ANGELLA NEL TG DI TELEDUCATO EMULA MURA: “TRA CERTE CONFERENZE STAMPA E I SILENZI STAMPA NON C’E’ DIFFERENZA: MEGLIO TACERE”

(Michele Angella, dal TG di Teleducato) – Modesta proposta per evitare di indispettire i tifosi: silenzio stampa, in casa Parma, di qui alla fine del campionato. Il Parma ieri ha lottato, ha giocato una buona partita, non ha meritato di perdere e ha dimostrato di non essere inferiore al Palermo, i cui 17 punti sono giustificati solo dalla penosa mediocrità del campionato italiano. Detto questo però, ascoltare o leggere le analisi ottimistiche della partita da parte di mister Donadoni che vede il bicchiere mezzo pieno e secondo cui il Parma può risorgere, è motivo di rabbia per gli appassionati tifosi crociati.

Un po’ come leggere quelle dichiarazioni preconfezionate degli ex di turno battute su quei siti internet che sfornano news ogni minuto: frasi del tipo: “Parma con una vittoria puoi svoltare!” oppure “Parma non meriti la classifica che hai”. Roba da far sbattere i pugni sul tavolo o compromettere la digestione.

Si perché la realtà è che la squadra gialloblu resta ultimissima a 6 punti che è come se fossero 4 (nella migliore delle ipotesi) per la penalizzazione che verrà attribuita a inizio 2015. Peggior difesa del campionato e una tra le peggiori d’Europa.

I calciatori sono i meno colpevoli della situazione che si è venuta a creare e infatti la modesta proposta di silenzio stampa per evitare di indispettire i tifosi riguarda anche e soprattutto la dirigenza. Ma perché mai l’ad Pietro Leonardi, lunedì scorso dopo il 7-0 subito a Torino contro la Juve e il 2-0 in casa dall’Empoli, deve convocare una conferenza stampa annunciando che il gruppo è compatto e che vuole compiere l’impresa? Scrisse una volta Gianni Mura che tra certe conferenza stampa e i silenzi stampa non c’è differenza. Meglio tacere. Ecco di qui alla fine della stagione sarebbe meglio che gli addetti ai lavori tacessero ed evitassero di arrampicarsi sugli specchi: perché di andiamocela a riprendere, di squadra arrabbiata e rinforzata, di medicine per guarire, ormai non se ne può più.

Stasera in diretta alle 21 analisi del momento gialloblu in diretta sulla nostra Teleducato, con la 14esima puntata di Calcio & Calcio. (di Michele Angella, dal TG di Teleducato delle ore 14 del 01.12.2014)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

29 pensieri riguardo “ANGELLA NEL TG DI TELEDUCATO EMULA MURA: “TRA CERTE CONFERENZE STAMPA E I SILENZI STAMPA NON C’E’ DIFFERENZA: MEGLIO TACERE”

  • 1 Dicembre 2014 in 14:12
    Permalink

    il signor donadoni sarebbe meglio che le conferenza stampa le facesse a formello

  • 1 Dicembre 2014 in 15:15
    Permalink

    Ma cosa volete che dica facciamo schifo non ci salveremo mai dai su un po’ di serietà caro Angella e poi se parlano e meglio che stanno zitti se stanno zitti ma perché non parlano siete incontentabili

    • 1 Dicembre 2014 in 18:37
      Permalink

      In effetti angella, sempre nel lecito, checche’ se ne dica, fa un po’ cosi’ e in tal modo presta il fianco a critiche di chi ritiene faccia critiche strumentali. Personalmente, pero’, l’invito a tacere lo feci gia’ a suo tempo, quando la piazza chiedeva al duo di metterci la faccia, esercizio che io ritenevo inutile giacche’ di parole e di canelle ero ormai stufo, cosi’ come pensavi lo fossero tutti i nostri tifosi.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 1 Dicembre 2014 in 15:23
    Permalink

    Assio, però a me la pizza del Formello nn piace, quindi magari Donadoni va al Polipo Marittimo.

    • 1 Dicembre 2014 in 16:37
      Permalink

      e’ un po che non ci vado,ti consiglio quella del Torchio

      se no vivremo di verdi ricordi 🙂

  • 1 Dicembre 2014 in 15:31
    Permalink

    Ha ragione Davide. È giusto che parlino soprattutto il Leo, così dimostrano anche fuori da Parma che livello di società abbiamo.

  • 1 Dicembre 2014 in 15:50
    Permalink

    Fuori Parma avevano le idee molto chiare da tempo.

    • 1 Dicembre 2014 in 16:12
      Permalink

      Ghirardi si è sempre chiesto come mai i grandi club non gli chiedessero un fuoriclasse come il suo ad…

      • 1 Dicembre 2014 in 17:51
        Permalink

        Quando l’AD lavorava il Ghiro, oltre a mangiare i pollastri, che faceva? Si ubriacava? Dormiva? Leggeva Guerra e Pace?

        • 1 Dicembre 2014 in 17:59
          Permalink

          I due si erano incatenati, sono entrambi parimenti responsabili, sia il re nudo gettato come il prete nella merda, sia il conducente che gli piacerebbe rifarsi km a verginità…
          Poi chissà quali supercazzole gli raccontava…

  • 1 Dicembre 2014 in 17:46
    Permalink

    Se il Parma fallisse, cosa rischiano ( civilmente e penalmente) il Presidente e l’Amministratore Delegato ? Grazie

    • 1 Dicembre 2014 in 17:51
      Permalink

      Se non ci sono gabole nei bilanci, nulla

      • 1 Dicembre 2014 in 17:55
        Permalink

        Ecco, si appunto…
        Poi ai giudici basta raccontar loro due supercazzole che si accontentano…

    • 1 Dicembre 2014 in 17:52
      Permalink

      Dipende da cosa ci troveranno dentro, ma non sono mai cose simpatiche

  • 1 Dicembre 2014 in 18:14
    Permalink

    Il reato penale di Bancarotta fraudolenta è un reato che riguarda condotte illecite compiute da un imprenditore o da terzi sanzionate dal diritto penale fallimentare con conseguente dissesto dell’impresa in questione.

    In base all’articolo 216 Regio Decreto 16 marzo 1942 n. 267 della Costituzione italiana tale reato può essere compiuto solo e nello specifico dall’imprenditore dell’attività dichiarata fallita che va ad incorrere in un reato doloso.

    I diversi gradi di reclusione ed imputazione si articolano nel seguente modo:

    – Reclusione da tre a dieci anni per chi ha occultato, distrutto, dissipato o distratto tutti i suoi beni nei confronti dei creditori o ha esposto o dichiarato inattività inesistenti. Oppure che ha modificato, falsificato o nascosto i libri contabili non consultabili di modo recare a sé o conto terzi ingiusti profitti; nella fatti specie non dichiarando il fatturato e quindi pagando imposte minori o nulle.

    – Reclusione da uno a cinque anni per l’imprenditore che in fase fallimentare esegue pagamenti o simula titoli di prelazione a danno dei creditori

    – Per ogni tipo di situazione la pena prevede sempre un’impossibilità di esatti dieci anni nell’avviare una nuova impresa o di esercitare uffici direttivi in qualsiasi altra impresa

    Nel corso della storia italiana tale reato è stato più volte protagonista di scandali che hanno portato alla luce diversi aspetti e volti della classe parlamentare ed imprenditoriale di alto taglio della società. Molte volte il reato viene commesso per illeciti che non vengono dichiarati per poter avere un guadagno netto o comunque superiore; sviando quindi le imposte statali da pagare sui propri profitti e sulla propria impresa.

    • 1 Dicembre 2014 in 18:16
      Permalink

      Ciò detto sempre per puro spirito divulgativo…

    • 1 Dicembre 2014 in 18:24
      Permalink

      E cmq la bancarotta potrebbe essere anche semplice e non fraudolenta…

      E magari potrebbe anche non esserci bancarotta.

      In fin dei conti gli interessati riferiscono che trattasi solo di temporanea crisi di liquidità…

  • 1 Dicembre 2014 in 18:32
    Permalink

    Intanto la samp ha rinnovato col proprio ds Osti.

      • 1 Dicembre 2014 in 18:47
        Permalink

        e farebbe fare il mercato a qualcun’altro? naa, non ce lo vedo, opinione mia

          • 2 Dicembre 2014 in 10:39
            Permalink

            Quindi in parte è anche colpa loro se siam ridotti in queste condizioni?

  • 1 Dicembre 2014 in 18:45
    Permalink

    Comunque non dimenticate l’inchiesta di Padova e gli intrecci con Parma e Ghirardi, vedra’ Majo che ne vedremo ancora delle belle …….si fa x dire!!!

    • 1 Dicembre 2014 in 19:03
      Permalink

      In realtà credo che per la vicenda padova non ci saranno sconquassi. La locale procura si era mossa in base ad articoli giornalistici, che insinuavano che dietro penocchio ci fosse il parma, ma l’anello di congiunzione, valentini (ad del Padova e presidente sts, che ha si sede nel direzionale di Collecchio, ma non ha il Parma nella compagine societaria) mi pare un po’ debole, come debole è il teorema. Non mi risulta che ci fossero state perquisizioni al parma. Sicché per quella storia non temo ripercussioni. A logica, poi, mi pare non potesse stare in piedi un controllo del parma solo perché penocchio aveva trascorsi come vice presidente qui. Penso se ne fosse andato poiché non valorizzato con la gestione di Leonardi. Rimane solo il fatto che risulterebbe non del tutto uscito dalla società poiché le sue quote gli erano tornate in disponibilità poiché non pagate. Ma pensare che il parma controllasse il Padova è pura follia, così come sono folli a brescia a pensare che il ghiro disinvesta qui per investire a brescia…
      Infine: anche gli intrecci di mercato non è che fossero così stretti. Anzi i due club avevano dialogato decisamente di più prima, ai tempi di baraldi, con qualche operazione un po’ curiosa, vedesi le valutazioni di galli e portin, oggetto di nostri approfondimenti…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 1 Dicembre 2014 in 20:39
    Permalink

    Direttore quel “nadaro” di gallerani ha dichiarato che le voci della probabile cessione erano tutta un’invenzione. Dopo la sua dichiarazione sono convinto che qualcuno ci comprerà…..

    • 2 Dicembre 2014 in 01:52
      Permalink

      Solo schiroli può dare impunemente del nadaro a gallerani…
      Cmq non erano solo voci, c’era qualcosa in più; di qui a pensare che si possa concludere qualcosa ce ne corre…
      Cordialmente
      Gmajo

  • 1 Dicembre 2014 in 22:56
    Permalink

    Non mi stanchero mai di dirlo: per certi versi son contento che il Parma stia lontano dalla serie A per un po’ di tempo. Stasera nel corso del posticipo tra la Sampdoria e gli altri, i pregevolissimi (si fa per dire) giornalisti di mediaset premium (le minuscole non sono casuali) hanno tirato la volata per gli altri, naturalmente. C’è poco da fare: tra una piccola ed una presunta grande (che per inciso vincono qualcosa solo a livello nazionale), loro fanno il tifo sempre per la presunta grande. E chi accetta questo stato di cose, giustificandolo con le storielle dei bacini di utenza e del marketing, per me è solamente un poverino.

    • 2 Dicembre 2014 in 01:26
      Permalink

      Non mi sembra affatto plausibile augurarsi che il parma stia per un po’ lontano dalla serie a.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI