la partita. Ebbene si ragazzi anche noi abbiamo 4 coglioni…mica volevate avere l’esclusiva!)

    • 2 Dicembre 2014 in 01:46
      Permalink

      Io credo che si sia creato uno tsunami in un bicchiere d’ acqua. L’uscita di lucia è stata una cavolata, ma l’esasperazione della cosa non ha senso. E la reazione decisamente sproporzionata.
      I video li ho tolti su richiesta dell’interessata. Io li avrei lasciati, tanto il danno ormai lo avevamo fatto e toglierli significa chiudere la stalla quando i buoi sono scappati.
      Comunque lo scopo della pubblicazione dei video era per documentare la trasferta e non certo per denigrare qualcuno. E l’infelice frase della tifosa non giustifica in alcun modo le minacce e le offese smodate ricevute in queste ore,
      Cordialmente
      Gmajo

  • 1 Dicembre 2014 in 21:11
    Permalink

    errata corridge:
    (a proposito le bombe carta tirate da 4 coglioni della curva sud sono da condannare cosi come è stato fatto dalla gradinata durante la partita. Ebbene si ragazzi anche noi abbiamo 4 coglioni…mica volevate avere l’esclusiva!)

  • 1 Dicembre 2014 in 22:00
    Permalink

    Pensa se il prossimo anno ad Entella non ci andiamo….e comunque Entella (ovvero Chiavari) è una bella trasferta da fare e nel caso, essendo in B, verrebbe bene visto che si giocherebbe al sabato (forse).

  • 1 Dicembre 2014 in 22:43
    Permalink

    Mo’ si mo basta.dailà.la tifosa ha sbagliato e stop.manco fosse stata il borghezio della situazione.su là.si sente di peggio ogni giorno per strada,in tv,negli stadi.prendetela con filosofia la vita.avete una terra bellissima il mare il sole tutto l anno 28 gradi ieri han detto che c’erano.piantate li dai là.

    • 2 Dicembre 2014 in 01:33
      Permalink

      In effetti la lucia ha detto una stronzata e io ho fatto male a diffonderla, però crearne un caso così è davvero esagerato. Ancor di più al lume dell’attacco ai boys prima della gara. Censurabili, poi, quei media isolani che hanno amplificato a dismisura l’episodio contribuendo ad esasperare i toni, anziché glissare.

      • 2 Dicembre 2014 in 09:10
        Permalink

        La pagliuzza, la trave…in certi posti, il giornalismo deve essere fatto secondo questa logica: quella della pagliuzza e della trave, per l’appunto. Credo che in alcuni casi l’indifferenza sia l’arma migliore, certamente è quella più indicata per contrastare la stupidità.

  • 2 Dicembre 2014 in 03:42
    Permalink

    Cari amici palermitani parlate di moralità quanto avete la regione a statuto speciale….la più indebitata d’Italia!
    Date la colpa se volete al giornalista è suo il sito….
    Parlate di moralità quando un branco di uomini prima della partita aggredisce giovani tifosi parmigiani sui taxi…
    o è moralità il fatto di lanciare bombe carta durante la partita??
    il calcio è stato rovinato da questi personaggi…non da una tifosa che si è permessa di dire la parola Africa…
    ha solo documentato al realtà di Palermo!!
    fate un esame di coscienza e pensate a come risistemare Palermo…che fa VERAMENTE CAGARE…!!

    • 2 Dicembre 2014 in 03:50
      Permalink

      Io cercherei di chiuderla, se no la polemica va avanti all’infinito.
      Dunque non rilanciamo. Grazie
      Cordialmente
      Gmajo

    • 2 Dicembre 2014 in 09:07
      Permalink

      Ma che dici Fausto?!?! È sempre colpa degli altri…pardon, dei settentrionali! 😉

  • 2 Dicembre 2014 in 08:48
    Permalink

    Si però Majo, e torno a darti del tu, la tifosa in questione è stata massacrata sia su youtube, sia su palermotoday, sia sulla pagina Facebook che ha dovuto addirittura chiudere perchè un (passami il termine) pezzo di merda ha pensato bene di diffondere il link su youtube.
    Detto ciò sarebbe meglio che questa gente pensasse a problemi un po’ più gravi….anche perchè il termine “Africa” è stato usato per descrivere la situazione disagiata del momento (avevano anche un aereo da prendere per poi andare a lavorare al mattino….non dimentichiamoci che da qui s Palermo in giornata non ci si va in macchina) e non la città di Palermo.
    Comunque i vari commentatori oltre a rompere il cazzo alla tifosa in questione rompono il cazzo, prendendo per il culo, a tutti i Parmigiani (tifosi e non).
    Mi chiedo che senso avesse postare il video con l’audio? Non potevi togliere la traccia audio prima di postarlo????

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI