lunedì, Maggio 20, 2024
NewsUbi Majo

“UBI MAJO” – TU COME LI VEDI? IL MAJOMETRO DEI CROCIATI PRIMA DI PALERMO-PARMA

(Luca Savarese) – A Palermo sembra essere cambiata la musica. Zamparini con Iachini sembra un marinaio che ha trovato l’ancora alla sua nave negli anni decisamente burrascosa. E mentre l’acqua per ora accarezza i rosanero, la procella sta travolgendo i gialloblù, che cercano disperatamente l’ossigeno per uscire da un’apnea davvero spaventosa.

Con questo Dybala a Palermo si bala… Te lo aspettavi, direttore, un inizio anno così super per l’argentino classe 93, già 5 gol all’attivo per lui, che ha fatto sapere, nonostante abbia tra i suoi passaporti anche quello italiano, assieme a quello polacco, che preferirebbe giocare per l’albiceleste, per l’ Argentina, nazione dove è nato?

“Bisogna riconoscere che la cosiddetta ‘ricerca’ del Palermo, sulla quale Zamparini ha investito mica poco, continua a sfornare prodotti eccellenti, che poi ripagano, nel tempo, lo sforzo profuso grazie alla vendita a club di taglia superiore con ricche plusvalenze. L’altra sera a Calcio & Calcio Michele Angella ha ricordato alcuni dei grandi talenti pescati dai rosanero e poi rivenduti a prezzi stellari: Cavani, Kjaer, Pastore, Ilicic, Hernandez e ora, appunto, Dybala… Avrebbe dovuto essere questa la politica virtuosa del Parma, che invece, specie nella stagione centenaria, ha preferito la grandeur, comunque sacrificando sull’altare dei risultati sportivi (indubbiamente di taglia superiore rispetto a quelle che dovrebbero essere le legittime aspettative) la buona gestione. Problema che forse deriva dal fatto che in un’unica persona, il Plenipotenziario, si sono riunite due cariche sostanzialmente opposte: quella dell’economo (cioè l’AD) che dovrebbe badare ai conti a quella del direttore sportivo (il quale, appunto, ha come fine il risultato sportivo). Dybala, comunque, non mi immaginavo potesse riuscire in questo exploit: e complimenti vivissimi a chi i lo ha trovato e a chi lo sta valorizzando. Nel caso del Parma, purtroppo, sono esemplari due frasi di Leonardi: ‘Non potendo puntare sulla qualità, sopperiamo con la quantità’ (soprattutto nei giorni del cosiddetto ‘mercato del bestiame’, con quelle 300 transazioni circa tra entrate e uscite) e ‘meglio un uovo oggi che la gallina domani’ (cioè quando si preferiva – o meglio: si era costretti a – fare plusvalenze di piccolo cabotaggio, vendendo subito, piuttosto che avere la forza di trattenere determinati emergenti, che magari tanto bene avrebbero potuto fare anche sul piano dei risultati sportivi, magari creando l’ideale unione tra ambizioni e aspetto economico. Purtroppo, però, qui c’è sempre stato da ragionare sul come far saltar fuori i soldi per pagare le obbligatorietà, cercando il più possibile di non disturbare gli azionisti…”

Fabrizio Miccoli, Luca Toni, Amauri, quale di questi bomber ha rappresentato per te di più il Palermo negli ultimi anni?

“Direi Fabrizio Miccoli, se non altro perché è il capocannoniere rosanero di sempre con 81 marcature e comunque con le sue 179 presenze è il 17° in graduatoria”.

Non credi che possa essere arrivato il momento per Nicola Pozzi? L’attaccante romagnolo potrebbe risultare un valore aggiunto, se magari si sbloccasse, potrebbe ritrovare quella confidenza con il gol, che infortuni a parte, ha sempre mostrato di avere?

“Nel telegiornale di ieri sera, Tv Parma ha proprio ipotizzato che il partner in attacco di Antonio Cassano possa essere Nicola Pozzi, che, secondo loro, avrebbe la meglio su Raffaele Palladino, e Ishak Belfodil: a loro parere, infatti, l’attaccante ha ormai recuperato dai suoi fastidi e, dopo lo spezzone di gara giocato contro l’Empoli, potrebbe partire da titolare. Rispetto agli altri due contendenti, Pozzi può garantire più fisicità, oltre a essere l’unica punta centrale di ruolo attualmente a disposizione di Donadoni. Tutti argomenti condivisibili, per carità, ma io mica sono così convinto che i pochi minuti contro l’Empoli siano sufficienti ad avergli dato, dopo circa un anno di assenza dai campi di gioco, la birra necessaria. Magari il loro è solo un auspicio, considerato lo scarso rendimento degli altri due”.

Visto che si vedono le prime luminarie e compaiono i primi dolciumi natalizi, Iachini e Donadoni, mangeranno il panettone?

“Come dicevi tu in principio ‘Zamparini con Iachini sembra un marinaio che ha trovato l’ancora alla sua nave negli anni decisamente burrascosa’, sicché, al momento, riterrei piuttosto saldo sulla sua panchina l’attuale allenatore rosanero, vista anche la serie positiva che ha in corso, dopo un inizio un po’ più tormentato. Su Donadoni, che dire? Se è rimasto in sella dopo i sette gol presi a casa Juve, la sconfitta nella partita chiave con l’Empoli e le 10 gare perse su 12 disputate, penso che ormai non lo disarcioni più nessuno. Del resto una società che non ha i soldi per pagare gli stipendi, incappando in penalità in una classifica che già langue, non penso possa permettersi di pagare un doppio allenatore, e Donadoni mi pare abbia già fatto abbondantemente capire che di dimettersi non ne ha alcuna intenzione. Penso, a questo punto, che il panettone lo mangeranno entrambi…”.

Grazie e buona partita. Luca Savarese

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

10 pensieri riguardo ““UBI MAJO” – TU COME LI VEDI? IL MAJOMETRO DEI CROCIATI PRIMA DI PALERMO-PARMA

  • Luca Russo

    Pastore? Mezza tacca. Ilicic? Come sopra. Hernandez? In Premier ancora non si sono accorti di lui. Kjaer chi? Salvo solo Cavani. Altro che grande scouting del Palermo. Direi, piuttosto, che sanno vendere e rifilare dei gran pacchi a chi fa spese al loro supermarket.

  • ma ci sono trattive per club in piedi o no
    per cedere il cbub

        • Di stare calmi e tranquilli. Tanto se ci sarà un cambio di proprietà sarà a fine stagione. Adesso l’unica è sperar di mantenere la categoria. Quindi ora concentriamoci su Palermo-Parma

  • Luca Russo

    Comunque, oggi vinciamo. Queste son le partite e le stagioni in cui lo spirito del Parma viene fuori con prepotenza e ci permette di tirarci fuori anche dalla peggiore delle situazioni. Set fire to the rain, Parma!!! Io ci credo!

    • Spero che tu sia un buon profeta come l’anno scorso con l’atalanta a Bergamo. Ho visto la tua bolletta con il “2”: più tardi sarà pubblicata nella fotogallery amatoriale di Palermo-Parma a riprova della tua fede…

      Cordialmente

      Gmajo

  • Simone B.

    Figa ancora Felipe….bastaaaaaaaaaaaaaaa
    Osso delle volte mi fai incazz….

    • siete da ricovero coatto

  • Simone B.

    Povero Antonio con chi cazzo devi giocare….puoi mandarli in porta 50 volte e non centrano la porta…bastava un Rosi qualunque ed eravo già 0-3….

I commenti sono chiusi.