RAIMONDI, SPORT MEDIASET: “TACI HA DISATTESO LA SCADENZA FISSATA IERI NEL PRELIMINARE SOTTOSCRITTO CON GHIRARDI PER L’ACQUISTO DEL PARMA, CHIEDENDO UNA PROROGA” (video)


tommaso ghirardi claudio raimondi(di Claudio Raimondi, da Sport Mediaset, web registrazione a cura di Alex Bocelli) – Sono ore frenetiche per il futuro del Parma che attende una risposta definitiva da parte di Re­zart Taci, il petroliere albanese al momento unico e vero soggetto interessato all’acquisto della società emiliana. Indiscrezioni che vi sveliamo in esclusiva confermerebbero il fatto che un vero preliminare di vendita ufficiale sarebbe già stato firmato proprio dall’attuale presidente Tommaso Ghirardi una decina di giorni fa proprio con l’imprenditore albanese. Un accordo sulla base di 25 milioni di euro per l’acquisizione del pacchetto di maggioranza del club. In questi 25 milioni c’è ovviamente l’impegno di Taci ad accollarsi le scadenze più imminenti, quelle relative agli stipendi che ammontano a 13 milioni di euro e che hanno una data limite precisa, il 17 novembre, per evitare penalizzazioni in classifica. Taci, che a quanto pare, nel preliminare di vendita scritto si è impegnato a rendere immediatamente esecutive le sue intenzioni, nella giornata di ieri pare, invece, abbia fatto retromarcia, disattendendo la scadenza fissata e abbia, attraverso i suoi legali, chiesto al club gialloblù un’ulteriore proroga nel fine settimana, per ulteriori verifiche finanziarie. Una vera corsa contro il tempo con un rischio altissimo per Ghirardi, perché se nelle prossime ore Taci dovesse confermare di avere rinunciato ai suoi impegni, contenuti nel preliminare di vendita, il proprietario bresciano avrebbe al massimo 2-3 giorni di tempo per trovare i 13 milioni di euro che servono subito. Nel dubbio Ghirardi si è già attivato con diversi istituti di credito per tentare di garantire al club la continuità. Anche se va detto che nell’ultima sessione i pagamenti al 30 settembre sono stati regolarmente ottemperati. Taci, dunque, dopo aver flirtato con Milan, Bologna e altre società, sembrerebbe ancora una volta rinunciare nel momento decisivo. Ma tutto è ancora possibile. Anche se ormai, i tempi sembrano essere strettissimi”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

52 pensieri riguardo “RAIMONDI, SPORT MEDIASET: “TACI HA DISATTESO LA SCADENZA FISSATA IERI NEL PRELIMINARE SOTTOSCRITTO CON GHIRARDI PER L’ACQUISTO DEL PARMA, CHIEDENDO UNA PROROGA” (video)

  • 12 Novembre 2014 in 13:54
    Permalink

    Bello…passare da uno che non ha più un pio in saccoccia ad uno che è stato in carcere per non aver pagato le tasse nel suo Paese….meglio il fallimento e aspettare qualcun’altro…!

  • 12 Novembre 2014 in 13:55
    Permalink

    Stiamo affondando piu’ o meno velicemente nel guano.
    Ora ditemi dopo tutta questa vicenda, dopo lo scoperchiarsi di tutti questi sarcofagi, a quanto quoteranno la salvezza del Parma anche i peggiori bookmakers

  • 12 Novembre 2014 in 14:09
    Permalink

    in confronto Sanz e soprattutto il compianto Valenza erano dei dilettanti!!!!!!

    ma Taci dai…. 🙂

    ps: mi scusi signor Maio, ma adesso cosa fa, i copia- incolla delle news altrui? 🙂

    • 12 Novembre 2014 in 14:36
      Permalink

      Quando ne vale la pena, e con il benestare dell’autore.

  • 12 Novembre 2014 in 14:16
    Permalink

    calma e gesso..se taci ha i soldi ci compra se non li ha vendita rimandata alla prossima scadenza di pagamento

    • 12 Novembre 2014 in 14:17
      Permalink

      tanto fino a gennaio il calciomercato è chiuso. i calciatori che pensino a battere l’empoli

  • 12 Novembre 2014 in 14:19
    Permalink

    ps: signor Maio, a proposito, sta già facendo un corso intensivo di albanese?? 😀

  • 12 Novembre 2014 in 14:21
    Permalink

    Osservazione da lettore e semplice tifoso: Bondi e Angiolini non hanno insegnato nulla? Intanto versi una caparra, poi se in extremis decidi di rinunciare, perdi la possibilità di acquisire il club e anche quanto hai versato.

    • 12 Novembre 2014 in 15:57
      Permalink

      Altre situazioni altri tempi

  • 12 Novembre 2014 in 14:48
    Permalink

    e quanto ha versato di caparra?

  • 12 Novembre 2014 in 14:51
    Permalink

    Non capisco se ci si possa fidare di questo Taci, non so se vuole aspettare e prendere per il collo Ghirardi oppure è l’ennesimo flirt dell’albanese… Resta il fatto che se Ghirardi non volesse rinunciare al Parma perchè trova la buona uscita di un milione troppo esigua sarebbe veramente da lapidare altro che tifoseria “lecca-lecca” e stampa creativa.

  • 12 Novembre 2014 in 14:54
    Permalink

    “di me non fara’ mai un cavaliere del lavoro
    io son d’un altra razza, son bombarolo”
    (mah, ‘sti giornalisti tivvù)

  • 12 Novembre 2014 in 14:57
    Permalink

    taci non potrebbe entrare come socio e poi successivamente rilevare l’intero pacchetto? è una soluzione da scartare?

  • 12 Novembre 2014 in 14:57
    Permalink

    Su Radio Parma sentito ora!!!! Incredibile voltafaccia di Manfredini con tripla inversione ad U!!!! Ha detto che Ghirardi deve cedere e tornare al suo Paesello!!!! Incredibile!!!

    • 12 Novembre 2014 in 14:59
      Permalink

      Si stavo ascoltando anch’io…

      Ma ha anche detto che gli dispiace che Ghirardi lasci…

    • 12 Novembre 2014 in 15:04
      Permalink

      Ma dabòn? AHHAHAHHAHAHA! Gnàn da crèdor!

  • 12 Novembre 2014 in 15:04
    Permalink

    Be ‘, certo. Bisogna sempre tenere i piedi in 2 scarpe , come si suole dire!!! Hai visto mai che il Ciccio resti in sella……

  • 12 Novembre 2014 in 15:08
    Permalink

    Era meno dispiaciuto quando, come si vede nel servizio di Sportmediaset, baciava e Ghiradi e gli consegnava la maglietta “andiamocela a riprendere”.
    Taci ha già dato bidone al bologna, non ha concluso con il milan e neppure col genoa, nonostante l’interesse mostrato.
    Non siamo certamente nelle condizioni di fare selezione ma non è che si presenti molto bene.
    Altre fonti parlavano di un faccia a faccia leonardi – squadra nella giornata di ieri

  • 12 Novembre 2014 in 15:09
    Permalink

    un uomo coerente con le gite,come fara’ poverino la domenica,forse organizzera’ delle tombolate fra arnocchi

  • 12 Novembre 2014 in 15:10
    Permalink

    Ma oltre a Taci chi ce Paolo

  • 12 Novembre 2014 in 15:12
    Permalink

    Si può anche cambiare idea. In fin dei conti qualche tempo fa c’erano tanti che impazzivano per Ghirardi…

  • 12 Novembre 2014 in 15:18
    Permalink

    Majo scusami ma io nel 2007 ero piccolo e non tifavo ancora Parma, ma come è possibile che dal 2007 al 2014 Ghirardi abbia preso una società sana(almeno così si dice) e l’abbia riempita di debiti? Tutti i soldi delle plusvalenze che fine hanno fatto?

    • 12 Novembre 2014 in 15:27
      Permalink

      Ti sei dato le risposte da solo. Il Parma, secondo chi l’ha amministrato, era una società virtuosa, modello… Io ti posso garantire che quando il ghiro ha comprato il Parma nel cassetto c’erano 11 milioni. Dico 11 milioni. Di più di quanti ne ha tirati fuori per comprare il Parma e il mitico centro sportivo dal quale erano stati tenuti lontani Sanz e Valenza…

      • 12 Novembre 2014 in 15:37
        Permalink

        quindi da quanti anni ho ragione nel dire ..grazie al cazzo !
        scusa ma e’ tanto che volevo dirlo ai tifosoni del pavma che mi dicevano ti meriti di andare a vedere la reggiana,che testi ad cas,adesso coglionazzi sarebbe gia’ un lusso

  • 12 Novembre 2014 in 15:22
    Permalink

    a sto punto spero che il ghiro con una schedina da due euro centri il superenalotto di sabato,direi che come evento probabilistico sia piu’ facile che questo Taci compri il parma

  • 12 Novembre 2014 in 15:23
    Permalink

    Beh qua si giudica taci senza manco conoscerlo intanto e` unoco amesso che lo faccia che c viene a comprare..secondo se ce atata una compravendita n caso di rifiuto in extremis di taci ce qualche mora o.sanzione a favore di ghirardi?

  • 12 Novembre 2014 in 15:27
    Permalink

    hai la tastiera avanzata ?….dalla discarica 🙂

  • 12 Novembre 2014 in 15:43
    Permalink

    Quindi Gabriele il ghiro quanto aveva pagato il parma? e poi come fa ad avere debiti se tutte e riperto tutte le sessioni di mercato le ha finite in attivo??

    • 12 Novembre 2014 in 15:44
      Permalink

      Non è che spendi solo per acquistarli i giocatori. Poi devi mantenerli… E costano.- Poi che tutte le sessioni siano finite in attivo ho i miei bei dubbi

    • 12 Novembre 2014 in 15:46
      Permalink

      per via del bagno di sangue,maio maio sei troppo romantico,con la maggiulli non beccheresti niente 🙂

  • 12 Novembre 2014 in 15:51
    Permalink

    anche tu al tas ? non ti son bastati i 4 due di picche che ti ha dato ? 🙂

  • 12 Novembre 2014 in 15:58
    Permalink

    MAJO ASSIO,
    Parlo con voi anche se di CALCIO GIOCATO ci azzecate poco.
    Pensate che BIG TOM in caso salti la trattativa (anche se i miei informatori la danno x molto avanzata) non apra il portafoglio per l’ultima volta??? Dopo a gennaio si può fare cassa con Mauri e Paletta!!!!

    • 12 Novembre 2014 in 16:18
      Permalink

      Meno male che ci azzecchi tu…

      Non so se Big Tom aprirà il portafoglio (o meglio: secondo me lui lo aprirebbe anche, ma non so se sua mamma, che secondo l’iconografia è l’addetta al rubinetto del forziere o che ha l’inchiostro migliore per firmare le fideiussioni), certo è, rispetto agli affanni del passato, che stavolta sono stati pubblicamente sdoganati, e il presidente (con la sua famiglia) sputtanati. Negli anni passati tutti mormoravano, nessuno scriveva. Ora, invece, della presunta situazione catastrofica del Parma abbiamo appreso notizia dai media principali. Non so se la notizia sia stata data in pasto ai media per gettare il classico prete nella merda. Comunque, da una parte c’è stato l’interesse a far sapere che Ghirardi in difficoltà deve vendere, dall’altra parte ci è stato riferito che il tentativo di vendita sarebbe anche stato fatto, peccato, però, che Taci, come al solito, si sia dato alla fuga… Questo sul palcoscenico: in platea i poveri tifosi soffrono impotenti dinnanzi al dramma.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 12 Novembre 2014 in 16:21
      Permalink

      bela forsa, quando vedremo del calcio giocato po dopa a nin parlema,anche se si trattera’ del girone C della lega nazionale dilettanti,e li ti mangio in testa

  • 12 Novembre 2014 in 16:18
    Permalink

    Fare cassa con Mauri e Paletta?????
    Ragazzi siamo seri, chi è quel “pirla” che comprerebbe a suon di milioni:
    a) un difensore che è più rotto che sano
    b) un giocave di belle speranze che più che le speranze per ora non può garantire.

    Siamo nella “cacca” :questa è la verità!

  • 12 Novembre 2014 in 16:18
    Permalink

    Assioma tua sorrella la schiaccia la tastiera

    • 12 Novembre 2014 in 16:24
      Permalink

      son figlio unico…….e orfano,e ti do due pattone che ti scaravolto

  • 12 Novembre 2014 in 16:49
    Permalink

    Siamo una squadra da serie B e li stiamo giustamente andando. Speriamo di evitare il fallimento perchè altrimenti ci troviamo se va bene in C2. Purtroppo la società pare abbia fato errori e/o sbagliato finanziariamente la gestione ed ora è con l’acqua alla gola. Speriamo che arrivi qualcuno che possa far fronte agli impegni perchè altrimenti la strada potrebbe essere molto più difficile di quanto non si possa pensare.

    • 12 Novembre 2014 in 17:00
      Permalink

      Sottolineo che la C2 non esiste piu’

  • 12 Novembre 2014 in 16:54
    Permalink

    niente C2 luca non esiste piu’ :-),at si giovon

    o dai dilettanti (serie D) se qualcuno non e’ ammesso o rinuncia o dall’eccellenza

  • 12 Novembre 2014 in 16:59
    Permalink

    Ti aspetto…fuori dal tardini con il cartello assioma pirla sono qua..voglio vedere i tuoi. Coglioni qnt sono grandi…avevo capito che eri un poverino!

    • 12 Novembre 2014 in 17:28
      Permalink

      Tony vediamo di non trascendere. Grazie. Assioma, serviti dell’ironia (che non ti manca) e lascia perdere gli improperi. Thanks

    • 12 Novembre 2014 in 17:45
      Permalink

      ok fattelo scrivere da qualcuno il cartello pero’ sn nn si capasce

  • 12 Novembre 2014 in 17:22
    Permalink

    siamo seri se la scadenza è intorno al 17 mi pare di avere capito….chi volete che venga a rilevare una società indebitata in soli 4 giorni…….è impossibile venirne fuori
    come dice qualcuno in una nota sigla ” io so incazzato…e nun me passa,può darsi che a ll arti je passa..a me no!! e spero che pure i tifosi del parma…nel lecito, stiano incazzati come me”
    GRANDE LEO …SI SIAMO INCAZZATI….E BUON PER TE…NOI STIAMO SEMPRE NEL LECITO

  • 12 Novembre 2014 in 18:05
    Permalink

    Novita`,.tu cosa pensi majo?

  • 12 Novembre 2014 in 18:44
    Permalink

    voglio trovare un senso a questa storia anche se questa storia un senso non ce l’ha

  • 12 Novembre 2014 in 19:06
    Permalink

    Assio, Anche con 4-5 punti di penalizzazione Osso può salvarci!!!!
    Con l’Empoli doppietta di Filippo il Bello

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI